Principale / Ipoplasia

Struttura e funzione della ghiandola pituitaria

Il corpo umano è un sistema armonioso il cui lavoro è regolato da ormoni secreti nel sangue dalle ghiandole endocrine. Le ghiandole stesse sono componenti del sistema endocrino sotto il controllo della ghiandola pituitaria o dell'ipofisi. Nonostante le magre dimensioni che non superano le dimensioni dell'unghia di un bambino, questa ghiandola secerne molti ormoni, regola l'attività dei suoi reparti, costringendoli, così, a produrre i propri ormoni. Pertanto, qualsiasi malfunzionamento della ghiandola pituitaria porta alla rottura delle funzioni degli organi interni, causando gravi malattie.

Qual è la ghiandola pituitaria, dov'è questo organo portale, che influenza ha sugli organi interni nelle donne e negli uomini, a quali ghiandole appartiene la ghiandola pituitaria, e quali sono la sua struttura e le sue funzioni?

Descrizione generale

Tradotto dalla parola latina "pituitaria" significa "appendice". E se guardi il teschio nella sezione, puoi assicurarti che questo organo sia davvero un processo del cervello, che ha una forma arrotondata.

Nell'uomo e negli animali, la ghiandola pituitaria svolge la stessa funzione: produce ormoni che influenzano la crescita e lo sviluppo del corpo, i processi metabolici e la capacità di produrre prole. Questo piccolo processo, essendo l'organo centrale del sistema endocrino, svolge il ruolo di comandante in capo, controllando strettamente il suo lavoro. Ma anche il comandante in capo ha un superiore, che è l'ipotalamo, che produce i suoi ormoni e regola il lavoro della ghiandola pituitaria. Questi due organi sono collegati tra loro dalla gamba dell'appendice cerebrale e interagiscono attraverso il sistema portale. Il sistema portale della ghiandola pituitaria è costituito da diverse reti capillari, attraverso le quali gli ormoni vengono consegnati agli organi bersaglio.

Ubicazione e struttura interna

La ghiandola pituitaria del cervello si trova nella base ossea del cranio, caratteristiche che le hanno dato il nome di "sella turca". L'anatomia e la posizione della sella turca proteggono in modo affidabile dall'influenza esterna della corteccia, al centro della quale vi è un foro attraverso il quale la ghiandola pituitaria si collega all'ipotalamo.

Normalmente, la dimensione della ghiandola pituitaria, come il cervello, per ogni persona può variare.

  • La dimensione trasversale, altrimenti denominata assiale o trasversale, varia da 3 a 5 mm.
  • Dimensione anteroposteriore o sagittale - 5-13 mm;
  • Dimensione superiore bassa o coronale - 6-8 mm.

Il peso della ghiandola pituitaria negli uomini è di circa 0,5 g, mentre nelle donne è leggermente più alto - 0,6 g.

Interessa non solo l'anatomia, ma anche la struttura della ghiandola pituitaria. La ghiandola pituitaria è costituita da due grandi lobi, completamente diversi sia in origine che nella struttura.

  • L'adenoipofisi è il lobo anteriore della ghiandola pituitaria che occupa un'ampia area dell'organo. Il suo peso è circa l'80% della massa totale della ghiandola.
  • La neuroipofisi è il lobo posteriore della ghiandola pituitaria.

Il corpo contiene anche un lobo intermedio o intermedio della ghiandola pituitaria, situato tra due grandi lobi. Visivamente, non è definito affatto e ha la stessa natura di origine della adenoipofisi. Le cellule nel lobo intermedio della ghiandola pituitaria producono l'ormone specifico melanocitotropina.

Ormoni prodotti dalla adenoipofisi

L'adenoipofisi consiste in parti separate che svolgono funzioni endocrine. Tutte le cellule del lobo anteriore sono di un tipo particolare, ognuna delle quali produce un ormone.

  • La parte distale o grande si trova nella parte anteriore della fossa pituitaria.
  • La parte sconnessa è una conseguenza sotto forma di un lenzuolo che circonda il gambo dell'ipofisi.
  • Lobo intermedio della ghiandola pituitaria.

Il lobo anteriore della ghiandola pituitaria si secerne negli ormoni del sangue tropico che agiscono sugli organi bersaglio che fanno parte del sistema endocrino.

  • TSH o ormone stimolante la tiroide, che è responsabile del mantenimento della concentrazione ottimale di ormoni contenenti iodio nel sangue.
  • ACTH o ormone adrenocorticotropo - ha un effetto sulla corteccia surrenale.
  • Ormoni gonadotropici, che includono l'ormone FSH o follicolo-stimolante, LH o ormone luteinizzante. Queste sostanze sono responsabili della funzione riproduttiva nelle donne.
  • L'ormone della crescita o l'ormone della crescita, chiamato ormone della crescita, è responsabile della formazione e della crescita dello scheletro. Promuove l'assimilazione delle proteine ​​da parte del corpo e la ripartizione del grasso corporeo.
  • La prolattina o l'ormone luteotropico assicura la formazione di tessuto ghiandolare e dotti lattiferi durante la gravidanza, oltre a influire su altri processi vitali nel corpo, sia nelle donne che negli uomini.

Ormoni prodotti dalla neuroipofisi

La neuroipofisi o il lobo posteriore dell'ipofisi comprende anche diverse parti.

  • Il lobo nervoso si trova nella parte posteriore della fossa pituitaria.
  • L'imbuto si trova dietro il tumulo della adenoipofisi. Il gambo pituitario è costituito da un imbuto della neuroipofisi e dell'ipotalamo.

Nonostante la presenza sottile del lobo intermedio della ghiandola pituitaria, sono tutti in stretta interazione con l'ipotalamo.

Il lobo posteriore della ghiandola pituitaria o neuroipofisi produce i seguenti ormoni:

Fasi di sviluppo e funzione della ghiandola pituitaria

Lo sviluppo della ghiandola pituitaria inizia nell'embrione all'età di 4-5 settimane. In primo luogo, si forma l'adenoipofisi, il materiale da costruzione per cui si trova l'epitelio, che si trova nella cavità orale. Nella fase iniziale della formazione, l'adenoipofisi è una ghiandola della secrezione esterna. Man mano che l'embrione si sviluppa, si trasforma in una ghiandola endocrina a tutti gli effetti, e dopo la nascita di un bambino, ogni anno fino all'età di 16 anni continua ad aumentare.

La neuroipofisi si forma un po 'più tardi dal tessuto cerebrale. Nonostante un'origine completamente diversa, i futuri lobi dell'ipofisi, entrando in contatto, iniziano a svolgere una singola funzione e vengono regolati dall'ipotalamo.

Avendo capito cos'è la ghiandola pituitaria, devi capire di cosa sia responsabile la ghiandola pituitaria e quali sono le sue funzioni. Come accennato in precedenza, la funzione della ghiandola pituitaria è quella di produrre ormoni. Una caratteristica degli ormoni tropici è l'azione sul principio del feedback. Quando una ghiandola endocrina, controllata dalla ghiandola pituitaria, non affronta il suo lavoro, inizia a produrre una piccola quantità di ormoni, l'organismo di controllo si affretta ad aiutare e inizia a rilasciare l'ormone di segnalazione nel sangue, stimolando la ghiandola. Quando il livello dell'ormone nel sangue aumenta, la produzione dell'ormone segnale rallenta.

Patologia della ghiandola pituitaria

Fino a 16 anni, la massa e le dimensioni dell'estensione cerebrale aumentano. L'aumento della dimensione verticale della ghiandola pituitaria si verifica nelle donne non solo prima dei 16 anni, ma anche durante la gravidanza, nonché a seguito di varie patologie. I più comuni sono i fattori in base ai quali l'anatomia e la fornitura di sangue alla ghiandola pituitaria sono interrotte.

La ghiandola pituitaria è un ferro che si adatta automaticamente ai bisogni della persona. Ad esempio, durante la gravidanza, la ghiandola pituitaria viene attivata e inizia a produrre prolattina, che è necessaria per il processo di allattamento, in una modalità avanzata. Tuttavia, la concentrazione di prolattina nelle ragazze è aumentata fino a 16 anni. E per migliorare la produzione di ormoni, deve aumentare di dimensioni.

Tuttavia, in questo caso viene considerato il fattore naturale. In alcuni casi, un aumento dell'appendice cerebrale si verifica a causa di adenoma o formazione cistica. La ghiandola pituitaria è posizionata in modo tale che qualsiasi neoplasia eserciti pressione su di essa, causando alterazioni della vista e alterazione della funzionalità degli organi interni.

Va notato che il neurohituitary, di regola, non subisce alcun cambiamento. E la causa più comune dell'aumento della ghiandola pituitaria e l'interruzione del suo normale funzionamento è un adenoma che si sviluppa nella adenoipofisi. L'adenoma è un tumore benigno che può essere localizzato sia nel processo cerebrale stesso che nell'ipotalamo. Che contribuisca allo sviluppo degli ormoni in eccesso. Quali malattie portano allo sviluppo di una tale neoplasia?

Elenco di patologie

  • L'acromegalia colpisce gli adulti. E si sviluppa sotto l'influenza di un'eccessiva concentrazione di ormone della crescita. È caratterizzato dalla proliferazione dei tessuti molli, che causa l'espansione e l'ispessimento dei piedi, delle mani, della parte facciale del cranio e di altre parti del corpo.
  • La malattia di Itsenko-Cushing è causata dall'eccessiva produzione di ormoni surrenali. Si manifesta sotto forma di depositi di grasso nella parte superiore del corpo. Gli arti restano sottili.
  • Il diabete insipido si manifesta con poliuria, una malattia in cui una persona produce fino a 15 litri di urina al giorno.
  • La sindrome di Sheehan si sviluppa nelle donne in caso di parto grave, in cui vi è una significativa perdita di sangue. Questo fattore porta all'interruzione dell'afflusso di sangue nella ghiandola pituitaria, causando la sua diminuzione e la mancanza di ossigeno.
  • Nanismo nano o pituitario si sviluppa fino a 16 anni a causa della produzione insufficiente di ormone della crescita.
  • L'ipotiroidismo ipofisario si manifesta nei casi in cui le cellule del recettore della tiroide diventano insensibili all'ormone segnale prodotto nell'appendice cerebrale.
  • L'ipogonadismo ipofisario è caratterizzato da un aumento della produzione di ormoni gonadotropici.
  • L'iperprolattinemia si manifesta in una maggiore concentrazione di prolattina nel sangue, che porta a una violazione del sistema riproduttivo e alla disfunzione di altri organi, sia nelle donne che negli uomini.
  • L'ipertiroidismo ipofisario è una malattia in cui vi è un'aumentata produzione di ormoni stimolanti la tiroide, sia della tiroide che delle ghiandole pituitarie.
  • Il gigantismo si sviluppa a causa dell'eccessivo rilascio dell'ormone della crescita da parte della ghiandola pituitaria e della chiusura tardiva delle zone di crescita dell'ipofisi.

Con una piccola dimensione del tumore, viene trattato con preparazioni mediche che sopprimono la sintesi di uno o un altro ormone. Se il tumore cresce di dimensioni, peggiorando la qualità della vita umana, o la terapia ormonale è inefficace, eseguire un'operazione per rimuoverlo.

Scansione MRI della ghiandola pituitaria

Breve descrizione della procedura

Durata: 30-60 minuti
La necessità di usare una sostanza contrastante: prescritta da un medico
La necessità di prepararsi allo studio: no
La presenza di controindicazioni: sì
Restrizioni: ci sono
Tempo di preparare un parere: fino a 1 ora
Bambini: più di 7 anni

La ghiandola pituitaria è considerata un centro peculiare per la produzione di ormoni che influenzano il peso, l'altezza, la vista, la fertilità e il benessere. Il fallimento nel sistema ipotalamo-ipofisario può portare all'emergere di varie malattie e condizioni patologiche del corpo. La migliore misura diagnostica in questi casi è la risonanza magnetica, che consente un esame dettagliato della ghiandola pituitaria e del tessuto circostante. Utilizzando tale sondaggio, non solo puoi diagnosticare una malattia, ma anche capire le cause dello squilibrio ormonale.

Per una diagnosi accurata, è necessario effettuare un'analisi dettagliata della risonanza magnetica della ghiandola pituitaria sulla base delle immagini. Le immagini ottenute durante il processo di scansione visualizzano la struttura, la localizzazione, le dimensioni e i contorni della ghiandola pituitaria e dei tessuti circostanti della sella turca. Secondo la risonanza magnetica, un medico può esaminare in dettaglio quasi tutte le neoplasie in una fase precoce, determinare la causa principale dei disturbi endocrini e valutare l'effetto dei cambiamenti patologici sui tessuti circostanti e sui nervi ottici.

La risonanza magnetica dell'ipofisi ha un grande valore diagnostico, poiché le immagini della ghiandola di alta qualità consentono di stabilire rapidamente la diagnosi corretta, evitare la puntura durante l'esame dei tumori e anche valutare le dinamiche del trattamento dopo l'intervento chirurgico e la terapia farmacologica. Per la diagnostica di alta precisione, è importante la corretta decodifica della risonanza magnetica della ghiandola pituitaria.

Che aspetto ha la ghiandola pituitaria nel suo stato normale?

Analizzando il risultato della risonanza magnetica della ghiandola pituitaria, il medico valuta le condizioni dell'organo in base a cinque indicatori principali: dimensioni, posizione, forma, densità dei tessuti, contorni. Nello stato normale, i dati della ghiandola pituitaria corrispondono ai seguenti valori:

  1. Forma e posizione Nello stato normale, la ghiandola pituitaria ha una forma a forma di fagiolo e si trova nella parte centrale della sella turca. Il bordo superiore della ghiandola è raddrizzato o concavo, e durante la gravidanza e la pubertà, questa parte della ghiandola pituitaria può essere convessa. Il bordo inferiore ripete i contorni della sella turca. La forma della ghiandola sul piano frontale è vicino al rettangolo, e nel sagittale - ellissoide. L'imbuto della ghiandola pituitaria si trova rigorosamente nella linea mediana.
  2. Dimensioni. In media, la dimensione della ghiandola pituitaria coincide con la dimensione della sella turca e ha un diametro di circa 14 mm, fino a 11 mm nel lobo antero-posteriore e fino a 8 mm di altezza lungo il piano linguale-linguale. Durante la gravidanza, l'altezza della ghiandola pituitaria può aumentare fino a 12 mm, che è la norma. Il peso della ghiandola è in media 0,5-0,6 ge non supera 1 g Normalmente, non ci dovrebbero essere aree di restringimento limitato nelle immagini, la forma della ghiandola dovrebbe essere simmetrica.
  3. Contorni. Con il normale funzionamento, le ghiandole nelle immagini MRI mostrano bordi chiari e uniformi delle pareti e del fondo della ghiandola pituitaria.
  4. Densità. Normalmente, il tessuto ipofisario è omogeneo, la sua densità non cambierà prima o dopo l'introduzione di un potenziatore del contrasto. Le immagini MRI non sono aree visibili di alta o bassa densità.

Nel valutare le funzioni della ghiandola pituitaria, il medico prende in considerazione anche lo stato dei tessuti e delle strutture circostanti. Normalmente, le immagini devono tracciare chiaramente il seno dell'osso sfenoide e le parti adiacenti del cervello.

Malattie dell'ipofisi RM

La risonanza magnetica della ghiandola pituitaria può rilevare segni di tumore e malattie non tumorali dell'organo. Se l'immagine mostra la deformazione della sella turca, il gonfiore e l'asimmetria dei contorni, la struttura eterogenea o lo spostamento dell'imbuto ipofisario, il medico può sospettare la presenza di un tumore.

La stragrande maggioranza di tutte le malattie tumorali della ghiandola pituitaria sono adenomi. Questa neoplasia benigna si trova nel lobo anteriore della ghiandola. Ci sono microadenomi (fino a 10 mm) e macroadenomi (da 10 mm).

Le apparecchiature per la risonanza magnetica consentono non solo di determinare la dimensione e la localizzazione dei tumori, ma anche di valutarne la natura. La malignità dell'adenoma può essere sospettata dalla sua forma irregolare, dalla struttura eterogenea e dai confini sfocati.

Le immagini MRI mostrano chiaramente anche il diradamento delle lesioni ipofisarie e infiammatorie del sistema ipotalamico-ipofisario. Il medico può rilevare la diffusione della ghiandola pituitaria lungo il fondo della sella turca e l'insufficienza del suo diaframma. Tali sintomi indicano una sella turca vuota.

La presenza di lesioni del tumore e natura infiammatoria è spesso diagnosticata con diabete insipido. Tali deviazioni insieme ad un segnale intenso della neuroipofisi possono indicare il diabete insipido idiopatico.

Con l'aiuto delle immagini MRI, un medico può rilevare l'ectopia della neuroipofisi, l'ipoplasia della adenoipofisi e l'ipoplasia della radice della ghiandola pituitaria. Tutte queste anomalie spesso indicano il fallimento della GHT.

Conclusione della risonanza magnetica dell'ipofisi e delle azioni del paziente

Di norma, il radiologo prepara una risonanza magnetica della ghiandola pituitaria entro un'ora dopo l'esame, tuttavia, in casi difficili, potrebbe essere necessario un giorno per ottenere i risultati.

La conclusione contiene una descrizione dettagliata della struttura, delle dimensioni, della forma, della densità e della localizzazione della ghiandola e dei suoi tessuti circostanti. Sulla base dell'analisi delle immagini, sono indicati i segni di risonanza magnetica di eventuali malattie o l'assenza di alterazioni patologiche.

È importante che il paziente capisca che solo il medico curante può fare una diagnosi accurata. Pertanto, dopo aver ricevuto la conclusione di una risonanza magnetica, è necessario consultare immediatamente uno specialista.

Risonanza magnetica dell'ipofisi con o senza contrasto: indicazioni, controindicazioni, metodi di

La risonanza magnetica (MRI) è un metodo altamente informativo di diagnosi delle radiazioni, che consente di rilevare anche minimi cambiamenti nei tessuti del sistema ipotalamico-ipofisario e individuare esattamente dove si trovano. Lo studio non richiede alcuna preparazione seria per questo e, di regola, è ben tollerato dai pazienti.

Dal nostro articolo scoprirai a chi viene mostrata una risonanza magnetica della ghiandola pituitaria, nei casi in cui non è consigliabile eseguirla e familiarizzare con la metodologia di questa procedura diagnostica.

Vantaggi del metodo

La ghiandola pituitaria è un'appendice del cervello, che ha una forma arrotondata e si trova nella tasca dell'osso - la sella turca. Questo è l'organo centrale del sistema endocrino, produce ormoni che regolano il lavoro di tutto l'organismo. Le sue dimensioni sono molto individuali, ma in ogni caso, possiamo dire che questa ghiandola è piccola (in lunghezza raggiunge 5-13 mm, in larghezza - 3-5 mm, e la sua altezza - 6-8 mm).

Le neoplasie che possono verificarsi nella ghiandola pituitaria sono spesso caratterizzate da dimensioni ancora più piccole. Tuttavia, diagnosticarli è estremamente importante.

Nessuna manipolazione diagnostica potrà far fronte a tale compito, perché per valutare i cambiamenti nelle singole parti dell'ipofisi, è necessario ottenere le sue immagini della massima risoluzione possibile e dello spessore minimo possibile. Idealmente, lo spessore della fetta dovrebbe essere solo 2-3 mm.

Alcuni tomografi a risonanza magnetica possono fornire un'alta tensione del campo magnetico, fornendo una qualità dell'immagine perfetta con uno spessore minimo della sezione. Altri metodi diagnostici (radiografia, tomografia computerizzata) non possono competere con la RM a questo riguardo.

Inoltre, la risonanza magnetica fornisce un'immagine esclusivamente delle strutture della ghiandola pituitaria e dei tessuti che la circondano, e quando vengono effettuati altri studi, strutture ossee o altre che interferiscono con la diagnosi di educazione sono stratificate su queste strutture - questo riduce il contenuto informativo dello studio.

Separatamente, vogliamo notare che la RM del cervello e la risonanza magnetica della ghiandola pituitaria non sono lo stesso studio. Poiché quest'ultimo richiede la diagnosi mirata di un'area specifica del cervello, è inappropriato condurlo come parte di un altro studio, le informazioni ottenute in questo caso saranno incomplete. Se vi è il sospetto che il processo patologico sia localizzato precisamente nella regione dell'ipotalamo pituitario, il metodo diagnostico necessario in tale situazione è solo la risonanza magnetica della ghiandola pituitaria.

testimonianza

Questo metodo di ricerca viene mostrato ai pazienti che mostrano segni di malattia endocrina, probabilmente associati a un processo patologico di natura tumorale o non tumorale nel sistema ipotalamo-ipofisario. Consente di rilevare un tumore, determinarne le dimensioni (4-5 mm e oltre), la forma, la struttura e le relazioni con i tessuti e le strutture anatomiche situate nelle vicinanze.

Quindi, le indicazioni per la risonanza magnetica della ghiandola pituitaria sono:

  • mal di testa di natura oscura;
  • disturbi della funzione visiva, disturbi oculomotori di natura oscura;
  • disordini metabolici nel corpo (comprese le fluttuazioni del peso corporeo senza alcuna ragione apparente);
  • nelle donne, disfunzione mestruale;
  • negli uomini, disfunzione erettile;
  • segni della sindrome di Itsenko-Cushing, acromegalia o altri disturbi ormonali;
  • rilevazione in laboratorio delle variazioni della concentrazione ematica degli ormoni ipofisari (tireotropina, prolattina, somatotropina e altri).

Controindicazioni

Di solito sono divisi in assoluto (in presenza della loro risonanza magnetica è controindicato categoricamente) e relativo (la risonanza magnetica in tali condizioni è associata allo sviluppo di difficoltà e complicanze, il medico, utilizzando un approccio individuale, determina se condurre lo studio a tale paziente o meno).

Controindicazioni assolute 2:

  • il paziente ha un pacemaker (pacemaker artificiale) - il campo magnetico durante lo studio può causare malfunzionamenti nel funzionamento di questo dispositivo, che è in pericolo di vita;
  • protesi metalliche, schegge e qualsiasi altro oggetto metallico nel corpo del paziente (impianti cocleari, alcuni tipi di clip e stent su vasi, valvole cardiache artificiali, endoprotesi articolari, staffe chirurgiche, piastre, viti o spilli, ecc.).

I denti metallici non sono sempre controindicati.

Le controindicazioni relative sono le seguenti:

  • i primi 2 trimestri di gravidanza (non ci sono prove dell'effetto negativo della risonanza magnetica sul corpo del feto) - questo studio è stato utilizzato per più di 30 anni, anche nelle donne in gravidanza, non sono stati trovati effetti collaterali per tutto questo tempo, tuttavia non è noto come un campo magnetico può influire sul feto, quindi questa categoria di pazienti con risonanza magnetica viene eseguita solo in base a indicazioni rigorose, quando la mancanza della diagnosi di una madre può essere più pericolosa dell'effetto negativo del campo magnetico sul feto in crescita);
  • claustrofobia (paura dello spazio ristretto); ai pazienti affetti da questa patologia si consiglia di assumere sedativi prima dello studio o, se possibile, diagnosticare con un dispositivo di tipo aperto;
  • epilessia;
  • condizione estremamente grave del paziente;
  • l'incapacità del paziente di mantenere l'immobilità durante lo studio (per ottenere l'immobilità, gli si può dare l'anestesia);
  • allergia a un agente di contrasto (se necessario, una risonanza magnetica con contrasto);
  • insufficienza renale grave - ancora, questo riguarda la risonanza magnetica con contrasto.

Con o senza contrasto?

A un paziente può essere assegnata una risonanza magnetica semplice della ghiandola pituitaria o uno studio utilizzando il contrasto. Utilizzare agenti di contrasto paramagnetici. Sono somministrati per via endovenosa, immediatamente prima dello studio. La dose viene calcolata individualmente in base al peso corporeo del paziente.

I contrasti contenenti iodio per la risonanza magnetica non si applicano. Se un paziente soffre di malattia renale cronica, dovrà sottoporsi a una serie di test prima di condurre lo studio (per determinare quanto velocemente i reni rimuovono il contrasto dal corpo).

Che tipo di risonanza magnetica - con o senza contrasto - è necessaria per un determinato paziente, lo stesso medico determina. La risonanza magnetica con aumento del contrasto è più spesso utilizzata poiché questo studio consente di determinare in modo affidabile i contorni di una grande formazione, la sua struttura, la natura della relazione con i tessuti situati nelle vicinanze. Al contrario, sarà possibile verificare più accuratamente la presenza di microadenomi.

Metodologia di ricerca

Non è richiesta una preparazione speciale per la risonanza magnetica della ghiandola pituitaria. L'unica cosa nel caso dello studio pianificato in contrasto con il paziente è raccomandata di non mangiare 5-6 ore prima di lui, cioè la procedura deve essere eseguita a stomaco vuoto, e idealmente - a stomaco vuoto. Ciò è necessario al fine di minimizzare gli effetti collaterali sotto forma di nausea e vomito e, in caso di complicanze, il medico non avrà bisogno di sciacquare lo stomaco del paziente prima di altre procedure di emergenza.

Inoltre, prima che inizi la procedura, la dose richiesta di un agente di contrasto o sedativi viene iniettata nella vena del paziente.

Prima di entrare in ufficio, il paziente deve rimuovere tutti gli oggetti metallici (gioielli, inclusi piercing, vestiti con bottoni e così via). Poiché l'oggetto di studio (la ghiandola pituitaria) si trova nell'area del cranio, i vestiti senza elementi metallici non dovrebbero essere rimossi.

Durante la scansione il paziente è in posizione supina. Per garantire la massima immobilità, la sua testa è fissata con una speciale chiusura: questo ti permetterà di ottenere un'immagine chiara e di alta qualità dei tagli. Successivamente, la tabella con il paziente entra nel tomografo fino a quando la sua cornice si trova al livello dell'area di studio.

Durante il funzionamento, lo scanner è in uno studio. L'operatore controlla il processo dalla stanza successiva, seduto al monitor e può comunicare con il paziente sul vivavoce. Se un bambino passa una risonanza magnetica, di norma, qualcuno della sua famiglia è in ufficio (loro, come il paziente, lasciano tutti gli oggetti di metallo davanti alla stanza con il tomografo).

Lo studio dura in media da 30 a 60 minuti. Dipende dal numero di fette richiesto, dal modello del dispositivo e anche dal fatto che il miglioramento del contrasto sia usato o meno.

Qual è il prossimo?

Il computer con l'aiuto del programma speciale precedentemente installato elabora i segnali ricevuti dal tomografo e genera un certo numero di immagini (in base al numero di sezioni). Possono avere spessori diversi e possono essere ottenuti a diversi angoli (il carattere dei tagli è guidato dal radiologo durante la scansione MRI). Quando le immagini sono formate, il medico valuta le modifiche patologiche su di esse direttamente dal monitor, e stampa anche la foto e / o le scrive su disco, e quindi la trasmette al paziente o al suo medico.

Un periodo di riposo dopo una risonanza magnetica non è richiesto - una persona può immediatamente impegnarsi in attività quotidiane, guidare una macchina e mangiare ciò che ritiene opportuno.

Alle donne durante l'allattamento non è raccomandato l'allattamento al seno per 24-48 ore dopo la somministrazione di un agente di contrasto.

I sentimenti del paziente durante lo studio

L'imaging a risonanza magnetica della ghiandola pituitaria senza contrasto, di regola, non è accompagnato da nessuna sensazione sgradevole al paziente. Separatamente, abbiamo già parlato di persone con claustrofobia - la loro procedura in un apparato chiuso può scatenare un attacco di panico.

La risonanza magnetica con aumento del contrasto in alcuni pazienti causa disagio nel corpo e l'aspetto del gusto del metallo in bocca dopo l'iniezione endovenosa. Inoltre, in alcuni casi, reagiscono per contrastare nausea, vomito o reazione allergica sotto forma di prurito, eritema (orticaria) e così via. Di regola, tali stati passano da soli o vengono eliminati con l'introduzione di farmaci speciali.

Risonanza magnetica della ghiandola pituitaria: normalità e patologia

Normalmente, su un taglio realizzato sul piano frontale (come se il dispositivo "guardasse" il paziente direttamente sul viso), la forma della ghiandola pituitaria assomiglia a un rettangolo. Il suo contorno inferiore ha la forma di una sella turca, e quella superiore è concava, orizzontale o convessa. Le dimensioni dell'antero-posteriore e destra-sinistra dell'organo corrispondono a quelle della sella turca stessa, mentre quella verticale varia tra 4-8 cm e varia a seconda delle malattie. Negli adolescenti, la dimensione verticale può superare i valori di cui sopra - aumentare a 9-10 mm, e nelle donne alla fine della gravidanza e nel periodo post-partum - aumentare a 10-12 mm.

Sulla sezione frontale, la ghiandola pituitaria è generalmente simmetrica (una leggera asimmetria è più probabile una variante della norma rispetto a un segno di patologia). L'imbuto dell'organo si trova lungo la linea mediana, tuttavia una piccola deviazione da esso in assenza di cambiamenti strutturali nell'ipofisi e altri cambiamenti patologici nell'area della ghiandola viene considerata dagli specialisti come normale.

Sindrome della sella turca vuota su una risonanza magnetica

Con questa patologia, le immagini ottenute con la risonanza magnetica mostrano un'ipofisi che si assottiglia e si sviluppa lungo il fondo della sella turca. Allo stesso tempo, il serbatoio del chiasma ottico si incurva (scientificamente - prolabirovat) nella cavità della formazione ossea. Nei tomogrammi eseguiti nella direzione antero-posteriore, la ghiandola assomiglia a una falce, il cui spessore non supera i 2-3 mm.

Tumori della sella turca e chiasma ottico nelle immagini MRI

Nell'area della ghiandola pituitaria hanno rivelato tumori, di dimensioni variabili:

  • fino a 10 mm di diametro - microadenoma;
  • 10-30 mm di diametro - macroadenoma; un tumore di meno di 10 cm può anche portare questo nome, ma a condizione che si diffonda oltre la sella;
  • il mesoadenoma è un tipo di macroadenoma con una dimensione di 10-22 mm, situato nella regione della sella turca, che non va oltre i suoi limiti;
  • oltre 30 mm - adenoma gigante.

Oltre all'adenoma nella regione chiasmatico-sellare, possono essere diagnosticati meningiomi, craniofaringiomi, germinomi e alcuni altri tipi di tumori caratterizzati da un numero di segni sul tomogramma.

La neoplasia ipofisaria può essere localizzata nella sella turca, crescere nei seni cavernosi, nei ventricoli del cervello, nel seno dell'osso principale, nella cisterna a ponte, nei passaggi nasali. Tutto questo sulle immagini della risonanza magnetica, ovviamente, sarà evidente.

I segni indiretti di un tumore pituitario sono:

  • eterogeneità della struttura della ghiandola in qualsiasi posto (cioè, non diffusa, ma focale);
  • la sua asimmetria;
  • imbuto offset dalla linea mediana;
  • deformazione del fondo della sella turca.

Sulla base di questi soli dati, è impossibile fare una diagnosi, devono essere considerati insieme al quadro clinico e ai risultati di un esame dinamico.

RM di un paziente affetto da diabete mellito

Come sapete, la causa di questa patologia è una carenza dell'ormone vasopressina, che è normalmente prodotto dalle cellule dell'ipotalamo, da lì entra nella ghiandola pituitaria, e da lì - nel sangue. Il processo infiammatorio nella regione del sistema ipotalamo-ipofisario o del suo tumore può causare una carenza di ormone. I segni di entrambe le patologie saranno visibili sul tomogramma.

Nel diabete insipido idiopatico (la cui natura non è chiara), la risonanza magnetica rivelerà che il segnale iperintenso dalla neuroipofisi (il lobo posteriore di questa ghiandola) è su T1-VI manca.

Errore STG sulla risonanza magnetica

Quando un ormone somatotropo è carente, uno o più dei seguenti sintomi saranno rilevati su un tomogramma:

  • la triade caratteristica è l'ectopia (la posizione delle cellule in un luogo atipico) della neuroipofisi, ipoplasia (sottosviluppo) dell'adenoipofisi (cioè il suo lobo anteriore), ipoplasia o aplasia (assenza congenita) del tronco ipofisario (il sintomo si verifica nel 40% dei casi di patologia);
  • ipoplasia dell'ipofisi (diagnosticata in quasi un terzo dei pazienti);
  • segni di sindrome della sella turca vuota (descritta sopra, rilevata in ogni quinto paziente).

Nel 10% dei pazienti non ci sono cambiamenti patologici nell'area pituitaria.

conclusione

L'imaging a risonanza magnetica della ghiandola pituitaria è il metodo più informativo nella diagnosi delle malattie di questa ghiandola. Permette di rilevare tumori di dimensioni minime - a partire da 4-5 mm, per determinare con precisione la loro localizzazione, la chiarezza dei confini, la relazione con i tessuti circostanti. Può essere eseguito con o senza miglioramento del contrasto. Praticamente non ha controindicazioni, non richiede una preparazione speciale per lo studio, non è accompagnato da disagio durante la procedura. È caratterizzato da un minimo di effetti collaterali.

Il prezzo di questo studio è piuttosto alto - oggi nelle cliniche russe varia tra 4-6 mila rubli. Tuttavia, effettuato in modo tempestivo, ti permetterà di stabilire la diagnosi corretta, che è la chiave per il successo di ulteriori trattamenti.

Quale dottore contattare

Al fine di sottoporsi a risonanza magnetica della ghiandola pituitaria, il paziente ha bisogno di un medico di riferimento. Può essere ottenuto da un endocrinologo, un neurologo o un neurochirurgo. Un oftalmologo può anche dirigere una risonanza magnetica, sospettando la patologia delle vie visive causate da un tumore pituitario. Interpreta i risultati della radioterapia del dottore MRI. La qualità della conclusione dipende in gran parte dalle sue qualifiche. Pertanto, è necessario fare ricerca in cliniche consolidate.

Lo specialista della Doctor Clinic di Mosca parla della risonanza magnetica dell'ipofisi e della sella turca:

Qual è la ghiandola pituitaria del cervello? La sua dimensione e funzione

La ghiandola pituitaria del cervello, o ipofisi in latino, è un'appendice cerebrale inferiore non appaiata, una ghiandola endocrina arrotondata, che si trova sulla superficie inferiore del cervello in una speciale tasca d'osso chiamata "sella turca". Questa ghiandola è "responsabile" della produzione di ormoni specifici che hanno un effetto significativo sulla crescita umana, sulla funzione riproduttiva e sul metabolismo. Questa è la ghiandola centrale del sistema endocrino, è associata all'ipotalamo, lavora a stretto contatto con esso.

Dimensioni della ghiandola pituitaria (velocità approssimativa)

La dimensione della ghiandola pituitaria è estremamente piccola - 1 * 1,3 * 0,6 cm, la massa - solo mezzo grammo. Tuttavia, con il cambiamento dello stato funzionale della ghiandola pituitaria, la sua massa e le sue dimensioni possono cambiare di conseguenza.

Qual è la ghiandola pituitaria del cervello?

La ghiandola pituitaria consiste di due segmenti principali - anteriore e posteriore, o adenoipofisi e neuroipofisi, rispettivamente. Il lobo anteriore è il 70-80% in peso della ghiandola pituitaria. L'adenoipofisi consiste di 3 parti: anteriore o distale, che si trova nella fossa ipofisaria della sella turca; quello intermedio, che confina direttamente con la neuroipofisi e la parte collinosa, sale e si unisce all'imbuto dell'ipotalamo. La neuroipofisi comprende anche 3 parti: la principale, o nervosa, situata nella metà posteriore della fossa pituitaria della sella turca.

I due lobi della ghiandola pituitaria hanno un'origine, una struttura, una funzione, un'erogazione di sangue indipendente e una connessione morfofunzionale con l'ipotalamo.

Nella quarta quinta settimana dello sviluppo dell'embrione, viene posta la ghiandola pituitaria.

L'apporto di sangue alla ghiandola pituitaria è fornito da due arterie pituitarie - rami dell'arteria carotide. Questi rami si anastomizzano l'uno con l'altro, con le arterie inferiori che forniscono principalmente il lobo posteriore della ghiandola pituitaria con il sangue. Il deflusso venoso va agli seni speciali della dura madre.

Il plesso dell'arteria carotide interna conferisce alla ghiandola pituitaria innervazione simpatica. Inoltre, un numero significativo di processi di cellule neurosecretori dell'ipotalamo penetrano nel suo lobo posteriore.

Non è esagerato chiamare la ghiandola pituitaria la ghiandola principale del nostro corpo. Secrezione degli ormoni e influenza ancora il modo in cui le altre ghiandole producono ormoni - le controlla.

Funzione ipofisaria nel corpo

Uno dei lobi dell'ipofisi produce l'ormone antidiuretico (ADH), l'ossitocina e diverse sostanze, le neurofisine, le cui funzioni non sono chiare nemmeno agli scienziati. Sotto il controllo dell'ADH c'è, l'equilibrio del fluido nel corpo umano - colpisce i tubuli dei reni, che ritardano o viceversa, secernono fluido.

I reni possono assorbire una certa quantità di acqua dalle urine nel momento in cui lascia il tubulo - la sua quantità dipende dalle esigenze del corpo. Quando la ghiandola pituitaria secerne l'ADH nel sangue, i reni trattengono l'acqua, e quando l'ormone non scorre, il corpo rimuove grandi quantità di acqua dal fluido secreto.

L'ormone ossitocina è responsabile della contrazione uterina - l'inizio del travaglio. È anche importante nel processo di comparsa del latte per nutrire il bambino. Negli uomini si ritiene che l'ossitocina sia associata allo sviluppo del corpo.

Il lobo anteriore della ghiandola pituitaria produce ormoni, alcuni dei quali controllano altre importanti ghiandole: la tiroide, le ghiandole surrenali, le ghiandole sessuali nelle donne e negli uomini.

L'ormone stimolante la tiroide aumenta la ghiandola tiroidea e l'ormone adrenocorticotropo - ACTH - controlla la corteccia o la parte esterna delle ghiandole surrenali. Il livello generale dell'ormone tiroideo e del cortisone surrenale è mantenuto da una combinazione di feedback negativo alla ghiandola pituitaria e segnali aggiuntivi che passano dall'ipotalamo (quando una persona è eccitata, eccitata, eccitata o viceversa, molto felice).

La prolattina è un ormone prodotto dalla ghiandola pituitaria anteriore. Colpisce direttamente i tessuti, senza stimolare l'altra ghiandola. Il ruolo di questo ormone per le donne è più importante che per gli uomini, e il ruolo della prolattina per il corpo maschile è ora completamente sconosciuto. È certo che solo un eccesso di questo ormone può essere dannoso.

La prolattina stimola la formazione di latte nel corpo di una donna. Se viene rilasciato in quantità maggiori del normale, rallenterà l'ovulazione e il ciclo mestruale. Ecco perché le donne che allattano, di regola, non possono rimanere incinte. Tuttavia, se qualcuno pensa che l'allattamento al seno sia al 100% protettivo di una donna contro una gravidanza indesiderata, si sbaglia. È meglio non fare affidamento sulla produzione di prolattina!

Il lobo anteriore dell'ipofisi secerne anche l'ormone della crescita, che è responsabile della normale crescita, come suggerisce il nome. L'ormone è particolarmente importante nell'adolescenza e nell'infanzia. Tuttavia, in età avanzata, continua a svolgere il suo ruolo - l'ormone della crescita determina come i tessuti del nostro corpo useranno i carboidrati.

I disturbi nella ghiandola pituitaria sono carichi di varie malattie: acromegalia, malattia di Itsenko-Cushing, sindrome di Sheehan (o necrosi postpartum dell'ipofisi) e altre malattie.

Ormoni del lobo anteriore, posteriore e intermedio della ghiandola pituitaria e le loro funzioni: una tabella che indica i tipi di importanti regolatori e le loro funzioni nel corpo

Gli ormoni ipofisari regolano il lavoro dell'intero organismo. Secrezione insufficiente o un eccesso di importanti regolatori provocano insufficienza ormonale, la comparsa di segni esterni di patologie, cattiva salute.

È utile sapere quale ruolo giocano gli ormoni ipofisari. Una tabella che mostra i tipi di importanti regolatori, le loro funzioni, un'indicazione delle cause e dei sintomi delle malattie aiuterà a capire la struttura e le funzioni della ghiandola pituitaria.

Ghiandola pituitaria: cos'è?

L'elemento principale del sistema endocrino, la ghiandola endocrina. Gli ormoni che producono i lobi anteriori, posteriori e intermedi influenzano la regolazione dei processi fisiologici e del sistema nervoso. Quando le patologie congenite e acquisite della ghiandola pituitaria, c'è una deviazione nello sviluppo e la crescita del corpo, ci sono malattie di varia gravità.

La ghiandola pituitaria insieme alle arterie si forma nel periodo dello sviluppo intrauterino, già nella quarta o quinta settimana di gravidanza. La posizione dell'elemento importante è l'osso sfenoide del cranio, la regione della sella turca. La forma è ovale, il peso è di circa 5-6 mg, la dimensione media è di 10 x 12 mm, il ferro è più sviluppato nelle donne.

Funzioni della ghiandola pituitaria

L'appendice cerebrale influenza lo stato e il funzionamento di:

  • ghiandole sessuali;
  • ghiandole surrenali;
  • ghiandola tiroidea.

La ghiandola pituitaria produce ormoni. Nonostante il basso peso dell'elemento e il piccolo volume di regolatori, l'appendice cerebrale è il "coordinatore" del funzionamento di tutti i sistemi. Gli ormoni entrano direttamente nella linfa, nel sangue, nel liquido cerebrospinale, penetrano rapidamente nei tessuti e nelle cellule, colpiscono gli organi bersaglio e tutto il corpo.

La ghiandola pituitaria colpisce il tasso di crescita e lo sviluppo del corpo. La ghiandola pituitaria controlla il funzionamento del corpo.

La produzione di ormoni ipofisari dipende dal corretto funzionamento dell'ipotalamo - una parte del cervello che combina le funzioni di formazione dei nervi e la ghiandola endocrina. In alcune aree, la trasformazione degli impulsi nervosi procede alla secrezione di importanti regolatori. La produzione di ormoni si verifica secondo necessità. Dopo la secrezione, le sostanze del diencefalo entrano nel lobo posteriore della ghiandola pituitaria.

Scopri le cause dell'aumento di insulina nel sangue delle donne e i metodi per stabilizzare il livello dell'ormone.

Leggi le possibili complicazioni e conseguenze della radioterapia nel cancro al seno a questo indirizzo.

La struttura della ghiandola endocrina

Una parte importante del cervello è costituita da due zone disuguali in volume: la neuroipofisi e l'adenoipofisi. La parte centrale dell'appendice del cervello collega le strutture principali della ghiandola pituitaria.

Sfumature importanti:

  • Il lobo anteriore ha un volume maggiore, qui vengono secreti sei ormoni (tropici ed effettori) che controllano vari processi nel corpo. La funzione endocrina è più pronunciata rispetto ad altri elementi della ghiandola pituitaria.
  • Il lobo posteriore è molto più piccolo (circa 1/5 del volume totale della ghiandola endocrina), in questa zona si producono vasopressina e ossitocina. Gli ormoni dell'ipotalamo entrano nel lobo posteriore.
  • Il lobo intermedio è una regione ristretta composta da cellule basofile. La sezione centrale collega due aree principali. Questo elemento produce anche ormoni: lipotropina, endorfina, MSH.

L'importante ghiandola pituitaria è costituita da tre sezioni:

  • lobo frontale Il sito è formato da cellule ghiandolari;
  • lobo intermedio - zona stretta tra la parte posteriore e anteriore della ghiandola pituitaria. Questa zona è chiamata "adenoipofisi";
  • lobo posteriore o neuroipofisi. Le basi di questa importante area sono i neuroni.

Adenoma ipofisario: sintomi, diagnosi RM e MRI, trattamento

IPOFISI Adenoma del cervello - Che cos'è?

La ghiandola pituitaria è la ghiandola più importante nel corpo perché controlla la maggior parte delle funzioni endocrine. Consiste di due lobi: anteriore e posteriore. Il lobo anteriore della ghiandola pituitaria secerne 6 ormoni: ormone stimolante la tiroide (TSH), ormone adrenocorticotropo (ACTH), ormone follicolo-stimolante (FSH), ormone luteinizzante (LH), ormone somatotropo (STH o ormone della crescita) e prolattina (PL). Il lobo posteriore secerne la vasopressina e l'ossitocina. Quando un tumore cresce da cellule ormonali, parlano di adenoma pituitario.

Gli adenomi ipofisari sono quasi sempre benigni e non hanno potenziale maligno. Con le loro proprietà funzionali, i tumori della ghiandola si dividono in tumori secernenti e non secernenti, altri tumori intracellulari e tumori parasociali. Quest'ultimo gruppo è costituito da tumori che si verificano vicino alla sella turca e, a causa dei sintomi causati, possono assomigliare a tumori pituitari. I tumori ormonalmente inattivi con una dimensione fino a diversi millimetri sono molto frequenti e si verificano in circa il 25% del materiale autoptico. Possono crescere lentamente, interrompendo la normale funzione ormonale della ghiandola (ipopituitarismo), oppure possono spremere le strutture sottostanti del cervello, causando sintomi neurologici.

Clinicamente, o adenomi ormone-attivi non sono clinicamente suddivisi in diversi tipi, a seconda degli ormoni secreti da loro. Questi tumori causano sintomi specifici dovuti al rilascio di ormoni, ma raramente raggiungono dimensioni sufficienti a comprimere strutture adiacenti. Mentre il tumore cresce, il normale tessuto ipofisario viene distrutto, il che porta a una moltitudine di disturbi ormonali. In rari casi si osservano emorragie spontanee nel tumore o attacchi cardiaci. La pressione esercitata dai tumori sulle strutture circostanti può causare intorpidimento del viso e visione doppia. Direttamente sopra la ghiandola pituitaria è una sovrapposizione dei nervi ottici (chiasma), quindi i tumori possono causare una progressiva perdita della vista. La perdita della vista di solito inizia con entrambi i campi visivi e conduce prima alla visione del tunnel e poi alla cecità.

IPOFISMO TUMORE: SINTOMI IN UOMINI E DONNE

Sintomi associati all'attività secretoria del tumore

I segni clinici dell'adenoma ipofisario variano notevolmente a seconda della posizione e delle dimensioni, nonché della capacità del tumore di secernere ormoni. Gli adenomi ipofisari di solito si verificano in età abbastanza giovane, indipendentemente dal sesso. Gli adenomi ormone-attivi sono di solito di piccole dimensioni e non provocano sintomi neurologici o ipopituitarismi, ma è anche possibile il contrario. I sintomi di un tumore ormone attivo sono associati all'azione dell'ormone specifico che produce.

I sintomi neurologici degli adenomi ipofisari includono mal di testa, diplopia; perdita della visione periferica che porta alla cecità, dolore facciale o intorpidimento. L'ipopituitarismo si manifesta con grave debolezza, perdita di peso, nausea, vomito, stitichezza, amenorrea e infertilità, pelle secca, aumento della pigmentazione cutanea, aumento della frescura e cambiamenti dello stato mentale (ad es. Sonnolenza, psicosi, disturbi depressivi).

Il prolattinoma è il tumore più comune della ghiandola pituitaria nelle donne. I sintomi di un tumore pituitario nelle donne a causa del prolattinoma comprendono amenorrea (mancanza di sanguinamento durante le mestruazioni), ciclo mestruale irregolare, galattorrea (rilascio di latte dai capezzoli), infertilità femminile e osteoporosi. L'ipogonadismo, la perdita del desiderio sessuale e dell'impotenza negli uomini possono anche essere associati al prolattinoma.

I segni di adenoma pituitario nelle donne sono dovuti al tipo di ormone prodotto dalle cellule tumorali. La variante più frequente è il prolattinoma, che causa l'attività patologica delle ghiandole mammarie.

I tumori che secernono un eccesso di GH causano gigantismo nei bambini e acromegalia negli adulti. Con acromegalia, si osservano ingrossamento delle caratteristiche del viso, aumento di mani e piedi, malattie cardiache, ipertensione, artrite, sindrome del tunnel carpale, amenorrea e impotenza.

Adenoma ipofisario - sintomi in un uomo di mezza età. Acromegalia, osservata con aumento della produzione di ormone somatotropo dal tumore pituitario. Insieme all'aumento della crescita, si osserva un aumento del naso, della mascella inferiore, delle arcate sopracciliari.

Gli adenomi che secernono ACTH portano allo sviluppo della malattia di Cushing, che a sua volta è caratterizzata da una faccia tondeggiante con acne e iperemia, depositi di grasso sulla parte posteriore del collo, smagliature e tendenza a lividi sulla pelle, eccessiva crescita dei peli del corpo, diabete, perdita di massa muscolare, affaticamento, depressione e psicosi.

I tumori del TSH che producono tumori sono caratterizzati da sintomi di tireotossicosi, come intolleranza al calore, sudorazione, tachicardia, lieve tremore e perdita di peso. Alcuni secernono più di un ormone, ad esempio, l'ormone della crescita e il sottomarino simultaneamente.

Meno comuni sono i tumori che secernono LH o FSH (gonadotropine). Quando un tumore inizia a influenzare le cellule secretorie ipofisarie, i primi segni di insufficienza secretoria di solito si riferiscono alle funzioni delle gonadotropine. Quindi, il primo segno di adenoma pituitario nelle donne può essere la cessazione delle mestruazioni. Negli uomini, l'impotenza è il segno più comune di carenza ormonale nelle gonadotropine. Una mancanza isolata di LH o FSH è osservata raramente. Negli uomini, una deficienza isolata di LH porta allo sviluppo di un quadro clinico di un eunuco fertile. In questa condizione, un livello normale di FSH consente agli spermatozoi di maturare, ma a causa della mancanza di LH, un paziente può sviluppare segni di castrazione ormonale. I tumori possono anche produrre una quantità eccessiva di LH o FSH; inoltre, ci sono frequenti tumori che secernono solo subunità alfa ormonalmente inattive di ormoni glicoproteici.

Sintomi associati alla compressione delle strutture circostanti

Gli adenomi pituitari sono condizionalmente suddivisi in microadenomi (fino a 1 cm di dimensione) e macroadenomi (di dimensioni> 1 cm). Se i primi non causano di solito un effetto volume sul cervello o sui nervi a causa delle loro piccole dimensioni, allora questi ultimi, man mano che crescono, stringono sempre più i tessuti circostanti.

I disturbi visivi sono solitamente associati alla compressione delle strutture del percorso dell'analizzatore visivo e comprendono il restringimento bitemporale dei campi visivi, la visione a colori alterata, la visione doppia e l'oftalmoplegia. Nello studio del fondo dell'occhio un segno di prolungata compressione del chiasma ottico è, prima di tutto, atrofia ottica. L'atrofia ottica grave indica una prognosi peggiore per il ripristino della vista dopo la decompressione chirurgica. Nelle donne in gravidanza, il restringimento bitemporale dei campi visivi e il mal di testa possono indicare un apoplessia della ghiandola pituitaria.

Apoplessia ipofisaria è una condizione potenzialmente pericolosa per la vita. Le donne in gravidanza con adenomi ipofisari e segni di RM di emorragia subaracnoidea hanno bisogno di un taglio cesareo per evitare l'apoplessia ipofisaria durante il travaglio. L'emorragia postpartum può causare infarto dell'ipofisi con conseguente sviluppo di ipopituitarismo (sindrome di Sheehan).

COME DIAGNOSTARE IL PITU DI UN'IPFISI?

La diagnosi clinica dell'adenoma pituitario si basa su una combinazione di segni e sintomi, a seconda delle dimensioni del tumore e degli ormoni secreti da esso.

Sulla radiografia della sella turca nella proiezione laterale di un paziente con adenoma pituitario, è possibile osservare una sella turca ingrandita e siti di calcinazione nell'adenoma (indicati dalla freccia).

Se nei decenni passati il ​​principale metodo di visualizzazione della ghiandola pituitaria era la radiografia della sella turca, negli ultimi anni la TC e la risonanza magnetica l'hanno completamente soppiantata, perché la radiografia standard non mostra i tessuti molli in modo insufficiente, contrariamente ai metodi tomografici che mostrano il corpo umano in una varietà di sezioni. Oggi, la radiografia della sella turca non dovrebbe essere prescritta, dal momento che il suo contenuto di informazioni è ridotto, il carico di radiazioni è presente e, soprattutto, la decisione sulla tattica di trattamento dell'adenoma viene presa sulla base di metodi moderni come TC e RM.

La TC single-slice standard ha un uso molto limitato nell'imaging della ghiandola pituitaria; nella diagnosi dei microadenomi, la sensibilità del metodo è del 17-22%. La TC multispirale può essere utilizzata con 64 rilevatori, specialmente nei pazienti che non possono sottoporsi a risonanza magnetica. Le scansioni TC visualizzano meglio le caratteristiche delle strutture ossee e delle calcificazioni nei tumori, come germinomi, craniofaringiomi e meningiomi. L'angiografia TC visualizza perfettamente la morfologia degli aneurismi parasellari e può essere utilizzata quando si pianifica una procedura chirurgica. Le scansioni TC sono utili nei casi in cui vi sono controindicazioni alla risonanza magnetica, ad esempio, in pazienti con pacemaker o impianti intraoculari / intracerebrali in metallo.

In generale, la RM è preferibile alla TC nella diagnosi degli adenomi ipofisari, poiché è meglio determinare la presenza di piccole formazioni nella sella turca e le loro caratteristiche anatomiche nella fase preoperatoria. La risonanza magnetica è anche raccomandata per il follow-up postoperatorio.

Spesso i risultati della risonanza magnetica sono discutibili, inaffidabili o controversi. In questi casi, si consiglia di rianalizzare le immagini dal disco da un medico esperto esperto. Se non c'è un medico nelle vicinanze, è possibile ottenere un secondo parere a distanza contattando la National Teleradiological Network - il servizio di consulenza panrusso per i medici diagnostici.

La scintigrafia del recettore della somatostatina può essere utilizzata per la diagnosi differenziale di recidiva del tumore o di tessuto tumorale residuo nell'area della cicatrice o necrosi tessutale dopo l'intervento chirurgico.

SVANTAGGI E LIMITAZIONI DEI METODI

La radiografia standard non visualizza i tessuti molli. La RM è più costosa della TC, ma è il metodo preferito per esaminare la ghiandola pituitaria, perché visualizza meglio i tessuti molli e le strutture vascolari. Pertanto, i limiti della TC sono la peggiore immagine dei tessuti molli rispetto alla risonanza magnetica, la necessità di utilizzare un mezzo di contrasto per via endovenosa per migliorare le immagini e il carico di radiazioni sul paziente.

Una potenziale limitazione all'uso della risonanza magnetica è la pneumatizzazione della parte anteriore dell'osso sfenoidale o la sua calcificazione, che può assomigliare alle caratteristiche del flusso sanguigno negli aneurismi. Inoltre, la risonanza magnetica è controindicata nei pazienti con pacemaker o impianti ferromagnetici nel cervello o negli occhi. Secondo la TC o la risonanza magnetica, il tessuto residuo dell'adenoma pituitario può essere difficilmente distinto dalla fibrosi indotta da radioterapia, specialmente nei pazienti con adenomi ipofisari clinicamente inattivi che non hanno marcatori circolanti per valutare la progressione o la risposta al trattamento.

CT AT Adenomi della ghiandola pituitaria

I moderni tomografi a 64 sezioni consentono di ottenere immagini coronali riformate con un'elevata risoluzione spaziale. L'uso di una scansione veloce su una macchina a più strati aiuta a ridurre l'esposizione alle radiazioni.

I microadenomi sono piccoli tumori arrotondati nel parenchima della ghiandola pituitaria. L'emorragia non complicata o la formazione di microadenomi delle cisti di solito hanno una densità di raggi X ridotta rispetto al normale tessuto ipofisario adiacente. Pertanto, i microadenomi ipofisari potrebbero non essere visibili sulla TC senza miglioramento del contrasto. La contrapposizione con i microadenomi dopo l'iniezione di un mezzo di contrasto avviene con un ritardo rispetto al rapido e forte potenziamento dell'ipofisi invariata. Pertanto, circa due terzi dei microadenomi sono solitamente caratterizzati da una ridotta densità dei raggi X sulla TC dinamica con miglioramento del contrasto, mentre un terzo dei microadenomi mostra un precoce accumulo di contrasto.

Grandi tumori - i macroadenomi differiscono in una notevole varietà. La maggior parte di questi ha una densità simile alla corteccia cerebrale nelle immagini TC senza miglioramento del contrasto e sono caratterizzati da un moderato accumulo di contrasto nelle immagini con miglioramento del contrasto. I calcinati sono rari (1-8%). Foci di necrosi, la formazione di cisti ed emorragie possono corrispondere a formazioni con densità di raggi X irregolare. La TAC visualizza anche i cambiamenti ossei nelle pareti della sella turca e le lesioni che si estendono oltre i suoi limiti. Gli adenomi ormonalmente attivi germinano nel seno cavernoso molto più spesso rispetto ai macroadenomi ormonalmente inattivi.

L'angiografia TC è molto utile quando si pianifica un'operazione in caso di macroadena. È estremamente importante per il chirurgo rappresentare la posizione relativa del tumore, delle arterie cerebrali anteriori e del nervo ottico. I protocolli di visualizzazione per CT a taglio sottile sono anche utili durante l'operazione stessa.

Nonostante il fatto che la risonanza magnetica sia il metodo di scelta nell'esame dei pazienti con adenomi pituitari, la TC svolge ancora un ruolo nei casi in cui la risonanza magnetica non è possibile. Le scansioni CT visualizzano anche calcificazioni che possono influire sulla diagnosi differenziale. La TC contribuisce alla pianificazione chirurgica, in particolare per quanto riguarda la pneumatizzazione e le caratteristiche anatomiche del seno sfenoidale. Lo svantaggio della TC è una qualità inferiore di visualizzazione dei tessuti molli rispetto alla risonanza magnetica. Inoltre, la TC richiede spesso l'uso di agenti di contrasto e i pazienti sono esposti alle radiazioni.

MRI DI IPFISI IN NORM

Quando si analizzano i risultati di una risonanza magnetica della ghiandola pituitaria, è necessario sapere come appare normalmente nelle immagini. Nei bambini, l'altezza di una ghiandola pituitaria sana dipende dall'età. L'altezza della ghiandola pituitaria è misurata su immagini T1 pesate rigorosamente sagittali ottenute utilizzando fette spesse 3-7 mm. La misurazione viene eseguita nel punto di maggiore altezza, che di solito corrisponde al centro della ghiandola. Normalmente, l'altezza aumenta alla nascita, durante la pubertà (6-7mm), durante la gravidanza (99 m Tc (V) DMSA è anche informativo per identificare la maggior parte della ghiandola pituitaria che secerne GH e PL, così come gli adenomi ormonalmente inattivi con un rapporto di accumulo nel tumore e nei tessuti circostanti di 25. L'imaging funzionale del tumore residuo (più grande di 10 mm) utilizzando 99 m Tc (V) DMSA rivela tessuto vitale residuo dell'adenoma ipofisario.

La scintigrafia con 111 In-DTPA-octreotide è un nuovo metodo che determina i recettori della somatostatina in molti tumori neuroendocrini (ad esempio, negli adenomi ipofisari). Questa sostanza è altamente sensibile ed è un marker facilmente tracciabile nel determinare la presenza di recettori della somatostatina negli adenomi ipofisari.

Il ruolo della scintigrafia con 111 In-DTPA-octreotide nell'identificazione dei tumori ipofisari inattivi ortoni non è stato ancora stabilito. Il trattamento con octreotide senza etichetta può probabilmente impedire che la ghiandola pituitaria riprenda l'etichetta. Pertanto, i pazienti che sono programmati per la scintigrafia dovrebbero sospendere il trattamento per 2-3 giorni prima dello studio.

CELLUTERO IPOFISMO Adenoma - TRATTAMENTO

I tumori ipofisari che non causano disturbi endocrini e non comprimono i tessuti circostanti non richiedono un trattamento. In tali casi, limitati all'osservazione sotto forma di esecuzione di studi RM ripetuti, preferibilmente con un secondo parere. Quando compaiono i sintomi, il trattamento dipende dal tipo di tumore, dalle sue dimensioni e dal grado di impatto sul cervello o sui nervi. Anche l'età e la salute generale sono importanti.

La decisione sui metodi di trattamento è presa da un gruppo di specialisti medici, tra cui un neurochirurgo, un endocrinologo e, a volte, un oncologo. I medici di solito usano la chirurgia, la radioterapia o la terapia farmacologica, sia indipendentemente che in combinazione.

OPERAZIONE SULLA RIMOZIONE DELL'AHDENOMIA DELL'IPFISI

La rimozione chirurgica di un tumore pituitario è di solito necessaria se il tumore preme sui nervi ottici o se il tumore produce una quantità eccessiva di ormoni. Il successo dell'operazione dipende dal tipo di tumore, dalla sua posizione, dalle sue dimensioni e dal fatto che il tumore abbia invaso i tessuti circostanti. Prima dell'operazione, è necessario valutare con precisione le modifiche sulle immagini MRI, mentre decodifica la risonanza magnetica da parte di un neuroradiologo esperto. Dopo la rimozione dell'adenoma ipofisario, la scarica dal naso può essere disturbata per qualche tempo.

I due principali metodi chirurgici per il trattamento dei tumori ipofisari sono:

Accesso transfenoidale transnasale endoscopico. Questa tecnica è la rimozione di adenoma ipofisario attraverso il naso e i seni paranasali senza un'incisione esterna. Allo stesso tempo, il tessuto cerebrale e i nervi cranici rimangono intatti. Anche la cicatrice visibile non rimane. I tumori di grandi dimensioni con questo accesso sono difficili da rimuovere, specialmente se il tumore ha invaso i nervi o il tessuto cerebrale vicini.

Accesso transcranico (craniotomia, craniotomia). Il tumore viene rimosso attraverso la parte superiore del cranio attraverso un foro nel suo arco. Usando questa tecnica è più facile rimuovere tumori di grandi dimensioni o formazioni complesse.

RADIATION THERAPY

La radioterapia utilizza raggi X ad alta energia per influenzare i tumori. Può essere utilizzato dopo l'operazione o da solo, se l'operazione non risolve il problema in modo radicale. Inoltre, la terapia viene utilizzata per il tessuto tumorale residuo, per la sua ricorrenza, così come per l'inefficacia dei farmaci. I metodi di radioterapia includono:

  • Gamma Knife - radiochirurgia stereotassica.
  • Terapia gamma a distanza.
  • Radioterapia protonica.

TRATTAMENTO DA FARMACI

È possibile curare un adenoma ipofisario senza chirurgia? Il trattamento farmacologico può aiutare a bloccare la secrezione dell'ormone in eccesso e talvolta ridurre la dimensione di alcuni tipi di adenomi pituitari:

Tumori che secernono prolattina (prolattinomi). La cabergolina e la bromocriptina riducono la secrezione di prolattina e riducono le dimensioni del tumore.

Tumori che secernono l'ormone della crescita (somatotropinomi). Per questi tipi di formazioni sono disponibili due tipi di farmaci:

  • Gli analoghi della somatostatina causano una diminuzione della secrezione dell'ormone della crescita e possono ridurre il gonfiore
  • Pegwizomant blocca l'effetto dell'ormone della crescita in eccesso sul corpo.

Sostituzione di ormoni ipofisari. Se un tumore pituitario o un intervento chirurgico portano a una diminuzione della produzione di ormoni, probabilmente dovrai usare la terapia ormonale sostitutiva.

Durante la scrittura dell'articolo è stato utilizzato il seguente materiale:

Ulteriori Articoli Su Tiroide

A seconda del sesso di una persona, alcuni ormoni dominano nel suo corpo, a causa delle quali si formano le caratteristiche sessuali secondarie. Nel corpo di una donna, questa funzione viene eseguita da estrogeni - ormoni steroidei, la cui azione consente a una donna di rimanere una donna.

Ragazze, molti chiedono di prolattina, ma non riesco a trovare la risposta su cosa fare se c'è l'ovulazione. È necessario ridurlo comunque? Ero alla reception di due medici - uno ha detto che se O è - tutto è OK, non fare nulla.

Il sistema endocrino umano è un dipartimento importante, nelle patologie di cui c'è un cambiamento nella velocità e nella natura dei processi metabolici, la sensibilità dei tessuti diminuisce, la secrezione e la trasformazione degli ormoni sono disturbate.