Principale / Test

Ovaio policistico

L'ovaio policistico è un complesso di sintomi che è caratterizzato da compromissione della funzione ovarica sullo sfondo di disturbi neuroendocrini (malfunzionamenti del pancreas, delle ghiandole surrenali, dell'ipotalamo e dell'ipofisi).

Il processo di follicologenesi è disturbato nelle ovaie, che porta all'anovulazione, e un eccesso di androgeni (ormoni sessuali maschili) porta allo sviluppo dell'irsutismo (aumento della crescita dei peli corporei) e dell'obesità.

Il termine "policistico" è spiegato dalla presenza di più piccole cisti nell'ovaio, a causa delle quali le ovaie aumentano di dimensioni.

Il nome comune per questa condizione è la sindrome dell'ovaio policistico, non una malattia, poiché la caratteristica del complesso dei sintomi dell'ovaio policistico si verifica in varie malattie.

Ci sono la sindrome dell'ovaio policistico primario (sindrome di Stein-Leventhal) e la sindrome dell'ovaio policistico secondario.

Sindrome di ovaie policistiche secondarie si sviluppa sullo sfondo di iperplasia surrenale, malattie della tiroide, diabete, obesità.

motivi

Le cause esatte della sindrome dell'ovaio policistico non sono state stabilite. I fattori predisponenti includono:

  • trauma, stress e infezione durante l'infanzia;
  • predisposizione genetica;
  • la presenza di parenti con ipertensione o diabete mellito;
  • malattie infettive croniche;
  • patologia dell'ipofisi, dell'ipotalamo, della tiroide;
  • iperplasia della corteccia surrenale;
  • parto complicato;
  • aborti multipli;
  • l'obesità.

I sintomi dell'ovaio policistico

Le manifestazioni dell'ovaio policistico sono numerose e varie:

Violazione del ciclo mestruale. Le mestruazioni irregolari, con lunghi (6 mesi o più) ritardi, periodi scarsi o abbondanti. Il disturbo mestruale inizia con il menarca (con il primo sanguinamento mestruale).

Infertilità. L'infertilità è dovuta all'anovulazione cronica o all'ovulazione rara (durante la rottura del follicolo e il rilascio dell'uovo, non può sfondare la membrana molto densa dell'ovaio).

L'obesità. La distribuzione dell'eccesso di tessuto adiposo avviene nel tipo maschile (basso addome e nella cavità addominale, mentre le braccia e le gambe rimangono di dimensioni normali).

Irsutismo, alopecia. Caratterizzato da una maggiore crescita dei capelli sul viso e sul corpo e sulla calvizie maschile del cuoio capelluto (chiazze calve sulla fronte e sulla corona).

Acne, pelle grassa. Seborrea, pelle grassa e acne facciale sono un segno di androgeni.

Acanthosis. L'aspetto delle macchie scure sul corpo (sotto le ascelle, sotto le ghiandole mammarie) è anche caratterizzato dalla comparsa di smagliature - smagliature sotto forma di strisce viola sulla pelle.

Voce grezza (maschile).

Dolore addominale inferiore Il dolore doloroso costante nell'addome inferiore è possibile a causa della compressione delle ovaie ingrossate degli organi pelvici o della eccessiva sintesi ovarica delle prostaglandine che causano dolore.

Iperinsulinemia. Aumento del contenuto di insulina nel sangue a causa della resistenza all'insulina dei tessuti.

Ovaie ingrandite. All'esame ginecologico vengono palpate ovaie ingrossate, dense e (eventualmente) dolorose. Durante la laparoscopia, vengono determinate le ovaie con cisti multiple coperte da una guaina densa color perla.

Iperplasia endometriale. L'eccesso di carenza di estrogeni e progesterone porta alla proliferazione della mucosa uterina.

diagnostica

La diagnosi delle ovaie policistiche viene effettuata sulla base di segni clinici caratteristici e dei risultati di ulteriori metodi di ricerca:

Ultrasuoni degli organi pelvici. Su ultrasuoni, viene determinata la dimensione allargata delle ovaie con più piccole cisti. Il rivestimento proteico è ispessito e la proliferazione del tessuto connettivo è rilevata nelle ovaie.

Studi ormonali. Viene determinato il livello di follicolo-stimolante (FSH) e l'ormone luteinizzante (LH). Il rapporto tra LH e FSH e 3/1 indica l'ovaio policistico. Viene anche determinato un aumento del livello di androgeni (testosterone), prolattina (possibilmente) e un livello ridotto di progesterone nella seconda fase del ciclo mestruale. Nelle urine viene rilevato un alto contenuto di 17-KS (androgeni) e l'insulina può trovarsi all'interno, al di sopra o al di sotto del normale.

Analisi biochimica del sangue Determinazione della glicemia (elevata), ad alto contenuto di grassi (trigliceridi) e colesterolo.

Raschiare l'utero. Un raschiamento della mucosa uterina dopo un esame istologico indica iperplasia dell'endometrio. La raschiatura viene eseguita in caso di sanguinamento uterino disfunzionale.

Trattamento dell'ovaio policistico

Il trattamento viene eseguito da un ginecologo-endocrinologo.

La terapia della sindrome dell'ovaio policistico è lunga, si estende per mesi e anche per anni.

  • normalizzazione del ciclo mestruale;
  • ripristino dell'ovulazione e ulteriore gravidanza;
  • eliminazione di problemi estetici;
  • correzione del peso.

La terapia di ovaie polycystic comincia con la nomina di una dieta e la normalizzazione di peso.

Si raccomanda di limitare il consumo di grassi (di origine animale speciale), carboidrati e liquidi. È necessario rifiutare prodotti affumicati, salati e taglienti. Anche gli sport sono efficaci. Spesso, la normalizzazione del peso porta a un ciclo mestruale regolare e al ripristino dell'ovulazione.

Per eliminare i difetti estetici e correggere il ciclo mestruale, vengono prescritti preparati ormonali con attività antiandrogenica (Janine, Yarina, Diane-35). L'accettazione di contraccettivi ormonali dura 6-9 mesi.

Dopo il ripristino del ciclo mestruale, iniziano a stimolare l'ovulazione con Clomiphen (clostilbegit) dal 5 ° al 9 ° giorno del ciclo. Il trattamento con clomifene viene effettuato sotto il controllo della temperatura basale e degli ultrasuoni (per determinare il follicolo dominante).

In assenza dell'effetto della terapia conservativa, si è ricorso all'intervento chirurgico. L'intervento chirurgico viene effettuato per via laparoscopica (3 punture nella parete addominale anteriore), durante la quale eseguire la resezione a cuneo delle ovaie o elettrocauterizzazione delle ovaie (apertura di cisti con un elettrocoagulatore).

La gravidanza dopo il trattamento chirurgico avviene entro 6-9 mesi, ma più tempo è trascorso dopo l'operazione, meno possibilità di rimanere incinta.

Complicazioni e prognosi

La sindrome dell'ovaio policistico è pericolosa dallo sviluppo delle seguenti condizioni:

  • diabete mellito;
  • aborto spontaneo (parto prematuro, aborto spontaneo);
  • mastopatia fibrocistica;
  • iperplasia endometriale e cancro;
  • aumento del rischio di infarto miocardico, ictus, ipertensione.

La prognosi per il policistico è favorevole. Il trattamento tempestivo e di alta qualità della sindrome dell'ovaio policistico ripristina la capacità di una donna di concepire e, di conseguenza, di dare alla luce un bambino nella maggior parte dei casi (70-90%).

L'unica condizione è l'assunzione di ormoni (Utrozhestan, Duphaston) per sostenere la gravidanza.

Ovaio policistico

L'ovaio policistico (sin. - sindrome dell'ovaio policistico o PCOS) è una crescita bilaterale benigna di lesioni cistiche multiple all'interno o all'esterno delle ovaie a causa di un complesso di disturbi endocrini (disturbi dell'ovaio, della tiroide e del pancreas, della corteccia surrenale, dell'ipofisi e dell'ipotalamo). Le ovaie policistiche primarie possono essere congenite o verificarsi sin dall'adolescenza nella fase della formazione della funzione mestruale. Nell'età adulta, lo sviluppo della PCOS può essere dovuto a patologie endocrine croniche o malattie infiammatorie del sistema riproduttivo femminile.

Ovaio policistico

Ovaie policistiche - la formazione e la proliferazione sulla superficie delle ovaie di più piccole cisti a causa di disturbi ormonali nel corpo di una donna. Può essere asintomatico, a volte manifestato come disfunzione mestruale (oligomenorrea), crescita dei peli del corpo maschile, obesità, acne. Porta a aborto e infertilità.

Le ovaie policistiche primarie possono essere congenite o verificarsi sin dall'adolescenza nella fase della formazione della funzione mestruale. Nell'età adulta, lo sviluppo della PCOS può essere dovuto a patologie endocrine croniche o malattie infiammatorie del sistema riproduttivo femminile - malattia ovarica policistica secondaria. L'incidenza delle ovaie policistiche è dal 5 al 10% delle donne nella fase riproduttiva. La PCOS è la causa più pericolosa di infertilità femminile nel 25% dei casi clinici.

Sintomi di PCOS

Un certo numero di disturbi che si verificano nel corpo con ovaie policistiche, permettono alla donna stessa di sospettare il suo sviluppo.

  • Irregolarità del ciclo mestruale. La violazione dell'ovulazione (spesso il tipo di anovulazione - la sua completa assenza) porta a un cambiamento nel ciclo mestruale, manifestato in lunghi (più di un mese) ritardi o la completa assenza di mestruazioni (amenorrea). Spesso tali manifestazioni si verificano già all'inizio della formazione della funzione mestruale nelle ragazze dell'adolescenza. In alcuni casi, in caso di ovaie policistiche, lunghi periodi di mestruazioni possono alternarsi a sanguinamento uterino causato da iperplasia dell'endometrio (proliferazione eccessiva dell'utero).
  • Aumento della untuosità dei capelli e della pelle, la comparsa di acne, acne, seborrea. In caso di ovaie policistiche sviluppate a seguito dell'ipersecrezione di androgeni, esse sono permanenti e non rispondono alla terapia sintomatica.
  • L'obesità. Manifestato da un forte aumento di peso di 10-15 kg. I depositi di grasso possono essere distribuiti sul tipo universale (uniformemente in tutto il corpo) o sul tipo maschile di obesità (principalmente depositati nella vita e nell'addome). Disturbi del metabolismo dei lipidi e dei carboidrati possono portare allo sviluppo del diabete di tipo 2.
  • Aumento della crescita dei peli del corpo - irsutismo. Con PCOS, i capelli iniziano a crescere come un maschio sull'addome, nel perineo, all'interno delle cosce e nelle gambe. Sulla faccia di solito appaiono "antenne" sopra il labbro superiore.
  • Tirando i dolori nell'addome inferiore. I dolori sono cronici, moderatamente pronunciati, possono irradiarsi nella zona lombare o pelvica.
  • Costanza della temperatura basale (rettale) durante l'intero ciclo mestruale. Nella seconda fase del ciclo mestruale in normale c'è un salto caratteristico nella temperatura basale, che coincide nel tempo con il processo di ovulazione. L'assenza di una temperatura massima indica un ciclo anovulatorio.
  • Infertilità. In caso di PCOS, si osserva infertilità primaria, cioè l'assenza di una storia del verificarsi della gravidanza con vita sessuale regolare senza l'uso di contraccezione.

Cause di PCOS

La base dello sviluppo delle ovaie policistiche sono principalmente i disordini poliendocrini, manifestati da un disturbo delle funzioni:

  • ipofisi e ipotalamo (disregolazione delle ghiandole surrenali e delle ovaie);
  • corteccia surrenale (aumento della secrezione di androgeni);
  • ovaie (irregolarità o mancanza di ovulazione, aumento della secrezione di estrogeni);
  • pancreas (aumento della produzione di insulina quando i tessuti sono insensibili ad esso).

Interruzione della regolazione ormonale porta ad una sospensione dello sviluppo e della maturazione dei follicoli, un aumento delle dimensioni e della compattazione della capsula ovarica, in base al quale crescono più escrescenze cistiche da follicoli immaturi. Ciò comporta una rottura dell'ovulazione, della funzione mestruale e dell'infertilità. Sullo sfondo dell'obesità (e si verifica nelle donne con PCOS nel 40% dei casi), questi processi sono ancora più pronunciati. Malattie infettive, stress e persino cambiamenti climatici possono provocare disturbi ormonali.

Complicazioni di PCOS

L'ovaio policistico, accompagnato da disturbi ormonali e mancanza di ovulazione, è una delle cause più comuni di infertilità femminile. Un lungo ciclo di ovaia policistica senza un trattamento appropriato aumenta significativamente le possibilità di sviluppare tumori maligni del corpo e della cervice, nonché, secondo alcune informazioni, il cancro al seno. Questo fattore di rischio è maggiore se combinato con l'ovaio policistico, l'obesità e il diabete. Inoltre, una violazione del metabolismo lipidico porta allo sviluppo di aterosclerosi, infarto miocardico, ictus. Il rilevamento di PCOS in uno stadio iniziale di sviluppo facilita notevolmente la guarigione e riduce il rischio di gravi conseguenze.

diagnostica

La diagnosi di sindrome dell'ovaio policistico è possibile se sono disponibili almeno due dei seguenti criteri:

  • disfunzione ovarica, manifestata in violazione del ciclo mestruale, assenza di ovulazione (anovulazione) e infertilità;
  • iperandrogenismo nelle donne - produzione eccessiva nel corpo femminile di androgeni (ormoni sessuali maschili), esibendo un aumento osvoloseniem (irsutismo), acne (acne), rinforzato untuosità della pelle e seborrea;
  • immagine ecoscopica o laparoscopica dell'ampliamento e dei cambiamenti cistici nelle ovaie.

Per confermare questi criteri nella diagnosi di PCOS, vengono utilizzati una serie di metodi oggettivi, di laboratorio e strumentali:

  1. Esame generale, compresa una valutazione del tipo di corpo, la natura della distribuzione dei capelli, la condizione della pelle e delle mucose, la palpazione dell'addome, ecc.
  2. Esame ginecologico vaginale-addominale sulla poltrona, che consente di identificare l'allargamento e la compattazione delle ovaie su entrambi i lati.
  3. ecografia pelvica, in cui l'allargamento ovarico bilaterale codificato dimensione fino a 4 cm di larghezza e 5-6 cm di lunghezza, la loro densa capsula, la presenza di più (8 o più) piccole cisti follicolari alla periferia. Quando fisso Doppler aumento del flusso sanguigno nei vasi ovarici.
  4. Determinazione dei livelli ematici di ormoni pituitari, ovaio, ghiandola surrenale: prolattina, ormone follicolo stimolante (FSH), ormone luteinizzante (LH), progesterone, estradiolo, 17-gidoroskiprogesterona, testosterone, androstenedione, cortisolo, C-DHEA (deidroepiandrosterone solfato).
  5. Risonanza magnetica (MRI), che consente di escludere le lesioni tumorali delle ovaie.
  6. Indagine sul livello dei lipidi e delle frazioni lipidiche per determinare i disordini del metabolismo lipidico.
  7. Determinazione dell'insulina e del glucosio nel sangue, TSH (test di tolleranza al glucosio) al fine di identificare le violazioni del metabolismo dei carboidrati.
  8. Laparoscopia che conferma i cambiamenti cistici bilaterali nelle ovaie.

Trattamento di PCOS

trattamento ovaio policistico è volta a ripristinare o normalizzazione dell'ovulazione, funzioni mestruali e riproduttive e metodi conservativi e operativi realizzati. trattamento conservativo della PCOS viene effettuata utilizzando preparazioni ormonali: antiestrogeni, contraccettivi orali combinati hanno effetto antiandrogeno (riduzione del ciclo mestruale, eliminando iperandrogenismo), gonadotropine (stimolante ovulazione).

Le donne che soffrono di ovaie policistiche sullo sfondo dell'obesità dovrebbero combinare l'attività fisica con una dieta e una dieta determinate:

  • restrizione dell'apporto calorico a 1200-1800 kcal al giorno con 5-6 pasti al giorno;
  • consumo di cibi ipocalorici (frutta, verdura);
  • aumento del contenuto proteico nella dieta (pesce, frutti di mare, carne, ricotta);
  • restrizione degli alimenti a base di carboidrati (cottura, zucchero, marmellata, miele, bevande zuccherate);
  • eliminazione dei grassi animali e loro sostituzione con grassi vegetali. L'assunzione giornaliera di grassi non supera gli 80 g;
  • esclusione di spezie, spezie, salse, prodotti affumicati e in salamoia;
  • completa eliminazione dell'alcool;
  • giorni di digiuno 2-3 volte a settimana (mela, kefir, fiocchi di latte, verdure).

In assenza di un risultato della terapia conservativa in corso o dello sviluppo dell'iperplasia endometriale, viene eseguito un trattamento chirurgico. Di norma, la moderna ginecologia operatoria utilizza operazioni laparoscopiche meno traumatiche nel trattamento delle ovaie policistiche. Nel caso di ovaie policistiche, viene eseguita una resezione a cuneo, cioè rimozione parziale o cauterizzazione (cauterizzazione) del tessuto ovarico interessato. Ciò porta ad una diminuzione della produzione di androgeni e alla normalizzazione dell'ovulazione. A seguito di un intervento chirurgico, la gravidanza si verifica nel 65% dei pazienti. Sfortunatamente, l'effetto dell'operazione dura da 1 a 3 anni, e poi di nuovo si verifica una ricaduta dell'ovaio policistico.

Il periodo più favorevole per il verificarsi della gravidanza è considerato i primi sei mesi dopo l'intervento chirurgico. In questo momento, gli ormoni prescritti che stimolano la maturazione dell'uovo. È possibile condurre operazioni ripetute, ma portano meno effetto. Le donne operate per PCOS dovrebbero essere sotto costante controllo medico da parte di un ginecologo.

Prognosi e prevenzione

È impossibile curare completamente la PCOS, quindi l'obiettivo del trattamento è creare opportunità favorevoli per l'inizio della gravidanza. Quando si pianifica una gravidanza, le donne con diagnosi di ovaio policistico devono essere trattate per ripristinare e stimolare l'ovulazione. Con l'età, la policistosi delle ovaie progredisce, pertanto, il problema della gravidanza dovrebbe essere risolto il prima possibile.

Come nel caso della prevenzione di altre malattie ginecologiche, per la prevenzione della PCOS sono necessarie consultazioni periodiche e ginecologiche di routine. La malattia dell'ovaio policistico, rilevata nella fase iniziale dello sviluppo, consente di iniziare la correzione dei disturbi nel tempo e di evitare conseguenze terribili, inclusa l'infertilità. Di grande importanza è la prevenzione dell'aborto, delle malattie infiammatorie e di altre malattie che portano alla disfunzione delle ovaie. Le madri di ragazze adolescenti dovrebbero essere interessate alla salute "femminile" delle loro figlie e ai primi segni di ovaie policistiche portarle immediatamente da uno specialista competente.

Diagnosi di ovaio policistico

Diagnosi >> ovaia policistica

Ovaio policistico - è una delle più comuni malattie ginecologiche. Questa patologia è caratterizzata da alterata funzionalità endocrina e generativa di entrambe le ovaie. Distinguiamo tra policistosi primaria delle ovaie (malattia di Stein-Leventhal) e policistosi secondaria, che si verifica in varie malattie che interessano la funzione ovarica (sindrome adrenogenitale, ovaie policistiche di genesi centrale).

La diagnosi di ovaie policistiche inizia con anamnesi. Chiarito i reclami del paziente e la presenza dei principali sintomi clinici. Nella maggior parte dei casi, l'ovaio policistico si manifesta con le violazioni del ciclo mestruale: raro ciclo mestruale o la loro completa assenza, sanguinamento uterino aciclico; infertilità anovulatoria o storia di aborto spontaneo; dolore nell'addome inferiore e nella parte bassa della schiena, obesità (con malattia policistica centrale può raggiungere lo stadio III-IV); irsutismo: aumento della crescita dei peli sul corpo, viso, arti.

Un punto importante per la diagnosi differenziale di varie forme di malattia dell'ovaio policistico è l'instaurazione del periodo di insorgenza dei sintomi e la dinamica del loro cambiamento dal momento dell'esordio. Nella sindrome dell'ovaio policistico con sindrome adrenogenitale, l'irsutismo si sviluppa precocemente e precede i disturbi mestruali, mentre nella primitiva policistica (malattia di Stein-Leventhal) l'irsutismo si sviluppa successivamente. I sintomi dopo la policistosi delle ovaie della genesi centrale sono caratterizzati dalla comparsa di traumi o infezioni, con una rapida progressione dei sintomi. In caso di policistosi primaria, è impossibile determinare con precisione il periodo di insorgenza dei sintomi, lo sviluppo di questa patologia stessa è caratterizzato da un decorso lento.

La fase successiva della diagnosi è l'esame del paziente. Durante l'esame generale, l'attenzione è rivolta allo sviluppo generale del corpo, al grado di sviluppo del tessuto adiposo (come menzionato sopra, l'obesità è caratteristica delle ovaie policistiche), la posizione e il tipo di crescita dei capelli sul corpo. Nella sindrome adrenogenitale (la malattia è determinata dalla produzione di androgeni da parte della corteccia surrenale), l'irsutismo a volte è molto pronunciato, mentre nella malattia policistica centrale l'irsutismo è scarsamente espresso e completamente assente. Ci sono altri segni dermatologici: la presenza di acne (acne), seborrea (eccessiva secrezione di ghiandole sebacee), la presenza di smagliature sulla pelle. Un esame speciale viene eseguito da un ginecologo specialista. Lo scopo dell'ispezione è stabilire il tipo e il livello di sviluppo degli organi genitali esterni. Nella sindrome adrenogenitale (forma prepuberale), si nota il sottosviluppo degli organi genitali esterni, oltre a segni di ermafroditismo.

La fase successiva della diagnosi è uno speciale esame clinico del paziente. Lo scopo di questa fase della diagnosi è determinare lo stato degli organi del sistema riproduttivo del paziente. In alcuni casi, con un tatto bimanuale della vagina, si possono palpare ovaie ingrossate e compattate (le ovaie sane, di regola, non sono palpabili).

L'esame ginecologico e la diagnosi aiutano a formare una comprensione preliminare dello stato ormonale del paziente. Il test di allungamento del muco cervicale e la sua cristallizzazione, così come uno striscio citologico delle cellule della mucosa della vagina, rivelano una carenza (o eccesso) di contenuto di estrogeni.

Lo stadio della diagnosi clinica del paziente orienta il medico, lo aiuta a redigere un piano per ulteriori ricerche e fornisce le informazioni necessarie per l'implementazione della diagnosi differenziale.

Il prossimo passo nella diagnosi delle ovaie policistiche sono metodi di ricerca paraclinici (di laboratorio e strumentali).

Il più delle volte nella diagnosi dell'ulcera dell'ovaio policistico viene utilizzata (ecografia). Preferibilmente un esame transvaginale più informativo (attraverso la vagina). I criteri diagnostici per l'ecografia dell'ovaio policistico sono: volume ovarico di oltre 9 centimetri cubici, ispessimento delle capsule ovariche, iperplasia dello stroma ovarico, presenza di più di 10 follicoli atretici (cisti) con un diametro fino a 10 mm. L'elevato contenuto informativo e la disponibilità della ricerca ecografica ne fanno uno strumento indispensabile per la diagnosi del cancro dell'ovaio policistico.

Gli studi ormonali sono usati per chiarire la diagnosi e il regime di trattamento. Per l'ovaio policistico, i seguenti risultati dei test ormonali sono caratteristici:

  • Aumento del livello dell'ormone luteotropico (LH) e aumento del rapporto LH / FSH (FSH - ormone follicolo-stimolante) superiore a 2,5;
  • Aumento della concentrazione di ormoni sessuali maschili (testosterone)

Per determinare la fonte di androgeni condurre test speciali:

  • Test con desametasone. L'essenza di questo test è che la nomina di desametasone riduce la secrezione dell'ACTH (ormone adrenocorticotropo), che stimola la corteccia surrenale. Di conseguenza, la produzione di ormoni da parte di queste ghiandole è ridotta. Quando la sindrome adrenogenitale (una delle cause della malattia ovarica policistica secondaria), vi è un aumento del rilascio di androgeni da parte della corteccia surrenale, pertanto, quando viene somministrato il desametasone, c'è una forte diminuzione degli androgeni nel sangue e dei loro metaboliti nelle urine. Nella policistosi primaria delle ovaie (questa malattia è caratterizzata dalla sintesi di androgeni nelle ovaie e nel tessuto adiposo), la somministrazione di desametasone riduce solo leggermente la concentrazione di androgeni nel sangue. Quindi, il test con desametasone aiuta a differenziare varie forme di ovaia policistica.
  • Test con ACTH. Come accennato in precedenza, l'ormone adrenocorticotropo (ACTH) stimola la funzione surrenale e la sintesi degli ormoni steroidei. Nella sindrome adrenogenitale, la somministrazione di ACTH provoca un forte aumento del livello di androgeni nel sangue, mentre nella malattia di Stein-Leventhal, il livello di androgeni nel sangue aumenta leggermente. Il valore diagnostico di questo campione è uguale a quello del campione sopra descritto con desametasone.

Un altro stadio della diagnosi è la determinazione dei disturbi metabolici. Per fare ciò, condurre analisi per determinare il profilo lipidico del sangue. I seguenti disturbi metabolici del metabolismo dei grassi sono caratteristici del carcinoma ovarico policistico: diminuzione della frazione HDL (lipoproteine ​​ad alta densità) e aumento della frazione VLDLP (lipoproteine ​​a densità molto bassa) e LDL (lipoproteine ​​a bassa densità). La determinazione del profilo lipidico è importante per la previsione e il trattamento tempestivo delle complicanze del sistema cardiovascolare. In particolare, una diminuzione della concentrazione della frazione protettiva delle HDL e un aumento della frazione aterogenica delle LDL è un fattore nello sviluppo dell'aterosclerosi e di tutte le sue complicazioni (cardiopatia ischemica, ictus cerebrale, trombosi, insufficienza renale, ecc.)

La determinazione del metabolismo dei carboidrati viene effettuata utilizzando il test di tolleranza per il glucosio. Alti livelli di glucosio nel sangue (glucosio nel sangue) 2 ore dopo aver preso 50 grammi di glucosio disciolto indicano la presenza di insulino-resistenza, che, di conseguenza, richiede un trattamento. Inoltre, a favore della resistenza all'insulina, evidenziato dall'aumento della concentrazione di insulina nel sangue.

In alcuni casi, viene mostrata la diagnostica laparoscopica (introduzione di un sistema di imaging a fibre ottiche nella cavità addominale). Di norma, questo metodo diagnostico viene utilizzato per la diagnosi differenziale e il trattamento di varie forme di infertilità (ad esempio infertilità tubarica, endometriosi). Durante l'esame laparoscopico, le ovaie policistiche sono ingrandite, la loro superficie è collinare, la capsula ha un caratteristico colore perlato. Se necessario, e con le indicazioni appropriate, la diagnosi laparoscopica può essere un metodo di trattamento. In particolare, questo metodo consente alcuni tipi di interventi chirurgici per il trattamento delle ovaie policistiche (elettrocoagulazione delle ovaie, evapora zione laser, ecc.) O altre cause di infertilità (eliminazione delle aderenze delle tube di Falloppio costrittive, coagulazione dei foci dell'endometriosi).

In presenza di sanguinamento uterino aciclico e alterazioni delle ghiandole mammarie, vengono utilizzati ulteriori metodi di ricerca per stabilire la forma delle malattie associate. Lo studio dell'utero inizia con un'isterografia (studio radiologico con introduzione del contrasto nell'utero). La determinazione della natura del processo iperplastico dell'endometrio viene effettuata utilizzando il curettage diagnostico e l'analisi istologica dei tessuti. La forma più comune di patologia endometriale nel cancro dell'ovaio policistico è l'iperplasia ghiandolare o adenomatosa.

Lo studio delle ghiandole mammarie è finalizzato a stabilire la forma di mastopatia. Per fare questo, conduci la matografia, la termografia e l'ecografia del seno.

In alcuni casi, un paziente con ovaie policistiche ha bisogno di una diagnosi neurologica specializzata per determinare le cause e le forme di disturbi nervosi (depressione, apnea notturna, ecc.)

La diagnosi completa del paziente aiuta a stabilire una diagnosi accurata (forma della malattia, stadio, presenza di complicanze), oltre a elaborare un regime terapeutico efficace.

  • Gilyazutdinov I.A. Diagnosi clinica e radiologica delle sindromi neuroendocrine e malattie della genesi centrale nelle donne Kazan: Karpol, 1997
  • Vikhlyaeva E.M. Guida alla ginecologia endocrina, M.: Med.inform.agentstvo, 2006
  • Taranov A.G. Diagnostica di laboratorio in ostetricia e ginecologia, M., EliksKom, 2004

Ovaio policistico - sintomi, cause e trattamento

La sindrome dell'ovaio policistico è una sindrome la cui manifestazione morfologica è numerose formazioni cistiche nelle ghiandole sessuali.

Pertanto, il funzionamento del sistema riproduttivo femminile è assicurato dal lavoro coordinato dell'ipotalamo, dell'ipofisi, delle ovaie, delle ghiandole surrenali e della tiroide. Nel caso delle ovaie policistiche, questo meccanismo "bussa", portando, in ultima analisi, alla sterilità.

Il risultato del policistico è la formazione di numerose cisti sulla superficie e all'interno dell'ovaio, che possono essere singole o unire in intricati "ammassi".

La formazione di tali neoplasie benigne sul corpo dell'ovaio porta al fatto che il follicolo dominante non matura in esso, e come risultato, i cicli anovulatori predominano nella donna, il che rende impossibile la gravidanza.

cause di

Perché l'ovaio policistico si sviluppa e che cos'è? Sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) è una malattia ginecologica molto comune in cui i seguenti disturbi si verificano nel corpo di una donna:

  1. Nelle ovaie, la maturazione delle uova è compromessa, per cui la donna può avere notevoli difficoltà a concepire un bambino.
  2. Le cisti multiple (vescicole piene di liquido) possono formare nelle ovaie.
  3. Ogni mese vieni raramente con pause lunghe o fermati del tutto.
  4. Un gran numero di ormoni sessuali maschili (androgeni) sono prodotti nel corpo di una donna.

Allo stesso modo, la ragione è ancora in fase di studio. Ci sono diverse teorie che cercano di spiegare il meccanismo di sviluppo delle ovaie policistiche, ma non hanno una base di evidenza sufficiente, quindi non le daremo sotto.

Si ritiene che la predisposizione allo sviluppo di questa condizione nelle ovaie sia un fattore del genere:

  • infiammazione degli organi riproduttivi;
  • fattori ereditari (se le donne in famiglia avevano una tale patologia);
  • traumi ai genitali (specialmente le ovaie);
  • l'obesità;
  • aborti frequenti;
  • parto complicato e difficile.

Distinguere anche tra sindrome dell'ovaio policistico primario (sindrome di Stein-Leventhal) e sindrome dell'ovaio policistico secondario. Sindrome di ovaie policistiche secondarie si sviluppa sullo sfondo di iperplasia surrenale, malattie della tiroide, diabete, obesità.

Posso rimanere incinta dell'ovaia policistica

Un disturbo ormonale che causa la sindrome dell'ovaio policistico è osservato nelle donne in età riproduttiva. A causa della rottura del processo di maturazione naturale dei follicoli, l'uovo maturo non lascia l'ovaio.

Un ulteriore "ostacolo" è una capsula ovarica ispessita, che si forma durante la policistica. Pertanto, l'ovulazione si verifica molto meno frequentemente di un ciclo sano (oligo-ovulazione) o non si verifica affatto (anovulazione). Esternamente, questo si manifesta con l'assenza o l'irregolarità delle mestruazioni e dell'infertilità. Spesso, le donne scopriranno la sindrome dell'ovaio policistico, iniziando il trattamento per l'infertilità. A volte questi pazienti riescono a rimanere incinta, ma spesso a causa di disturbi ormonali, la gravidanza finisce presto.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, dopo un ciclo di trattamento della policistosi, è possibile rimanere incinta e sopportare con successo e dare alla luce un bambino sano. Nella maggior parte dei casi, il policistico previene la concezione del bambino più del suo trasporto. Se la policistosi è già stata diagnosticata in una donna incinta, è necessario sottoporsi a un ciclo di terapia ormonale e farmacologica per mantenere una salute normale e una gravidanza riuscita.

Primi segni

Segni iniziali dell'ovaio policistico:

  1. Disturbi del ciclo mestruale;
  2. sovrappeso;
  3. Aumentare la quantità di peli sul corpo.

I primi segni di policistosi sono difficili da identificare per i medici. Un ruolo significativo nella verifica è assegnato a una donna. In caso di mestruazioni irregolari o prolungate, consultare immediatamente un medico.

I sintomi dell'ovaio policistico

Ci sono diversi sintomi caratteristici dell'ovaio policistico, che possono essere osservati in varie combinazioni, hanno gravità diversa:

  1. Ciclo mestruale irregolare: pause lunghe (più di 35 giorni) tra periodi mestruali sono caratteristici; occasionalmente pi sanguigno vaginale ovarica policistico si verifica 2-3 volte al mese.
  2. Emorragia ciclica scarsa (più frequente) o pesante (meno frequente).
  3. La durata delle mestruazioni è diversa: da 2-3 a 7-10 giorni.
  4. La crescita di peli scuri evidenti sul viso, sul torace, sull'addome - irsutismo. Un sintomo si verifica a causa di una quantità eccessiva di androgeni nel sangue di una donna.
  5. Voce grezza (maschile).
  6. L'obesità. La distribuzione dell'eccesso di tessuto adiposo avviene nel tipo maschile (basso addome e nella cavità addominale, mentre le braccia e le gambe rimangono di dimensioni normali).
  7. Pelle grassa più acne o acne del corpo.
  8. Alopecia. La calvizie maschile del cuoio capelluto è caratteristica (calvizie sulla fronte e sulla corona).
  9. Mastopatia fibrocistica.
  10. Iperinsulinemia. Aumento del contenuto di insulina nel sangue a causa della resistenza all'insulina dei tessuti.
  11. Infertilità. È spiegato da anovulazione cronica o ovulazione rara (durante la rottura del follicolo e il rilascio dell'uovo, non può sfondare la membrana molto densa dell'ovaio).

Come puoi vedere, il policistico si manifesta in modo diverso a seconda delle ragioni che lo hanno causato. Molto spesso, questa malattia è caratterizzata da sintomi quali un aumento delle dimensioni delle ovaie e un ciclo mestruale irregolare. Una donna che si prende cura di se stessa dovrebbe essere allertata da lunghi ritardi. Questo è già un motivo serio per consultare un medico. Vale la pena prestare attenzione alla temperatura basale, che normalmente dovrebbe aumentare nella seconda metà del ciclo, e in caso di policistica rimane sempre la stessa.

diagnostica

La diagnosi dell'ovaio policistico è fatta sulla base degli ultrasuoni, ma per la corretta diagnosi non è sufficiente. Le ovaie policistiche danno un quadro caratteristico sugli ultrasuoni, ma a volte una donna completamente sana può avere la stessa immagine. A questo proposito, diagnosticare la malattia policistica solo sulla base degli ultrasuoni è sbagliato.

Pertanto, è necessario passare un esame del sangue per tali ormoni:

  • luteinizzazione (LH);
  • follicolo-stimolante (FSH);
  • testosterone;
  • insulina;
  • cortisolo;
  • 17-OH progesterone;
  • Solfato di DEA;
  • tiroxina (T4);
  • triiodotironina (T3);
  • tireotropina (TSH).

La diagnosi di ovaie policistiche non può essere effettuata fino a quando non vengono escluse malattie che danno esattamente lo stesso quadro clinico:

  • Sindrome di Cushing - una maggiore quantità di cortisolo;
  • sindrome androgenitale - aumento dei livelli di testosterone;
  • iperprolattinemia - eccesso di prolattina;
  • ipotiroidismo - ridotta funzionalità tiroidea.

In generale, la diagnosi dell'ovaio policistico sarà affidabile solo se si basa sui risultati degli studi di laboratorio e sugli ultrasuoni e tiene conto dell'intero complesso di sintomi, cioè delle manifestazioni cliniche della malattia. La sindrome dell'ovaio policistico è una combinazione di sintomi, tra cui disturbi mestruali, infertilità e manifestazione di dermapatia androgena.

Trattamento dell'ovaio policistico

Con una ovaia policistica diagnosticata, il trattamento è un processo complesso e multi-step per ripristinare in modo coerente i parametri fisiologici dell'intero corpo. L'ovaio policistico non è solo una malattia ginecologica, pertanto, il trattamento dovrebbe anche mirare ad eliminare quei disturbi che hanno portato allo sviluppo della patologia ovarica. Il volume delle misure terapeutiche è determinato in base alla gravità del processo e al desiderio di una donna di rimanere incinta.

La malattia dell'ovaio policistico richiede un trattamento che tenga conto dei seguenti punti:

  • regolazione dei processi metabolici nel cervello (cioè terapia che altera il sistema ipotalamico-ipofisario);
  • soppressione degli androgeni eccessivamente prodotti dalle ovaie;
  • normalizzazione del peso, eliminazione degli attuali disturbi metabolici;
  • terapia, focalizzata sul ripristino del ciclo mestruale, nonché l'eliminazione dell'infertilità causata da casi policistici.

Come trattare? Per quanto riguarda i farmaci, oggi i farmaci di prima linea nel trattamento delle ovaie policistiche sono metformina e glitazone (pioglitazone, rosiglitazone). Se necessario, i farmaci antiandrogeni (spironolattone, ciproterone acetato), estrogeni (etinilestradiolo come farmaco separato o in pillole anticoncezionali), progestinici, piccole dosi di desametasone (0,5-1 mg la sera per sopprimere la secrezione di androgeni surrenali) possono essere aggiunti a loro..

Trattamento per la crescita eccessiva dei capelli

Il tuo medico potrebbe consigliare pillole anticoncezionali per ridurre la produzione di androgeni o un farmaco chiamato spironolattone (Aldactone), che blocca l'azione degli androgeni sulla pelle. Tuttavia, lo spironolattone può causare difetti alla nascita, quindi quando si utilizza questo farmaco è necessaria una contraccezione efficace. Lo spironolattone non è raccomandato in caso di gravidanza o programma di una gravidanza.

La crema di eflornitina (Vaniqa) è un'altra opzione per rallentare la crescita dei peli sul viso nelle donne. Possibili opzioni per rimuovere i capelli senza l'uso di droghe: è l'elettrolisi e l'epilazione laser. La depilazione laser funziona meglio su capelli molto scuri e copre grandi aree.

Normalizzazione del peso corporeo

Le donne che soffrono di ovaie policistiche sullo sfondo dell'obesità dovrebbero combinare l'attività fisica con una dieta e una dieta determinate:

  • restrizione calorica di cibo fino a 1500 - 1800 kcal al giorno con 5-6 pasti al giorno;
  • consumo di cibi ipocalorici (frutta, verdura);
  • aumento del contenuto proteico nella dieta (pesce, frutti di mare, carne, ricotta);
  • restrizione degli alimenti a base di carboidrati (cottura, zucchero, marmellata, miele, bevande zuccherate);
  • eliminazione dei grassi animali e loro sostituzione con grassi vegetali. L'assunzione giornaliera di grassi non supera gli 80 g;
  • esclusione di spezie, spezie, salse, prodotti affumicati e in salamoia;
  • completa eliminazione dell'alcool;
  • giorni di digiuno 2-3 volte a settimana (mela, kefir, fiocchi di latte, verdure).

Particolare attenzione dovrebbe essere rivolta ai dolci, vale a dire, per escluderlo dalla vostra dieta a tutti. Insieme con la dieta, è necessario esercitare (ginnastica, nuoto, jogging, yoga).

Regolazione della funzione mestruale

A tale scopo vengono utilizzati COC (contraccettivi orali combinati) che non hanno un effetto androgenico. Ad esempio, Marvelon, Janine e altri: 1 compressa da 5 a 25 giorni del ciclo, per tre mesi. Quindi rompi un mese.

Ripristinano efficacemente il ciclo e allo stesso tempo proteggono contro "l'accumulo" di endometrio non indurente. Se l'effetto di androgeni è espresso in modo significativo, allora è meglio usare un antiandrogeno (in combinazione con estrogeni) invece di loro - Diane-35.

operazione

Nel caso in cui la terapia ormonale sia inefficace per mezzo anno, l'intervento chirurgico è indicato al paziente. Può anche essere prescritto a rischio di sviluppare endometriosi.

I più comuni sono due tipi di chirurgia:

  1. Resezione sfenoide: consiste nel rimuovere una certa parte delle ovaie su entrambi i lati. Questo metodo ha un alto grado di efficienza: nell'85% dei casi è possibile raggiungere l'inizio dell'ovulazione.
  2. Elettrocoagulazione laparoscopica delle ovaie - le incisioni speciali sono fatte con un elettrodo ad ago in diversi punti. Rispetto alla resezione, questo metodo è molto più delicato, poiché la probabilità di formazione di aderenze è ridotta al minimo.

A volte la scelta del metodo di funzionamento avviene durante la laparoscopia diagnostica, che consente il trattamento chirurgico direttamente dopo aver esaminato le ovaie. Un altro vantaggio della chirurgia laparoscopica è la capacità di eliminare le aderenze e / o ripristinare la pervietà delle tube di Falloppio.

Metodi tradizionali di trattamento delle ovaie policistiche

Il trattamento delle ovaie policistiche non è raccomandato a causa della scarsa efficacia di questi ultimi. Dato il numero di disturbi ormonali nel corpo di una donna con sindrome dell'ovaio policistico, il trattamento a base di erbe non può determinare l'effetto che si verifica con un trattamento ormonale o chirurgico appropriato.

Prognosi del trattamento

È impossibile curare completamente la PCOS, quindi l'obiettivo della terapia è creare opportunità favorevoli per il concepimento. Quando si pianifica una gravidanza, le donne con diagnosi di ovaio policistico devono essere trattate per ripristinare e stimolare l'ovulazione.

Con l'età, la policistosi delle ovaie progredisce, pertanto, il problema della gravidanza dovrebbe essere risolto il prima possibile.

Sintomi, cause e trattamento dell'ovaio policistico

L'ovaio policistico è una malattia caratterizzata dalla comparsa di un gran numero di neoplasie cistiche di entrambe le ovaie contemporaneamente. La diagnosi di PCOS (sindrome dell'ovaio policistico) è una delle principali cause di infertilità. In questo articolo daremo uno sguardo dettagliato su cosa sia la malattia ovarica policistica e come trattarla.

Caratteristiche della malattia

Il sistema riproduttivo femminile funziona grazie al corretto funzionamento delle ghiandole endocrine (tiroide e ghiandole surrenali), dell'ipotalamo, dell'ipofisi e delle ovaie. In caso di disfunzione di uno dei suddetti sistemi, l'attività dell'intero sistema riproduttivo viene interrotta. Il corpo di una donna diventa più suscettibile alle infezioni e alle infiammazioni. Quindi, non solo può sorgere una semplice cisti del corpo luteo, ma anche molte piccole cisti - policistiche.

Numerose cisti dell'ovaio possono essere singole o formare interi grappoli. Di conseguenza, la maturazione del follicolo viene interrotta e l'ovulazione non si verifica. Di conseguenza, la concezione diventa impossibile.

Secondo le statistiche, la sindrome dell'ovaio policistico si verifica nel 5-10% delle donne in età riproduttiva. Ci sono casi in cui i sintomi della PCOS appaiono in una ragazza adolescente dopo l'inizio delle prime mestruazioni. Il picco della malattia è di 30 anni. È nelle donne di questa età che i sintomi della PCOS sono pronunciati, la malattia progredisce rapidamente e richiede un trattamento immediato. Dopo 50 anni, la sindrome dell'ovaio policistico più spesso non si verifica.

PCOS dopo la nascita non è raro. Ciò è spiegato dal fatto che durante la gravidanza lo sfondo ormonale di una donna cambia completamente per trasportare il bambino. E dopo il parto c'è una ristrutturazione e un restauro del corpo. È a questo punto che le ovaie policistiche possono svilupparsi, il che è facilitato da un aumento / diminuzione di estrogeni, progesterone, androgeni e uno squilibrio di ormoni maschili e femminili. Molti pazienti sono preoccupati su come curare la malattia dell'ovaio policistico e se possono rimanere incinta con questa diagnosi. In entrambi i casi, la risposta è sì. Comunque, è necessario seguire tutte le raccomandazioni del dottore.

Una tempestiva diagnosi e prescrizione di un trattamento competente della sindrome dell'ovaio policistico aiuta non solo a sbarazzarsi della malattia, ma anche a prevenire lo sviluppo di complicanze.

fattori di

Le cause delle ovaie policistiche non sono completamente comprese. Tuttavia, la medicina moderna identifica una serie di fattori che contribuiscono allo sviluppo della malattia.

Cause dell'ovaio policistico:

  • infezioni e infiammazione prolungata dell'utero (ovaie e tube di Falloppio);
  • sovrappeso, obesità;
  • aborto;
  • diabete mellito;
  • malfunzionamento della ghiandola endocrina;
  • ereditarietà;
  • attività di lavoro pesante;
  • installazione impropria del dispositivo intrauterino;
  • lesioni degli organi pelvici;
  • disturbi ormonali.

Il trattamento dell'ovaio policistico non è solo per rimuovere le cisti e alleviare i sintomi dolorosi, ma anche per eliminare la causa sottostante della malattia. Quindi quali sono i sintomi della sindrome dell'ovaio policistico e quando sono necessarie cure mediche urgenti?

Segni di malattia

Ogni donna ha diversi sintomi policistici. Alcuni pazienti hanno dolori acuti, a volte acuti, nell'addome inferiore. Gli altri non si preoccupano. Tuttavia, le prime manifestazioni di patologia sono considerate come:

  • violazione del ciclo mestruale;
  • aumento di peso irragionevole;
  • aspetto dei peli del corpo maschile (petto, viso, addome).

Se si verifica uno dei suddetti sintomi, una donna dovrebbe pensare alla corretta attività del corpo e consultare un medico.

Anche distingua tali segni di ovaie polycystic:

  • mancanza di ovulazione;
  • scarico tra le mestruazioni;
  • "Daub" nel mezzo del ciclo;
  • diversa durata delle mestruazioni;
  • frequenti ritardi;
  • un aumento delle dimensioni delle appendici;
  • dolore dolorante nell'addome inferiore;
  • pelle e capelli grassi, acne sul collo, sulle spalle o sulla schiena;
  • gonfiore delle ghiandole mammarie, comparsa di mastopatia fibrocistica;
  • aumento dei livelli di insulina nel sangue;
  • anovulazione cronica;
  • incapacità di concepire un bambino per più di un anno.

Pertanto, le cause della policistosi delle ovaie sono varie e sono abbastanza facili da confondere con i sintomi di un'altra malattia degli organi pelvici. Tuttavia, prima di tutto, le donne dovrebbero essere allertate da scariche insolite e ritardi regolari delle mestruazioni. È anche possibile misurare la BT (temperatura basale), che dovrebbe aumentare nella seconda fase del ciclo mestruale. Nella sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), la temperatura basale non cambia.

Scansione ad ultrasuoni delle ovaie con policistico

Come identificare la malattia

È impossibile fare una diagnosi di "ovaio policistico", considerando solo i risultati degli ultrasuoni. Ciò è spiegato dal fatto che il quadro clinico di questa violazione può essere osservato in una donna sana, cioè è possibile un errore. Inoltre, molto spesso la malattia policistica dell'ovaio destro è determinata dagli ultrasuoni, ma di fatto colpisce un'appendice, le neoplasie cistiche colpiscono presto l'altra. Dovrebbero essere escluse anche le malattie che danno segni di eco simili. Questi includono l'ipotiroidismo, la sindrome di Cushing, iperprolattinemia. Ecco perché la diagnosi di PCOS include:

  1. Esame ginecologico;
  2. Assunzione della storia e determinazione di tutti i sintomi;
  3. Ultrasuoni degli organi pelvici;
  4. Analisi generale del sangue e delle urine;
  5. Esame del sangue per gli ormoni (LH, FSH, T4, TSH, T3, ecc.);
  6. risonanza magnetica;
  7. Laparoscopia.

Solo una trascrizione completa delle analisi e degli esami di cui sopra offre l'opportunità di vedere il cambiamento delle dimensioni, della struttura e della forma delle ovaie, la loro funzionalità, confermare / confutare la malattia e il possibile rischio di complicanze.

trattamento

Il trattamento per le ovaie policistiche è lungo e multi-stadio. Sfortunatamente, è impossibile curarlo completamente. Il compito del ginecologo non è solo quello di ripristinare la normale funzione delle appendici, ma anche di eliminare tutti i disturbi che hanno provocato la malattia.

Inizialmente, il medico prescrive antidolorifici per alleviare i sintomi della malattia dell'ovaio policistico e trattare il sistema ipotalamico-ipofisario. Quindi è necessario regolare la produzione di appendici androgeni, eliminare l'eccesso di peso e ripristinare il ciclo mestruale.

La sindrome dell'ovaio policistico viene trattata con un metodo conservativo e chirurgico. Sulla base dei risultati dei test, del dolore dei sintomi e del desiderio della donna di rimanere incinta, il medico curante sceglie il metodo di trattamento più appropriato.

Trattamento farmacologico

Come trattare i metodi conservativi dell'ovaio policistico? Prima di tutto, è necessario migliorare la nutrizione e lo stile di vita. C'è anche una dieta speciale per la sindrome dell'ovaio policistico (spkya), che è quella di escludere alcol, caffè, cibi grassi, fritti, affumicati e piccanti. Si raccomanda anche di fare giorni di digiuno. Il numero totale di calorie è 1200-1800 al giorno. Cinque pasti al giorno. La sindrome dell'ovaio policistico richiede anche l'uso obbligatorio di verdure, frutta, erbe, pesce, fiocchi di latte, yogurt. È necessario rifiutare dolci, prodotti a base di farina, miele.

Se sei sovrappeso o obeso, è richiesta attività fisica. Questi dovrebbero essere esercizi leggeri che non causano disagio al paziente.

Per quanto riguarda le medicine, il medico prescrive non solo antidolorifici, ma anche farmaci ormonali. I contraccettivi orali (pillole anticoncezionali) ripristinano il ciclo mestruale e il sistema endocrino, eliminando l'iperandrogenismo. Alcuni di essi stimolano l'ovulazione e contribuiscono al corretto rilascio dell'uovo. Tali farmaci come Janine, Marvelon, Yarina, Jess hanno dimostrato la loro efficacia in PCOS.

Resezione sfenoide per policistico

Trattamento chirurgico

Come trattare la chirurgia dell'ovaio policistico? Per fare ciò, utilizzare due metodi operativi:

  1. Resezione del cuneo I tessuti danneggiati vengono rimossi, inclusa la capsula e lo stroma. Aiuta a ripristinare l'ovulazione e a ridurre la produzione di androgeni.
  2. Coagulazione. Il medico fa delle tacche sulla capsula dell'ovaio e cauterizza le cisti. Questo metodo è considerato il più favorevole.

L'intervento chirurgico è laparoscopico. L'operazione viene eseguita solo se i metodi di trattamento conservativi non danno risultati adeguati o se il paziente inizia a sviluppare iperplasia endometriale.

Trattamento popolare

Sfortunatamente, molte donne non si fidano della medicina moderna e degli attuali dottori in particolare. Pertanto, ci sono molti che sono interessati a se è possibile curare le ovaie policistiche usando metodi popolari.

Raccomandiamo fortemente di non auto-medicarsi! Le azioni sbagliate possono solo aggravare la situazione.

L'inefficacia dei rimedi popolari per la PCOS è stata a lungo dimostrata. Tuttavia, le donne continuano a prendere infusi alle erbe e tisane. Sì, alcune erbe rimuovono perfettamente i sintomi dolorosi, contribuiscono alla riduzione e all'autorespansione di una singola formazione cistica (per esempio, una cisti del corpo luteo dell'ovaio). Questi includono l'utero boro e il pennello rosso. Ma! Con più cisti, i metodi tradizionali sono impotenti e, in combinazione con la terapia ormonale, possono portare a conseguenze irreparabili. Ecco perché solo uno specialista competente ti dirà come trattare la malattia dell'ovaio policistico e quale tipo di cibo è necessario.

Cosa minaccia PCOS?

Se un trattamento competente è assente o una donna non aderisce a tutte le prescrizioni di un medico, le conseguenze delle ovaie policistiche non ti faranno aspettare. Oltre alla comparsa di peli sul corpo, pelle grassa, acne e aumento di peso, PCOS contribuisce allo sviluppo di molte malattie.

Cosa sono le ovaie policistiche pericolose? Prima di tutto è:

  • infertilità;
  • processi adesivi negli organi pelvici;
  • ipertensione, ictus;
  • endometriosi;
  • cancro dell'endometrio;
  • cancro cervicale;
  • mastopatia e cancro al seno.

Se la trasformazione policistica delle appendici viene trovata durante la gravidanza, la futura mamma deve affrontare un tale pericolo:

  • gravidanza grave;
  • aborto spontaneo (aborto spontaneo) nelle prime fasi;
  • parto prematuro e difficile (prima 36-38 settimane);
  • tossicosi tardiva;
  • diabete gravido.

Pertanto, è importante che una donna conosca la manifestazione della malattia, che cos'è e come trattare la PCOS. Una diagnosi precoce e un trattamento adeguato contribuiranno a minimizzare le potenziali complicanze e prevenire l'infertilità.

Ulteriori Articoli Su Tiroide

Vascolarizzazione della ghiandola tiroidea - di solito si parla della crescita di nuovi vasi sanguigni, che potrebbe essere l'inizio di nuove patologie.

Nel corpo umano ci sono ormoni che sono necessari per lo sviluppo e il funzionamento di vari organi e tessuti. Uno degli ormoni importanti è la prolattina.

L'ormone della FSH è prodotto dalla ghiandola pituitaria, ha un effetto attivo sulla funzione sessuale di una persona. Leggi di questo ormone in questo articolo.Qual è l'ormone responsabile di FSH?