Principale / Ghiandola pituitaria

Disturbi ormonali

La sindrome di Conn (Kona) è un complesso di sintomi causati dalla sovrapproduzione di aldosterone da parte della corteccia surrenale. La causa della patologia è un tumore o iperplasia della zona glomerulare dello strato corticale. Nei pazienti con aumento della pressione sanguigna, diminuisce la quantità di potassio e aumenta la concentrazione di sodio nel sangue.

La sindrome ha diversi nomi equivalenti: iperaldosteronismo primario, aldosteroma. Questi termini medici uniscono un numero di caratteristiche cliniche e biochimiche simili, ma differenti nella patogenesi delle malattie. La sindrome Conn è una patologia delle ghiandole endocrine, manifestata da una combinazione di miastenia, sete innaturalmente forte, inestinguibile, pressione alta e aumento della produzione di urine al giorno.

L'aldosterone svolge funzioni vitali nel corpo umano. L'ormone contribuisce a:

  • l'assorbimento di sodio nel sangue,
  • lo sviluppo dell'ipernatriemia,
  • escrezione di potassio nelle urine
  • alcalinizzazione del sangue
  • renina ipoprodotti.

Quando il livello di aldosterone nel sangue aumenta, il funzionamento dei sistemi circolatorio, urinario e neuromuscolare è disturbato.

La sindrome è estremamente rara. Fu descritto per la prima volta da Konnom in America nel 1955, a causa del quale ricevette il suo nome. L'endocrinologo ha descritto le principali manifestazioni cliniche della sindrome e ha dimostrato che il metodo più efficace per trattare la patologia è chirurgico. Se i pazienti monitorano la loro salute e visitano regolarmente i medici, la malattia viene rilevata in tempo e risponde bene al trattamento. La rimozione dell'adenoma della corteccia surrenale porta al completo recupero dei pazienti.

La patologia è più comune nelle donne di età compresa tra 30-50 anni. Negli uomini, la sindrome si sviluppa 2 volte di meno. La malattia estremamente rara colpisce i bambini.

Eziologia e patogenesi

Fattori eziopatogenetici di Conn:

  1. La causa principale della sindrome di Conn è la secrezione eccessiva dell'ormone aldosterone da parte delle ghiandole surrenali, dovuta alla presenza di un aldosterone nello strato corticale esterno di un tumore ormonalmente attivo. Nel 95% dei casi, questo tumore è benigno, non metastatizza, ha un decorso unilaterale, è caratterizzato solo da un aumento del livello di aldosterone nel sangue e provoca gravi disturbi nel metabolismo del sale marino nel corpo. L'adenoma ha un diametro inferiore a 2,5 cm. Al taglio, è giallastro a causa del contenuto di colesterolo alto.
  2. Iperplasia bilaterale della corteccia surrenale porta allo sviluppo di iperaldosteronismo idiopatico. La causa dello sviluppo di iperplasia diffusa è una predisposizione genetica.
  3. Meno comunemente, la causa può essere un tumore maligno - carcinoma surrenale, che sintetizza non solo l'aldosterone, ma altri corticosteroidi. Questo tumore è più grande - in diametro fino a 4,5 cm e più, capace di crescita invasiva.

Collegamenti patogenetici della sindrome:

  • ipersecrezione di aldosterone,
  • riduzione di renina e angiotensina,
  • escrezione tubolare di potassio,
  • iperkaliuria, ipopotassiemia, mancanza di potassio nel corpo,
  • lo sviluppo di miastenia, parestesia, paralisi muscolare transitoria,
  • maggiore assorbimento di sodio, cloro e acqua,
  • ritenzione di liquidi,
  • ipervolemia,
  • gonfiore della parete e vasocostrizione,
  • aumento di OPS e BCC,
  • ipertensione
  • ipersensibilità delle navi a influenze pressorie,
  • ipomagnesiemia,
  • aumento dell'eccitabilità neuromuscolare,
  • violazione del metabolismo minerale,
  • disfunzione degli organi interni
  • infiammazione interstiziale del tessuto renale con una componente immunitaria,
  • nephrosclerosis,
  • la comparsa di sintomi renali - poliuria, polidipsia, nicturia,
  • sviluppo di insufficienza renale.

L'ipokaliemia persistente porta a disturbi strutturali e funzionali negli organi e nei tessuti - nei tubuli dei reni, nei muscoli lisci e scheletrici e nel sistema nervoso.

Fattori che contribuiscono allo sviluppo della sindrome:

  1. malattie del sistema cardiovascolare
  2. patologie croniche concomitanti,
  3. diminuzione delle risorse protettive del corpo.

sintomatologia

Le manifestazioni cliniche dell'iperaldosteronismo primario sono molto diverse. I pazienti semplicemente non prestano attenzione ad alcuni di essi, il che rende difficile diagnosticare precocemente la patologia. Tali pazienti vanno dal medico con la forma avanzata della sindrome. Questo costringe gli esperti a limitare il trattamento palliativo.

Sintomi della sindrome Conn:

  • debolezza muscolare e stanchezza
  • tachicardia parossistica,
  • convulsioni tonico-cloniche,
  • mal di testa,
  • sete costante
  • poliuria con bassa densità urinaria relativa,
  • parestesie degli arti
  • laringismo, soffocamento,
  • ipertensione arteriosa.

La sindrome Conn è accompagnata da segni di danni al cuore e ai vasi sanguigni, ai reni, ai tessuti muscolari. L'ipertensione arteriosa è maligna e resistente alla terapia antipertensiva, così come moderata e lieve, ben curabile. Potrebbe avere una rotta croccante o stabile.

  1. L'aumento della pressione sanguigna è solitamente difficile da normalizzare con i farmaci antipertensivi. Ciò porta alla comparsa di segni clinici caratteristici - vertigini, nausea e vomito, mancanza di respiro, cardialgia. In ogni secondo paziente, l'ipertensione è di natura di crisi.
  2. Nei casi più gravi, hanno attacchi di tetania o lo sviluppo di paralisi flaccida. La paralisi si verifica all'improvviso e può persistere per diverse ore. Iporeflessia nei pazienti è combinata con deficit motori diffusi, che si manifesta con contrazioni miocloniche nello studio.
  3. L'ipertensione persistente porta allo sviluppo di complicanze del cuore e dei sistemi nervosi. L'ipertrofia delle camere del cuore sinistro termina con progressiva insufficienza coronarica.
  4. L'ipertensione arteriosa disturba l'organo della vista: il fondo dell'occhio cambia, la testa del nervo ottico si gonfia, l'acutezza visiva si abbassa per completare la cecità.
  5. La debolezza muscolare raggiunge un'estrema severità, non permettendo ai pazienti di muoversi. Sentendo costantemente il peso del loro corpo, non riescono nemmeno ad alzarsi dal letto.
  6. Nei casi gravi può insorgere il diabete insipido nefrogenico.

Ci sono tre varianti della malattia:

  1. Sindrome di Conn con rapido sviluppo dei sintomi - vertigini, aritmia, disturbi della coscienza.
  2. Decorso monosintomatico della malattia - aumento della pressione sanguigna nei pazienti.
  3. Iperaldosteronismo primario con segni clinici lievi - malessere, stanchezza. La sindrome viene rilevata per caso durante un esame fisico. Nei pazienti, l'infiammazione renale secondaria si sviluppa nel tempo sullo sfondo dei disturbi elettrolitici esistenti.

Se compaiono segni di sindrome di Conn, è necessario visitare un medico. In assenza di un trattamento corretto e tempestivo, le pericolose complicanze sviluppano quella che rappresenta una vera minaccia per la vita del paziente. A causa dell'ipertensione prolungata, possono svilupparsi gravi malattie del sistema cardiovascolare, inclusi ictus e infarti. Forse lo sviluppo di retinopatia ipertensiva, grave miastenia e malignità del tumore.

diagnostica

Le misure diagnostiche per la sospetta sindrome di Conn sono test di laboratorio, test ormonali, test funzionali e diagnostica topica.

  • Esami del sangue per parametri biochimici - ipernatriemia, ipopotassiemia, alcalinizzazione del sangue, ipocalcemia, iperglicemia.
  • Esame ormonale - un aumento dei livelli plasmatici di aldosterone.
  • Analisi delle urine: determinazione della densità relativa, calcolo della diuresi giornaliera: iso- e iposenuria, nicturia, reazione alcalina delle urine.
  • Test specifici: determinazione del livello di renina nel sangue, rapporto tra aldosterone plasmatico e renina, determinazione del livello di aldosterone nell'urina quotidiana.
  • Per aumentare l'attività della renina nel plasma sanguigno, vengono stimolati da una lunga camminata, una dieta iponatica e una somministrazione diuretica. Se l'attività renina non cambia anche dopo la stimolazione, allora la sindrome di Conn è nei pazienti.
  • Per identificare la sindrome urinaria, viene eseguito un test con Veroshpiron. Il farmaco viene assunto 4 volte al giorno per tre giorni con la limitazione dell'apporto giornaliero di sale a sei grammi. Elevati livelli di potassio nel sangue al 4 ° giorno sono un segno di patologia.
  • TC e RM della cavità addominale - identificazione di aldosteroma o iperplasia bilaterale, tipo e dimensioni, determinazione del volume dell'operazione.
  • Scintigrafia è la scoperta di una neoplasia surrenale che secerne l'aldosterone.
  • Oksisuprarenografiya consente di determinare la localizzazione e la dimensione dei tumori surrenali.
  • L'ecografia delle ghiandole surrenali con mappatura color Doppler ha un'alta sensibilità, un basso costo e viene utilizzata per visualizzare un aldosterome.
  • Su ECG - cambiamenti metabolici nel miocardio, segni di ipertensione e sovraccarico del ventricolo sinistro.
  • L'analisi genitica molecolare è l'identificazione di forme familiari di aldosteronismo.

Metodi topici - TC e RM - con grande precisione rivelano un tumore nella ghiandola surrenale, ma non forniscono informazioni sulla sua attività funzionale. È necessario confrontare i cambiamenti identificati sul tomogramma con i dati delle analisi ormonali. I risultati di un esame completo del paziente consentono agli specialisti di diagnosticare correttamente e prescrivere un trattamento adeguato.

Persone particolarmente degne di nota con ipertensione. Gli esperti prestano attenzione alla presenza di sintomi clinici della malattia: ipertensione grave, poliuria, polidipsia, debolezza muscolare.

trattamento

Le misure terapeutiche nella sindrome di Conn sono dirette alla correzione dell'ipertensione e dei disordini metabolici, nonché alla prevenzione delle possibili complicanze causate da un'alta pressione sanguigna e da una brusca diminuzione del potassio nel sangue. La terapia conservativa non è in grado di migliorare radicalmente la condizione dei pazienti. Possono recuperare completamente solo dopo la rimozione di aldosteroma.

La chirurgia è indicata nei pazienti con aldosteroma surrenalico. L'adrenalectomia unilaterale è un metodo radicale che consiste nella resezione parziale o completa della ghiandola surrenale interessata. La maggior parte dei pazienti mostra chirurgia laparoscopica, il cui vantaggio è un leggero dolore e trauma ai tessuti, un breve periodo di recupero, piccole incisioni, che lasciano piccole cicatrici. 2-3 mesi prima dell'operazione, i pazienti devono iniziare a prendere diuretici e farmaci antipertensivi di diversi gruppi farmacologici. Dopo il trattamento chirurgico della recidiva, la sindrome di Conn non viene generalmente osservata. La forma idiopatica della sindrome non è soggetta a trattamento chirurgico, poiché anche la resezione totale delle ghiandole surrenali non aiuta a normalizzare la pressione. Tali pazienti sono sottoposti a trattamento per tutta la vita con antagonisti di aldosterone.

Se la causa della sindrome è l'iperplasia surrenale o una forma idiopatica di patologia, è indicata una terapia conservativa. I pazienti sono prescritti:

  1. Diuretici risparmiatori di potassio - "Spironolattone",
  2. Glucocorticosteroidi - desametasone,
  3. Farmaci antipertensivi - Nifedipina, Metoprololo.

Per il trattamento dell'iperaldosteronismo primario, è necessario seguire una dieta e limitare l'uso di sale da cucina a 2 grammi al giorno. Il regime di stimolazione, l'esercizio moderato e il mantenimento del peso corporeo ottimale migliorano significativamente le condizioni dei pazienti.

Una dieta rigorosa riduce la gravità dei segni clinici della sindrome e aumenta le possibilità di recupero dei pazienti. I pazienti devono mangiare cibi fatti in casa che non contengano esaltatori di sapidità, aromi e altri additivi. I medici non raccomandano l'eccesso di cibo. È meglio mangiare in piccole porzioni ogni 3 ore. La base della dieta dovrebbe essere frutta e verdura fresca, cereali, carne magra, prodotti contenenti potassio. Bere al giorno dovrebbe essere almeno 2 litri di acqua. La dieta esclude qualsiasi tipo di alcol, caffè forte, tè, prodotti che aumentano la pressione sanguigna. I pazienti devono utilizzare prodotti con effetto diuretico: cocomeri e cetrioli, nonché decotti e tinture speciali.

Raccomandazioni cliniche di specialisti riguardo lo stile di vita dei pazienti:

  • frequenti passeggiate all'aria aperta
  • fare sport
  • la lotta al fumo e il rifiuto delle bevande alcoliche,
  • rifiuto del fast food.

La prognosi per la sindrome di Conn diagnosticata è generalmente favorevole. Dipende dalle caratteristiche individuali del paziente e dalla professionalità del medico curante. È importante - in tempo per cercare aiuto medico, prima dello sviluppo della nefropatia e dell'ipertensione persistente. L'ipertensione arteriosa è il problema di salute più grave e pericoloso associato all'iperaldosteronismo primario.

Malattia di Kona

La malattia di Cohn (sindrome di Kon, iperaldosteronismo primario) - disordine endocrino causata da iperplasia surrenalica di varia genesi o tumore della corteccia surrenale.

Eziologia della malattia di Cohn

Le donne hanno tre volte più probabilità di soffrire di malattia rispetto agli uomini. L'età media dei pazienti va dai 30 ai 40 anni. Secondo alcuni dati, tra i pazienti con ipertensione arteriosa ci sono dall'8 al 12% delle persone, la cui principale causa di aumento della pressione è l'iperaldosteronismo.

Più della metà dei casi di iperaldosteronismo primario (60-70%) sono causati da adenoma della corteccia surrenale. In un terzo dei casi la malattia è causata da piccole-Kona o krupnouzelkovoy iperplasia surrenalica su uno o entrambi i lati. Aumento della produzione di ormone aldosterone aumenta il riassorbimento di ioni di sodio nel tubulo renale, che porta a maggiori quantità di liquido extracellulare, aumento della resistenza vascolare periferica, aumentare la sensibilità delle pareti dei vasi di effetti pressori endogeni. Tutto ciò porta all'ipertensione. C'è il fenomeno della "fuga", per cui non v'è alcun ritardo eccessivo di sodio e acqua e lo sviluppo di edema espresso.

Clinica e sintomi della malattia di Cohn

La principale manifestazione clinica della malattia di Cohn è l'ipertensione arteriosa. Inoltre, i pazienti, oltre alle lamentele di alta pressione, notano debolezza muscolare nel corpo. Ci sono tali manifestazioni come la sete e la nicturia (aumento dell'urina durante la notte). Parestesia e intorpidimento delle estremità sono molto caratteristiche della malattia di Cohn.

Diagnosi della malattia di Kona

La diagnosi della malattia di Cohn si basa su test di laboratorio. Ad esempio, le caratteristiche essenziali della malattia sono urine alcaline e giperkaliyuriya - aumento dell'escrezione di potassio nelle urine. Le caratteristiche importanti sono gipokaliyemiya - riduzione del potassio nel sangue (meno di 3 mmoli l), che è spesso combinato con hypernatremia e aumentato contenuto di ioni bicarbonato. Il contenuto di aldosterone nel sangue aumenta e il contenuto renina è ridotta in modo che non sia determinata mediante metodi di laboratorio. Iperaldosteronismo può essere confermata mediante saggi funzionali: furosemide, con veroshpironom, captopril. Durante tumore genesi della malattia di specificare il sito del tumore mediante tomografia computerizzata, risonanza magnetica o ecografia. Anche nella diagnosi della malattia per aiutare condurre la cateterizzazione selettiva delle vene surrenali a determinare il contenuto di aldosterone nel sangue che scorre dalle ghiandole surrenali, l'angiografia surrenale e scintigrafia.

Trattamento della malattia di Kona

Il trattamento dipende dalla causa della malattia. Con un aldosteroma, la ghiandola surrenale interessata viene rimossa o il tumore viene rimosso. iperplasia diffusa veroshpironom trattato, ma un effetto collaterale di questo trattamento è lo sviluppo di ginecomastia negli uomini, che limita l'uso veroshpirona. Le donne conservano il ciclo mestruale veroshpiron prescritto in combinazione con norcolute.

Sindrome Conn: cos'è, cause, sintomi, diagnosi, trattamento e prognosi

L'iperaldosteronismo, altrimenti chiamato sindrome di Conn, è una delle patologie endocrine raramente riscontrate, che si basa sull'eccessiva produzione di ormone aldesterone nel corpo. La malattia è associata a un tumore o iperplasia della zona glomerulare della corteccia surrenale. Fu aperto nel 1955 dal dott. Jerome Conn, in onore del quale la malattia è chiamata fino ad oggi.

L'ormone aldosterone è prodotto nella corteccia surrenale ed è responsabile del metabolismo minerale nel corpo.

Le funzioni principali di aldosterone:

  • regolazione della pressione arteriosa;
  • conservazione dell'equilibrio elettrolitico;
  • mantenere il volume di fluido all'interno delle cellule;
  • regolazione del trasporto ionico nell'intestino, sudore e ghiandole salivari.

Cause della sindrome di Conn

La malattia si verifica a causa dei seguenti motivi:

  • adenoma che produce aldosterone;
  • iperplasia e iperfunzione delle ghiandole surrenali, che porta all'elevato aldosterone;
  • carcinoma maligno che produce ormoni;
  • tumori localizzati nella ghiandola tiroidea, nelle ovaie e in altri organi;
  • La sindrome ereditaria di Conn;
  • iperaldosteronismo idiopatico (di origine sconosciuta).

La sindrome Conn continua ad essere studiata fino ad oggi e le ragioni del suo sviluppo non possono sempre essere determinate. Il fallimento più comune delle ghiandole surrenali è associato alla presenza di organi tumorali nella zona glomerulare, che è chiamata aldosterone della ghiandola surrenale ed è di natura benigna.

L'aumento del numero di cellule in tutta la corteccia surrenale

La seconda causa più comune è l'iperplasia diffusa (un aumento del numero di cellule in tutta la corteccia surrenale). E solo in casi molto rari, ci sono tumori di altri organi e tessuti, la cui conseguenza è l'aumento di aldosterone. Tutti i casi possono essere associati a una predisposizione genetica ereditaria. Se qualcuno dei parenti soffriva di iperaldosteronismo, questo aumenta notevolmente i rischi di sviluppare patologia.

Altri fattori predisponenti:

  • disidratazione prolungata;
  • ebbrezza;
  • Infezione da HIV;
  • alcune malattie infiammatorie e infezioni che colpiscono le ghiandole surrenali e i reni.

classificazione

Tutti i casi di sindrome di Kona possono essere suddivisi in gruppi:

  • sulla localizzazione della lesione della malattia:
    • sconfitta di solo una ghiandola surrenale, destra o sinistra;
    • danno d'organo bilaterale.
  • dalla gravità delle manifestazioni:
    • grado pesante. Il paziente è costantemente monitorato dal medico curante e non può fare a meno delle cure mediche. La qualità della vita in questo caso è seriamente compromessa;
    • grado medio. Le funzioni principali del corpo sono significativamente compromesse;
    • grado lieve Le manifestazioni cliniche sono praticamente assenti e non influenzano la qualità della vita.
  • sul decorso della malattia:
    • cronica. Le fasi periodiche di esacerbazione sono regolarmente sostituite da fasi di remissione;
    • subacuta. Lo sviluppo della sindrome si verifica entro pochi mesi;
    • corso acuto. Dalla scoperta dei primi sintomi, la malattia è progredita rapidamente nel giro di poche settimane.

Prevalenza della malattia

Da 0,5 a 2 percento di tutti i casi di ipertensione nel mondo sono associati a iperaldosteronismo primario. Inoltre, questa sindrome si verifica nelle donne 2 volte più spesso rispetto agli uomini.

I sintomi della sindrome di Conn

Tra le manifestazioni di eccessiva produzione di aldosterone ci sono tre gruppi:

Sintomi manifestati dal sistema renale.

I segni più evidenti che solitamente inducono le persone a sospettare problemi di salute e consultare un medico sono la sete e un aumento della produzione giornaliera di urina. Questo indicatore può raggiungere 10 litri. Inoltre, la sua densità relativa diminuisce, per cui è responsabile la carenza di ioni di sodio. Con un lungo decorso della malattia si può sviluppare una violazione dell'attività funzionale dei reni sotto forma di nefropatia.

Il sintomo principale manifestato dal sistema circolatorio

Aumento della pressione sanguigna, che non può far fronte ai farmaci antipertensivi standard. Ad esso si aggiunge la massa dei problemi associati. I pazienti si lamentano di nausea e mal di testa, debolezza e vomito. Un aumento della pressione si riflette anche nell'analizzatore visivo. In alcuni casi, possono svilupparsi edema del nervo ottico e visione offuscata.

Sintomi associati al funzionamento del sistema muscolare.

Cambiamenti nel contenuto di minerali nel sangue possono portare allo sviluppo di convulsioni tonico-cloniche e prontezza muscolare convulsiva.

Diagnosi della sindrome di Conn

Se ci sono almeno alcuni dei problemi descritti con il benessere, vale la pena consultare un medico il più presto possibile per un esame. Sfortunatamente, non ci sono manifestazioni specifiche con cui sia stato possibile determinare chiaramente e rapidamente la sindrome di Conn, quindi l'esame dovrebbe essere complesso.

  • Un test sufficientemente accurato per la determinazione dell'iperaldosteronismo primario è la determinazione dell'attività dell'aldosterone plasmatico in relazione all'attività della renina plasmatica. Se questo test è positivo, l'alto aldosterone viene determinato anche nella porzione giornaliera di urina, tenendo conto del livello di potassio nel sangue;
  • L'analisi biochimica con la determinazione del calcio, del potassio e del sodio nel plasma può anche rilevare che l'aldosterone è elevato e colpisce i reni. Praticamente ogni quinto paziente con la malattia avrà anche un aumento del livello di glucosio nel sangue;
  • un segno caratteristico può anche essere un livello ridotto di renina nel sangue. Inoltre, quando ci si sposta in una posizione verticale del corpo e quando viene esposto a diuretici, il suo valore non aumenta, il che si osserva sempre in condizioni normali. Questo test è considerato da alcuni medici il più importante nella diagnosi di PHA, ma una diminuzione del livello di renina si riscontra anche in un terzo dei pazienti ipertesi, quindi non può essere l'unica base per fare una diagnosi.
  • l'allargamento della ghiandola surrenale consente di identificare il consueto esame ecografico degli organi addominali;
  • nel caso della sospetta sindrome di Conn, la tomografia computerizzata della cavità addominale è un metodo di indagine obbligatorio. Con il suo aiuto, è possibile rivelare una neoplasia, capire di cosa si tratta e determinare le possibilità di trattamento chirurgico e la portata dell'intervento chirurgico;
  • può anche essere usata la risonanza magnetica, ma non è un metodo più sensibile della TC;
  • La scintigrafia iodio-131 radioattiva può essere eseguita per rilevare una neoplasia. Ma questa procedura non è molto diffusa a causa dell'elevato costo, della bassa accuratezza e del difficile processo di preparazione del paziente.

Altri metodi diagnostici

Come test primario in un poliambulatorio, è possibile utilizzare un test posturale (modifica della posizione del corpo da orizzontale a verticale). Per chiarire i risultati della tomografia computerizzata, il sangue viene talvolta prelevato dalle vene delle ghiandole surrenali e dalla vena cava inferiore. In questo caso, un catetere speciale viene inserito nella vena della coscia.

Sindrome della sindrome di Conn

Poiché i sintomi della malattia possono essere pericolosi di per sé e influenzare la salute di altri organi, una parte significativa delle misure correttive nella sindrome di Conn è volta a prevenire possibili complicazioni. Queste complicazioni possono verificarsi a causa di bassi livelli di potassio nel sangue e un aumento della pressione sanguigna.

Trattamento chirurgico

L'intervento chirurgico è prescritto per coloro che hanno la sindrome causata da aldosteroma ghiandola surrenale. Il metodo radicale consiste nella resezione completa o parziale dell'organo interessato (metodo di surrenectomia unilaterale). La maggior parte dei pazienti viene sottoposta a chirurgia laparoscopica, che è caratterizzata da lesioni tissutali minime con piccole incisioni, basso dolore e un periodo di recupero veloce. Circa 3 mesi prima dell'operazione inizia la somministrazione di farmaci antipertensivi e diuretici.

Il periodo di recupero dopo la rimozione chirurgica è da 2 a 5 giorni. Il paziente operato deve essere completamente osservato dall'endocrinologo, che misura la quantità di renina e aldosterone nel plasma sanguigno e seguire tutte le linee guida cliniche. Durante questo periodo di tempo, i diuretici e i farmaci antipertensivi sono proibiti, in modo che non interferiscano con l'accuratezza delle osservazioni.

Dopo un intervento chirurgico di successo, le recidive della sindrome di Conn sono più spesso non trovate. Tuttavia, l'ipertensione non scompare immediatamente dopo l'intervento chirurgico, ma solo leggermente diminuisce. La completa normalizzazione della pressione richiede in genere da 3 a 6 mesi.

Nei casi in cui viene rilevato un iperaldosteronismo primario surrenalico, è presente la corrispondente ICD 10 o forma idiopatica della malattia, è escluso il trattamento chirurgico e solo per i pazienti è indicata la terapia conservativa.

Terapia conservativa

Obiettivi della terapia conservativa:

  • portare il livello di elettroliti nel siero del sangue al normale (incluso il potassio);
  • equalizzazione dei valori di aldosterone sierico;
  • normalizzazione della pressione sanguigna.

I principali metodi di terapia conservativa:

  • farmaci e iniezioni di equalizzazione della pressione;
  • diuretici;
  • prescrizione di farmaci risparmiatori di potassio che salvano il paziente dall'ipopotassiemia.

Nel processo di trattamento dell'iperaldosteronismo, è importante seguire una dieta con una grave limitazione del sale da cucina (non più di 2 grammi al giorno). Mangiare dovrebbe essere cibo fatto in casa senza sapori, esaltatori di sapidità e altri additivi alimentari. Tutti i tipi di alcol, tè forte, caffè e altri prodotti che aumentano la pressione sanguigna sono controindicati. Inoltre, non è consigliabile mangiare troppo, è meglio mangiare ogni 3 ore, ma in piccole porzioni.

Se una persona ha un alto contenuto di aldosterone, la base della dieta dovrebbe essere carne magra, cereali, verdure, frutta e cibi ricchi di potassio. Durante il giorno, è consigliabile bere almeno 2 litri di acqua. Non sarà superfluo e il cibo con un effetto diuretico - cetrioli, cocomeri. L'aderenza rigorosa a una dieta prescritta da un medico, il mantenimento di una massa corporea sana, il camminare all'aria aperta e un esercizio aerobico moderato attenuano significativamente la gravità delle manifestazioni cliniche della sindrome e migliorano le condizioni generali dei pazienti.

fisioterapia

La moderna pratica fisioterapica ha una grande varietà di metodi che attivano i sistemi di difesa del corpo, aiutano a riprendersi da un trattamento a lungo termine e normalizzano l'ambiente interno. In endocrinologia, solo alcuni di loro sono utilizzati a causa della grande lista di controindicazioni.

Nella sindrome di Conn, la fisioterapia è indicata per complicazioni gravi: dopo un ictus, dopo un infarto, con aritmie e ipertensione arteriosa. È anche utile nel periodo di recupero dopo l'intervento chirurgico.

La medicina tradizionale nel trattamento dell'iperaldosteronismo

L'uso di metodi popolari è consentito solo in combinazione con i metodi e i preparati prescritti da un medico specialista e solo dopo averlo consultato. Non eliminano la causa della malattia, ma possono aiutare a migliorare la condizione e ridurre la gravità dei sintomi spiacevoli.

Ai rimedi popolari che migliorano il lavoro delle ghiandole surrenali includono:

  • Tintura di foglie di geranio. Una piccola quantità di radio contenuta nel geranio ha un effetto positivo sulle ghiandole surrenali. Per la sua preparazione, è necessario tritare un paio di foglie prima della formazione di un impasto e infornare in un bicchiere di acqua bollente. L'infusione risultante viene aggiunta al tè almeno due volte al giorno;
  • L'infusione di medicinali medunitsi migliora la circolazione sanguigna e stimola la rigenerazione dei tessuti. Per cucinare avrete bisogno di 30 grammi di materie prime e 1 litro di acqua bollente. Prendi la tintura per 20 minuti prima dei pasti per 1 bicchiere.

prevenzione

La malattia di Conn è una patologia pericolosa del sistema endocrino. Pertanto, la diagnosi precoce e gli esami preventivi regolari delle persone a rischio sono di cruciale importanza nella prevenzione della malattia.

Vale la pena prestare particolare attenzione ai fattori di rischio:

  • Luogo di lavoro Quando si lavora a contatto con sostanze cancerogene e l'incapacità di cambiare lavoro, è importante non trascurare i mezzi e i sistemi di protezione, osservare rigorosamente il regime di lavoro e di riposo.
  • Situazione ecologica nella zona di residenza. Vi sono regioni separate e aree residenziali di città industriali, dove a volte la situazione ecologica aumenta il rischio di sviluppare tumori. Non si dovrebbe evitare la possibilità di cambiare questo luogo di residenza a condizioni più favorevoli per il corpo.
  • Farmaci. Un pericolo speciale nel contesto delle patologie endocrine è l'assunzione non autorizzata di farmaci ormonali. Qualsiasi squilibrio di ormoni può portare a conseguenze disastrose, quindi tutti gli effetti sul sistema endocrino devono essere sotto la stretta supervisione di specialisti.

Prognosi per i pazienti

Con una diagnosi tempestiva della sindrome di Conn, la prognosi è spesso favorevole. Il corso del problema dipende non solo dalla professionalità del medico, ma anche dalle caratteristiche individuali dell'organismo. La cosa principale - tempo di chiedere aiuto qualificato, prima dello sviluppo di ipertensione persistente e altre complicazioni.

Mortalità per malattia

Le statistiche di mortalità per l'iperaldosteronismo sono strettamente correlate alla presenza di complicanze: con ipopotassiemia e ipertensione arteriosa (carenza di potassio nel sangue e un persistente aumento della pressione arteriosa). Lanciata per molti anni, l'ipertensione può portare a insufficienza cardiaca, ictus e malattia coronarica. L'ipokaliemia a sua volta è la causa di pericolose aritmie cardiache.

Sindrome di Conn: sintomi, cause, diagnosi, trattamento

La sindrome Conn è una combinazione di debolezza muscolare, sete anormalmente pronunciata, ipertensione e produzione di una quantità eccessiva di urina, che si sviluppa sullo sfondo dell'eccessiva secrezione dell'ormone aldosterone, sintetizzato dalla corteccia surrenale. I sintomi di questa malattia possono verificarsi durante la gravidanza. Questa malattia è piuttosto rara nella pratica ed è anche chiamata aldosteronismo primario. Fu scoperto dall'americano Dr. Jerome Conn nel 1955. È caratteristico che le donne siano più suscettibili a questa patologia e ne soffrano il doppio delle volte degli uomini. Di solito la malattia si verifica all'età di 30-50 anni.

Sintomi di patologia:

disturbo del ritmo cardiaco;

aumento della pressione sanguigna;

Cause della sindrome di Conn

La sindrome Conn si sviluppa a causa dell'eccessiva produzione di ormone surrenalico aldosterone. Nella maggior parte dei casi, ciò si verifica sullo sfondo della presenza di un tumore benigno della corteccia surrenale. Meno comunemente, un aumento della massa e del volume della corteccia surrenale o la presenza di tumori in entrambe le ghiandole surrenali può essere una causa, e anche i tumori maligni possono essere la causa.

Trattamento di patologia

L'equilibrio delle sostanze chimiche nel corpo viene ripristinato e il tumore stesso viene rimosso. Sono anche prescritti farmaci a base di potassio e dieta.

Si consiglia di sottoporsi a controlli preventivi dal medico.

Un medico dovrebbe anche essere consultato se vi sono frequenti capogiri, aumento della fatica, dolore al cuore, minzione eccessiva, spasmi muscolari, attacchi di debolezza muscolare, pressione alta.

Prima di tutto, il medico misurerà la pressione sanguigna del paziente e determinerà il livello di minerali nel sangue, specialmente il potassio. Durante la misurazione della pressione, il medico è obbligato a informarsi sul livello di pressione sanguigna del paziente in passato. Inoltre, la misurazione della pressione arteriosa deve essere eseguita più volte. Per determinare il livello di elettroliti nel sangue, il sangue viene prelevato da una vena. Prima di tutto, la quantità di potassio deve essere stabilita. Se vi è il sospetto dello sviluppo della sindrome di Conn, il medico curante deve necessariamente inviare il paziente per la consultazione a un endocrinologo.

Corso della malattia

La malattia può manifestarsi in diversi tipi. Nei casi in cui il tumore secerne una quantità eccessiva di ormone aldosterone, i sintomi della malattia possono manifestarsi rapidamente. Cominciano i capogiri, il ritmo cardiaco e la coscienza sono disturbati e compare la stanchezza. Inoltre, sono possibili altri disturbi generali, ma nella maggior parte dei casi le manifestazioni cliniche sono insignificanti e la diagnosi viene stabilita solo sulla base dei dati ottenuti durante l'esame preventivo del paziente. I cambiamenti nella concentrazione di elettroliti nel corpo in assenza di terapia portano ad un cambiamento nell'acidità dei fluidi corporei: abbastanza spesso l'infiammazione secondaria dei reni di natura cronica (pielonefrite) inizia a svilupparsi. Il paziente inizia a consumare una grande quantità di liquidi, anche la minzione è abbondante, specialmente di notte. Possono anche verificarsi cambiamenti nel fondo dell'occhio e l'acuità visiva si indebolisce. Ecco perché è necessario sottoporsi periodicamente a un esame fisico.

Alla presenza dei sintomi di cui sopra, è necessario visitare un medico. In assenza di un trattamento tempestivo e adeguato, si presentano condizioni che comportano una minaccia per la vita del paziente.

Quanto è pericolosa la sindrome di Conn?

Nel caso di diagnosi tempestiva e trattamento adeguato, la sindrome di Conn non è pericolosa per l'uomo. Tuttavia, una diminuzione del livello di potassio nel sangue può causare aritmie cardiache e funzionalità renale. Quando la causa della sindrome di Conn è una neoplasia maligna nelle ghiandole surrenali, la prognosi è generalmente scarsa. Ma vale la pena notare che tali tumori si verificano abbastanza raramente.

74. Iperaldosteronismo (sindrome di Cohn): eziologia, patogenesi, caratteristiche cliniche, diagnosi, trattamento.

L'iperaldosteronismo è una sindrome che si verifica quando vi sono caratteristiche cliniche e biochimiche simili, ma patogenesi - diverse malattie, che si basano sulla produzione di aldosterone da parte della corteccia surrenale, che è eccessiva e indipendente dal sistema renina-angiotensina.

a) primario - iperaldosteronismo causato da cambiamenti nella corteccia delle ghiandole surrenali:

- aldosterone che produce adenoma della corteccia surrenale - aldosteroma (sindrome di Conn)

- iperplasia bilaterale della corteccia surrenale: iperaldosteronismo idiopatico (con non soppresso

produzione di aldosterone) e iperaldosteronismo soppresso con desametasone

b) secondaria - iperaldosteronismo causato da tumori non surrenali: cancro delle ovaie, intestino, ghiandola tiroidea.

eccessiva secrezione di aldosterone nella zona glomerulare della corteccia surrenale o ghiandole surrenali  eccessiva secrezione di aldosterone  aumento del riassorbimento di sodio nei tubuli renali, escrezione di potassio

1) ipernatriemia  aumento della ritenzione idrica, aumento di BCC Г AG

2) ipokaliemia  nefropatia ipokaliemica, distrofia muscolare miocardica e scheletrica

Il quadro clinico dell'iperaldosteronismo:

1. Sindrome cardiovascolare:

- ipertensione arteriosa costante con forti mal di testa, dolori nell'area del cuore, diminuzione della vista (la PA raggiunge numeri elevati - 220-260 / 120-140 mm Hg, ma le crisi ipertensive sono rare)

- cambiamenti distrofici nel miocardio (aritmie, spesso bradicardia, possono sviluppare insufficienza cardiaca), ipertrofia ventricolare sinistra

2. Sindrome neuromuscolare:

- disturbi della stanchezza, diminuzione delle prestazioni, debolezza muscolare, a volte dolore muscolare, paralisi

- parestesie (sensazione di formicolio, gattonare, ecc.), meno crisi epilettiche

3. Sindrome della nefropatia del pene di potassio (dovuta alla degenerazione delle cellule dei tubuli renali a seguito della perdita di potassio e dell'accumulo di sodio):

- sete grave (polidipsia)

- poliuria, nicturia (prevalenza della diuresi notturna durante il giorno)

- sviluppo della pielonefrite cronica (a causa di reazioni alcaline delle urine e ridotta resistenza all'infezione del tessuto renale)

1) OAM: ipoisostenuria, reazione alcalina, a volte proteinuria

2) BAC: ipernatriemia, ipokaliemia; alti livelli di aldosterone nel sangue e ridotti livelli di renina

3) ECG: bradicardia, aritmie, rallentamento della conduzione AV, riduzione dell'intervallo ST dal fondo dell'isoline, inversione dell'onda T, allungamento dell'intervallo Q-T, anormale onda U (manifestazioni ipokaliemiche)

4) Ultrasuoni, TC, risonanza magnetica delle ghiandole surrenali per rilevare l'adenoma o iperplasia surrenale

5) scintigrafia surrenalica con 131 I-colesterolo marcato con 131 I: asimmetria di accumulo di isotopi nelle ghiandole surrenali in presenza di un tumore

6) test diagnostici di stress - sono basati sulla stimolazione o soppressione del sistema renina-angiotensina-aldosterone; 10 giorni prima dello studio, tutte le terapie farmacologiche vengono cancellate, prima di tutto gli antipertensivi (possono essere utilizzati solo clofelina e dibazolo), farmaci diuretici (il veroshpiron viene cancellato 2-4 settimane prima dell'esame); i soggetti sono a dieta n ° 10 con un contenuto di sodio di 160-180 mmol / die, liquidi - fino a 1,5 l / giorno

a) test con una passeggiata di 1 ora: sullo sfondo di questo test, nella maggior parte dei pazienti sani e con ipertensione e iperaldosteronismo secondario, viene stimolata la produzione di renina: un aumento del suo contenuto plasmatico di 1 mg / ml / he più alto; sulla base di questo, i pazienti con iperaldosteronismo secondario sono isolati.

Per distinguere i pazienti con iperaldosteronismo primario (tumore) e idiopatico (iperplastico), in cui l'aumento del contenuto di renina nel sangue dopo 1 ora di cammino rimane inferiore a 1 mg / ml / h, vengono effettuati ulteriori test:

b) campione con 4 ore di cammino - basato sull'effetto stimolante del camminare sul RAAS; L'attivazione di RAAS sullo sfondo di 4 ore di cammino porta ad un aumento della concentrazione plasmatica di aldosterone di 1,5-2 volte in tutti i pazienti con iperaldosteronismo primario ad eccezione delle persone con aldosteroma, in cui il contenuto di aldosterone nel sangue rimane invariato o diminuisce, poiché la secrezione di aldosterone nelle cellule tumorali non dipende da RAAS e ACTH; tecnica: il sangue per l'aldosterone viene assunto alle 8 del mattino a stomaco vuoto (il paziente è a letto), quindi alle 12 dopo una camminata di 4 ore a passo d'uomo; il livello basale di aldosterone nel sangue è considerato elevato a valori superiori a 120-140 pg / ml.

c) campione con l'assunzione di cloruro di sodio all'interno - in pazienti con iperaldosteronismo primario, l'assunzione di cloruro di sodio di 10 g / die per 5 giorni porta ad una forte diminuzione del contenuto di potassio nel sangue (usato per rilevare le forme di normokalemichesky della malattia)

1. Trattamento chirurgico: in caso di adenoma corticale surrenale - rimozione di aldosteroma o surrenectomia unilaterale; in iperplasia bilaterale della corteccia surrenale, surrenectomia bilaterale con terapia sostitutiva con corticosteroidi per tutta la vita. La preparazione preoperatoria include:

- dieta ricca di potassio e limitata nel sale

- assunzione di soluzione al 10% di cloruro di potassio 2 cucchiai 4 volte al giorno con succo di frutta 10 giorni o soluzione al 4% 100 ml di cloruro di potassio in 500 ml di glucosio al 5% in / in flebo

- antagonisti competitivi di aldosterone: spironolattone / veroshpiron / aldactone 200-400 mg / die per via orale o antagonisti non competitivi: triamteren 40 mg / die per via orale

- trattamento dell'ipertensione: con l'inefficacia dello spironolattone - captopril 12,5-75 mg / die (potenzia l'azione dello spironolattone); con l'inefficienza dell'ACE inibitore - nifedipina 10-20 mg / die per via orale o clonidina 0,075 mg 3 volte / die per via orale

- al fine di prevenire l'insufficienza surrenalica acuta - idrocortisone 100-150 mg / m prima e durante il giorno dell'intervento; dopo l'intervento chirurgico, l'idrocortisone acetato viene somministrato a 30 mg / m ogni 4-6 ore con una diminuzione graduale della dose

2. Trattamento conservativo mostrato nel caso di:

- iperplasia bilaterale della corteccia surrenale (come alternativa al trattamento chirurgico, poiché ha successo solo nel 40-60% dei pazienti con questa patologia)

- adenoma corticosurrenalico surrenalico con produzione di aldosterone

- carcinoma metastatico non funzionante della ghiandola surrenale

a) dieta di potassio, limitando l'assunzione di sale

b) spironolattone 200-400 mg / die per bocca per tutta la vita

c) con forma di iperaldosteronismo soppressa da glucocorticoidi - desametasone 0,75-1 mg / giorno fino alla normalizzazione stabile della pressione sanguigna, del metabolismo del potassio e della secrezione di aldosterone

Iperaldosteronismo primario (sindrome di Conn)

Qual è l'iperaldosteronismo primario (sindrome di Conn) -

Nel 1955, Conn descrisse la sindrome, accompagnata da ipertensione arteriosa e una diminuzione del livello di potassio nel sangue, il cui sviluppo è associato a un tumore (adenoma) della corteccia surrenale, che produce l'ormone aldosterone. Questa patologia è chiamata sindrome di Conn.

Iperaldosteronismo primario (sindrome di Conn) è una malattia caratterizzata da un aumento della secrezione di aldosterone da parte delle ghiandole surrenali, che si manifesta in una diminuzione dell'attività di una specifica sostanza - plasma renina - che svolge un ruolo importante nella regolazione del corpo, ipertensione arteriosa e una diminuzione del potassio nel sangue. Molti altri casi di iperplasia (eccessiva proliferazione tissutale e suoi cambiamenti) della corteccia surrenale con un aumento della secrezione di aldosterone sono stati descritti in seguito, e ora il termine "iperaldosteronismo primario" è usato per descrivere sia la sindrome di Conn sia un'altra patologia accompagnata da ipersecrezione di aldosterone, per esempio iperplasia della corteccia ghiandole surrenali. Attualmente, l'iperaldosteronismo primario (PHA), e in particolare la sindrome di Conn, è la causa più comune di ipertensione arteriosa secondaria.

Quali fattori scatenanti / cause dell'iperaldosteronismo primario (sindrome di Conn):

Attualmente, ci sono due principali cause di PGA, accompagnate da un aumento della secrezione di aldosterone:

  • tumore unilaterale che produce aldosterone - adenoma o sindrome di Conn (50-60% dei casi);
  • iperplasia bilaterale della corteccia surrenale o iperaldosteronismo idiopatico (40-50% dei casi).

Ci sono rari tipi di malattie e tumori che sono simili nei sintomi, inclusa una malattia ereditaria, accompagnata da un aumento della concentrazione di aldosterone.

Ancora meno spesso si trovano la corteccia surrenale secernente l'aldosterone o i tumori ovarici.

La causa più comune di PHA è la sindrome di Conn, mentre l'adenoma di solito non supera i 3 cm di diametro, è unilaterale e indipendente dalla renina. Ciò significa che la secrezione di aldosterone non dipende da un cambiamento nella posizione del corpo. Meno comunemente, un adenoma può essere dipendente dalla renina (cioè, l'aldosterone aumenta in posizione eretta). La sindrome Conn si verifica nel 50-60% dei casi.

Il restante 40-50% dei casi si verifica nell'iperplasia bilaterale della corteccia surrenale, quando il livello di aldosterone aumenta in posizione eretta. Meno comune è l'iperplasia surrenale primaria, in cui il livello di aldosterone non dipende dalla posizione del corpo, come nell'adenoma indipendente dalla renina.

L'aldosterone può secernere tumori di localizzazione extra-surrenale - nei reni o nelle ovaie.

Sintomi dell'iperaldosteronismo primario (sindrome di Conn):

Reclami di pazienti con grave ipopotassiemia: affaticamento, debolezza muscolare, crampi muscolari, mal di testa e infarto. Tali pazienti possono anche sperimentare una maggiore sete: di conseguenza bevono molto e la poliuria (viene rilasciata molta urina) a causa del cosiddetto diabete insipido, che si è sviluppato a causa dell'ipokaliemia e dei corrispondenti cambiamenti nei reni, a causa dell'effetto di aldosterone su di essi.

L'ipocalcemia relativa (riduzione del calcio nel sangue) si sviluppa con una sensazione di intorpidimento degli arti e intorno alla bocca, spasmi muscolari nelle mani e nei piedi e, in misura estrema, spasmo laringeo con l'apparizione di una sensazione di soffocamento e crampi. In questo caso, i preparati di calcio non sono prescritti, dal momento che il contenuto di calcio totale nel sangue è normale, ma a causa di uno squilibrio ormonale, l'equilibrio del calcio nel corpo cambia.

Ipertensione arteriosa a lungo esistente può portare a complicanze del sistema cardiovascolare e nervoso con tutti i sintomi di accompagnamento.

Diagnosi di iperaldosteronismo primario (sindrome di Conn):

Manifestazioni specifiche della sindrome di Conn non esistono.

Quando i pazienti sviluppano insufficienza cardiaca, ictus o emorragia intracranica a causa di un aumento della pressione sanguigna, compaiono i sintomi corrispondenti.

Test di laboratorio

  • Studi di sodio, potassio e calcio nel plasma sanguigno (analisi biochimica) possono mostrare un aumento del contenuto di sodio nel sangue, la presenza di ipopotassiemia e alcalinizzazione del sangue, che è una conseguenza dell'azione dell'aldosterone sui reni. È inoltre possibile identificare facilmente la diminuzione relativa del calcio nel sangue. Quasi il 20% dei pazienti può rilevare anomalie nel metabolismo dei carboidrati (un aumento dei livelli di glucosio nel sangue), sebbene il diabete si sviluppi raramente. Va notato che il normale contenuto di potassio nel sangue non esclude la PGA. Gli studi dimostrano che dal 7 al 38% dei pazienti con PHA hanno normali livelli sierici di potassio. L'ipokaliemia si sviluppa quando si mangia una grande quantità di sodio.
  • Caratterizzato da una diminuzione del livello di renina nel plasma sanguigno di pazienti con PHA, e questa cifra non sale sopra determinati valori con l'introduzione di farmaci diuretici o andando in posizione eretta (che di solito accade nella norma). Alcuni esperti suggeriscono che l'analisi del livello plasmatico della renina plasmatica dovrebbe essere considerata un test speciale per il rilevamento di PHA. Tuttavia, secondo alcuni studi, nel 30% dei pazienti con ipertensione si riscontra un livello ridotto di renina. Pertanto, un basso livello di renina plasmatica non dovrebbe essere considerato un test specifico per PHA.
  • Un test piuttosto sensibile per PHA dovrebbe essere considerato come la determinazione del rapporto tra l'attività di aldosterone plasmatico (AARP) e l'attività renina plasmatica (ARP). Dovrebbe prendere in considerazione le possibili interazioni di vari farmaci durante il test.
  • Con un rapporto AAP / ARP positivo, vengono eseguiti ulteriori test: determinazione del livello di aldosterone nella porzione giornaliera di urina corretta per il livello di potassio nel siero del sangue (poiché questi indicatori si influenzano a vicenda).

Esame strumentale

  • Scansione della tomografia computerizzata (TC) della cavità addominale. È un metodo obbligatorio di esame nel caso di PHA. Con una diagnosi consolidata di PHA, l'obiettivo della TC è determinare il tipo di patologia e la possibilità del suo trattamento chirurgico (adenoma surrenalico o iperplasia bilaterale). Alla CT, viene determinato il volume dell'operazione.
  • La scintigrafia con 131-I-iodocolesterolo viene utilizzata per identificare la formazione unilaterale funzionale (secrezione degli ormoni) della ghiandola surrenale. Tuttavia, questa procedura non è diffusa a causa della necessità di un'attenta preparazione del paziente, del costo elevato e del fatto che il metodo raramente rivela la formazione di oltre 1,5 cm di diametro.
  • Risonanza magnetica (MRI). Non un metodo più sensibile di CT.

Altri metodi diagnostici

Test posturale (passaggio dalla posizione orizzontale a quella verticale del corpo). Può essere utilizzato in clinica per la diagnosi iniziale di adenoma surrenale renina-dipendente. Attualmente usato raramente.

A causa della complessità di differenziare la diagnosi tra iperplasia della ghiandola surrenale e l'adenoma, dopo l'esame TC, una procedura può essere presa direttamente dalla vena surrenale. Ciò comporta l'inserimento di un catetere nella vena surrenalica attraverso una vena nella coscia. Gli esami del sangue vengono prelevati da entrambe le vene delle ghiandole surrenali, nonché dalla vena cava inferiore. Il livello di aldosterone viene determinato dopo la massima stimolazione dell'ACTH.

Trattamento dell'iperaldosteronismo primario (sindrome di Conn):

L'obiettivo principale è prevenire l'insorgenza di complicanze dovute a ipopotassiemia e ipertensione arteriosa.

Se nella sindrome di Conn, l'ipertensione è corretta mediante surrenectomia unilaterale, la lesione bilaterale viene spesso trattata in modo conservativo, poiché l'efficacia della surrenectomia unilaterale o bilaterale è solo del 19%. Nel caso dell'adenoma, la terapia farmacologica viene effettuata anche per controllare la pressione sanguigna e correggere l'ipopotassiemia, che riduce il rischio di un successivo intervento chirurgico.

I componenti principali della terapia:

  • Dieta con limitazione dell'apporto di sodio (28/08/2018

Ulteriori Articoli Su Tiroide

La tonsillite cronica richiede un monitoraggio costante. Inoltre, tale malattia deve essere periodicamente trattata per evitare frequenti esacerbazioni. Le tonsille sciolte con tonsillite vengono lavate sia nell'ufficio dell'otorinolaringoiatra che a casa.

La tonsillite cronica è una delle patologie più comuni degli organi ENT. Questa malattia è comune tra i bambini e gli adulti che vivono in una grande varietà di climi.

Forse non hai un albero di soldi, ma hai un albero di felicità. La dopamina, la serotonina, l'ossitocina e le endorfine sono un quartetto chimico responsabile della nostra felicità.