Principale / Ghiandola pituitaria

Allergia ormonale

Un'allergia ormonale è un tipo di reazione allergica relativamente rara ma piuttosto pericolosa in cui un allergene - alcuni ormoni - è prodotto dal corpo stesso. Per questo motivo, la malattia è difficile da diagnosticare e trattare, anche se raramente porta a conseguenze gravi, come lo shock anafilattico.

Allergie ormonali - cause

La natura di questa intolleranza è stata stabilita di recente, prima che le sue manifestazioni fossero considerate una comune allergia stagionale o alimentare. Il più delle volte, l'allergia ormonale si verifica nelle donne come reazione agli ormoni tipicamente femminili - progesterone ed estrogeno. Con l'ovulazione, durante la formazione del cosiddetto "corpo giallo" nel corpo, alcune donne sono allergiche al progesterone degli ormoni. Durante la gravidanza, c'è un'allergia all'ormone estrogeno.

La reazione di intolleranza in questo caso è un fallimento del corpo quando il suo sistema immunitario inizia a considerare l'ormone prodotto dallo stesso organismo di una sostanza ostile, un microbo o altra infezione e lo attacca, cercando di distruggerlo. In questo caso, la produzione di un ormone, fino a quando passa la fase corrispondente del ciclo, non si ferma.

Qualsiasi reazione allergica è una risposta eccessivamente accentuata del sistema immunitario a uno stimolo esterno o interno, è anche chiamata risposta iperimmune.

Se l'irritante è una delle sostanze, inclusi gli ormoni, prodotta dal corpo stesso, allora si parla di reazione autoimmune.

Poiché la risposta iperimmune a un aumento ormonale si manifesta principalmente sulla pelle - sotto forma di eruzioni cutanee sul viso, intorno agli occhi e in altri luoghi, orticaria, arrossamento (iperemia), prurito, nei casi gravi - ulcere sulle mucose della bocca e dei genitali, il tipo più comune Questa reazione, il progesterone, era chiamata dermatite autoimmune di progesterone - APD.

La dermatite autoimmune degli estrogeni esiste anche, ma secondo le statistiche appare meno spesso. Può accadere durante la gravidanza, e c'è il pericolo che una donna possa assumere le sue manifestazioni come una variante della norma durante la gravidanza.

In alcuni casi, le reazioni allergiche possono verificarsi sotto grave stress. In questo caso, il catalizzatore è l'ormone adrenalina o norepinefrina, a cui il sistema immunitario può reagire se viene rilasciato nel sangue in quantità eccessive.

Allergie ormonali - come determinare

Il fatto che un'allergia abbia una natura ormonale e non sia una reazione al cibo mangiato o al contatto con i peli dell'animale, non è causato da un irritante stagionale, come l'ambrosia, può essere sospettato se le reazioni allergiche si verificano ciclicamente e sono correlate al ciclo mestruale. Le allergie adrenalina, come già accennato, possono essere la risposta del corpo a stress lungo o breve ma molto grave.

Un'allergia ormonale è confermata in laboratorio dal metodo di test allergologici, quando vengono applicati alla pelle preparati concentrati di vari ormoni. Lo stesso metodo rivela anche una sostanza specifica che dà una risposta iperimmune. Forse la fonte del problema è una droga ormonale che una persona prende. Va tenuto presente che le reazioni di intolleranza nel corpo possono sovrapporsi, specialmente tra le persone allergiche, che sono spesso suscettibili a vari tipi di allergie.

Bisogna fare attenzione ai farmaci ormonali per il trattamento dei pazienti affetti da asma di questa malattia. Il fatto è che in alcuni casi sono in grado di intensificare e persino provocare i suoi attacchi - questa è anche un'opzione per le allergie agli ormoni. Inoltre, lo stress trasferito può anche esacerbare gli attacchi di asma - questo è il modo in cui gli asmatici manifestano allergie adrenalina o noradrenalina.

Caratteristiche del trattamento delle allergie

Il principio principale nel trattamento delle malattie autoimmuni è la loro corretta diagnosi. Come accennato in precedenza, la risposta iperimmune del corpo agli ormoni è spesso confusa con qualsiasi altro tipo di allergia. Pertanto, un grande aiuto per il medico sarà l'osservazione del paziente stesso, che sarà in grado di indicare che l'allergia si manifesta dopo esperienze forti, in una certa fase del ciclo (per le donne), e così via.

Il trattamento specifico è selezionato individualmente. La difficoltà qui è che in questo caso è impossibile eliminare completamente il fattore che causa allergie, cioè forzare il corpo a non produrre ormoni. Pertanto, gli allergologi e gli immunologi letteralmente "camminano sull'orlo" per migliorare le condizioni del paziente, senza esagerare e senza nuocere alla sua salute.

Con i sintomi di tali allergie stanno lottando con antistaminici. L'istamina è una sostanza che viene rilasciata dalle cellule del tessuto connettivo del corpo quando si trova sulla pelle, nel sangue o nell'esofago dell'allergene. La comparsa di allergie - dermatiti, ulcerazioni delle mucose, ecc. - è una reazione con l'istamina di specifici recettori nelle cellule. I farmaci antistaminici bloccano queste reazioni e quindi eliminano i sintomi delle allergie.

Attualmente ci sono 4 generazioni di antistaminici. La prima generazione, sviluppata nel 1936, è ancora usata, poiché ha un potente effetto curativo. Ma solo un medico può prescrivere un farmaco di una o un'altra generazione di un gruppo antistaminico, poiché molti di essi hanno effetti collaterali specifici.

Le persone che soffrono di allergie stressanti possono essere consigliate per evitare situazioni stressanti e, possibilmente, assumere sedativi o tranquillanti.

Il trattamento del dermatite da gesteronovogo o da estrogeni può essere effettuato, stranamente, con l'aiuto di preparazioni ormonali, che vengono selezionate da un allergologo-immunologo. Questi possono essere pomate per uso esterno, ripristinare la pelle danneggiata, o compresse o capsule per la somministrazione orale. Come parte di un trattamento completo, è consigliabile assumere le vitamine A, D ed E, che migliorano il funzionamento del sistema immunitario.

Come mantenere e mantenere la salute di una donna? Informazioni utili qui. Come rafforzare l'immunità delle donne? Leggi questo articolo.

L'autotrattamento in questo caso, in particolare i farmaci ormonali, è rigorosamente controindicato. La terapia completa può prescrivere solo un medico.

Allergia ormonale - sintomi e trattamento

Tra tutti i tipi noti di reazioni allergiche, l'allergia agli ormoni è la più insidiosa e difficile da diagnosticare. Questo disturbo è caratterizzato da sintomi di sfocatura, così come riacutizzazioni cicliche della malattia, che spesso passano da sole. L'insidiosità di questa allergia sta nel fatto che è molto difficile distinguerlo da casa e cibo, il che rende molto più difficile il trattamento. Da questo articolo impariamo cosa costituisce un'allergia ormonale - i sintomi e il trattamento di questa malattia.

Cause di allergie ormonali

Secondo i medici, l'allergia ormonale si verifica quando la difesa immunitaria inizia a percepire un aumento del livello di ormoni come uno "straniero", che è una minaccia per il corpo. E dato che gli ormoni sono prodotti nel corpo umano e diffusi attraverso il flusso sanguigno, una tale risposta immunitaria contro i propri ormoni proteici è osservata in tutto il corpo ed è chiamata una reazione autoimmune.

Di norma, un attacco della malattia si verifica nel caso di fluttuazioni ormonali, ad esempio nel caso di farmaci ormonali, con le situazioni di stress più forti (adrenalina o noradrenalina) o durante il periodo di ovulazione nelle donne. Ma se le situazioni stressanti sono quasi impossibili da prevedere, allora il ciclo mestruale nelle donne permette di determinare esattamente quando appaiono le allergie e quale ormone provoca.

Sintomi di allergia ormonale

Le osservazioni a lungo termine di donne che hanno sofferto di orticaria di origine sconosciuta hanno rivelato cambiamenti ciclici nel contesto ormonale e descrivono la sindrome della dermatite autoimmune del progesterone (APD). È stato notato che questa sindrome si verifica nella fase luteale del ciclo, con un aumento del progesterone dell'ormone del sangue. Inoltre, è durante il periodo di maturazione dell'uovo che i pazienti lamentano la condizione della pelle: prurito, eruzione cutanea, iperemia (arrossamento) e, in alcuni casi, ulcerazione delle mucose. Allo stesso tempo, non ci sono stati casi di ADF durante la gravidanza.

Come riconoscere le allergie ormonali

Per identificare gli specialisti della malattia, condurre test allergologici con appropriati agenti ormonali. A proposito, la manifestazione classica di questa allergia è il peggioramento dei sintomi dell'asma dopo lo stress sofferente. È possibile assicurarsi che l'intensificazione dei sintomi sia dovuta alla colpa della reazione allergica mediante un esame del sangue e alla determinazione del livello delle immunoglobuline corrispondenti.

Trattamento delle allergie ormonali

Avendo trovato la pelle secca, pruriginosa o irritante irritazione, dovresti visitare uno specialista qualificato, che dopo una serie di studi sarà in grado di identificare la causa di manifestazioni sgradevoli. Importanti a questo proposito sono considerate le osservazioni del paziente stesso, che indicheranno che prurito e eruzione cutanea compaiono dopo un'esplosione emotiva o in certi giorni del ciclo mestruale.

Per il trattamento della pelle danneggiata, i medici prescrivono l'unguento ormonale. Inoltre, ci sono un certo numero di agenti ormonali orali che aiutano nella lotta contro questa malattia. I combattenti anti-allergici eccellenti sono antistaminici. Il trattamento non costa senza l'assunzione di vitamine (A, E, D) progettate per rafforzare il sistema immunitario. Tra i metodi della medicina tradizionale nella lotta contro questo tipo di allergia ben aiutano tè e bagni di camomilla e di successione.

Come si può capire da quanto sopra, l'allergia ormonale, i cui sintomi e trattamento sono discussi in questo articolo, è una malattia grave, che tuttavia può essere affrontata con successo se si ascolta il proprio corpo e si evita lo stress. Abbi cura di te!

Dermatite autoimmune di progesterone (sindrome APD) nelle donne: che cos'è, trattamento, cause, sintomi, segni, gravidanza

Qual è la dermatite da progesterone autoimmune?

La dermatite autoimmune del progesterone (APD) è una malattia rara con riacutizzazioni premestruali associate a ipersensibilità al progesterone.

Informazioni storiche

Per la prima volta, un caso di eruzione ciclica che potrebbe essere causata da un'allergia agli ormoni sessuali endogeni fu riferito a Geber nel 1921. Il paziente da lui descritto soffriva di orticaria, che poteva essere causata dall'iniezione di siero di sangue autologo prelevato prima delle mestruazioni. Il concetto di maggiore sensibilità agli ormoni sessuali è stato ulteriormente sviluppato nel 1945, quando Zondek e Bromberg descrissero diversi pazienti con lesioni cutanee (inclusa l'orticaria con andamento ciclico) associate alle mestruazioni e all'insorgenza della menopausa. In questi pazienti, hanno identificato una reazione allergica di tipo ritardato al progesterone iniettato per via intradermica, segni di trasferimento passivo di reagenti alla pelle e miglioramento clinico dopo terapia desensibilizzante. I pazienti nel gruppo di controllo non hanno avuto alcuna reazione alla somministrazione intradermica di progesterone.

Nel 1951, Guy et al riferirono un paziente con orticaria premestruale. Durante l'iniezione intracutanea di estratti del corpo luteo, ha avuto una pronunciata reazione allergica. Successivamente è stata eseguita con successo la terapia di desensibilizzazione. Il termine "dermatite autoimmune progesterone" è stato proposto da Shelly et al. nel 1964, che per la prima volta dimostrò un effetto parziale della terapia con estrogeni e una cura dopo l'ovariectomia.

Sintomi e segni di dermatite autoimmune di progesterone

Il quadro clinico della dermatite autoimmune del progesterone è vario. Può manifestarsi come eczema, eritema polimorfico essudativo, orticaria, disidrosi, stomatite e un'eruzione cutanea che ricorda la dermatite erpetiforme. Le caratteristiche morfologiche e istologiche degli elementi non differiscono da quelle nella forma aciclica della malattia. Queste malattie sono osservate solo nelle donne in età riproduttiva. L'insorgenza della malattia di solito si manifesta in giovane età, a volte i primi sintomi compaiono dopo la gravidanza. Il corso è variabile, le remissioni spontanee sono possibili. In due terzi dei pazienti, la comparsa di un'eruzione cutanea è preceduta dalla somministrazione di progesterone nei contraccettivi orali. Nei casi tipici, la dermatite diventa acuta nella seconda metà del ciclo mestruale, le sue manifestazioni raggiungono il massimo prima delle mestruazioni e con il suo esordio diminuiscono gradualmente. Nella prima metà del ciclo mestruale, gli elementi dell'eruzione cutanea sono lievi o assenti. In casi tipici, compare un'eruzione durante ciascun ciclo ovulatorio.

Meccanismo di sensibilizzazione

Il meccanismo per sensibilizzare le donne al proprio progesterone non è chiaro. Secondo una delle ipotesi più comuni, l'assunzione di farmaci contenenti progesterone contribuisce alla sensibilizzazione al progesterone endogeno. Si ritiene che il progesterone sintetico abbia un'antigenicità sufficiente a formare anticorpi, che quindi reagiscono in modo incrociato con il progesterone naturale e causano una risposta immunitaria nel periodo premestruale. Tuttavia, non tutte le donne con ADF assumono progestinici sintetici. Schoenmakers et al. Si ritiene che la cross-sensibilizzazione agli ormoni glucocorticoidi possa essere un altro meccanismo per lo sviluppo di ARS. Hanno rilevato una sensibilizzazione incrociata all'idrocortisone e al 17-idrossiprogesterone in 5 su 19 pazienti con ipersensibilità ai glucocorticoidi, due dei quali presentavano sintomi di APD. Tuttavia, Stephens et al. non è riuscito a identificare la sensibilizzazione crociata ai glucocorticoidi in 5 pazienti con ADF; secondo i loro dati, queste donne non hanno avuto una reazione alla somministrazione intradermica di 17-idrossiprogesterone.

gravidanza

Nelle tre osservazioni cliniche citate in letteratura, l'insorgenza o l'esacerbazione delle malattie della pelle coincidevano con la gravidanza e in seguito quest'ultima si verificava prima delle mestruazioni. Ciò è probabilmente dovuto ad un aumento delle concentrazioni di progesterone e estrogeno durante la gravidanza. In due casi, c'è stato un aborto spontaneo. Tuttavia, ci sono segnalazioni di pazienti nei quali le manifestazioni dell'ADF si sono risolte spontaneamente durante la gravidanza.

È noto che durante la gravidanza in molti pazienti con malattie allergiche la condizione migliora. Ciò suggerisce che una maggiore secrezione di cortisolo durante la gravidanza riduce la reattività immunitaria. È anche possibile che un aumento graduale della concentrazione di ormoni in alcuni pazienti abbia un effetto desensibilizzante.

Segni di ipersensibilità al progesterone

Tutti i pazienti con APD hanno una riacutizzazione ciclica premestruale dell'eruzione cutanea. Il confronto delle dinamiche della malattia, riflesso nel diario, con l'inizio della comparsa delle mestruazioni suggerisce che le esacerbazioni coincidano con un aumento posovolatorio della concentrazione di progesterone nel siero del sangue. L'APD è spesso resistente alla terapia tradizionale, indipendentemente dalla forma clinica, ma i farmaci che inibiscono l'ovulazione di solito producono un buon effetto. Apparentemente, l'ipersensibilità individuale agli ormoni sessuali è più comune e una risposta immunitaria mediata da anticorpi verso il progesterone è associata a questi processi.

L'allergia al progesterone può essere rilevata da test allergici con somministrazione intradermica, intramuscolare di progesterone o con la sua ingestione o rilevazione di anticorpi a progesterone o corpo luteo nel sangue. Sono stati descritti due casi in cui l'APD era dovuto alla presenza di immunoglobulina nel siero, che si lega al 17-idrossiprogesterone.

Test del progesterone intradermico

Un test intradermico con progesterone sintetico di solito provoca un rash orticario come manifestazione di una reazione di tipo immediato, ma è anche possibile una reazione allergica di tipo ritardato. Nonostante l'uso frequente del test intradermico del progesterone, consideriamo i suoi risultati inaffidabili, poiché il progesterone è insolubile in acqua e tutti i solventi hanno una proprietà irritante pronunciata. Le reazioni cutanee nel sito di iniezione del progesterone sono spesso difficili da interpretare, sono possibili risultati falsi positivi. Inoltre, si sviluppa spesso una necrosi cutanea nel sito di iniezione, epitelizzante con formazione di cicatrici. Tuttavia, una persistente reazione ritardata nel sito di iniezione indica ipersensibilità al progesterone.

Metodo consigliato per test del progesterone intradermico

Quando viene eseguito un test del progesterone, 0,2 ml di progesterone vengono somministrati per via intradermica a varie diluizioni e la stessa quantità di solvente puro viene utilizzata come controllo sulla superficie anteriore dell'avambraccio prima della formazione di bolle. La polvere di progesterone purificata viene disciolta in una soluzione di etanolo al 60% preparata in soluzione isotonica di cloruro di sodio. La soluzione di progesterone viene utilizzata in una diluizione di 1; 0,1 e 0,01%. Come controllo, vi è una soluzione di etanolo al 60% preparata in soluzione isotonica di cloruro di sodio e non contenente progesterone e una soluzione isotonica pura di cloruro di sodio.

Per determinare la sensibilità agli estrogeni, una soluzione di estradiolo viene preparata con lo stesso solvente. I risultati del campione vengono valutati ogni 10 minuti per mezz'ora, poi ogni 30 minuti per 4 ore, quindi dopo 24 e 48 ore.Se una reazione si verifica nei primi minuti a causa dell'effetto irritante del solvente, i primi risultati del campione sono considerati una conseguenza dell'effetto irritante del solvente e non tengono in considerazione.

La reazione al progesterone è considerata positiva se rossore e gonfiore compaiono tra 24 e 48 ore solo nei siti di iniezione di progesterone.

Test del progesterone per via intramuscolare e orale

Un campione con somministrazione intramuscolare di progesterone, prodotto in 6 pazienti, in tutti i casi ha causato la comparsa di un'eruzione cutanea. Il test viene eseguito nella prima metà del ciclo mestruale quando le manifestazioni dell'ADF sono minime. Dopo l'introduzione del progesterone, è necessario un attento monitoraggio dei pazienti, poiché è possibile un brusco aumento dell'eruzione cutanea e dello sviluppo dell'angioedema, sebbene sia raro. Per la somministrazione intramuscolare, usiamo il progesterone progesterone ("Ferring") alla dose di 25 mg / ml.

Un test con l'assunzione di progesterone viene effettuato anche nella prima metà del ciclo mestruale. Il didrogesterone può essere somministrato in una dose da 10 mg al giorno per 7 giorni o con levonorgestrel in una dose di 30 mcg in capsule con lattosio (fino a 500 mg) al giorno per 7 giorni, seguito da assunzione per sette giorni di sole capsule con lattosio. La prova orale è meno affidabile in quanto l'eruzione cutanea può essere cancellata. In questi casi è difficile interpretare il risultato del test.

Test del progesterone dopo ovariectomia chimica

Se le manifestazioni dell'ADF sono così pronunciate che si pone la domanda circa l'ovariectomia chirurgica, l'ovarectomia chimica può essere eseguita mediante iniezioni sottocutanee di antagonisti GL per 6 mesi. La fine dell'ovulazione è confermata dalla scomparsa dell'eruzione. Per ovariectomia chimica, la goserelin può essere utilizzata come iniezione sottocutanea alla dose di 3,6 mg. Se, dopo questo, la somministrazione di progesterone causa un'eruzione cutanea, allora una maggiore sensibilità al progesterone riceve forti prove.

Trattamento della dermatite autoimmune di progesterone

Nella maggior parte dei casi di ADF, la terapia convenzionale non ha avuto successo, ma la somministrazione di prednisone (prednisone) per via orale in dosi moderate ha portato alla scomparsa delle manifestazioni di ADF. In molti pazienti, è stato osservato un buon effetto quando si prescrivevano estrogeni coniugati, che è probabilmente dovuto al fatto che questi farmaci sopprimono l'ovulazione e prevengono l'aumento posovolatorio dei livelli di progesterone. In pratica, tuttavia, la terapia con estrogeni è spesso poco pratica a causa dell'età dei pazienti. Se la terapia con estrogeni non ha esito positivo, può essere raccomandato il farmaco antiovogenifero tamoxifen anovulatorio. Questo farmaco alla dose di 30 mg causa una completa remissione dell'APD, ma porta ad amenorrea. In un paziente, prescrivere il tamoxifene in piccole dosi consentiva il ripristino delle mestruazioni, eliminando le manifestazioni di APD. Gli effetti collaterali del tamoxifene non sono indicati. In due pazienti, è stato ottenuto un buon effetto nel trattamento di uno steroide anabolizzante danazolo (il farmaco viene prescritto alla dose di 200 mg 2 volte al giorno 1-2 giorni prima dell'inizio previsto delle mestruazioni e cancellato dopo 3 giorni).

Nei casi più gravi, con intolleranza ai farmaci, è necessario eseguire l'ovariectomia. È stato anche riportato un trattamento efficace dell'APD mediante ovariectomia chimica con buserelin (un analogo di GL).

La nostra esperienza dimostra che in molti casi di trattamento di successo, le manifestazioni di ADF gradualmente scompaiono.

Come riconoscere la minaccia: un'allergia al progesterone durante la gravidanza

Con l'inizio della gravidanza, il corpo della donna subisce grandi cambiamenti e diventa vulnerabile a molti fattori ambientali. Ad esempio, allergeni.

Una linea speciale nella lista degli allergeni è il progesterone della droga, somministrato alle donne in caso di mancanza di esso nel corpo al fine di preservare la gravidanza. Nella maggior parte dei casi, l'assunzione del farmaco non causa problemi. Ma ci sono anche reazioni allergiche ad esso, che dovrebbero essere distinte dagli effetti collaterali.

Cause della malattia

Allergia - una delle malattie più comuni. Sia adulti che bambini lo affrontano. La condizione patologica porta il più grande pericolo durante la gravidanza, dal momento che il corpo della donna in questo momento subisce una serie di cambiamenti significativi.

Il tipo di allergia ormonale richiede la massima attenzione. Questa condizione molto spiacevole non riguarda solo la salute. I sintomi gravi rovinano seriamente la vita del paziente e l'umore dei suoi parenti, provocano malattie di altri organi e interi sistemi. Ad esempio, respiratorio.

Questa condizione può essere scatenata dalle sostanze più banali e innocue a cui il sistema immunitario umano è stato sensibile: polvere, lana, sostanze chimiche, freddo e ultravioletto, ecc. L'elenco degli allergeni identificati è in costante crescita.

Uno di questi è il progesterone - un ormone multifunzionale del corpo femminile.

La sua mancanza, in particolare, nelle donne in gravidanza può causare la perdita del feto. Pertanto, il progesterone è prescritto.

C'è un principio che guida il sistema immunitario del corpo rilevando un forte aumento dei livelli ormonali. Il salto può verificarsi per vari motivi - a causa di farmaci, stress o squilibrio ormonale. Ma la reazione dovrebbe essere immediata e le conseguenze della "guerra" possono influenzare tutto il corpo.

È difficile determinare il processo di allergia ormonale a causa della variabilità dei sintomi che lo "mascherano" sotto qualcos'altro che ha sintomi simili. Ma se le reazioni insolite seguono precisamente prendendo la droga Progesterone, quindi la diagnosi non è difficile.

Allo stesso tempo, è necessario distinguere la reazione generale dell'organismo al progesterone direttamente da quella locale, causata da una somministrazione impropria del farmaco o dalla presenza di altri componenti irritanti.

Nel secondo caso, la reazione può essere seguita dalla temperatura inadeguata del farmaco iniettato (i cristalli della sostanza devono essere completamente disciolti) o, per esempio, dagli olii che compongono la composizione.

sintomi

Secondo il seguente elenco di sintomi, l'intolleranza al progesterone può essere riconosciuta:

  1. Orticaria. Prurito e macchie appaiono sia direttamente nel sito di iniezione che in altre parti del corpo. La condizione può essere aggravata dall'uso ripetuto, che si rifletterà nell'aspetto delle vesciche.
  2. Interruzione del processo di respirazione I problemi iniziano 5-10 minuti dopo l'ingestione. La situazione può essere complicata fino al soffocamento o all'angioedema.
  3. Sonnolenza, vertigini, grave debolezza, a volte, prima di perdere conoscenza.
  4. Arrossamento della pelle

Cosa non fare

C'è un'alta probabilità che qualsiasi componente di un rimedio popolare provochi una reazione allergica ancora maggiore, che complicherà seriamente il processo di guarigione.

Cosa può

Prendi farmaci antiallergici. Puoi usare Zodak, Zetrin, Suprastin per alleviare i sintomi. Si consiglia di pre-negoziare tale probabilità con il proprio medico e seguire le sue raccomandazioni. Se l'attacco si fa sentire e continua a crescere, è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza.

Dopo aver interrotto un attacco acuto, è necessario segnalare il verificarsi della reazione al medico. Egli determinerà di cosa si tratta: effetti collaterali, allergie o conseguenze di una ricezione scorretta.

Dopo questo, il medico darà i loro consigli. Questo può essere l'appuntamento di pomate ormonali, farmaci antistaminici, multivitaminici per il rafforzamento generale del corpo.

In casi di emergenza, utilizzare i seguenti medicinali:

  1. Diprospan. Glucocorticosteroide (GCS), che ha un'azione antinfiammatoria, immunosoppressiva e antiallergica. È prescritto alle donne incinte con grande cura nei casi di gravi reazioni allergiche sullo sfondo dell'inefficacia di altri antistaminici.
  2. Prednisolone. Allevia gonfiore e shock a causa del rapido aumento della pressione. Incluso nel kit di pronto soccorso. Assegnato a donne in gravidanza e in allattamento solo in caso di emergenza, con grande cura.
  3. Desametasone. Azione simile con Prednisolone. Può essere usato come ricambio.
  4. Iniezioni di Suprastin. Rimuove gonfiore, prurito, orticaria. Ha un effetto ipnotico, quello a cui devi prestare attenzione se c'è un'attività che richiede reazioni rapide.

Poiché il progesterone viene utilizzato per preservare la gravidanza, ovviamente, in caso di conferma di allergia al farmaco, non è possibile interrompere bruscamente l'assunzione, poiché ciò può portare alla perdita di un bambino. Il farmaco viene sostituito senza ridurre il dosaggio.

La composizione del farmaco Progesterone è sia naturale che sintetica.

I preparati di progesterone naturale (Duphaston, Utrozhestan) hanno un effetto collaterale di aumento della coagulazione del sangue e malfunzionamento del fegato.

Preparazioni di progesterone sintetico (Pregnil, Norkolut, Progesterone per preparazioni iniettabili) provocano tosse, nausea, vertigini. Se sei allergico a uno di questi tipi di progesterone, puoi sostituire l'altro.

raccomandazioni

Per l'uso sicuro del farmaco e la prevenzione di varie reazioni negative, ci sono raccomandazioni per il suo uso:

  1. Il farmaco non viene utilizzato dopo 36 settimane di gravidanza.
  2. Sotto forma di iniezioni somministrate per via intramuscolare o sottocutanea con antisettici e dosi da 10 a 25 mg al giorno. La dose singola non deve superare 0,025 g.
  3. Il dosaggio del farmaco in caso di uso sotto forma di compresse è determinato dal medico. Le compresse sono prese indipendentemente dai pasti.
  4. Il gel nella quantità di 2,5 g viene applicato sulla pelle con un dispensatore 2 volte al giorno.
  5. Qualsiasi uso del farmaco, indipendentemente dal tipo, deve essere conforme alle istruzioni per l'uso o alle raccomandazioni specifiche del medico curante.

conclusione

Qualsiasi cambiamento inaspettato nello stato di salute di una donna che si prepara a diventare madre dovrebbe avere azioni appropriate: determinare la fonte della reazione e correggerla. Se sei allergico al progesterone, non puoi semplicemente smettere di prendere il farmaco - deve essere sostituito con uno più sicuro, in modo da non provocare un aborto spontaneo.

Allergia a colpi di progesterone: sintomi e cause

Il progesterone è un ormone prodotto nelle ovaie, ampiamente conosciuto come ormone della gravidanza, in quanto contribuisce a mantenerlo e contribuisce allo sviluppo del feto.

In situazioni standard, questo ormone viene prodotto in una donna dall'ovulazione e aumenta durante la seconda fase del ciclo. Se durante questo periodo la gravidanza non arriva, la concentrazione dell'ormone diminuisce bruscamente. Se una donna è incinta, il progesterone inizia a essere più attivamente sviluppato per creare tutte le condizioni per una gravidanza sicura.

Se una donna, a causa di vari motivi, ha una bassa concentrazione ormonale durante l'intero ciclo, non sarà in grado di rimanere incinta. In questi casi, le procedure prescritte che migliorano i livelli ormonali, comprese le iniezioni di progesterone.

Si ritiene che le iniezioni e le pillole siano più facili da trasportare, ma in alcune donne possono provocare reazioni allergiche. È importante distinguere tra allergie ed effetti collaterali. L'allergia si manifesta immediatamente dopo l'iniezione iniziale e gli effetti collaterali si verificano dopo un lungo trattamento o un aumento della dose.

I sintomi di allergie sono:

  • Orticaria. La comparsa di prurito e macchie subito dopo l'iniezione e il deterioramento della situazione fino alla comparsa di vesciche quando si riprende il farmaco.
  • Problemi respiratori Alzati dopo 5-10 minuti dopo l'ingestione. Forse soffocamento o angioedema.
  • Vertigini, oscuramento degli occhi fino a svenire.
  • Sonnolenza.
  • Fallimento del ciclo mestruale.
  • Arrossamento della pelle

Inoltre, una reazione allergica può verificarsi dermatite focale nel sito di iniezione, la comparsa di sigilli o gonfiore.

Cause di allergia al progesterone

Le allergie ormonali sono abbastanza difficili da diagnosticare, spesso i sintomi sono molto diversi ed è difficile determinare la fonte. C'è una reazione dovuta al lavoro aggressivo del sistema immunitario, che determina il cambiamento nel livello di un determinato ormone come un pericolo per il corpo. E poiché gli ormoni sono distribuiti in tutto il corpo attraverso il sistema circolatorio, tutto il corpo reagisce e non le singole parti del corpo. Questa reazione autoimmune si verifica spesso con un aumento naturale e artificiale dei livelli di progesterone.

Se si è verificata una reazione allergica focale, forse la causa non è nell'ormone stesso, ma nei suoi componenti.

Spesso, con il supporto della gravidanza, una donna ha sintomi allergici alla prima iniezione di progesterone, ma spesso questa situazione può verificarsi se il farmaco viene iniettato in modo errato. Di solito, la seconda e le successive iniezioni avvengono con meno o nessuna reazione.

Con l'iniezione intramuscolare, l'ampolla con progesterone deve essere riscaldata a temperatura corporea, per questo è necessario tenerla tra le mani un po 'più a lungo. L'iniezione stessa deve essere eseguita con attenzione, cercare di evitare di entrare nei vasi sanguigni e il farmaco stesso deve essere iniettato lentamente.

Allergia al progesterone

Se si verifica una reazione allergica, attenersi alle seguenti linee guida:

  • Bevi una droga antiallergica. Questo allevierà il disagio dei sintomi.
  • Informare il medico curante sulla reazione. Solo un medico può determinare se si tratti di un'allergia o di una conseguenza di un'assunzione errata.
  • Con il supporto della gravidanza, le iniezioni di progesterone non possono essere bruscamente cancellate, è necessario sostituirle con un'iniezione di un altro produttore o di altri farmaci.
  • Se i sintomi di allergia non vanno via, dovresti contattare il tuo allergologo.

Per il trattamento delle eruzioni allergiche, i medici prescrivono pomate ormonali e antistaminici (zodak, cetrina, suprastin). È anche consigliabile assumere preparazioni multivitaminiche per rafforzare il sistema immunitario.

Naturalmente, il modo migliore per sbarazzarsi delle allergie è smettere di prendere il farmaco, ma nelle situazioni in cui il farmaco supporta la gravidanza, è mortale per il feto. Pertanto, il medico curante sostituisce i farmaci, ma non riduce il dosaggio. Così, in farmacologia, si distingue il progesterone sintetico, che include il pregnil, il progesterone per iniezione, il norcolute e il progesterone naturale - dufastone e utrogestan. La loro principale differenza - le droghe naturali influenzano il lavoro del fegato, e aumentano la coagulazione del sangue, le droghe sintetiche non hanno tali effetti collaterali, ma possono causare tosse, vertigini, nausea. Di solito, se le allergie si verificano in una categoria, il medico prescrive un farmaco da un'altra categoria.

Qualsiasi progesterone farmaco può causare allergie, tollerare le sue manifestazioni non è raccomandato, in quanto deprime il sistema immunitario del corpo. È importante consultare immediatamente un medico. Sceglierà un sostituto adatto che non causerà disagio.

allergico al progesterone.

il progesterone è senetico o naturale?

bisogno di chiedere! So solo che nelle compresse il dyufaston è sentetika e il progesterone è naturale.

può spesso essere allergico al naturale

buona fortuna Non so delle punture! ma le pillole sono sicure per ognuna delle sue

Se c'era un'allergia specifica al progesterone, quindi una reazione allergica non sarebbe solo nel sito di iniezione, ma in tutto il corpo. Ho una tale sciocchezza su duphaston, sono coperto di prurito e puntinato, e nulla di simile all'urojestan. Quindi discuterne con il tuo medico.

Quindi hai avuto un reimpianto in questo ciclo (non ho capito bene). la gravidanza è già esclusa, in modo da bere immediatamente farmaci antiallergici.

Di norma, i farmaci allergia consentiti durante la gravidanza sono poco o per nulla efficaci. Ksyushenka, proprio assolutamente insopportabile o cosa? cancellerai queste iniezioni, sii paziente un po 'e tutto passerà. o veramente male?

Che cosa succede se una gravidanza tanto attesa e si inizia a prendere farmaci? Allora te ne pentirai

Sì, è possibile sopportare, quindi penso che forse questa è solo una overdose, perché accetto anche il progesterone oltre alle iniezioni sotto forma di utrozhestan. Dovresti provare a fare senza farmaci antiallergici.

È possibile che questa overdose su di te sia influenzata. Metti urozhestan e porta via i colpi. E sii paziente un po ', mentre smetti di metterti, passa rapidamente. Buona fortuna e pazienza)))) Pensa che tutto è andato a finire)))

АААААААППППППЧЧЧЧЧЧХХХХХИИIIII per il successo)))

oh grazie mille

Dio concedi che non avrai solo un ascesso, altrimenti è male altrimenti! Le iniezioni sono una cosa seria e puoi accidentalmente aggiungere un'infezione!

Ksenia, questa non è assolutamente un'allergia! Aveva tutto il corpo e anche prurito e gli spari di progesterone grassa sì? Forse hai questo ascesso a causa dei coni formati? Chi e come hai messo le iniezioni?

i farmaci progesterone sono carnivori! per questo devono essere iniettati molto lentamente e prima di comporre il numero nella siringa, è consigliabile tenere l'ampolla in acqua tiepida! Dopo l'iniezione stessa, è indispensabile sdraiarsi e massaggiare il sito di iniezione con movimenti circolari per cinque minuti.

Li ho anche pungolati... ma non ho un grumo

Ho anche un allargiya per me su Utorzhestan))) non c'è dufaston... lo inserisco quando ho l'inserimento vaginale lì.

e ne ho una scatola ((((((((((appena pipetta pipette... ma da dufic è buono, ma da utric quando io accetto oralmente quella sonnolenza...

più breve fortuna che anche così))))

Alergy localmente punto - difficilmente...

e quando è già possibile andare a hgch? quanti giorni dopo il trapianto?

e guidare al dottore?

Hai riscaldato la fiala prima dell'iniezione? Invano hai annullato l'iniezione, mi ha aiutato molto, penso che tu possa soffrire per questo: se tu avessi un'allergia, il campo della prima iniezione sarebbe stato male, ho avuto anche delle protuberanze, sono rimasto per 9 settimane a tenere il bastone puntato 3 volte al giorno il blues qui è una puntura tutto tranne un grosso livido e un grumo sul nodulo, e cosa si può fare per resistere

Allergie ormonali

Un'allergia ormonale è un tipo di reazione allergica relativamente rara ma piuttosto pericolosa in cui un allergene - alcuni ormoni - è prodotto dal corpo stesso. Per questo motivo, la malattia è difficile da diagnosticare e trattare, anche se raramente porta a conseguenze gravi, come lo shock anafilattico.

Allergie ormonali - cause

Gli immunologi battono l'allarme! Secondo dati ufficiali, un'innocenza innocua, a prima vista, richiede ogni anno milioni di vite. La ragione di statistiche così terribili è PARASITES, infestata dal corpo! Principalmente a rischio sono le persone che soffrono.

La natura di questa intolleranza è stata stabilita di recente, prima che le sue manifestazioni fossero considerate una comune allergia stagionale o alimentare. Il più delle volte, l'allergia ormonale si verifica nelle donne come reazione agli ormoni tipicamente femminili - progesterone ed estrogeno. Con l'ovulazione, durante la formazione del cosiddetto "corpo giallo" nel corpo, alcune donne sono allergiche al progesterone degli ormoni. Durante la gravidanza, c'è un'allergia all'ormone estrogeno.

La reazione di intolleranza in questo caso è un fallimento del corpo quando il suo sistema immunitario inizia a considerare l'ormone prodotto dallo stesso organismo di una sostanza ostile, un microbo o altra infezione e lo attacca, cercando di distruggerlo. In questo caso, la produzione di un ormone, fino a quando passa la fase corrispondente del ciclo, non si ferma.

Qualsiasi reazione allergica è una risposta eccessivamente accentuata del sistema immunitario a uno stimolo esterno o interno, è anche chiamata risposta iperimmune.

Se l'irritante è una delle sostanze, inclusi gli ormoni, prodotta dal corpo stesso, allora si parla di reazione autoimmune.

Poiché la risposta iperimmune a un aumento ormonale si manifesta principalmente sulla pelle - sotto forma di eruzioni cutanee sul viso, intorno agli occhi e in altri luoghi, orticaria, arrossamento (iperemia), prurito, nei casi gravi - ulcere sulle mucose della bocca e dei genitali, il tipo più comune Questa reazione, il progesterone, era chiamata dermatite autoimmune di progesterone - APD.

La dermatite autoimmune degli estrogeni esiste anche, ma secondo le statistiche appare meno spesso. Può accadere durante la gravidanza, e c'è il pericolo che una donna possa assumere le sue manifestazioni come una variante della norma durante la gravidanza.

In alcuni casi, le reazioni allergiche possono verificarsi sotto grave stress. In questo caso, il catalizzatore è l'ormone adrenalina o norepinefrina, a cui il sistema immunitario può reagire se viene rilasciato nel sangue in quantità eccessive.

Allergie ormonali - come determinare

Il fatto che un'allergia abbia una natura ormonale e non sia una reazione al cibo mangiato o al contatto con i peli dell'animale, non è causato da un irritante stagionale, come l'ambrosia, può essere sospettato se le reazioni allergiche si verificano ciclicamente e sono correlate al ciclo mestruale. Le allergie adrenalina, come già accennato, possono essere la risposta del corpo a stress lungo o breve ma molto grave.

Un'allergia ormonale è confermata in laboratorio dal metodo di test allergologici, quando vengono applicati alla pelle preparati concentrati di vari ormoni. Lo stesso metodo rivela anche una sostanza specifica che dà una risposta iperimmune. Forse la fonte del problema è una droga ormonale che una persona prende. Va tenuto presente che le reazioni di intolleranza nel corpo possono sovrapporsi, specialmente tra le persone allergiche, che sono spesso suscettibili a vari tipi di allergie.

Bisogna fare attenzione ai farmaci ormonali per il trattamento dei pazienti affetti da asma di questa malattia. Il fatto è che in alcuni casi sono in grado di intensificare e persino provocare i suoi attacchi - questa è anche un'opzione per le allergie agli ormoni. Inoltre, lo stress trasferito può anche esacerbare gli attacchi di asma - questo è il modo in cui gli asmatici manifestano allergie adrenalina o noradrenalina.

Le allergie ormonali sono il tipo più pericoloso di allergie, causato dalla disfunzione degli ormoni. È molto difficile distinguere dalle allergie alimentari o domestiche. E c'è la possibilità che nella fase iniziale la malattia possa essere diagnosticata come somatica o stagionale. Questi tipi di allergie sono caratterizzati da eventi ciclici e frequenti auto-guarigione.

Cause e sintomi di allergia ormonale

Tuttavia, non è sempre facile e l'allergia semplice passa da sola. Spesso, gli allergeni causano un forte colpo al sistema immunitario umano, e quindi la malattia inizia a progredire. A questo punto, il principale distributore di corpi estranei nel corpo è il sangue. Ma la cosa peggiore di tutte è che l'ormone allergico è prodotto dall'organismo stesso e questo aggrava ulteriormente l'immunodeficienza.

L'allergia ormonale si verifica principalmente in situazioni di stress grave, quando c'è un potente rilascio di adrenalina. Ma più spesso può essere visto nelle donne durante l'ovulazione. Macchie rosse pruriginose, possono comparire eruzioni cutanee sulla pelle, in rari casi si registra un danno alle mucose.

Coloro che soffrono di frequenti manifestazioni di orticaria nel periodo di insufficienza ormonale possono essere soggetti a sindrome da dermatite da progesterone autoimmune (APD). Fondamentalmente, questa sindrome non si manifesta nelle donne in gravidanza, anche se a volte possono verificarsi dermatiti, che fanno parte del complesso della "sindrome premestruale". Questo tipo di allergia si chiama allergia agli estrogeni ormonali.

Se una persona soffre di asma, durante le allergie ormonali le sue convulsioni possono diventare notevolmente più frequenti. Mal di testa e un forte deterioramento della salute sono anche inerenti a questo tipo di allergia.
Successivamente, i sintomi completamente inoffensivi possono causare una grave malattia clinica. E se sul corpo sono presenti aree secche rosse o altre irritazioni irritanti, è necessario contattare uno specialista qualificato per un aiuto.

Metodi di trattamento

Fondamentalmente, in questi casi, vengono condotte prove speciali per identificare le violazioni del funzionamento di un ormone e solo dopo i risultati finali viene prescritto un trattamento complesso. L'unguento ormonale viene utilizzato per ripristinare la pelle danneggiata. Ci sono anche farmaci ormonali per uso orale nel trattamento di questo tipo di allergia.

Gli antistaminici sono ottimi combattenti contro gli allergeni. La saturazione del corpo con le vitamine A, D, E porta anche al ripristino dell'equilibrio vitale. Dei metodi della medicina tradizionale in questo caso, i bagni e i tè della catena e della camomilla saranno molto utili. Le proprietà anti-allergiche di queste erbe sono state ripetutamente salvate in situazioni difficili, quando i farmaci necessari non erano a portata di mano o non era possibile acquistarli.

Quando appare un brufolo prurito, non devi sollevare il panico, ma non dovresti lasciarlo a caso quando ce ne sono più di tre. Le allergie tempestive possono scomparire inosservate e non portare disagi inutili.

J. Gerber nel 1921 e E. Urbach nel 1939 tentarono di fornire prove dell'ortica premestruale

Sindrome premestruale 315

Ca è il risultato della maggiore sensibilità di un organismo a una certa sostanza che appare nel sangue durante il periodo premestruale. Hanno dimostrato che l'orticaria può essere replicata nelle donne iniettando siero da pazienti con PMS. Con la ri-somministrazione sottocutanea di siero a donne con PMS, è possibile ottenere desensibilizzazione e miglioramento dei sintomi. Quindi, il 74-80% delle donne con PMS hanno una reazione cutanea positiva all'introduzione di steroidi. C'è una relazione in letteratura su una donna di 23 anni che lamenta ulcerazioni alla bocca e alla vulva durante il periodo premestruale; L'autore ha considerato questa reazione allergica al progesterone endogeno. È stata anche descritta una dermatite autoimmune indotta da progesterone che si verifica nel periodo premestruale. La dermatite allergica simile è stata descritta durante la gravidanza. Gli anticorpi al progesterone sono stati determinati mediante metodi di immunofluorescenza. La causa del processo autoimmune non è del tutto chiara. Tuttavia, è stata dimostrata la relazione tra dermatite ciclicamente ripetitiva e allergia agli steroidi.

Un gran numero di sostenitori hanno una teoria dei disturbi psicosomatici che portano alla comparsa della sindrome premestruale. Allo stesso tempo, si ritiene che i fattori somatici svolgano un ruolo fondamentale e che i fattori mentali seguano i cambiamenti biochimici derivanti dai cambiamenti dello stato ormonale.

L'elevato numero di sintomi psicosomatici nella sindrome premestruale rende necessario sviluppare ulteriormente questa ipotesi. S.L. Israel (1938) riteneva che i cambiamenti comportamentali ciclici nelle donne con PMS si basassero su cause psicogene subconsciamente espresse. Ha suggerito che la causa della disfunzione neuroendocrina sono conflitti irrisolti e disaccordi nascosti nella vita coniugale. I sostenitori della teoria psicosomatica riferiscono sull'efficacia della psicoterapia, degli antidepressivi e dei sedativi nel trattamento della sindrome premestruale. Gli oppositori di questa ipotesi negano l'esistenza di tale. Il problema è che la maggior parte degli studi erano retrospettivi. Tuttavia, i cambiamenti emotivi ciclici rilevati sono correlati con i cambiamenti ciclici del sistema endocrino. A.S.Parker nel 1960, riassumendo tutte le ricerche, ha concluso che le caratteristiche individuali e l'atteggiamento verso l'ambiente sono importanti nello sviluppo di ICP. Tuttavia, tutti i dati disponibili confermano che

316 4. Salute riproduttiva

I problemi gastrici compaiono dopo il somatico, causati da cambiamenti biochimici e anatomici, la cui causa è la disfunzione ormonale.

Alcuni autori hanno notato il fattore ereditario della malattia.

Quindi, ci sono un numero enorme di teorie diverse che spiegano lo sviluppo della sindrome premestruale. Tuttavia, nessuna di queste teorie non può essere considerata completamente corretta. Molto probabilmente l'eziologia della PMS è multifattoriale.

Secondo le moderne classificazioni mediche, 4 tipi di questa sindrome si distinguono a seconda della prevalenza di una o di un'altra instabilità ormonale.

Nella prima variante, con un alto livello di estrogeni e basso progesterone, si manifestano disturbi dell'umore, irritabilità, ansia e ansia.

La seconda opzione, con un aumento delle prostaglandine, è caratterizzata da un aumento dell'appetito, mal di testa, stanchezza, vertigini e disturbi gastrointestinali.

La terza opzione, con livelli aumentati di androgeni, si manifesta con lacrime, dimenticanza, insonnia e umore persistentemente basso.

Nella quarta variante, con una maggiore secrezione di aldo sterone, si osservano nausea, aumento di peso, gonfiore e disagio nelle ghiandole mammarie.

Inoltre, studi sulla funzione del sistema ipotalamo-ipofisi-surrene in pazienti con varie forme di sindrome premestruale hanno mostrato che una diminuzione del livello di progesterone e un aumento del livello di serotonina nel sangue è più spesso osservata nella forma edematosa, un aumento del livello di prolattina e istamina nel sangue nel nervoso livelli mentali aumentati di serotonina e istamina nel sangue - con cefalgas, con la forma di crisi si ha un aumento del livello di prolattina e serotonina nella seconda fase del ciclo e si nota l'iperfunzione della corteccia surrenale.

Va notato che nella maggior parte dei casi ci sono disturbi caratteristici di diverse varianti, in modo che possiamo parlare solo della predominanza dei sintomi di uno squilibrio ormonale.

Indipendentemente dalla forma di PMS, il totale per tutti i gruppi clinici di pazienti è l'iperestrogenia relativa o assoluta.

Sindrome premestruale 317

Diagnostica PMS. La base della diagnosi è la natura ciclica della comparsa di sintomi patologici. La diagnosi è aiutata tenendo un diario durante un ciclo mestruale - un questionario in cui tutti i sintomi patologici sono annotati ogni giorno. In tutte le forme cliniche di PMS, è necessario eseguire test diagnostici funzionali, determinare la prolattina, l'estradiolo e il progesterone nel sangue in entrambe le fasi del ciclo mestruale.

In presenza di sintomi neuropsichiatrici con sindrome premestruale, è necessario consultare un neuropatologo e uno psichiatra. Dei metodi di ricerca aggiuntivi, vengono mostrati craniografia, EEG e REG.

Con la prevalenza di edema nei sintomi della sindrome premestruale dovrebbe essere misurata la diuresi e la quantità di fluido consumata entro 3-4 giorni in entrambe le fasi del ciclo mestruale. È anche necessario studiare la funzione escretoria dei reni, la definizione degli indicatori di azoto residuo, la creatinina, ecc. In presenza di dolore e congestione delle ghiandole mammarie, la mammografia e gli ultrasuoni vengono mostrati nella prima fase del ciclo mestruale.

Quando i mal di testa eseguono EEG e REG dei vasi cerebrali, NMR, tomografia computerizzata, studiano le condizioni del fondo e del campo visivo periferico, producono una radiografia del cranio e la sella turca, colonna vertebrale cervicale, si consiglia di consultare un neurologo, oftalmologo, allergologo.

Se la PMS è caratterizzata da crisi simpatico-surrene, viene mostrata la misurazione della diuresi e della pressione arteriosa. Ai fini della diagnosi differenziale con feocromocitoma, è necessario determinare il contenuto di catecolamine nel sangue o nelle urine e un'ecografia delle ghiandole surrenali. Conducono anche EEG, REG, esame dei campi visivi, fondo, dimensione della sella turca e craniogramma del cranio, NMR, tomografia computerizzata, consultazione del terapeuta, neuropatologo e psichiatra.

Va tenuto presente che nei giorni premestruali peggiora il decorso della maggior parte delle malattie croniche esistenti, che viene spesso erroneamente considerato come PMS.

La patogenesi e la diversità delle manifestazioni cliniche della PMS non sufficientemente studiate hanno portato a una varietà di agenti terapeutici nel trattamento di questa patologia, poiché i medici raccomandano uno o un altro tipo di terapia basata sulla propria interpretazione della patogenesi della sindrome premestruale.

Quali effetti collaterali possono causare il progesterone?

Il progesterone è un ormone responsabile di tutti i processi associati alla gravidanza. È prodotto dal corpo luteo delle ovaie e delle ghiandole surrenali, durante la gravidanza dalla placenta, negli uomini dalle vescicole seminali. Se lo fa in quantità insufficienti, è uno dei motivi per cui una donna non può rimanere incinta, tollera difficilmente la gravidanza, o c'è una violazione del ciclo, periodi dolorosi.

Pertanto, con una carenza di ormone, la terapia sotto forma di compresse, iniezioni, supposte viene spesso prescritta, a volte in unguenti o creme. Sebbene l'effetto del progesterone in molti casi abbia un effetto positivo, non è necessario abusare del farmaco: ha molti effetti collaterali.

Caratteristica dell'ormone

Nel corpo femminile, l'effetto del progesterone è principalmente rivolto alla preparazione del corpo per assicurare un ovulo fecondato. Il livello di questo ormone deve essere compreso nel range normale, altrimenti è pieno di problemi. Se il suo livello è aumentato, si manifesterà come una violazione del ciclo mestruale, sanguinamento uterino, una cisti ovarica e depressione.

Con la mancanza di ormoni nel corpo (a causa di disturbi interni, abuso di alcool), l'uovo non lascia l'ovario, l'ovulazione si ferma, riducendo la possibilità di rimanere incinta, ci sono periodi troppo lunghi e dolorosi con febbre alta o viceversa, la loro assenza, i problemi si verificano quando si trasporta un bambino.

Va notato che il livello di progesterone nel corpo femminile è instabile e, a seconda della fase del ciclo mestruale, è in continua evoluzione. Nei primi giorni dopo l'inizio delle mestruazioni, prima dell'ovulazione, il progesterone viene rilasciato in piccola quantità (in questo momento altri ormoni, estrogeni, sono attivi).

Dopo l'ovulazione, che è il processo di rilascio di un uovo maturo dall'ovaio alla cavità addominale dopo un follicolo rotto, si forma un corpo giallo nel sito del follicolo rotto e, mentre l'uovo si sposta nell'utero, inizia a produrre progesterone, preparando l'utero per una possibile gravidanza.

Se il concepimento non si verifica, il corpo inizia a diminuire e viene convertito in tessuto cicatriziale, riducendo la quantità di ormone prodotto, che porta alla comparsa delle mestruazioni. Nel normale sviluppo, questo processo, dalla formazione di un uovo nell'ovaio alla scomparsa del corpo luteo, viene ripetuto fino alla menopausa, tranne durante la gravidanza.

Se il bambino è concepito, il corpo luteo rimane attivo per tutto il primo trimestre e il livello dell'ormone continua ad aumentare: il progesterone stimola la crescita dell'endometrio (il rivestimento interno dell'utero), interrompe il rilascio di nuove uova dall'ovaio e le mestruazioni. Alla fine del primo trimestre, la placenta matura a tal punto che inizia a produrre autonomamente la giusta quantità di estrogeni e progesterone, con il risultato che la necessità di un corpo giallo scompare e viene assorbita.

La quantità di progesterone prodotto dalla placenta aumenta molto rapidamente dal primo al terzo trimestre di gravidanza e diminuisce bruscamente poco prima del parto. Durante la gravidanza, una delle funzioni del progesterone è quella di sopprimere la contrazione della parete muscolare dell'utero, prevenendo la possibilità di aborto spontaneo. L'ormone colpisce il centro di termoregolazione nel cervello, determinando un aumento della temperatura corporea a 37,4 ° (questo è particolarmente caratteristico del primo trimestre, a volte si osserva una temperatura elevata fino alla fine della gravidanza).

Il progesterone svolge anche il suo ruolo nella menopausa: quando esso, così come gli estrogeni, iniziano a essere prodotti in piccole quantità e gradualmente scompaiono, la funzione ovarica svanisce e inizia l'invecchiamento biologico. La menopausa è solitamente accompagnata da sudorazione, forte aumento di pressione, nausea, tinnito, disturbi nervosi, fluttuazioni della temperatura corporea. Per aiutare il corpo a sopravvivere alla menopausa, la terapia ormonale viene spesso prescritta.

Inseminazione artificiale

L'importante ruolo del progesterone è anche assegnato alla fecondazione in vitro (inseminazione artificiale), quando il supporto per questo farmaco inizia non appena gli embrioni sono nel grembo materno. La necessità di introdurre l'ormone durante la fecondazione in vitro è dovuta al fatto che durante una gravidanza naturale, il progesterone viene prodotto dal corpo nella giusta quantità.

Nel caso dell'inseminazione artificiale, il corpo ha bisogno di supporto: con la FIVET, il farmaco viene prescritto per stimolare le ovaie. L'introduzione di un ormone steroideo durante la FIVET non solo riduce la possibilità di aborto, ma contribuisce anche all'attaccamento dell'utero all'utero e alla chiusura del canale cervicale.

Di solito quando la FIV ha prescritto farmaci sotto forma di compresse o supposte vaginali. Considerando un ciclo di trattamento piuttosto lungo con progesterone per FIV (da 12 a 16 settimane), le iniezioni non sono incoraggiate, in quanto possono provocare lo sviluppo di ematomi o ascessi. La dose in ogni caso è scelta singolarmente ed è impossibile prendere una decisione sulla sua riduzione o aumento, se il concepimento è avvenuto con l'aiuto di IVF, è impossibile: questo può causare effetti collaterali e conseguenze negative.

La necessità di un trattamento

Se il processo di maturazione del follicolo è stato interrotto e l'ovulazione non si è verificata, il corpo luteo non si è formato e il progesterone è risultato essere al minimo nel corpo, prodotto solo in piccola quantità dalle ghiandole surrenali. Questo porta alla predominanza di estrogeni nel corpo femminile, che causa lo sviluppo di mastite, fibromi uterini, infertilità e altre conseguenze negative.

Pertanto, se si sospetta un problema simile, il medico prescrive dei test e, se il livello dell'ormone è troppo basso, scrivere progesterone. Ciò accade in assenza di mestruazioni, infertilità, che è stata causata da insufficienza del corpo luteo, con la minaccia di aborto spontaneo, con fecondazione in vitro, quando è necessario il pieno controllo della gravidanza.

E qui c'è un punto importante: il farmaco non può essere abusato in ogni caso e dovrebbe essere consumato solo nella quantità prescritta dal medico. Una diminuzione o un aumento della norma può portare allo sviluppo di vari effetti collaterali e una diminuzione dell'efficacia del trattamento. Per lo stesso motivo, è necessario prestare attenzione alla loro presenza nei contraccettivi ormonali e consultare un medico.

Effetti negativi

Gli effetti collaterali del trattamento con progesterone sono comuni. Questo può essere un mal di testa, nausea, vomito, acne, diminuzione del desiderio sessuale, cambiamenti nel numero di sangue mestruale, visione offuscata, attenzione, fluttuazioni di temperatura. A volte può verificarsi un aumento della pressione sanguigna, gonfiore, deterioramento della funzionalità renale, prurito della pelle e allergie.

Se il progesterone è elevato, spesso è meglio anche se fa parte del gel: ci sono recensioni che dopo il sollievo dal dolore durante le mestruazioni, il peso è stato acquisito, nonostante il regolare esercizio fisico. Va notato che in questo caso la crema non era considerata una medicina e fu abusata e, di conseguenza, non era facile sbarazzarsi degli effetti collaterali.

Spesso, il trattamento con progesterone è accompagnato da acne sulla pelle. Questo accade perché un aumento del livello di ormone steroideo porta ad un ritardo nella rimozione dei liquidi dal corpo e l'accumulo di grasso sotto la pelle. Questo porta a un blocco dei pori della pelle e alla conseguente infiammazione, che porta a acne e punti neri.

Durante la gravidanza, l'acne e i punti neri sulla pelle sono comuni e indicano che la produzione di ormoni si verifica nella giusta quantità. Se l'acne compare durante il trattamento, devono prestare attenzione e consultare un medico: possono anche indicare la presenza di allergie o altri problemi.

La comparsa di acne e punti neri può essere accompagnata da gonfiori e persino da cerchi sotto gli occhi. Il progesterone aumenta la permeabilità dei vasi sanguigni, in conseguenza della quale la parte liquida del sangue penetra nei tessuti e provoca gonfiore visibile sulla pelle.

Oltre agli effetti sopra indicati, possono verificarsi i seguenti effetti:

  • Aumento dell'emolisi polmonare e della trombosi del cervello;
  • La comparsa di trombosi di fibre e neuriti del nervo ottico;
  • Sindrome premestruale;
  • Insonnia o sonnolenza;
  • Cistite falsa;
  • Deterioramento o aumento dell'appetito;
  • nervosismo;
  • Deterioramento di capelli e calvizie;
  • Vertigini.

Non è opportuno prescrivere farmaci con progesterone in donne con diabete, ipertensione, iperlipidemia. Così come la nomina del farmaco per frequenti emicranie, epilessia, asma, problemi al cuore e ai reni. Livelli elevati dell'ormone possono causare dolore alle articolazioni, alla colonna vertebrale, ai legamenti, alla zona lombare. Se il farmaco viene prescritto prima della menopausa, è in grado di mascherare la sua insorgenza.

Il progesterone può influenzare altri ormoni steroidei: può modificare il metabolismo di estrogeni, mineralcorticoidi, androgeni, glucocorticoidi, ridurre l'assorbimento di estrogeni. In grandi quantità, invece di sopprimere il cortisolo, il progesterone aumenta la sua quantità, che è accompagnata da un aumento della pressione, livelli di glucosio, disfunzione della ghiandola tiroide, disturbi dell'apparato digerente e altri problemi.

Ormone e Spiriti

Va inoltre tenuto presente che durante il trattamento del progesterone l'alcol è controindicato in qualsiasi quantità. L'alcol non solo è in grado di provocare un peggioramento della salute, ma può anche annullare tutta la terapia e persino rendere impossibile la gravidanza con la FIV e sopportare un bambino sano. In questo caso, l'alcol fa circolare il sangue più velocemente e accelera il ritiro del farmaco dal corpo, a causa del quale la donna perde la dose richiesta.

Va inoltre tenuto presente che il trattamento con progesterone è prescritto quando si pianifica una gravidanza, il consumo di alcol non solo influirà negativamente sulla madre se può sopportare il bambino, ma provocherà anche problemi di salute per il bambino.

Se accade che una donna non sia in grado di rinunciare completamente all'alcol, puoi limitarti con un bicchiere di vino rosso durante il giorno o almeno la sera, e l'intervallo tra l'uso di alcol e il farmaco (se le istruzioni indicano che sono compatibili) dovrebbe essere di almeno due ore.

Ulteriori Articoli Su Tiroide

Come trattare l'ipotiroidismo senza l'uso di ormoniPer il trattamento della tiroide, i nostri lettori usano con successo il tè monastico. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.

In certi periodi della vita, ogni persona deve provare sentimenti diversi, come sentimenti di gioia o dolore, innamoramento o odio, compassione o crudeltà.

Nelle isole pancreatiche degli ormoni del pancreas sono sintetizzati, che sono responsabili per il flusso dei processi metabolici nel corpo.