Principale / Sondaggio

Cos'è una malattia autoimmune?

Quante sorprendenti scoperte sono già state fatte in medicina, ma ancora sotto il velo della segretezza ci sono molte sfumature del lavoro del corpo. Pertanto, le migliori menti scientifiche non possono spiegare completamente i casi in cui il sistema immunitario inizia a lavorare contro una persona e gli viene diagnosticata una malattia autoimmune. Scopri di cosa tratta questo gruppo di malattie.

Che cosa sono le malattie autoimmuni sistemiche?

Patologie di questo tipo sono sempre una sfida molto seria sia per il paziente che per gli specialisti che lo trattano. Se per descrivere in poche parole quali sono le malattie autoimmuni, allora possono essere definite come malattie che non sono causate da un agente patogeno esterno, ma direttamente dal sistema immunitario della persona malata.

Qual è il meccanismo della malattia? La natura prevede che un gruppo speciale di cellule - i linfociti - sviluppino la capacità di riconoscere i tessuti estranei e varie infezioni che minacciano la salute del corpo. La reazione a tali antigeni è la produzione di anticorpi che combattono contro i patogeni, a seguito del quale il paziente si riprende.

In alcuni casi, in un tale schema di funzionamento del corpo umano, si verifica un grave fallimento: il sistema immunitario inizia a percepire le cellule sane del proprio organismo come antigeni. Il processo autoimmune innesca effettivamente il meccanismo di autodistruzione quando i linfociti iniziano ad attaccare un certo tipo di cellule del corpo, influenzandole sistematicamente. A causa di questa interruzione del normale funzionamento del sistema immunitario, si verifica la distruzione di organi e persino interi sistemi del corpo, il che porta a gravi minacce non solo alla salute, ma anche alla vita umana.

Cause di malattie autoimmuni

Il corpo umano è un meccanismo autoregolante, pertanto richiede la presenza di un certo numero di ordinatori linfocitari che sono sintonizzati sulle cellule del loro stesso organismo per processare le cellule morenti o malate del corpo. Perché le malattie sorgono quando un tale equilibrio viene disturbato e i tessuti sani iniziano a essere distrutti? Secondo la ricerca medica, le cause della natura esterna e interna possono portare a questo risultato.

Impatto interno causato dall'eredità

Mutazioni di geni di tipo I: i linfociti non riconoscono più un certo tipo di cellule del corpo, iniziando a percepirle come antigeni.

Mutazioni dei geni di tipo II: le cellule ordinate iniziano a moltiplicarsi in modo incontrollabile, a seguito della quale si verifica un'afflizione.

Il sistema autoimmune inizia a danneggiare distruttivamente le cellule sane dopo che una persona ha avuto una forma prolungata o molto grave di una malattia infettiva.

Effetti nocivi dell'ambiente: radiazioni, radiazione solare intensa.

Immunità crociata: se le cellule patogene sono simili alle cellule del corpo, anche queste ultime vengono attaccate dai linfociti che combattono l'infezione.

Quali sono le malattie del sistema immunitario?

I malfunzionamenti nel lavoro dei meccanismi di difesa del corpo umano, associati alla loro iperattività, sono comunemente suddivisi in due grandi gruppi: disturbi sistemici e specifici degli organi. L'affiliazione di una malattia a un gruppo o un altro è determinata sulla base di quanto diffuso è il suo effetto sul corpo. Pertanto, nelle malattie autoimmuni di natura specifica di un organo, le cellule di un organo sono percepite come antigeni. Esempi di tali malattie sono il diabete mellito di tipo I (insulino-dipendente), gozzo tossico diffuso, gastrite atrofica.

Se consideriamo quali sono le malattie autoimmuni di natura sistemica, allora in questi casi i linfociti vengono percepiti come antigeni cellulari in diverse cellule e organi. Alcune di queste malattie includono l'artrite reumatoide, la sclerodermia, il lupus eritematoso sistemico, le malattie miste del tessuto connettivo, la dermatopolimiosite, ecc. È necessario sapere che tra i pazienti con malattie autoimmuni ci sono casi frequenti quando nel loro corpo si verificano diverse malattie di questo tipo appartenenti a gruppi diversi.

Malattie autoimmuni della pelle

Tali disturbi nel normale funzionamento del corpo causano molti disagi fisici e psicologici a pazienti che sono costretti non solo a sopportare il dolore fisico dovuto alla malattia, ma anche a sperimentare molti momenti spiacevoli dovuti alla manifestazione esterna di tale disfunzione. Che cosa è una malattia della pelle autoimmune è ben nota a molti, perché questo gruppo include:

  • psoriasi;
  • vitiligine;
  • alcuni tipi di alopecia;
  • orticaria;
  • vasculite localizzata sulla pelle;
  • pemfigo e altri

Malattia epatica autoimmune

Queste malattie comprendono diverse malattie: cirrosi biliare, pancreatite autoimmune ed epatite. Queste malattie, che interessano il principale filtro del corpo umano, nel corso dello sviluppo compiono grandi cambiamenti nel funzionamento di altri sistemi. Quindi, l'epatite autoimmune progredisce a causa del fatto che gli anticorpi alle cellule dello stesso organo si formano nel fegato. Il paziente ha ittero, febbre alta, forte dolore nella regione di questo organo. In assenza del trattamento necessario, i linfonodi saranno colpiti, le articolazioni si infiammeranno e appariranno problemi alla pelle.

Che cosa significa malattia tiroidea autoimmune?

Tra queste malattie si distinguono le malattie che sono sorte a causa dell'eccesso o della ridotta secrezione di ormoni da parte dell'organo specificato. Così, nella malattia di Graves, la ghiandola tiroide produce troppa ormone tiroxina, che si manifesta in un paziente con una diminuzione di peso, eccitabilità nervosa e intolleranza al calore. Il secondo di questi gruppi di malattie è la tiroidite di Hashimoto, quando la ghiandola tiroidea è notevolmente ingrandita. Il paziente si sente come se avesse un nodo in gola, il suo peso è in aumento, i suoi tratti diventano più grossolani. La pelle si addensa, diventa secca. Potrebbe esserci un danno alla memoria.

Sebbene questi disturbi si manifestino con molti sintomi, è spesso difficile fare una diagnosi accurata. Una persona che ha segni di queste malattie della ghiandola tiroidea dovrebbe contattare diversi specialisti qualificati per una diagnosi più rapida e accurata. Un trattamento prescritto correttamente e tempestivamente allevia i sintomi dolorosi, previene lo sviluppo di una serie di complicanze.

Ulteriori informazioni su ciò che è una malattia autoimmune - un elenco di malattie e metodi di trattamento.

Video: come trattare le malattie autoimmuni

Le informazioni presentate nell'articolo sono solo a scopo informativo. I materiali dell'articolo non richiedono auto-trattamento. Solo un medico qualificato può diagnosticare e consigliare il trattamento in base alle caratteristiche individuali di un particolare paziente.

Malattie autoimmuni - Elenco delle malattie

L'immunità è un sistema di organi nel corpo umano che lo protegge da varie malattie.

Una delle funzioni del sistema è quella di reagire all'invasione di microrganismi, come virus o batteri, attraverso la produzione di anticorpi o linfociti sensibilizzati (tipi di globuli bianchi).

L'elenco delle malattie autoimmuni (malattie) è solitamente determinato da quali organi sani il sistema immunitario attacca erroneamente.

Cos'è la malattia autoimmune?

In condizioni normali, la risposta immunitaria del corpo umano non è diretta contro i suoi stessi tessuti.

Tuttavia, in alcuni casi, la produzione anormale di cellule immunitarie (anticorpi) o la riproduzione di cloni di cellule killer auto-aggressive porta a un attacco errato di cellule sane, che sono progettati per proteggere.

Malattie autoimmuni sistemiche

Le malattie autoimmuni sistemiche colpiscono più di un sistema corporeo allo stesso tempo - articolazioni, polmoni, pelle, ecc.

In alcuni casi, la consistenza delle lesioni appare mentre la malattia progredisce, in alcuni casi si sviluppa immediatamente.

La malattia di Behçet

Questa malattia cronica e multisistemica, chiamata vasculite, provoca l'infiammazione dei vasi sanguigni e colpisce l'intero corpo.

La lesione può coinvolgere il sistema nervoso centrale, il cuore e l'intestino.

I sintomi della malattia spesso coincidono con altre malattie difficili da diagnosticare. La malattia è possibile remissione spontanea, che aumenta anche la difficoltà della sua diagnosi.

Lupus eritematoso sistemico

Questa è una malattia infiammatoria cronica. Può influenzare qualsiasi sistema del corpo, compresi i vasi sanguigni, i muscoli, le articolazioni, il tratto gastrointestinale, i reni, il cuore, i polmoni e il sistema nervoso centrale.

Un'immunitaria aggressione delle cellule della ghiandola tiroidea porta a se stessa una malattia che si chiama tiroidite autoimmune. Utilizzato per il trattamento di medicinali e rimedi popolari.

Che cosa è la tiroidite cronica e come trattarla, continua a leggere.

Dieta e stile di vita - la base del trattamento della tiroidite autoimmune. Cosa dovrebbe sapere il paziente, lo diremo in questa pubblicazione.

Sclerosi multipla

Questa è una malattia del sistema nervoso centrale che colpisce il cervello e il midollo spinale.

La malattia distrugge le guaine mieliniche che circondano e proteggono le cellule nervose.

Questo, a sua volta, rallenta o blocca la trasmissione di segnali tra il cervello e il corpo.

La malattia spesso porta a:

  • debolezza muscolare;
  • menomazione della vista;
  • formicolio, intorpidimento;
  • mancanza di coordinamento e equilibrio dei movimenti;
  • problemi con la memoria e il pensiero.

La sclerosi multipla colpisce spesso le donne di età compresa tra 20 e 40 anni. Di regola, procede facilmente, ma a volte è possibile perdere la capacità di leggere lettere, parole o movimenti.

polimiosite

La malattia è anche conosciuta come miopatia infiammatoria idiopatica.

Questa è una malattia rara che causa debolezza muscolare, gonfiore, dolorabilità e danni ai tessuti.

La malattia è associata a un più ampio gruppo di malattie causate da miosite.

La malattia colpisce i muscoli scheletrici. Il più delle volte si verifica negli adulti da 50 a 70 anni e nei bambini da 5 a 15 anni.

Le donne soffrono di questa malattia il doppio delle volte degli uomini. Questa malattia colpisce l'intero corpo.

Artrite reumatoide

La malattia è una forma di artrite che causa gonfiore, dolore, perdita di funzionalità e rigidità delle articolazioni. Può colpire qualsiasi articolazione, ma è più pronunciata nei polsi e nelle dita.

La malattia compare spesso nella mezza età o negli anziani. Le donne hanno maggiori probabilità di soffrire di artrite reumatoide.

Sintomi dell'artrite reumatoide

La malattia può manifestarsi solo per un breve periodo, oppure i suoi sintomi possono comparire e scomparire. La malattia grave può durare una vita. La malattia può colpire tutte le parti del corpo, oltre alle articolazioni, incl. occhi, polmoni e bocca.

Il trattamento comprende la terapia farmacologica, la chirurgia e i cambiamenti dello stile di vita, che rallenta la progressione della malattia e riduce gonfiore e dolore.

Sindrome di Sjogren

Questa malattia provoca secchezza negli occhi, nel naso, nella bocca, nella gola e sulla pelle.

La sindrome di Sjogren si sviluppa solitamente all'età di oltre 40 anni e le donne hanno una probabilità dieci volte maggiore di soffrirne.

La sindrome è talvolta associata all'artrite reumatoide.

Con questa sindrome, l'immunità attacca le ghiandole che producono lacrime e saliva.

La malattia può colpire altri organi e in parte il sistema nervoso centrale. Il trattamento si concentra su come alleviare i sintomi della malattia.

vasculite

Questa malattia causa l'infiammazione dei vasi sanguigni delle vene, delle arterie e dei capillari a causa di infezioni, droghe o altre malattie. I vasi infiammati possono restringersi, chiudersi o allungarsi e allentare così tanto che gli aneurismi iniziano a formarsi.

Se l'aneurisma esplode, può causare un sanguinamento interno pericoloso. La vasculite di solito include febbre, edema e una sensazione generale di indisposizione.

organo

Le malattie specifiche per organi di solito non richiedono una terapia immunosoppressiva. L'unica osservazione da parte di un medico e il trattamento di segni secondari di malattia.

Graves Disease

La malattia provoca la ghiandola tiroidea a produrre ormoni in più.

Le donne soffrono 3 volte più spesso degli uomini. La malattia viene solitamente diagnosticata tra i 20 ei 40 anni.

I sintomi di solito includono nervosismo, battito cardiaco accelerato, perdita di peso e intolleranza al calore.

Una caratteristica distintiva di questa malattia è l'infiammazione dei muscoli oculari con un concomitante rigonfiamento degli occhi (esoftalmo).

Circa il 30-50% dei pazienti con esoftalmo si sviluppa in forma lieve e circa il 5% in forma grave. Raramente, la malattia causa una "tempesta di tiroide".

Tiroidite autoimmune (tiroidite di Hashimoto)

Questa è una malattia infiammatoria cronica della tiroide. Di conseguenza, produce meno ormoni e il metabolismo rallenta. Le donne soffrono di questa tiroidite 10 volte più spesso degli uomini.

La maggior parte dei casi di malattia si verifica all'età di 30-50 anni.

I sintomi spesso si sviluppano gradualmente e solitamente sono associati a:

  • aumento del peso corporeo;
  • perdita di capelli e secchezza;
  • stanchezza;
  • problemi con attenzione e fertilità;
  • formicolio alle mani o ai piedi;
  • sensibilità alle basse temperature.

È particolarmente importante controllare la malattia durante la pianificazione della gravidanza, perché la bassa funzionalità tiroidea può influire sullo sviluppo fetale. La tiroidite postpartum può svilupparsi entro 12 mesi dopo il parto.

Diabete di tipo 1

Nel diabete di tipo 1, il pancreas non produce insulina e il glucosio viene trattenuto nel sangue.

I sintomi della malattia di solito includono sete, minzione frequente, affaticamento o fame, perdita di peso, ferite cicatrizzanti lente, prurito cutaneo, perdita di sensibilità o formicolio alle gambe, visione offuscata. Per il trattamento della malattia deve prendere l'insulina per tutta la vita.

Infiammazione della tiroide di natura autoimmune - tiroidite autoimmune, si verifica principalmente nelle donne. Senza trattamento, si verificano complicazioni pericolose.

Come l'ipotiroidismo autoimmune si manifesti e come sia pericoloso, leggi in questo materiale.

ibrido

Celiachia

In questa malattia, non puoi mangiare il glutine - una proteina complessa che fa parte della maggior parte delle colture di cereali.

Dalla dieta dovrebbero essere esclusi i prodotti con glutine, perché può danneggiare l'intestino tenue.

Il glutine può anche essere contenuto in vitamine, medicinali, bio-additivi, balsami per labbra, colla su francobolli e buste.

I sintomi della malattia possono includere diarrea e dolore addominale, irritabilità o depressione. In alcuni casi, i sintomi non appaiono esternamente.

La malattia di Crohn

La malattia causa un'infiammazione persistente della mucosa o delle pareti del tratto gastrointestinale.

La malattia di Crohn è talvolta chiamata ileite cronica, enterite regionale o colite granulomatosa. In questa malattia, il tratto gastrointestinale è più spesso cambiato nel segmento tra l'ileo e il retto.

Cirrosi biliare primitiva

Questa malattia provoca irritazione, gonfiore o infiammazione dei dotti biliari nel fegato. L'edema blocca il flusso della bile, danneggiandone le cellule e provocando la formazione di cicatrici, provocando la cirrosi.

Il più delle volte, la malattia colpisce donne di mezza età. La malattia è associata alla malattia celiaca, al fenomeno di Raynaud, alla sindrome dell'occhio secco o della bocca e alle malattie della tiroide. Più della metà dei pazienti non ha sintomi al momento della diagnosi.

Fegato sano e cirrosi

I sintomi più spesso si sviluppano gradualmente e possono includere:

  • dolore addominale;
  • stanchezza;
  • fegato ingrossato;
  • depositi di grasso sotto la pelle;
  • feci grasse;
  • prurito, ittero e morbide macchie gialle sulla palpebra.

Circa un quarto che ha avuto la malattia per 10 anni ha insufficienza epatica. Ipotiroidismo o anemia possono anche svilupparsi sullo sfondo di questa malattia.

lista

  • Vasculite sistemica primaria;
  • Sclerosi multipla;
  • Sindrome di Guillain-Barre;
  • Sindrome da rigidità muscolare;
  • Grave pseudoparalitica miastenia grave;
  • Narcolessia essenziale.

Pelle, mucose, ghiandole (lacrimale salivare):

  • Dermatosi bollosa;
  • Vasculite con localizzazione cutanea;
  • vitiligine;
  • Orticaria autoimmune;
  • licheni;
  • Alopecia focale;
  • psoriasi;
  • Lupus eritematoso sistemico;
  • Lichene scleroatrofico;
  • Sindrome di Sjogren.
  • Uveite autoimmune;
  • La malattia di Behçet;
  • Oftalmia simpatica;
  • Oftalmopatia endocrina.
  • Graves Disease;
  • Tiroidite Hashimoto;
  • Pancreatite autoimmune;
  • Diabete mellito;
  • La malattia di Addison;
  • La malattia di Cushing.

Organi interni (reni, tratto gastrointestinale, polmoni):

  • Epatite autoimmune;
  • Cirrosi biliare primitiva;
  • Colangite autoimmune, sclerosante primitivo;
  • glomerulonefrite;
  • Sindrome di Goodpasture;
  • Enteropatia autoimmune;
  • Malattia di Crohn;
  • Colite ulcerosa non specifica;
  • Celiachia;
  • Anemia Perniciosa (o B12-carente);
  • Forma autoimmune di asma bronchiale;
  • sarcoidosi;
  • Fibrosing alveolite.

Cardiovascolare, sistema muscolare, articolazioni:

  • Sindrome antifosfolipidica;
  • Anemia emolitica autoimmune;
  • Neutropenia autoimmune;
  • Malattia di Kawasaki;
  • Malattia di Takayasu;
  • Malattia emolitica del neonato;
  • Porpora trombocitopenica idiopatica;
  • Poliangite microscopica;
  • Emoglobinuria da freddo parossistico;
  • Sindrome di Wegener;
  • Chardzh Stross Syndrome;
  • Poliartrite nodulare;
  • miocardite;
  • Febbre reumatica;
  • dermatomiosite;
  • polimiosite;
  • Polimialgia reumatica;
  • Spondilite anchilosante;
  • Artrite reumatoide;
  • Scleroderma sistemico.

Il lavoro scrupoloso del medico e del paziente è necessario al fine di stabilire la causa dell'attacco del sistema immunitario sui tessuti sani e condurre la terapia per reindirizzare il lavoro di immunità agli agenti organici veramente dannosi.

Malattie autoimmuni: che cos'è?

Il sistema immunitario del nostro corpo è una complessa rete di organi e cellule speciali che proteggono il nostro corpo dagli agenti stranieri. Il nucleo del sistema immunitario è la capacità di distinguere il "suo" da "alieno". A volte il corpo fallisce, rendendo impossibile riconoscere i marcatori delle "proprie" cellule, e gli anticorpi iniziano a essere prodotti, che attaccano erroneamente certe cellule del loro stesso organismo.

Quanto spesso sono le malattie autoimmuni?

Sfortunatamente, sono ampiamente distribuiti. Soffrono più di 23,5 milioni di persone solo nel nostro paese e questa è una delle principali cause di morte e disabilità. Ci sono malattie rare, ma ci sono anche quelle con cui molte persone soffrono, ad esempio la malattia di Hashimoto.

Guarda come funziona il sistema immunitario umano, guarda il video:

Chi può ammalarsi?

Una malattia autoimmune può colpire chiunque. Tuttavia, ci sono gruppi di persone con il più alto rischio:

  • Donne in età fertile. Le donne hanno più probabilità rispetto agli uomini di soffrire di malattie autoimmuni che iniziano nell'età riproduttiva.
  • Coloro che hanno avuto tali malattie in famiglia. Alcune malattie autoimmuni sono di natura genetica (ad esempio la sclerosi multipla). Spesso, diversi tipi di malattie autoimmuni si sviluppano in diversi membri della stessa famiglia. La predisposizione ereditaria gioca un ruolo, ma altri fattori possono essere l'inizio della malattia.
  • La presenza di determinate sostanze nell'ambiente. Alcune situazioni o effetti dannosi dell'ambiente possono causare alcune malattie autoimmuni o esacerbarne una esistente. Tra questi: sole attivo, sostanze chimiche, infezioni virali e batteriche.
  • Persone di una particolare razza o etnia. Ad esempio, il diabete di tipo 1 colpisce principalmente i bianchi. Il lupus eritematoso sistemico è più grave negli afroamericani e negli spagnoli.

Quali malattie autoimmuni influenzano le donne e quali sono i loro sintomi?

Le malattie elencate qui sono più comuni nelle donne che negli uomini.

Sebbene ogni caso sia unico, ci sono alcuni sintomi di marcatori comuni: debolezza, capogiri e febbre di basso grado. Molte malattie autoimmuni sono caratterizzate da sintomi transitori, la cui gravità può anche variare. Quando i sintomi scompaiono per un po ', questo è chiamato remissione. Si alternano con una manifestazione inaspettata e profonda di sintomi - focolai o esacerbazioni.

Tipi di malattie autoimmuni e loro sintomi

  • Aree senza capelli sulla testa, sul viso e in altre parti del corpo.
  • Coaguli di sangue nelle arterie o nelle vene
  • Aborti spontanei multipli
  • Eruzione cutanea alle ginocchia e ai polsi
  • debolezza
  • Fegato ingrandito
  • Pelle gialla e sclera
  • pizzicore
  • Dolore alle articolazioni
  • Dolore addominale o indigestione
  • Gonfiore e dolore
  • Diarrea o stitichezza
  • Aumento di peso o perdita di peso
  • debolezza
  • Disturbi mestruali
  • Prurito e eruzioni cutanee
  • Infertilità o aborto
  • Sete costante
  • Minzione frequente
  • Sensazione di fame e stanchezza
  • Perdita di peso involontaria
  • Cattive ulcere curative
  • Pelle secca, prurito
  • Perdita di sensibilità alle gambe o sensazione di formicolio
  • Cambio di visione: l'immagine percepita appare sfocata
  • insonnia
  • irritabilità
  • Perdita di peso
  • Ipersensibilità al calore
  • Sudorazione eccessiva
  • Capelli spaccati
  • Debolezza muscolare
  • Minore periodo mestruale
  • Occhi sporgenti
  • Stringere la mano
  • A volte - forma asintomatica
  • Debolezza o formicolio alle gambe, può diffondersi nel corpo
  • Nei casi più gravi, paralisi
  • debolezza
  • affaticabilità
  • Aumento di peso
  • Sensibilità al freddo
  • Dolori muscolari e rigidità articolare
  • Gonfiore del viso
  • costipazione
  • affaticabilità
  • Insufficienza respiratoria
  • vertigini
  • mal di testa
  • Mani e piedi freddi
  • pallore
  • Pelle gialla e sclera
  • Problemi cardiaci, incluso insufficienza cardiaca
  • Mestruazioni molto pesanti
  • Piccole macchie viola o rosse sulla pelle che possono apparire come un'eruzione cutanea
  • angiostaxis
  • Naso o bocca sanguinare
  • Dolore addominale
  • Diarrea, a volte con sangue
  • Sanguinamento rettale
  • febbre
  • Perdita di peso
  • affaticabilità
  • Ulcere alla bocca (con morbo di Crohn)
  • Motilità intestinale dolorosa o ostruita (con colite ulcerosa)
  • Debolezza muscolare progressivamente progressiva, inizia con i muscoli più vicini alla colonna vertebrale (di solito le regioni lombari e sacrali)

Inoltre si può notare:

  • Affaticamento quando si cammina o si sta in piedi
  • Cade e sviene
  • Dolore muscolare
  • Difficoltà a deglutire e respirare
  • Debolezza e problemi di coordinazione, equilibrio, parola e cammino
  • paralisi
  • tremito
  • Intorpidimento e formicolio degli arti
  • Dividere l'immagine percepita, i problemi con il mantenimento della vista, l'omissione delle palpebre
  • Deglutizione difficile, sbadiglio frequente o soffocamento
  • Debolezza o paralisi
  • Testa caduta
  • Gradini di salita difficili e oggetti di sollevamento
  • Problemi di linguaggio
  • affaticabilità
  • pizzicore
  • Bocca secca
  • Occhi asciutti
  • Pelle gialla e sclera
  • Scaglie rosse grossolane ricoperte di squame tendono ad apparire sulla testa, sui gomiti e sulle ginocchia
  • Prurito e dolore che ti tengono sveglio, cammina liberamente e ti prendi cura di te
  • Meno comune è una forma specifica di artrite che colpisce le articolazioni sulla punta delle dita delle mani e dei piedi. Dolore alla schiena se è coinvolto il sacro.
  • Articolazioni dolorose, rigide, gonfie e deformate
  • Restrizioni di movimenti e funzioni Ci possono essere anche:
  • affaticabilità
  • febbre
  • Perdita di peso
  • Infiammazione agli occhi
  • Malattia polmonare
  • Lesioni pineale sottocutanee, spesso gomiti
  • anemia
  • Il colore delle dita cambia (bianco, rosso, blu) a seconda che sia caldo o freddo
  • Dolore, mobilità limitata, gonfiore delle articolazioni delle dita
  • Ispessimento della pelle
  • La pelle brilla sulle mani e sugli avambracci.
  • La pelle del viso sembra una maschera
  • Difficoltà a deglutire
  • Perdita di peso
  • Diarrea o stitichezza
  • Respiro corto
  • Occhi secchi o prurito.
  • Secchezza delle fauci, fino alle ulcere
  • Difficoltà a deglutire
  • Perdita di sensibilità al gusto
  • Molteplici carie nei denti
  • Voce rauca
  • fatica
  • Gonfiore o dolore alle articolazioni
  • Ghiandole gonfie
  • febbre
  • Perdita di peso
  • Perdita di capelli
  • Ulcere alla bocca
  • affaticabilità
  • Una eruzione di farfalla intorno al naso sugli zigomi
  • Eruzione cutanea su altre parti del corpo
  • Dolore e gonfiore delle articolazioni, dolori muscolari
  • Sensibilità al sole
  • Dolori al petto
  • Mal di testa, vertigini, svenimenti, disturbi della memoria, cambiamenti nel comportamento
  • Macchie bianche sulle aree della pelle esposte alla luce solare, nonché sugli avambracci, nella zona inguinale
  • All'inizio ingrigimento
  • Decolorazione orale

La sindrome da stanchezza cronica e le malattie autoimmuni della fibromialgia?

La sindrome da stanchezza cronica e la fibromialgia non sono malattie autoimmuni. Ma spesso hanno sintomi di malattie autoimmuni, come una costante sensazione di stanchezza e dolore.

  • La sindrome da stanchezza cronica può causare una costante sensazione di affaticamento, compromissione della concentrazione, debolezza, dolore muscolare. I sintomi vanno e vengono. Le cause della sindrome da stanchezza cronica non sono ancora note.
  • La fibromialgia è una malattia in cui il dolore o l'ipersensibilità possono verificarsi in diverse parti del corpo. Questi "punti di sensibilità" si trovano sul collo, sulle spalle, sulla schiena, sulle braccia, sulle gambe e dolorosi quando li si preme. Altri sintomi includono affaticamento, disturbi del sonno, rigidità mattutina. La fibromialgia inizia improvvisamente nelle donne in età fertile. Tuttavia, anche i bambini, le donne anziane e gli uomini a volte si ammalano. Le ragioni non sono chiare.

Come può essere riconosciuta la malattia autoimmune?

La diagnosi è un processo abbastanza lungo e difficile. Sebbene ogni malattia sia unica, ci sono una serie di sintomi simili ad altre malattie. Per il medico fare una diagnosi accurata è un compito piuttosto difficile e dispendioso in termini di tempo. Ma se hai sintomi preoccupanti o allarmanti, dovresti scoprire la loro causa. Non importa se nella prima fase ci sono più domande che risposte.

Puoi seguire i seguenti passi per scoprire la natura dei tuoi sintomi:

  • Scrivi una cronologia completa della famiglia che include tutti i membri della famiglia e mostra al medico.
  • Registrare tutti i sintomi, anche se sembrano insignificanti, e riferire al proprio medico.
  • Prendi un appuntamento con uno specialista che si occupa di malattie caratterizzate dai tuoi sintomi principali. Ad esempio, se si hanno sintomi di malattia infiammatoria intestinale, è necessario visitare un gastroenterologo. Se il medico di famiglia raccomanda un controllo preliminare, assicurati di farlo, questo renderà più facile per uno specialista fare una diagnosi accurata e una prescrizione di trattamento.
  • Ascolta le opinioni di diversi medici. Se il medico ti dice che i tuoi sintomi sono minori, o che tutto è dovuto allo stress, o che sono solo nella tua testa, non sei obbligato ad accettare, contatta un altro medico.

Quali esperti sono impegnati nel trattamento delle malattie autoimmuni?

Può essere problematico per diversi medici trattare diversi sintomi della malattia. Ma gli specialisti, a supporto del tuo medico primario, a volte sono necessari. Se avete intenzione di visitare qualcuno dagli specialisti, assicuratevi di informare il vostro medico su questo e chiedere un estratto dalla storia medica con i risultati dei test. Ecco i principali specialisti che sono impegnati nel trattamento delle malattie autoimmuni:

  • Urologo. Un medico che si occupa di problemi renali, come l'infiammazione nel lupus eritematoso sistemico. I reni purificano il sangue e producono urina.
  • Reumatologo. Un medico che cura l'artrite e altre malattie reumatiche, come. come lo scleroderma e il lupus eritematoso sistemico.
  • Endocrinologo. Un medico che si occupa di problemi ormonali e malattie delle ghiandole ormonali, come il diabete e le malattie della tiroide.
  • Neurologo. Un medico che cura le malattie nervose, come la sclerosi multipla e la miastenia grave.
  • Hematologist. Si tratta di malattie del sangue, ad esempio, varie forme di anemia.
  • Gastroenterologo. Problemi del sistema digerente come la malattia infiammatoria intestinale.
  • Dermatologo. Malattie della pelle, dei capelli e delle unghie, come la psoriasi e il lupus.
  • Il dottore è uno specialista in terapia fisica. Questo medico utilizza vari tipi di attività fisica per aiutare i pazienti con rigidità, debolezza o mobilità limitata.
  • Adaptolog medica. Potrebbe trovare modi per rendere più semplici le tue attività quotidiane, dato il tuo dolore e altri problemi di salute. Questi possono essere nuovi modi di fare business, l'uso di speciali dispositivi di assistenza, suggerimenti per la sistemazione ottimale di casa e posto di lavoro.
  • Phoniatrician. Aiuta le persone con problemi di linguaggio, ad esempio nella sclerosi multipla.
  • Audiologo. Si occupa di problemi di udito, incluso il danno all'orecchio medio causato da malattie autoimmuni.
  • Specialista in formazione professionale. Offre formazione professionale per le persone che non possono svolgere i loro compiti attuali a causa di malattia. Ha una lista di specialità disponibili specificamente per la tua forma di malattia, i tuoi sintomi. Può essere trovato attraverso le agenzie governative.
  • Psicologo. Ti aiuterà a trovare i modi per far fronte alla tua malattia. Puoi lavorare su sentimenti di rabbia, paura, negazione e frustrazione.

Esistono farmaci per il trattamento delle malattie autoimmuni?

Esistono molti tipi di farmaci usati per trattare le malattie autoimmuni. La scelta dipende da quale sia la tua diagnosi, da quanto è grave, da quali sono i tuoi sintomi. Il trattamento può essere il seguente:

  • Alleviare i sintomi Alcune persone possono usare i rimedi OTC per i sintomi lievi, come l'aspirina e l'ibuprofene per il dolore lieve. Altri pazienti con sintomi più gravi possono aver bisogno di farmaci con prescrizione medica per alleviare sintomi quali dolore, gonfiore, depressione, ansia, disturbi del sonno, stanchezza o eruzioni cutanee. Ci sono quelli che hanno mostrato un trattamento chirurgico.
  • Terapia sostitutiva L'introduzione di quelle sostanze che il corpo non può più produrre indipendentemente. Alcune malattie autoimmuni, come il diabete e la malattia della tiroide, possono influenzare la capacità del corpo di produrre le sostanze necessarie. Nel diabete, le iniezioni di insulina sono necessarie per regolare i livelli di zucchero nel sangue. I farmaci specializzati ripristinano il livello degli ormoni tiroidei nelle persone con ipotiroidismo.
  • Inibizione del sistema immunitario. Alcuni farmaci possono sopprimere l'attività del sistema immunitario. Questi farmaci aiutano a controllare il processo della malattia e preservare la funzione dell'organo. Ad esempio, tali farmaci sono utilizzati per controllare l'infiammazione del rene interessato nelle persone con lupus, che consente loro di funzionare al livello adeguato. I farmaci usati per sopprimere l'infiammazione comprendono la chemioterapia a dosi più basse rispetto a quelle per il trattamento del cancro e i farmaci usati nei pazienti sottoposti a trapianto di organi per proteggersi dal rigetto. Una classe di farmaci chiamati anti-TNF blocca l'infiammazione in alcune forme di artrite autoimmune e psoriasi.

La ricerca di nuovi farmaci per il trattamento delle malattie autoimmuni continua costantemente.

Esistono efficaci terapie alternative?

Molte persone ad un certo punto della loro vita provano diversi metodi di medicina alternativa. Alcuni di loro sono prodotti a base di erbe, chiropratica, agopuntura e ipnosi. Se si soffre di una malattia autoimmune, alcuni trattamenti non convenzionali possono ridurre il dolore e la gravità della malattia. È difficile da spiegare. La ricerca nel campo della terapia alternativa non è sufficiente.

Ma tieni presente che alcuni rimedi omeopatici possono causare problemi di salute o, quando interagiscono con i farmaci, provocare un effetto inaspettato. Se vuoi provare questo trattamento, assicurati di discuterne con il tuo medico. Potrà parlarvi dei possibili benefici e rischi.

Se voglio dare alla luce un bambino, la malattia autoimmune mi impedirà?

Le donne con malattie autoimmuni sono in grado di procreare. Ma ci possono essere alcuni rischi per la madre o il bambino, a seconda del tipo e della gravità della malattia. Pertanto, le donne con lupus hanno un aumentato rischio di parto prematuro e di parto prematuro. Le donne incinte con miastenia grave hanno difficoltà a respirare durante la gravidanza. In un certo numero di donne, i sintomi della malattia diminuiscono durante la gravidanza e in alcune donne tendono a peggiorare. Anche durante la gravidanza, è pericoloso prendere alcuni farmaci per il trattamento delle malattie autoimmuni.

Se vuoi avere un bambino, discutine con il tuo medico di famiglia e il ginecologo prima del concepimento. Possono consigliarti di attendere la remissione della malattia o cambiare alcuni farmaci per renderli più sicuri. E poi dovrai registrarti con uno specialista che supervisiona le donne in gravidanza con un rischio maggiore.

Alcune donne hanno problemi a concepire. Non è sempre causato da una malattia autoimmune, spesso causata da ragioni molto diverse. Certi trattamenti dovrebbero aiutare le donne con malattie autoimmuni a rimanere incinte e sopportare il bambino.

Come posso organizzare la mia vita dopo aver diagnosticato una malattia autoimmune?

Sebbene la maggior parte delle malattie autoimmuni non scompaiano completamente, puoi prendere un trattamento sintomatico per controllare la malattia e continuare a goderti la vita! I tuoi obiettivi di vita non dovrebbero cambiare. È molto importante visitare uno specialista per questo tipo di malattia, seguire un piano di trattamento e condurre uno stile di vita sano.

Come affrontare le esacerbazioni (attacchi)?

Le esacerbazioni sono una manifestazione improvvisa e grave dei sintomi. Potresti notare alcuni "fattori scatenanti" - stress, ipotermia, esposizione al sole, che aumentano i sintomi della malattia. Conoscendo questi fattori e seguendo il piano di trattamento, insieme al vostro medico, potete prevenire le riacutizzazioni o ridurre la loro gravità. Se senti un attacco in arrivo, chiama il tuo dottore. Non cercare di gestire te stesso, prendendo il consiglio di amici o parenti.

Cosa fare per sentirsi meglio?

Se hai una malattia autoimmune, segui costantemente alcune semplici regole, fallo ogni giorno e il tuo benessere sarà stabile:

  • La nutrizione deve tenere conto della natura della malattia. Assicurati di mangiare abbastanza frutta, verdura, cereali integrali, latticini a basso contenuto di grassi o magri e proteine ​​vegetali. Limitare i grassi saturi, i grassi trans, il colesterolo, il sale e lo zucchero in eccesso. Se segui i principi della sana alimentazione, riceverai tutte le sostanze necessarie dal cibo.
  • Esercitare regolarmente con un livello medio di sport. Parlate con il vostro medico di quale tipo di attività fisica vi viene mostrata. Un programma di esercizi graduali e miti funziona bene per le persone con dolori muscolari e articolari prolungati. Alcuni tipi di yoga e tai-chi possono aiutare.
  • Riposare abbastanza Il riposo consente il recupero di tessuti e articolazioni. Il sonno è il modo migliore per rilassarsi per il corpo e il cervello. Se non dormi abbastanza, aumentano i livelli di stress e la gravità dei sintomi. Quando sei ben riposato, risolvi efficacemente i tuoi problemi e riduci il rischio di malattie. La maggior parte delle persone ha bisogno di riposare dalle 7 alle 9 ore di sonno ogni giorno.
  • Evita lo stress frequente. Lo stress e l'ansia possono causare esacerbazioni in alcune malattie autoimmuni. Pertanto, è necessario cercare i modi per ottimizzare la vita al fine di far fronte allo stress quotidiano e migliorare la condizione. Meditazione, autoipnosi, visualizzazione, semplici tecniche di rilassamento aiuteranno ad alleviare lo stress, ridurre il dolore, affrontare altri aspetti della tua vita con la malattia. Puoi apprenderlo attraverso tutorial, video clip o con l'aiuto di un istruttore. Unisciti a un gruppo di supporto o parla con uno psicologo, sarai aiutato a ridurre i livelli di stress e gestire la tua malattia.

Malattie autoimmuni

Le malattie autoimmuni sono malattie umane che si manifestano come conseguenza di un'attività troppo elevata del sistema immunitario del corpo rispetto alle proprie cellule. Il sistema immunitario percepisce i suoi tessuti come elementi estranei e inizia a danneggiarli. Tali malattie sono anche comunemente definite sistemiche, dal momento che un certo sistema dell'organismo nel suo insieme è danneggiato, e talvolta l'intero organismo ne risente.

Per i medici moderni, le cause e il meccanismo di manifestazione di tali processi rimangono poco chiari. Pertanto, si ritiene che lo stress, le lesioni, le infezioni di vario tipo e l'ipotermia possano provocare malattie autoimmuni.

Tra le malattie che appartengono a questo gruppo di malattie, va notato l'artrite reumatoide, un numero di malattie autoimmuni della ghiandola tiroidea. Inoltre, il meccanismo autoimmune è lo sviluppo del diabete mellito di tipo I, della sclerosi multipla e del lupus eritematoso sistemico. Ci sono anche alcune sindromi che sono di natura autoimmune.

Cause di malattie autoimmuni

Il sistema immunitario umano matura più intensamente, dalla sua nascita fino all'età di quindici anni. Nel processo di maturazione, le cellule acquisiscono la capacità di riconoscere successivamente alcune proteine ​​di origine straniera, che diventa la base per combattere varie infezioni.

C'è anche una parte di linfociti che percepiscono le proteine ​​del proprio organismo come estranee. Tuttavia, nello stato normale del corpo, il sistema immunitario produce uno stretto controllo su tali cellule, quindi svolgono la funzione di distruggere le cellule malate o difettose.

Ma in certe condizioni nel corpo umano, il controllo su tali cellule può essere perso e, come risultato, iniziano ad agire in modo più attivo, distruggendo cellule normali e a tutti gli effetti. Quindi, si verifica lo sviluppo di una malattia autoimmune.

Ad oggi, non ci sono informazioni esatte sulle cause delle malattie autoimmuni. Tuttavia, la ricerca di specialisti consente di suddividere tutte le cause in interno ed esterno.

Come cause esterne dello sviluppo di malattie di questo tipo, viene determinata l'esposizione di patogeni di malattie infettive all'organismo, così come una serie di effetti fisici (radiazioni, radiazioni ultraviolette, ecc.). Se, a causa di questi motivi, alcuni tessuti sono danneggiati nel corpo, il sistema immunitario a volte percepisce le molecole modificate come elementi estranei. Di conseguenza, attacca l'organo interessato, si sviluppa un processo infiammatorio cronico e i tessuti sono danneggiati ancora di più.

Un'altra causa esterna dello sviluppo delle malattie autoimmuni è lo sviluppo dell'immunità crociata. Questo fenomeno si verifica se l'agente patogeno è simile alle proprie cellule. Di conseguenza, l'immunità umana colpisce sia i microrganismi patogeni che le loro cellule, influenzandoli.

Le mutazioni di natura genetica ereditaria sono determinate come cause interne. Alcune mutazioni possono modificare la struttura antigenica di qualsiasi tessuto o organo. Di conseguenza, i linfociti non possono più riconoscerli come propri. Le malattie autoimmuni di questo tipo sono chiamate organo-specifiche. In questo caso, l'ereditarietà di una particolare malattia si verifica, cioè, di generazione in generazione, un determinato organo o sistema è interessato.

A causa di altre mutazioni, l'equilibrio del sistema immunitario è disturbato, il che non è garantito da un adeguato controllo dei linfociti auto-aggressivi. Se, in tali circostanze, alcuni fattori stimolanti agiscono sul corpo umano, può eventualmente verificarsi una malattia autoimmune organo-specifica che interesserà un certo numero di sistemi e organi.

Ad oggi, non ci sono informazioni precise sul meccanismo dello sviluppo di malattie di questo tipo. Secondo la definizione generale, l'insorgere di malattie autoimmuni provoca una violazione della funzione generale del sistema immunitario o di alcuni dei suoi componenti. Si ritiene che fattori direttamente avversi non possano innescare l'insorgenza di una malattia autoimmune. Tali fattori aumentano solo il rischio di sviluppare malattie in coloro che hanno una tendenza ereditaria a tale patologia.

Le malattie autoimmuni classiche sono raramente diagnosticate nella pratica medica. Le complicazioni autoimmuni di altri disturbi sono molto più comuni. Nel processo di progressione di alcune malattie nei tessuti, la struttura cambia parzialmente, grazie alla quale acquisiscono le proprietà di elementi estranei. In questo caso, le reazioni autoimmuni sono dirette ai tessuti sani. Ad esempio, il verificarsi di reazioni autoimmuni dovute a infarto miocardico, ustioni, malattie virali, lesioni. Accade che il tessuto dell'occhio o del testicolo subisca un attacco autoimmune dovuto all'infiammazione.

A volte un attacco del sistema immunitario viene inviato a tessuti sani a causa del fatto che sono uniti da un antigene straniero. Ciò è possibile, ad esempio, nell'epatite B. virale. Esiste un altro meccanismo per lo sviluppo di reazioni autoimmuni in organi e tessuti sani: lo sviluppo di reazioni allergiche in essi.

La maggior parte delle malattie autoimmuni sono malattie croniche che si sviluppano con esacerbazioni alternate e periodi di remissione. Nella maggior parte dei casi, le malattie autoimmuni croniche provocano gravi cambiamenti negativi nelle funzioni degli organi, che alla fine portano alla disabilità di una persona.

Diagnosi di malattie autoimmuni

Nel processo di diagnosi delle malattie autoimmuni, il punto più importante è la determinazione del fattore immunitario, che provoca danni ai tessuti e agli organi umani. Per la maggior parte delle malattie autoimmuni, tali fattori sono identificati. In ogni caso, vengono utilizzati diversi metodi di ricerca immunologica da laboratorio per determinare il marker richiesto.

Inoltre, nel processo di definizione di una diagnosi, il medico prende necessariamente in considerazione tutte le informazioni sullo sviluppo clinico della malattia, così come i suoi sintomi, che vengono determinati durante l'esame e il colloquio del paziente.

Trattamento di malattie autoimmuni

Oggi, grazie alla costante ricerca di specialisti, il trattamento delle malattie autoimmuni viene portato avanti con successo. Quando prescrive farmaci, il medico tiene conto del fatto che è l'immunità umana il fattore principale che influisce negativamente sugli organi e sui sistemi. Pertanto, la natura della terapia nelle malattie autoimmuni è immunosoppressiva e immunomodulatoria.

I farmaci immunosoppressivi influenzano in modo deprimente il funzionamento del sistema immunitario. Questo gruppo di farmaci comprende citostatici, antimetaboliti, ormoni corticosteroidi, così come alcuni antibiotici, ecc. Dopo aver assunto questi farmaci, la funzione del sistema immunitario è marcatamente inibita e il processo di infiammazione si arresta.

Tuttavia, nel trattamento delle malattie con l'aiuto di questi farmaci è necessario tener conto del fatto che essi provocano il verificarsi di reazioni avverse. Tali farmaci non agiscono localmente: il loro effetto si estende al corpo umano nel suo insieme.

A causa del loro ricevimento, la formazione del sangue può essere inibita, gli organi interni sono colpiti, il corpo diventa più suscettibile alle infezioni. Dopo aver preso alcuni farmaci da questo gruppo, viene inibito il processo di divisione cellulare, che può provocare un'intensa perdita di capelli. Se un paziente viene trattato con farmaci ormonali, la sindrome di Cushing, caratterizzata da ipertensione, obesità e ginecomastia negli uomini, può essere un effetto collaterale. Pertanto, il trattamento con tali farmaci viene effettuato solo dopo che la diagnosi è stata completamente chiarita e sotto la supervisione di un medico esperto.

Lo scopo dell'uso di farmaci immunomodulatori è quello di raggiungere un equilibrio tra i diversi componenti del sistema immunitario. Farmaci di questo tipo sono prescritti nel trattamento degli immunosoppressori come mezzo per prevenire complicanze infettive.

I farmaci immunomodulatori sono farmaci che sono prevalentemente di origine naturale. Tali preparati contengono sostanze biologicamente attive che aiutano a ristabilire l'equilibrio tra diversi tipi di linfociti. Gli immunomodulatori più comunemente usati sono la droga alfetina, così come i farmaci Rhodiola rosea, Echinacea purpurea, estratto di ginseng.

Anche nella complessa terapia delle malattie autoimmuni, vengono utilizzati complessi appositamente sviluppati ed equilibrati di minerali e vitamine.

Ad oggi, è in corso lo sviluppo attivo di metodi fondamentalmente nuovi per il trattamento delle malattie autoimmuni. Uno dei metodi promettenti è la terapia genica - un metodo volto a sostituire il gene difettoso nel corpo. Ma questo metodo di trattamento è solo in fase di sviluppo.

Inoltre, lo sviluppo di farmaci, che sono basati su anticorpi che possono resistere agli attacchi del sistema immunitario, mirano ai loro stessi tessuti.

Malattia della tiroide autoimmune

Oggi, le malattie autoimmuni della ghiandola tiroidea sono divise in due tipi. Nel primo caso, c'è un eccesso di secrezione degli ormoni tiroidei. Questo tipo di malattia è basato. Con un altro tipo di tali malattie, la sintesi ormonale diminuisce. In questo caso, stiamo parlando della malattia di Hashimoto o del mixedema.

Durante il funzionamento della ghiandola tiroidea nel corpo umano, la tiroxina viene sintetizzata. Questo ormone è molto importante per il funzionamento armonioso del corpo nel suo insieme - partecipa a una serie di processi metabolici ed è anche coinvolto nel garantire il normale funzionamento della muscolatura, del cervello e della crescita ossea.

Sono le malattie autoimmuni della ghiandola tiroidea che diventano la causa principale dello sviluppo di ipotiroidismo autoimmune nel corpo.

Tiroidite autoimmune

La tiroidite autoimmune è il tipo più comune di tiroidite. Gli esperti identificano due forme di questa malattia: tiroidite atrofica e tiroidite ipertrofica (il cosiddetto gozzo Hashimoto).

La tiroidite autoimmune è caratterizzata dalla presenza sia di deficit qualitativo che quantitativo di linfociti T. I sintomi della tiroidite autoimmune manifestano l'infiltrazione linfoide del tessuto tiroideo. Questa condizione si manifesta come conseguenza dell'influenza di fattori di natura autoimmune.

La tiroidite autoimmune si sviluppa nelle persone che hanno una tendenza ereditaria alla malattia. Allo stesso tempo, si manifesta sotto l'azione di un numero di fattori esterni. La conseguenza di tali cambiamenti nella ghiandola tiroidea è la successiva insorgenza di ipotiroidismo autoimmune secondario.

Nella forma ipertrofica della malattia, i sintomi della tiroidite autoimmune si manifestano con un ingrossamento generale della ghiandola tiroidea. Questo aumento può essere determinato sia nel processo di palpazione che visivamente. Molto spesso, la diagnosi di pazienti con una patologia simile sarà un gozzo nodulare.

Nella forma atrofica della tiroidite autoimmune, il quadro clinico dell'ipotiroidismo si verifica più spesso. Il risultato finale della tiroidite autoimmune è l'ipotiroidismo autoimmune, in cui non vi sono affatto cellule tiroidee. I sintomi di ipertiroidismo sono dita tremanti, sudorazione intensa, aumento della frequenza cardiaca, aumento della pressione sanguigna. Ma lo sviluppo di ipotiroidismo autoimmune si verifica diversi anni dopo l'insorgenza della tiroidite.

A volte ci sono casi di comparsa di tiroidite senza segni specifici. Ma nella maggior parte dei casi, i primi segni di una tale condizione sono spesso un certo disagio nell'area della tiroide. Nel processo di deglutizione il paziente può costantemente sentire un nodo alla gola, una sensazione di pressione. Durante la palpazione, la ghiandola tiroidea può essere un po 'dolorante.

I sintomi clinici successivi della tiroidite autoimmune nell'uomo si manifestano con l'ingrossamento delle caratteristiche facciali, la bradicardia e l'aspetto del peso in eccesso. Il timbro della voce del paziente cambia, la memoria e il linguaggio diventano meno chiari, nel processo di dispnea da sforzo fisico appare. La condizione della pelle cambia anche: si ispessisce, la pelle secca e un cambiamento nel colore della pelle sono osservati. Le donne notano una violazione del ciclo mestruale, l'infertilità si sviluppa spesso sullo sfondo della tiroidite autoimmune. Nonostante una gamma così ampia di sintomi, è quasi sempre difficile diagnosticarlo. Nel processo di diagnosi, viene spesso utilizzata la palpazione della tiroide, un esame approfondito del collo. È anche importante identificare il livello degli ormoni tiroidei e determinare gli anticorpi nel sangue. quando assolutamente necessario, viene eseguita un'ecografia della ghiandola tiroidea.

Il trattamento della tiroidite autoimmune, di norma, viene effettuato mediante terapia conservativa, che prevede il trattamento di vari disturbi della ghiandola tiroidea. Nei casi particolarmente gravi, il trattamento con tiroide autoimmune viene eseguito chirurgicamente con il metodo della tiroidectomia.

Se un paziente sviluppa ipotiroidismo, il trattamento viene eseguito con l'aiuto della terapia sostitutiva, per la quale vengono utilizzati i preparati tiroidei degli ormoni tiroidei.

Epatite autoimmune

Le ragioni per cui una persona sviluppa l'epatite autoimmune non sono completamente note fino ad oggi. Si ritiene che i processi autoimmuni nel fegato del paziente provochino vari virus, ad esempio virus di diversi gruppi di epatite, citomegalovirus, virus dell'herpes. L'epatite autoimmune colpisce più spesso le ragazze e le giovani donne, negli uomini e nelle donne anziane, la malattia è molto meno comune.

Si ritiene che nel processo di sviluppo in un paziente di epatite autoimmune, la tolleranza immunologica del fegato sia compromessa. Cioè, autoanticorpi si formano nel fegato in alcune parti delle cellule epatiche.

L'epatite autoimmune è progressiva e le recidive della malattia si verificano molto spesso. Un paziente con questa malattia ha un danno al fegato molto grave. I sintomi dell'epatite autoimmune sono l'ittero, l'aumento della temperatura corporea, il dolore al fegato. La comparsa di emorragie sulla pelle. Tali emorragie possono essere sia piccole che piuttosto grandi. Anche nel processo di diagnosi della malattia, i medici scoprono un ingrossamento del fegato e della milza.

Nel processo di progressione della malattia, ci sono anche cambiamenti che influenzano altri organi. Nei pazienti con un aumento dei linfonodi, manifestato dolore alle articolazioni. Successivamente, possono svilupparsi gravi danni alle articolazioni che causano gonfiore dell'articolazione. È anche possibile manifestazione di eruzione cutanea, scleroderma focale, psoriasi. Il paziente può soffrire di dolori muscolari, a volte c'è danno ai reni, al cuore, allo sviluppo di miocardite.

Durante la diagnosi della malattia, viene eseguito un esame del sangue, in cui vi è un aumento degli enzimi epatici, un livello troppo alto di bilirubina, un aumento del campione di timolo, una violazione del contenuto delle frazioni proteiche. L'analisi rivela anche i cambiamenti che sono caratteristici delle infiammazioni. Tuttavia, i marcatori dell'epatite virale non vengono rilevati.

Nel processo di trattamento di questo disturbo vengono utilizzati ormoni corticosteroidi. Nella prima fase della terapia vengono prescritte dosi molto elevate di tali farmaci. Più tardi, per diversi anni, dovrebbero essere assunte dosi di mantenimento di tali farmaci.

Ulteriori Articoli Su Tiroide

L'edema della gola è un restringimento del lume della laringe e della trachea, che è causato dal gonfiore della mucosa. Questo è un processo rapidamente progressivo che può verificarsi a qualsiasi età.

L'aumento degli ormoni potrebbe non essere un indicatore di buona salute, ed è per questo che una deviazione dalla norma può portare all'emergere di varie malattie.

La vitamina D è un composto liposolubile che il corpo umano riceve dal cibo o sintetizza con l'aiuto della luce solare.Il corpo celeste contribuisce alla formazione di una sostanza nella pelle, il cibo penetra nell'intestino e la vitamina D viene assorbita dal flusso sanguigno.