Principale / Ipoplasia

Ultrasuoni delle ghiandole paratiroidi

L'ecografia delle ghiandole paratiroidi è considerata il metodo di esame più sicuro e più comune, consentendo uno studio dettagliato della posizione di queste ghiandole, delle loro specie e caratteristiche strutturali, delle dimensioni. La diagnostica ad ultrasuoni rivela la natura delle patologie riscontrate, un cambiamento nel flusso sanguigno tissutale, lo stato della parete vascolare.

Le ghiandole paratiroidi coinvolte nel metabolismo del calcio-fosforo svolgono un ruolo significativo nel benessere di una persona e nella sua salute. Qualsiasi interruzione nel funzionamento delle ghiandole paratiroidi può influire negativamente sullo stato di tutti gli organi e sistemi corporei.

Nel campo diagnostico della medicina, l'ecografia ha avuto successo per più di trenta anni. L'essenza del metodo consiste nella registrazione delle onde sonore riflesse, volte a creare un'immagine dell'area indagata.

Indicazioni per lo scopo dello studio

È necessario effettuare un sondaggio nelle seguenti situazioni:

  • Osteoporosi dell'etimologia non chiara;
  • Urolitiasi di etimologia poco chiara;
  • Aumento del livello di calcio nel sangue;
  • Sospetto dell'emergenza e sviluppo di neoplasie (sia benigne che maligne);
  • Disturbo del tessuto ghiandola ectopica;
  • Il periodo di recupero dopo il trattamento per iperparatiroidismo;
  • La presenza di calcificazioni in diversi sistemi e organi.

Cause e sintomi dello sviluppo patologico della ghiandola paratiroidea

I segni chiave che indicano eventuali irregolarità sono:

  • Debolezza generale del corpo, stanchezza;
  • Articolazioni e ossa dolorose;
  • Perdita di peso involontaria;
  • Diminuzione della forza ossea;
  • Carenza cronica di calcio e vitamina D;
  • Fallimento del sistema immunitario;
  • Fattori genetici

I pazienti che soffrono di malattie paratiroidee spesso lamentano convulsioni, intorpidimento e spasmi degli arti, irritabilità, insufficienza respiratoria, calvizie, unghie fragili, sudorazione ed emicrania. La presenza di malattie della ghiandola paratiroidea aumenta la possibilità di sviluppare malattie oftalmiche, in particolare la cataratta.

Se la patologia della ghiandola paratiroidea, espressa in carenza cronica di calcio, è presente in un bambino, allora ostacola il suo sviluppo mentale, fisico e mentale.

Oltre alle suddette ragioni, la malattia paratiroidea può essere causata da un precedente intervento chirurgico alla tiroide e dalla radioterapia. In presenza di ulcere, calcoli renali e fratture ossee, si consiglia vivamente di sottoporsi a un esame medico per determinare il livello di calcio nel corpo.

L'essenza della procedura della ghiandola paratiroidea ad ultrasuoni

L'esame ecografico delle ghiandole paratiroidi è una procedura non invasiva. L'ecografia è caratterizzata da indolenzimento, innocuità e assenza di controindicazioni. Questo tipo di studio può essere effettuato il giorno della visita del paziente in una struttura medica. La durata della procedura è di circa 20 minuti.

Non è richiesta una preparazione speciale per la procedura di diagnostica ecografica. Gli esperti raccomandano di portare con sé su ultrasuoni i risultati dei test e degli esami precedentemente eseguiti, ciò può facilitare l'interpretazione dei risultati degli ultrasuoni.

Nel frattempo, è più opportuno che i pazienti (soprattutto i bambini e gli anziani) vengano esaminati a stomaco vuoto: ciò impedirà un possibile attacco del riflesso del vomito causato da una eccessiva pressione sulla gola.

Il meccanismo dell'ecografia

  1. Il paziente assume una posizione orizzontale (meno sedentaria) (pancia in su). Per comodità, un cuscino o cuscino è posto sotto le sue spalle. Per garantire un migliore accesso alle ghiandole paratiroidi, il medico può chiedere al paziente di inclinare la testa all'indietro.
  2. L'area di studio è lubrificata con un gel che trasmette segnali ultrasonici. Il medico conduce il sensore nell'area di studio. Le onde ultrasoniche inviate dal sensore penetrano la pelle e i tessuti nelle ghiandole paratiroidi e vengono riflesse da esse a vari livelli.
  3. Il riflesso delle onde ultrasoniche viene registrato da un dispositivo speciale, ogni segnale viene elaborato e appare sull'immagine del monitor.

Se hai dubbi sulla diagnosi, è possibile applicare una biopsia con ago sottile in parallelo con la diagnostica ecografica.

Lo scopo dell'ecografia non è solo la diagnosi, ma anche la valutazione della gravità della patologia rilevata e la ricerca dell'algoritmo ottimale per il suo trattamento.

I vantaggi dell'ecografia

L'assenza di raggi X e radiazioni garantisce l'assoluta sicurezza della diagnostica ecografica;

Da altri tipi di esame (risonanza magnetica, scintigrafia), l'imaging ecografico è economico e conveniente;

I parametri di sensibilità della diagnostica a ultrasuoni variano su un ampio intervallo del 58-75%.

In quali casi il passaggio degli ultrasuoni è controindicato?

La diagnostica ad ultrasuoni non ha controindicazioni ed effetti collaterali.

Ecografia paratiroidea

Lo studio delle ghiandole paratiroidi è molto difficile.

Si può dire che nella fase attuale di sviluppo del progresso scientifico e tecnologico non esiste un metodo qualitativo invasivo o visivo per lo studio delle ghiandole paratiroidi. Si aspettava molto dall'ecografia, soprattutto in tempo reale, tuttavia, la tenerezza dell'ecostruttura, la sua somiglianza con quella della tiroide, raramente permettono la differenziazione delle ghiandole paratiroidi, sebbene anatomicamente abbiano una capsula ben sviluppata.

indicazioni:

- pazienti con nefrolitiasi ricorrente, in particolare forma corallina, con la riformazione delle pietre dopo l'intervento (segni indiretti di iperparatiroidismo);

- pazienti con lesioni ossee (osteoporosi diffusa, fratture patologiche, in particolare corpi vertebrali, collo del femore e tibia, che si verificano senza alcuna lesione);

- pazienti con elevati livelli di calcio nel sangue e con un accorciamento dell'intervallo Q-T sull'elettrocardiogramma (segno di ipercalcemia);

- pazienti con contrazioni convulsive dei muscoli scheletrici e lisci (segno di ipoparatiroidismo);

- con l'obiettivo di accompagnare l'ago durante la biopsia di aspirazione diagnostica o terapeutica.

anatomia

Normalmente, nell'uomo, due paia di ghiandole paratiroidi; superiore - situato sul bordo tra il terzo superiore e medio della ghiandola tiroidea, adiacente alla sua superficie posteriore al bordo inferiore della cartilagine cricoide; e quello inferiore si trova al livello del terzo inferiore della ghiandola tiroidea, ma a volte può essere localizzato sulla superficie laterale della trachea sotto la ghiandola tiroidea, nel tessuto della tiroide e delle ghiandole del timo. Le ghiandole paratiroidi hanno una forma arrotondata o ovale-allungata, la lunghezza di ciascuna ghiandola varia da 2 a 8 mm, larghezza 3-4 mm, spessore 1,5-2 mm. Il loro peso totale non supera i 5 g.

Metodologia di ricerca

Il principale punto di riferimento nello studio delle ghiandole paratiroidi sono la ghiandola tiroidea e la trachea. Viene utilizzata un'apparecchiatura a ultrasuoni in tempo reale con sensori di frequenza 5-7,5-10 MHz. Lo studio ecografico delle ghiandole paratiroidi viene effettuato attraverso l'istmo e il parenchima dei lobi tiroidei in varie scansioni e proiezioni. Sull'ecogramma, le ghiandole paratiroidi, quando possono essere visualizzate, hanno una forma arrotondata o di forma ovale allungata con bordi chiari e ben contornati, la cui ecogenicità è in genere leggermente superiore al parenchima tiroideo. Le dimensioni ecografiche delle ghiandole corrispondono a quelle anatomiche.

Va notato che, a causa delle caratteristiche anatomiche della loro posizione, è raramente possibile localizzare entrambe le coppie nella stessa scansione. Le ghiandole paratiroidi normali possono essere differenziate solo sullo sfondo della normale ecogenicità della struttura della tiroide. In pratica, se non è possibile differenziarli nella proiezione della localizzazione anatomica, dovrebbero essere considerati ecograficamente normali.

Il metodo per determinare il volume, la massa, l'area e la circonferenza delle ghiandole paratiroidi è lo stesso dello studio della ghiandola tiroidea. A causa delle piccole dimensioni delle ghiandole, i parametri nella pratica clinica sono raramente determinati.

Patologia ecografica

L'ecografia delle ghiandole paratiroidi consente di fornire scarse informazioni solo su varie condizioni patologiche, principalmente legate ai cambiamenti nel volume e all'ecogenicità della struttura, nonché al coinvolgimento dei tessuti circostanti nel processo.

Una delle patologie più frequenti rilevate nella proiezione delle ghiandole paratiroidi è la calcificazione.

Di patologia congenita, un cambiamento di posizione è più comune - distopia, più spesso rispetto alla coppia inferiore, le ghiandole paratiroidi possono trovarsi in diverse parti del collo, sterno, dietro la clavicola, ma più spesso nello spessore della ghiandola tiroidea.

Raramente può esserci un cambiamento nel loro numero. Le possibilità dell'ecografia nella loro individuazione e identificazione sono molto limitate.

aplasia

È estremamente raro e, di regola, in combinazione con le malformazioni di altre ghiandole e persino degli organi. Ciò è confermato dal rapido sviluppo dell'ipoparatiroidismo.

ipoplasia

Si trova solo nella prima infanzia. Allo stesso tempo, la ghiandola si riduce significativamente di dimensioni pur mantenendo la sua ecogenicità. C'è una foto di ipoparatiroidismo.

iperplasia

Nell'iperplasia congenita, tutte le ghiandole sono solitamente colpite, sono uniformemente ingrandite, i contorni sono uniformi, chiari e l'ecogenicità è preservata. Questa condizione porta all'iperparatiroidismo congenito e alla rapida morte dei bambini.

I bambini sopravvissuti mostrano cambiamenti significativi nelle ossa dello scheletro, che vengono diagnosticati radiograficamente.

Tumori delle ghiandole paratiroidi

cisti

Le vere cisti delle ghiandole paratiroidi sono estremamente rare, hanno una parete sottile, un'ancheogenicità pronunciata, le loro dimensioni variano da 1 a 10 cm di diametro. Molto spesso, le cisti delle ghiandole paratiroidi sono secondarie e sorgono come risultato di precedenti emorragie o disintegrazione del tumore (che è molto raro), e quindi, sullo sfondo di anecogene, si possono osservare delicate inclusioni ecopositive nel lume della cisti e calcificate in periodi successivi di varie dimensioni.

adenoma

Si tratta di un ovale simile a un tumore o di piccole dimensioni tondeggianti (fino a 10 mm), con una capsula delicata e una struttura che, per l'ecogenicità, è difficile da distinguere da una normale ghiandola paratiroidea.

Iperplasia acquisita

Di regola, una delle ghiandole è ipertrofica; la causa può essere un processo infiammatorio o un tumore maligno. La diagnosi differenziale è possibile solo dopo l'esame istologico del puntato.

Pertanto, l'ecografia al livello attuale di sviluppo della tecnologia a ultrasuoni, specialmente nella differenziazione delle ghiandole paratiroidi normali dal parenchima tiroideo, non è molto informativa. Alcune informazioni possono essere ottenute solo con patologia associata a iperplasia delle ghiandole gravi.

Il risultato finale può essere ottenuto solo mediante biopsia di aspirazione con puntura con esame istologico del puntato.

Se trovi un errore, seleziona il frammento di testo e premi Ctrl + Invio.

Condividi "Esame ecografico delle ghiandole paratiroidi"

Ecografia tiroidea per principianti (lezione sul diagnostico)

Clicca sulla foto per ingrandirla.

Struttura tiroidea

La ghiandola tiroide nella sua origine appartiene al canale intestinale. A 3-5 settimane di gestazione sulla parete anteriore della faringe, tra I e II coppie di tasche branchiali, appare una protuberanza. Il fondo del sacchetto formato è diretto verso il basso sulla superficie frontale della laringe e della trachea. L'anta della parte anteriore della ghiandola tiroidea scende lungo il ductus thyreoglossus, poi il dotto cresce (il suo resto è per il cieco sulla radice della lingua). Le parti laterali della ghiandola sono anche formate dall'eversione della parete del tubo digerente, ma al di sotto della gemma spaiata, nella regione dell'esofago.

Clicca sulle immagini per ingrandirle.

La ghiandola tiroidea si trova sulle cartilagini superiori della gola respiratoria sotto la cartilagine tiroidea, solo dai bordi laterali superiori che la toccano. Consiste di 2 paia di lobi a forma di pera e una parte centrale. Spesso dall'istmo si sposta verso l'alto (un po 'a destra della linea mediana) del processo piramidale; a volte è molto allungato e raggiunge l'osso ioide, e per incontrarlo da lontano. Il cieco della lingua allunga il canale, che può stare in connessione con la porzione aggiuntiva della ghiandola tiroidea che si trova sopra il corpo dell'osso ioide. Il parenchima della ghiandola è costituito da bolle rotonde, completamente chiuse.

Anteriormente, la ghiandola tiroidea è coperta dallo sterno-tiroide, dalla sterno-sublinguale e dall'addome superiore del muscolo scapio-ipoglosso; muscolo nodulatorio localizzato lateralmente; dietro il muscolo del collo lungo.

Ecografia tiroidea

Il paziente è in posizione supina con un cuscino sotto le spalle. Viene utilizzato un sensore lineare da 10-15 MHz. Siamo interessati alla dimensione, all'eco e alla struttura dell'eco della ghiandola tiroidea. È importante esaminare i linfonodi del collo, specialmente quando si trova un nodo sospetto nella ghiandola tiroidea. Per i dettagli, vedere Linfonodi per ultrasuoni.

Figura. Ogni condivisione viene scansionata nel piano trasversale (1) e longitudinale (2). Nel mediastino anteriore (3), il gozzo intratoracico può essere localizzato, e dietro la trachea (4) - lobi ectopici della tiroide e delle ghiandole paratiroidi.

Figura. L'ecografia mostra solo la parete frontale della trachea, dietro l'ombra acustica dovuta al riflesso del segnale all'interfaccia di due media (tessuto e aria). Linee parallele dietro la parete frontale della trachea vengono spesso scambiate per anelli tracheali, infatti è un artefatto del riverbero.

Figura. Per la scansione trasversale, i lobi di sinistra (LTL) e destra (RTL) della ghiandola tiroidea assomigliano ai triangoli che separa l'istmo (ISM). La faccia antero-laterale è adiacente ai muscoli sterno-tiroide (STM) e sterno-ipoglosso (SHM) e il muscolo sternocomuscolare (SCM) si trova lateralmente. I muscoli sono ipoecogeni rispetto al parenchima della ghiandola e hanno una struttura fibrillare; sono coperti da una fascia del collo (FC), che viene intrecciata nel muscolo sottocutaneo del collo (RM) e della pelle (SK). La faccia posteriore-laterale è in contatto con il fascio neurovascolare del collo: l'arteria carotide interna (CA), la vena giugulare interna (JV), il nervo vago (non visibile sugli ultrasuoni), il dotto linfatico giugulare (non visibile sugli ultrasuoni). Le ghiandole paratiroidi di solito non sono visibili, a meno che non siano ingrandite. L'angolo inferiore a destra poggia sul muscolo del collo lungo (LCM) e a sinistra sull'esofago (ESP). Quando un paziente ingoia la saliva, la peristalsi è determinata nell'esofago. Il lato interno è adiacente alla trachea, qui sono presenti il ​​nervo ricorrente (non visibile sugli ultrasuoni) e l'arteria tiroidea inferiore.

Figura. Nella sezione longitudinale, il lobo della tiroide ha una forma ovale: PM - muscolo sottocutaneo del collo, FC - fascia cervicale, muscolo ipoglosso sterno - sterno, muscolo ST - sterno della tiroide, TL - ghiandola tiroidea, LC - muscolo del collo lungo.

Volume tiroideo su ultrasuoni

Il volume della tiroide è uguale alla somma dei volumi dei lobi di destra e di sinistra, l'istmo viene trascurato. È necessario visualizzare un'immagine longitudinale e trasversale del lobo tiroideo nel piano della sezione massima. Misurare la lunghezza, l'altezza e la larghezza di ogni lobo. Il volume del lobo tiroideo viene calcolato dalla maggior parte delle macchine a ultrasuoni utilizzando la formula per l'ellissoide di rotazione: Lunghezza * Altezza * Larghezza * π / 6, dove π / 6 = 0.523.

Indagando sul materiale del cadavere, nel 1984 Brunn calcolò il fattore di correzione che corrispondeva più strettamente al volume reale della ghiandola tiroidea: 0,479 (anziché 0,523).

Se il volume della tiroide è al di sopra della norma, questa è iperplasia e, se è inferiore alla norma, l'ipoplasia. Quando il volume della ghiandola si trova al limite superiore della norma, viene presa in considerazione la dimensione anteriore-posteriore dell'istmo: se l'istmo è superiore a 3 mm a 10 anni o più di 5 mm dopo 10 anni, la ghiandola viene considerata ingrandita.

Il volume della ghiandola tiroidea dipende dal sesso, dall'età e dalla posizione. Il volume normale della tiroide nei bambini e negli adulti è qui.

Ecogenicità della tiroide su ultrasuoni

Per valutare l'ecogenicità della ghiandola tiroidea può essere confrontato con i muscoli del collo, della milza e della ghiandola parotide. Normalmente, l'ecogenicità dei muscoli è molto più bassa e la milza è vicina, ma non identica alla ghiandola tiroidea. La ghiandola parotide è la più adatta per valutare l'ecogenicità.

Figura. L'ecogenicità della ghiandola della milza (1), della tiroide (2) e parotide (3).

Figura. In una lesione autoimmune, l'ecogenicità della ghiandola tiroidea diminuisce e si avvicina ai muscoli del collo. Vedi di più qui.

Ecostruttura della tiroide su ultrasuoni

L'ecostruttura della tiroide è valutata come omogenea o eterogenea. Il tessuto omogeneo è caratteristico di una ghiandola tiroidea sana, così come le fasi iniziali del gozzo diffuso non tossico. L'ecostruttura è descritta come non uniforme con disposizione focale o diffusa di focolai di varia ecogenicità.

Diffusa struttura eco disomogenea della tiroide con AIT

  • tessuto poco cambiato - le inclusioni ipoecogene (2-4 mm) sono determinate sullo sfondo del parenchima normale;
  • tessuto modificato - inclusioni ipoecogene (4-6 mm) sono determinate sullo sfondo di bassa ecogenicità;
  • tessuto drammaticamente cambiato: foci quasi anecoiche e strutture iperecogene di varie dimensioni e forma sono determinate sullo sfondo di una generale diminuzione dell'ecogenicità.

Figura. Su ultrasuoni un paziente con tiroidite autoimmune. Sullo sfondo del parenchima normale in grandi quantità, lesioni ipoecogene (3-5 mm) con un contorno chiaro. Foci isechoiche al tessuto delle ghiandole salivari non sono ancora coinvolte nell'infiammazione; l'infiammazione in focolai fortemente ipoecogeni è massima pronunciata; nelle strutture iperecogene, il parenchima veniva sostituito dal tessuto connettivo.

Flusso sanguigno nella ghiandola tiroidea all'ecografia

Ogni lobo della ghiandola tiroidea è fornito dalle arterie tiroide superiori e inferiori. L'arteria tiroidea superiore (a. La tiroide superiore) parte dall'arteria carotide esterna all'inizio. L'arteria si avvicina al polo superiore del lobo ed è divisa in rami posteriori e anteriori. Il ramo posteriore discende lungo la superficie posteriore della ghiandola e anastomosi con un ramo simile dell'arteria tiroidea inferiore (anastomosi longitudinale posteriore). Il ramo anteriore scende sulla superficie anteriore della ghiandola e sul bordo superiore dell'istmo anastomosi con l'arteria del lato opposto con lo stesso nome (anastomosi trasversale). L'arteria tiroidea inferiore (a. Tiroide inferiore) si allontana dal tronco tiroideo (ramo dell'arteria succlavia), si avvicina alla superficie posteriore del lobo ed è divisa in un numero di rami che forniscono la superficie posteriore.

Ghiandola tiroidea in modalità DCT

Una tiroide sana ha una vascolarizzazione di 0-3 punti. Rafforzare il flusso di sangue a 4-5 punti si trova solo nella patologia.

  • 0 punti: i pixel di colore sul taglio della condivisione non sono determinati;
  • 1 punto - pixel a singolo colore principalmente sulla periferia della sezione;
  • 2 punti: pixel a singolo colore principalmente nello spessore della sezione;
  • 3 punti: pixel a colore singolo sulla periferia e nello spessore della sezione;
  • 4 punti: più pixel colorati nell'intero segmento della condivisione;
  • 5 punti: un enorme numero di echi di colori che si fondono in tutta la sezione.

Figura. Valutazione della ghiandola tiroidea in modalità DDC: 2 punti (1, 2), 3 punti (3, 4), 4 punti (5, 6) e 5 punti (7, 8).

Ghiandola tiroidea in modalità D

  1. Nella modalità DCT in una sezione longitudinale, trovare un posto per un segnale di colore stabile dall'arteria;
  2. Passare alla modalità D e impostare il volume di riferimento al centro della nave;
  3. Correggere l'angolo tra il fascio ultrasonico e la nave su un valore non superiore a 60 °;
  4. Congelare lo spettro con cinque complessi;
  5. Determinare le caratteristiche qualitative e quantitative dello spettro.

I parametri del flusso sanguigno nelle arterie tiroide superiori e inferiori non differiscono. Normalmente, il PSV nelle arterie tiroide è di 20-28 cm / sec. Con una velocità sistolica massima di oltre 45 cm / sec, si possono assumere cambiamenti diffusi nella ghiandola tiroidea. Nelle piccole arterie del parenchima, la velocità del flusso sanguigno non supera i 10-20 cm / s, gli indici di resistenza periferica hanno confini rigidi: il RI varia da 0,6 a 0,7, PI - da 1,0 a 1,5.

Quando il gozzo tossico diffuso e la tiroidite autoimmune PSV possono essere superiori a 100 cm / sec. È caratterizzato da un forte aumento del flusso sanguigno in tutto il tessuto della ghiandola tiroidea. La misurazione dinamica dei parametri del flusso sanguigno fornisce preziose informazioni sul corso e sulla prognosi di queste malattie.

Figura. L'arteria tiroidea superiore in modalità D: nella ghiandola tiroidea normale PSV 30 cm / sec, con tiroidite subacuta di Kerven PSV 40 cm / sec, con gozzo tossico diffuso PSV 98 cm / sec.

Ghiandole paratiroidi all'ecografia

Le ghiandole paratiroidi si trovano sulla superficie posteriore della ghiandola tiroidea al di fuori della capsula vicino ai poli superiori e inferiori, hanno una forma arrotondata, diametro fino a 5 mm. Come la tiroide, provengono dal tubo intestinale. Di solito, una persona ha quattro ghiandole paratiroidi (due superiori e due inferiori). A volte ci sono ghiandole paratiroidi supplementari nel tessuto della tiroide e delle ghiandole del timo, nel mediastino anteriore e posteriore, nel pericardio, dietro l'esofago, nell'area della comune biforcazione dell'arteria carotide. Le ghiandole paratiroidi forniscono i rami dell'arteria tiroidea inferiore. Solo nel 10% dei casi le arterie superiori si spostano dall'arteria tiroidea superiore.

Le ghiandole paratiroidi normali sono molto piccole (3-5 mm) e possono essere identificate solo da un sensore ad alta frequenza. Se la ghiandola paratiroidea è molto chiaramente visibile su ultrasuoni, si deve sospettare iperplasia, adenoma o cancro. Stimare la dimensione, la forma, il contorno, l'eco e la struttura dell'eco della ghiandola paratiroidea.

Figura. Su ultrasuoni, la ghiandola paratiroidea inferiore normale nelle sezioni longitudinale (1) e trasversale (2, 3): formazioni arrotondate ipoecogene al polo inferiore del lobo sinistro, con un contorno chiaro e uniforme, dimensioni 2,5 * 2 * 2 mm. TsDK aiuta a distinguere le ghiandole dalle navi.

Figura. Nei pazienti con iperparietreosi su iperplasia ultrasonica delle ghiandole paratiroidi: ai poli inferiori della ghiandola tiroidea sono determinate formazioni ipoecogene di forma irregolare, con un contorno chiaro e uniforme senza alone, poco flusso sanguigno intorno alla periferia. Le ghiandole paratiroidi ingrandite sono spesso scambiate per un tumore della ghiandola tiroidea.

Figura. Su ultrasuoni al polo inferiore della ghiandola tiroidea sono chiaramente visibili le formazioni ipoecogene ingrandite con flusso ematico aumentato. La forma corretta con un contorno chiaro e uniforme (1, 2) è probabilmente l'adenoma paratiroideo. Forma irregolare, contorno sfocato, ecostruttura eterogenea con piccole cavità cistiche caratteristiche del cancro paratiroideo.

Abbi cura di te, il tuo diagnostico!

Il valore degli ultrasuoni delle ghiandole paratiroidi nella diagnosi

L'ecografia, come tecnica diagnostica diagnostica per testare le ghiandole paratiroidi, è considerata la procedura meno dannosa, tra le altre.

Allo stesso tempo, è in grado di fornire le maggiori informazioni sui cambiamenti patologici dell'organo endocrino.

A causa della riflessione delle onde ultrasoniche sul sensore ricevente, gli specialisti possono ottenere un'immagine ampliata dello stato dell'organo in materia di posizione, parametri dimensionali, caratteristiche dell'erogazione di sangue e così via.

Ciò consente con il minimo rischio per il paziente di determinare la natura della malattia e di prescrivere il trattamento necessario in ogni singolo caso.

Indicazioni per lo studio ecografico

L'appuntamento degli ultrasuoni delle ghiandole paratiroidi, insieme ad altri studi strumentali e di laboratorio, si verifica quando vi sono prove.

Molto spesso tali indicazioni sono le seguenti:

Tuttavia, è necessario prendere in considerazione il fattore che alcune di queste patologie possono verificarsi in una versione segreta, e in alcuni casi questo tipo di ricerca può essere prescritto per manifestazioni sintomatiche.

Sintomi sintomatici

I principali segni del processo patologico nelle ghiandole paratiroidi sono un certo numero di sintomi in cui lo specialista in cura può prescrivere un esame ecografico aggiuntivo per differenziare la diagnosi.

Questi sintomi sono:

  • indebolimento della struttura ossea;
  • articolazioni e ossa doloranti;
  • aumento della fatica;
  • debolezza generale e mal di testa;
  • difese immunitarie indebolite;
  • carenza cronica di calcio e vitamina D;
  • perdita di peso incontrollabile.

Inoltre, è necessario assegnare e i sintomi principali, che si manifesta in condizioni patologiche comuni delle ghiandole paratiroidi.

In questo caso, presta attenzione alle seguenti manifestazioni:

  • alopecia (vari tipi);
  • mal di testa tipo emicrania;
  • irritabilità;
  • aumento della sudorazione;
  • mancanza di respiro e altri problemi respiratori;
  • crampi e spasmi degli arti;
  • debolezza della vista, denti e unghie.

Nel processo di conduzione dello studio con un dispositivo ad ultrasuoni, uno specialista può ottenere dati che confermano o confutano il disturbo patologico nelle ghiandole paratiroidi.

Inoltre, gli specialisti devono prendere in considerazione tali segni come un ritardo nello sviluppo mentale, mentale e fisico di un bambino.

Procedura ad ultrasuoni

La procedura per la diagnosi ecografica delle ghiandole paratiroidi appartiene a metodi strumentali di ricerca non invasivi.

L'accuratezza dei risultati ottenuti può raggiungere il 75%, che è un indicatore abbastanza elevato per la diagnostica e, combinato con altri test, consente al medico di determinare con maggiore precisione la patologia.

I principali vantaggi di condurre un tale studio per un paziente sono:

  • innocuità;
  • basso costo rispetto a CT, MRI e scintigrafia.
  • velocità (circa 20 minuti al giorno di trattamento);
  • nessuna controindicazione

Non è richiesto un addestramento speciale nella versione classica (senza contrasto) dello studio sul dispositivo a ultrasuoni.

L'eccezione a questa sfumatura è il consiglio di consulenza: le persone anziane e i bambini non sono raccomandati a mangiare 2-3 ore prima della procedura, poiché la pressione del sensore nell'area della gola può innescare il riflesso emetico.

Metodologia di ricerca

Per condurre uno studio sull'ecografia delle ghiandole paratiroidi, esiste un certo algoritmo di azioni che consente di ridurre al minimo il tempo necessario per sottoporsi alla procedura e fornire la massima quantità di informazioni da ciò che è possibile:

  1. Il paziente deve assumere una posizione sdraiata o semi-seduta, a faccia in su.

Per un maggiore rilassamento nella cintura scapolare e il collo racchiudere il rullo.

  1. Per fornire un maggiore accesso al passaggio dei raggi ultrasonori, un'ecografia specialistica può chiedere di gettare indietro la testa.
  2. L'area di applicazione del sensore è lubrificata con una composizione specializzata sotto forma di un gel.

Questo strumento aumenta la permeabilità della pelle per gli ultrasuoni e offre una maggiore scivolosità del sensore.

  1. Le onde passate in vari gradi sono riflesse da vari tipi di tessuto, compresi quelli patologicamente modificati, dopo di che entrano nel sensore e vengono visualizzati sullo schermo del dispositivo.
  2. Lo specialista, nel processo di revisione dell'immagine ricevuta, produce una decodifica di ciò che vede sullo schermo e scrive sulla forma del risultato.

Un quadro completo dello stato dell'organo endocrino può essere visto solo dal medico, dopo aver combinato i risultati dei test, degli ultrasuoni e di altre procedure diagnostiche richieste in un caso particolare.

Caratteristiche dell'ecografia delle ghiandole paratiroidi

La maggior parte degli esperti è incline a credere che lo studio ecografico del paratiroideo abbia tali caratteristiche di prestazione ed efficacia:

  1. Le ghiandole paratiroidi in buona salute non vengono visualizzate sullo schermo se controllate da ultrasuoni.
  2. Le abilità per determinare i tipi istologici di tumori mediante ultrasuoni sono importanti se si sospetta iperplasia.
  3. L'alta risoluzione del dispositivo a ultrasuoni durante il controllo del PCB è di grande importanza.

L'esaminatore dovrebbe tenere conto di queste sfumature.

Se i risultati della diagnosi ecografica sono di natura dubbia, è possibile assegnare una procedura aggiuntiva - una biopsia con ago sottile.

uziprosto.ru

Enciclopedia di ultrasuoni e risonanza magnetica

Ultrasuoni: un modo efficace per diagnosticare la ghiandola tiroidea

L'ecografia tiroidea aiuta a ottenere un'eccellente nitidezza delle immagini, che sono visibili sul all'anatomia individuale della tiroide e delle paratiroidi. Inoltre, l'ecografia della ghiandola tiroidea rende possibile diagnosticare anomalie congenite e acquisite delle ghiandole.

Infine, grazie agli ultrasuoni il medico può rilevare i tumori maligni e benigni di questi organi, ma sono anche guardando e dinamiche, con visite periodiche per i pazienti dello studio diagnostico, e prendere una decisione informata sulla necessità e la portata di un intervento chirurgico.

Tutti questi fattori nel complesso hanno trasformato l'ecografia della ghiandola tiroidea in uno dei metodi più popolari per diagnosticare la patologia tiroidea

Anatomia e funzione

La ghiandola tiroidea è un organo parenchimale endocrino che di solito si presenta come un ferro di cavallo. È questo corpo sul lato anteriore del collo della cartilagine della laringe, cioè sopra la tiroide e cricoide. La massa della ghiandola in un adulto è dai quindici ai trenta grammi. Queste cifre variano a seconda dell'età, del sesso, della regione di residenza e della fase del ciclo riproduttivo nelle donne.

La ghiandola tiroidea è un organo vitale. In realtà, questa è una piccola fabbrica di ormoni. Con il suo trasportatore scende ormoni vitali T3 (trascrizione: ormone triiodotironina) e T4 (nome chimico - tetraiodothyronine o tiroxina).

Perché sono necessari questi ormoni? Sono coinvolti nella regolazione dei processi ossidativi e riducenti delle cellule. Anche i seguenti processi sono soggetti a questi ormoni:

  • rottura del grasso
  • regolazione della glicemia,
  • produzione di ormoni sessuali
  • sviluppo e crescita dell'organismo nel suo insieme,
  • sintesi proteica

Tiroide ghiandola stessa si compone di tre parti principali: due coppie frazione (chiamato lato) e la parte non accoppiamento obrazvuyuschaya - l'istmo. La forma dei lobi laterali accoppiati può assomigliare a piramidi invertite asimmetriche. La loro superficie posteriore si trova sopra la cartilagine della laringe. Anche l'esofago e la trachea rimangono sotto la superficie posteriore.

Un istmo è solitamente una giunzione delle parti inferiori dei lobi laterali. In questo caso, il bordo superiore dell'istmo si trova di solito sopra il livello della prima cartilagine tracheale. La quota piramidale viene visualizzata in circa il 30% delle persone. Il lobo piramidale "si trova" sul bordo superiore dell'istmo o sul margine anteriore del lobo laterale.

La ghiandola tiroidea si trova in una sacca formata da tessuto connettivo. Una sacca è costituita da capsule interne ed esterne. La capsula interna è rappresentata da un tessuto fibroso con partizioni che penetrano nel profondo del parenchima. Queste partizioni dividono la ghiandola in lobuli. La ghiandola è attaccata alla laringe con speciali fasci fibrosi che appartengono alla capsula esterna.

La ghiandola tiroidea si nutre e si lega al sistema nervoso centrale a spese dei principali fasci neurovascolari. Questi fasci includono i principali vasi principali come l'arteria carotide comune e la vena giugulare interna. Il sistema nervoso è rappresentato nella ghiandola tiroidea dal tronco del nervo vago.

Questi bundle neuro-vascolare sono anche un grande aiuto diagnostico, come lo sono le linee guida per l'attuazione della biopsia mirata della ghiandola tiroidea, specialista ultrasuoni controllati. Spesso, insieme alla ghiandola, vengono valutati anche i linfonodi superficiali cervicali. Nello stato normale, i linfonodi sull'ecogramma non vengono rilevati.

L'apporto di sangue alla ghiandola tiroidea avviene attraverso 2 arterie: le arterie tiroide superiori e inferiori.
Nei lobi laterali della ghiandola tiroidea, possono essere rilevate anche 2 paia di ghiandole paratiroidi (paratiroidi). In casi molto rari, le ghiandole paratiroidi addizionali sono visualizzate mediante ultrasuoni, il cui numero può raggiungere 16!

testimonianza

Le principali indicazioni per l'ecografia tiroidea sono le seguenti:

  • un aumento rilevato dal paziente delle dimensioni della tiroide;
  • indicatori clinici e di laboratorio della disfunzione tiroidea e paratiroidea;
  • osservazione dinamica durante il trattamento;
  • tenerezza nella ghiandola;
  • lesioni al collo;
  • l'esame manuale (palpazione) rivela nodularità;
  • valutazione dello stato dei vicini linfonodi regionali, se i medici sospettano la diffusione delle metastasi.

Com'è il sondaggio?

Per condurre un esame ecografico della ghiandola tiroidea, vengono utilizzati i seguenti tipi di sensori:

L'intervallo di funzionamento di tale sensore è compreso tra 5 e 13 MHz. Sebbene lo studio possa essere eseguito da vari tipi di sensori, la preferenza è data a un sensore lineare che opera nell'intervallo da 5 a 13 MHz.

Il paziente viene posto sulla schiena, con la testa buttata all'indietro, se necessario, un rullo può essere messo sotto il collo. Dopo lo studio a riposo, al paziente viene chiesto di deglutire, girare leggermente la testa, fare un respiro profondo. Questo è necessario per valutare la mobilità e la presenza di rigidità tiroidea. Non è richiesta una preparazione speciale per l'esame ecografico della tiroide e delle ghiandole paratiroidi.

Il diagnostico inizia l'esame in una proiezione trasversale. Per ottenere tali immagini, il sensore viene installato perpendicolarmente alla linea mediana del collo nella regione della cartilagine del secondo secondo della laringe e spostato verso il basso nella cavità giugulare. Normalmente, in questa proiezione, sono chiaramente visibili sezioni trasversali dell'istmo e due lobi laterali della ghiandola, laringe, fasci vascolari, pelle, muscoli. In questa sezione vengono misurati lo spessore dell'istmo e la larghezza dei lobi laterali.

Con una scansione longitudinale, il sensore viene distribuito dalla posizione trasversale - in senso orario per il lobo destro, in senso antiorario per il lobo sinistro, fino a quando i poli vengono rimossi e il fascio vascolare appare sul bordo laterale. In questa sezione vengono effettuate le misurazioni - determinare lo spessore e la dimensione longitudinale. Il volume di condivisione è determinato dalla formula di ellissoide di Brunn: V = 0.479 * lunghezza * larghezza * spessore.

Immagine ad ultrasuoni

Trattare con la conclusione di un'ecografia della ghiandola tiroidea richiede elevate qualifiche e conoscenze del quadro normale. I contorni della ghiandola tiroidea possono essere leggermente deformati dagli organi che si trovano sotto la ghiandola (esofago e trachea), ma i contorni sono normalmente chiari e uniformi. Gli ultrasuoni mostrano anche il parenchima dei lobi della ghiandola. Il parenchima (tessuto) della ghiandola tiroidea ha una struttura a grana fine e ha una bassa ecogenicità.

Nel determinare il quadro normale del parenchima tiroideo, i medici diagnostici si concentrano sull'ecogenicità delle ghiandole salivari, che si trovano vicino alle orecchie. Normalmente, le prestazioni di questi organi hanno la stessa ecogenicità.

La corretta valutazione e interpretazione dei risultati dell'ecografia della ghiandola tiroidea non è completa senza studiare l'istmo tiroideo. L'ecogenicità dell'istmo della ghiandola tiroidea è leggermente superiore all'ecogenicità dei lobi a causa della sua più stretta prossimità alla pelle. La ridotta ecogenicità del parenchima dei lobi è dovuta anche alla sua struttura follicolare con la presenza di un fluido finemente disperso - un colloide - nei follicoli.

Anteriormente alla tiroide, un ecogramma visualizza i muscoli ipoecogeni del collo e del tessuto adiposo sottocutaneo. Dietro l'istmo è determinata dall'ombra della trachea, a causa della presenza di aria in essa. Tra il lobo sinistro e la trachea, l'esofago viene visualizzato sotto forma di una struttura arrotondata, tubolare con scansione longitudinale, con una parete multistrato ecogenica e contenuti anecoici.

Quando l'ecografia della ghiandola tiroidea nella modalità di color Doppler mapping, è possibile vedere sezioni delle arterie tiroidee delle vene nella regione dei poli della ghiandola tiroidea e nel centro.

Linfonodi

I linfonodi possono essere definiti come strutture arrotondate con un diametro fino a 8-9 mm con un contorno chiaro e uniforme, una capsula sottile e luminosa, un centro iperecogeno con un bordo periferico ipoecogeno. Questi tipi di indicatori sono caratteristici dei linfonodi cervicali e sottomandibolari superiori.

Altri gruppi di linfonodi localizzati nella proiezione dei triangoli mediali non sono normalmente visualizzati.

Ghiandole paratiroidi all'ecografia

È noto che le ghiandole paratiroidi producono ormone paratiroideo e calcitonina, necessarie nel corpo per regolare il contenuto di calcio e fosforo.

I processi patologici nelle ghiandole paratiroidi comportano il loro aumento o diminuzione. Inoltre, la forma delle ghiandole può anche cambiare. Questo tipo di anormalità può essere diagnosticata con l'ecografia delle ghiandole paratiroidi.

Al fine di rilevare le ghiandole paratiroidi, il diagnostico esamina il piano mediale posteriore dei lobi laterali e la superficie posteriore della ghiandola tiroidea. La ricerca passa rispettivamente nelle superfici trasversali e longitudinali. Di solito, coppie di ghiandole paratiroidi si trovano ai poli inferiore e superiore della ghiandola tiroidea. Ma a volte possono essere trovati sotto la capsula interna della ghiandola tiroidea.

Normalmente, le ghiandole paratiroidi possono non essere rilevate, ma a volte sono visualizzate come formazioni arrotondate, i cui contorni sono presentati come linee chiare e piatte di maggiore ecogenicità. taglie 2-8 mm. L'ecogenicità del loro parenchima è inferiore rispetto all'ecogenicità del parenchima tiroideo. L'ecografia delle ghiandole paratiroidi fornisce informazioni sufficienti per la diagnosi precoce delle patologie in via di sviluppo.

Dimensione della ghiandola normale

Decodifica e valutazione della conclusione dopo l'ecografia della ghiandola tiroidea non è possibile senza prendere in considerazione la dimensione della ghiandola tiroidea.

Indicatori normali delle dimensioni della ghiandola tiroidea negli uomini, a seconda dell'età.

Negli uomini

I valori medi delle dimensioni lineari della tiroide e il suo volume negli uomini

(tavolo di Kharchenko V.P., Kotlyarov P.M., Smetanina L.I., 1999)

Nota: la deviazione media (per tutte le età) per la lunghezza delle azioni non è
più di 0,5 cm, per la larghezza - 0,2 cm, per la profondità - 0,2 cm, per la dimensione antero-posteriore dell'istmo - 0,1 cm, la deviazione media del volume della tiroide non supera 0,4 cm cubici.

Dimensione normale nelle donne

Dimensione normale della tiroide nelle donne, a seconda dell'età.

I valori medi delle dimensioni lineari della tiroide e il suo volume nelle donne

(di Kharchenko V.P., Kotlyarov P.M., Smetanina L.I., 1999)

Nota: la deviazione media (per tutte le età) per la lunghezza delle azioni non è

più di 0,5 cm, per larghezza - 0,2 cm, per profondità - 0,2 cm, per dimensioni antero-posteriore dell'istmo - 0,1 cm, la deviazione media del volume della tiroide nelle donne non supera 0,7 cm cubici.

Conclusione del medico della diagnostica ecografica

Alla fine dello studio, uno specialista ecografico emetterà una conclusione in base alla quale il medico curante sviluppa le tattiche appropriate per l'esame e il trattamento del paziente. Se non vengono rilevati cambiamenti patologici, il protocollo di esame ecografico della ghiandola tiroidea può essere il seguente:

La ghiandola tiroidea ha dimensioni normali (i valori digitali sono indicati), una forma simmetrica a forma di ferro di cavallo (asimmetricamente ammissibile), i contorni sono chiari e uniformi, la struttura ecografica è omogenea, a grana fine, l'ecogenicità non è cambiata. quando si deglutisce, il movimento della ghiandola è normale. Il rapporto tra la ghiandola tiroide e gli organi e i tessuti circostanti non è rotto. Le formazioni patologiche non sono rivelate. I linfonodi non sono visualizzati (o sono visualizzati i linfonodi cervicali superiori invariati).

Conclusione: i segni ecografici di patologia tiroidea non sono stati rilevati.

Patologia rilevabile

Descriviamo brevemente le principali anomalie della ghiandola tiroidea, che sono abbastanza efficacemente diagnosticate dagli ultrasuoni.

Ipoplasia tiroidea - una riduzione di uno o entrambi i lobi di dimensione è osservata nei sonogrammi, l'ecostruttura del parenchima non cambia. Il volume totale della ghiandola con ipoplasia unilaterale può rimanere entro il range normale.

Distopia della ghiandola tiroidea - un cambiamento nella posizione normale della ghiandola tiroidea a causa di un improprio inserimento intrauterino dell'organo. L'ecografia può rilevare la ghiandola tiroidea nella regione dell'osso ioide o parzialmente spostata dietro lo sterno.

Iperplasia tiroidea (gozzo diffuso) - è associata a carenza di iodio o processo autoimmune (malattia di Basedow). Nel primo caso, l'iperplasia può essere diffusa, la ghiandola è ingrandita con un'ecostruttura relativamente uniforme e un'eco-genetica invariata, o colloide, in questa forma di realizzazione l'ecostruttura della ghiandola è alterata a causa di follicoli con contenuto anecoico allargato da 3 a 8 mm.

I processi patologici autoimmuni spesso portano a danni al parenchima tiroideo, che acquisirà una struttura eterogenea nelle immagini. Cambiamenti strutturali si verificano a causa del fatto che si alternano aree a bassa ecogenicità e aree linearine di maggiore ecogenicità.

In generale, l'ecogenicità della ghiandola è ridotta, la vascolarizzazione del tessuto ghiandolare non è uniforme. Un'immagine simile di lesioni autoimmuni è stata osservata nella tiroidite autoimmune di Hashimoto - in questa malattia sono emesse forme ipertrofiche e atrofiche, l'ultima è rara (circa il 10% dei casi).

Il gozzo nodulare è una condizione patologica caratterizzata dalla presenza di un nodo (nodi) nella ghiandola tiroidea sullo sfondo di livelli normali di ormoni tiroidei. Un nodo è considerato un'educazione arrotondata con una capsula iperecogena sottile, che non è sempre visualizzata, una corolla ipoecogena intorno e spesso un bordo vascolare. Un nodo può essere iperico, iso- e ipoecogeno e avere anche un'eco-genetica mista. Secondo i dati a ultrasuoni, è impossibile differenziare un tumore benigno da un sito di cancro, per questo scopo viene utilizzata una biopsia di aspirazione con ago sottile.

Immagine ad ultrasuoni della tiroide. Il paziente ha 60 anni. La freccia superiore indica un alone specifico della ghiandola tiroidea, la freccia inferiore indica la sua scomparsa nella parte inferiore. Un tale fenomeno può parlare di formazioni di organi benigne. La biopsia dell'ago è necessaria per chiarire la diagnosi. Fonte radiopaedia.org.

Il quadro post-traumatico della ghiandola tiroidea è caratterizzato da un lieve aumento del lobo interessato, una diminuzione della sua ecogenicità, ematomi e zone di fibrosi possono essere visualizzate.

Pertanto, l'ecografia della tiroide è un esame efficace, indolore e quindi molto popolare. Questo metodo diagnostico consente ai medici di predeterminare molte patologie e, a causa di ciò, avviare il trattamento necessario nel tempo. Si noti inoltre che la trascrizione e le conclusioni finali devono essere fatte da specialisti altamente qualificati.

Ultrasuoni delle ghiandole paratiroidi: quanto è istruttiva questa tecnica di esame?

L'articolo è dedicato a uno dei metodi più utilizzati di visualizzazione della ghiandola paratiroidea (ghiandola paratiroidea), - i suoi ultrasuoni (ultrasuoni). Anche qui è possibile ottenere informazioni sulla storia dell'apertura del corpo, sulla sua formazione, posizione, dimensioni e varianti dei cambiamenti patologici. Inoltre, c'è un video interessante in questo articolo e una varietà di materiali fotografici sugli ultrasuoni delle ghiandole paratiroidi.

La prima descrizione delle ghiandole paratiroidi fu fatta da uno scienziato di nome Sandström nel 1880. Uno dei nomi di questi organi endocrini è stato dato in suo onore, il corpo di Sandström. Tuttavia, ci sono voluti 43 medici per capire il ruolo delle ghiandole paratiroidee.

Queste informazioni sono state in grado di ottenere solo nel 1923. E solo un paio di anni dopo, nel 1925, fu eseguito il primo intervento chirurgico per rimuovere la ghiandola paratiroidea allargata a un paziente con osteite fibrosa. Ma il problema della visualizzazione di questi organi del sistema endocrino è rimasto molto difficile fino agli anni '80. il secolo scorso, quando a questo scopo iniziarono ad applicare con successo gli ultrasuoni.

Tecnologia di ricerca

La tecnica degli ultrasuoni si basa sulla fissazione dei segnali ultrasonici riflessi dai tessuti dell'organo al fine di ottenere la sua immagine tridimensionale. La radiazione ultrasonica non rappresenta una minaccia per la vita e la salute del soggetto, poiché non è né radioattiva né radiografica.

Un medico, studiando le ghiandole paratiroidi sugli ultrasuoni, valuta i loro parametri come:

  1. Modulo.
  2. La localizzazione.
  3. Dimensioni.
  4. Struttura.

Ed è molto importante che tutto questo sia fatto in modo non invasivo.

Interessante! Le ghiandole paratiroidee allo stato normale sono praticamente indecise anche su apparecchi ad ultrasuoni ad alta risoluzione dotati di sensori a 10 MHz.

I motivi sono sia le piccole dimensioni delle ghiandole sane, sia la composizione dei loro tessuti (adipociti, stroma di composizione fibrovascolare e cellule di Schiff), che forniscono questi organi del sistema endocrino con l'ecogenicità, che differisce molto poco da quella della ghiandola tiroidea. Le differenze cominciano ad apparire solo nelle fasi iniziali della formazione del processo patologico, ad esempio, in malattie come iperplasia o adenoma ghiandola paratiroidee.

Si basano su un cambiamento nel rapporto tra cellule attive con tessuto adiposo e stroma a favore del primo. Pertanto, viene prescritta un'ecografia delle ghiandole paratiroidi per determinare la presenza e il grado di sviluppo di varie crescite tumorali sullo sfondo di un aumento della concentrazione dell'ormone paratiroideo (PTH) nel sangue periferico.

Oltre ai parametri sopra indicati, gli ultrasuoni possono determinare le caratteristiche del processo patologico che è iniziato, così come il grado di afflusso di sangue all'organo e lo stato delle pareti dei vasi che si trovano in esso.

Tecnica ad ultrasuoni

Il soggetto, che deve sottoporsi a ecografia della tiroide e delle ghiandole paratiroidi, non è tenuto a sottoporsi a particolari preparativi per la procedura. Il tempo di attesa è di circa 20 minuti e allo stesso tempo il paziente non è esposto a nessun effetto pericoloso o doloroso. Per quanto riguarda le controindicazioni allo studio, semplicemente non esistono.

Durante lo studio, un gel speciale che conduce vibrazioni ultrasoniche. Si applica alla superficie del sensore a contatto con la pelle del soggetto. I segnali dati dal radiatore passano attraverso i tessuti e vengono riflessi in modo non uniforme da essi. Queste onde riflesse catturano il dispositivo, quindi le elabora e le visualizza sul monitor sotto forma di un'immagine.

Se si utilizzano i dati ottenuti non è possibile fare una diagnosi accurata, quindi, nella maggior parte di questi casi, viene effettuata la biopsia con ago sottile, la cui accuratezza è garantita dal monitoraggio del dispositivo a ultrasuoni.

Compiti e vantaggi della diagnostica ecografica

Con l'aiuto delle apparecchiature ad ultrasuoni, i medici possono risolvere diversi problemi contemporaneamente:

  1. Per diagnosticare la patologia.
  2. Vota la sua gravità.
  3. Determina l'efficacia del trattamento.

Gli ultrasuoni hanno una serie di vantaggi:

  1. Disponibilità.
  2. Informatività.
  3. Il basso costo della procedura.
  4. Nessuna esposizione dannosa.

Molti medici valutano l'ecografia delle ghiandole paratiroidi, per cui viene utilizzata l'attrezzatura della classe esperta, come uno dei metodi più affidabili di visualizzazione di questi organi.

La sensibilità di questo tipo di studio può variare in modo significativo e va dal 58% al 75%. Ma dipende non solo dalla classe di equipaggiamento utilizzata, ma anche da quanto il medico sta lavorando su di esso, con quale precisione l'istruzione viene eseguita da esso.

La diagnosi di malattie delle ghiandole paratiroidi è complicata in presenza di alterazioni patologiche nella ghiandola tiroidea, che, purtroppo, sono sempre più comuni nella popolazione umana.

Per questo motivo, l'esame di questi organi del sistema endocrino è fatto meglio in una clinica specializzata, dove specialisti stretti esaminano il paziente e sviluppano tattiche di trattamento individuale per lui. In caso di difficoltà con la diagnosi in tali centri medici sarà in grado di assegnare e condurre ulteriori studi necessari per chiarire la diagnosi.

Indicazioni per l'ecografia delle ghiandole paratiroidi

Tale studio è condotto per determinare la patologia, monitorare i cambiamenti che si verificano nell'organo interessato, nonché valutare l'efficacia delle procedure mediche che vengono eseguite per il paziente.

L'apparecchio ad ultrasuoni è in grado di visualizzare vari cambiamenti patologici nei tessuti delle ghiandole paratiroidi:

Pertanto, ci sono molte indicazioni per l'ecografia delle ghiandole paratiroidi:

  1. Tessuto ghiandola ectopica
  2. Disturbo del metabolismo del calcio e del fosforo.
  3. Sospetto della presenza di tumori.
  4. Aumento del corpo degli ioni di calcio.
  5. Osteoporosi, la cui eziologia non è stata determinata.
  6. Urolitiasi, con cause non chiare di sviluppo.
  7. Identificazione di calcificazioni in vari tessuti del corpo umano.
  8. Sia la crescita che la diminuzione del contenuto di ormone paratiroideo nel sangue periferico.
  9. Condurre il controllo di qualità del corso di trattamento dell'iperparatiroidismo.

Inoltre, è possibile indirettamente sull'ecografia, - modificando le caratteristiche della circolazione sanguigna, per identificare i processi di attivazione nella tiroidite autoimmune.

Ghiandole paratiroidi all'ecografia

Nello stato normale, questi organi endocrini su ultrasuoni sembrano omogenee formazioni ovali o arrotondate ipoecogene di contorni uniformi e chiari, di qualsiasi dimensione non superiore a 30 mm, che si trovano sui poli superiori e inferiori della parete posteriore della ghiandola tiroidea. La vascolarizzazione delle ghiandole paratiroidi nella maggior parte dei casi è assente.

La determinazione mediante ultrasuoni del flusso sanguigno interno è possibile solo con un aumento delle dimensioni dell'organo (32% dei casi con parametri medi 21x10 mm).

Di seguito una tabella che mostra i cambiamenti caratteristici nella figura sugli ultrasuoni in varie patologie delle ghiandole paratiroidi:

I tumori solidi ipoecogeni sono abbastanza difficili da distinguere dalla cistica, che a volte porta a errori medici.

Gli ultrasuoni non distinguono direttamente tali malattie delle ghiandole paratiroidi come adenoma e iperplasia l'uno dall'altro, ma ci sono un certo numero di segni che possono determinare con precisione questo, e sono elencati nella tabella seguente:

Per determinare quanto ha il tessuto paratiroideo alterato, viene utilizzata la seguente formula: Paratiroide V (cm3) = π / 6xAxBxC, in cui A, B e C sono le dimensioni di un organo in centimetri. Se la ghiandola paratidea ha un volume fino a 0,5 cm3, allora sono considerati piccoli e se sono più di 0,5 cm3, allora sono considerati grandi.

Difficoltà a interpretare il risultato dell'ecografia

Nella pratica degli ultrasuoni durante l'esame delle ghiandole paratiroidi, i risultati falsi-negativi e falsi-positivi sono abbastanza comuni a causa della somiglianza delle ghiandole paratiroidee aumentate con tumori nodulari della ghiandola tiroidea localizzati nei luoghi appropriati:

Inoltre, a volte i medici interpretano male le normali strutture anatomiche, il muscolo del collo lungo, la parete sinistra dell'esofago. Inoltre, non è facile distinguere le ghiandole paratiroidi dai linfonodi situati nelle stesse aree.

Naturalmente, tali errori sono soggettivi, dipendono dalla professionalità dello specialista ecografico e dalla classe di apparecchiature diagnostiche. Ciò è confermato dal fatto che la descrizione della sensibilità degli ultrasuoni, fatta alla fine del secolo scorso, ha una qualità inferiore a quella pubblicata oggi.

Perché l'esame ecografico delle ghiandole paratiroidi è spesso di scarsa qualità?

La ragione oggettiva per cui la sensibilità degli ultrasuoni quando si esaminano le ghiandole paratiroidee non è abbastanza elevata, è chiamata ectopia delle ghiandole. Tuttavia, diversi tipi di ectopia influenzano l'esito in modi diversi.

Ad esempio, l'interthyroid e alcuni altri semplicemente impediscono la visualizzazione, ma non rendono impossibile. Ma il 10 - 15% delle ectopie sono localizzate in luoghi in cui la visualizzazione con la macchina ad ultrasuoni non è disponibile:

  1. Retrotrahealnaya.
  2. Retrofaringalnaya.
  3. Mediastinica.
  4. Area retroesofagea.

Tuttavia, nonostante alcuni aspetti negativi, sono le macchine ad ultrasuoni che vengono utilizzate, al fine di visualizzare le ghiandole paratiroidi ingrandite o modificate, in primo luogo. Se i dati degli ultrasuoni differiscono dai risultati di altri studi clinici e di laboratorio, viene mostrato l'uso di altri metodi aggiuntivi.

Le interruzioni nel funzionamento degli organi del sistema endocrino portano ad una rottura del lavoro della maggioranza assoluta degli organi interni. Per questo motivo, l'apparizione dei più piccoli sintomi della patologia delle ghiandole endocrinologiche dovrebbe allarmare le persone e incoraggiarle a cercare aiuto da un endocrinologo.

Le ghiandole paratiroidee secernono sostanze biologicamente attive che regolano lo scambio di calcio e fosforo nel corpo. La sua disfunzione può essere quella di produrre sia quantità in eccesso che insufficiente di ormone paratiroideo.

Il più accessibile e uno dei metodi di ricerca più efficaci in questi casi è un ecografia della tiroide e delle ghiandole paratiroidi. Un endocrinologo prescriverà in primo luogo una tale manipolazione, sospettando la patologia di questi organi.

Ulteriori Articoli Su Tiroide

Tutti sanno che lo sfondo ormonale di una donna è più instabile di quello degli uomini: a partire dai cicli mensili e termina con la gravidanza. È la natura della natura che la concentrazione degli ormoni del sesso debole debba essere modificata a intervalli costanti: ad esempio, estrogeni e progesterone, che sono associati principalmente alla funzione riproduttiva.

Gola seccaLa gola secca è una tale diagnosi, secondo i medici, oggi puoi mettere quasi tutti i residenti di grandi città, gli insediamenti con l'industria sviluppata.

Un esame del sangue per il progesterone deve essere somministrato alle donne che desiderano avere un bambino e presentare sintomi di deficit di progesterone. L'ormone sessuale è uno dei più importanti nel processo di concepire e trasportare un bambino.