Principale / Cisti

Crisi tireotossica

La crisi tireotossica è una condizione grave, pericolosa per la vita del paziente, che è una complicazione della tireotossicosi che si sviluppa in gozzo tossico diffuso (malattia di Graves). Lo sviluppo di una crisi tireotossica può essere fatale se non viene fornito alcun trattamento di emergenza.

Cause della crisi tireotossica

Molto spesso, la crisi tireotossica si verifica dopo un'operazione chirurgica finalizzata all'eliminazione del gozzo diffuso, così come quando si utilizza una dose in eccesso di iodio radioattivo durante il trattamento della tireotossicosi. La patologia è causata da violazioni nell'attuazione del trattamento appropriato - la mancanza di un adeguato addestramento per normalizzare i livelli ormonali attraverso la terapia sostitutiva.

Fattori che possono innescare lo sviluppo di una crisi tireotossica:

  • tensione nervosa;
  • esaurimento fisico;
  • infezioni intercorrenti e intossicazioni;
  • interventi operativi;
  • estrazione del dente;
  • l'introduzione di iodio radioattivo, con conseguente disintegrazione dei follicoli della tiroide;
  • Esposizione a raggi X alla tiroide.

Crisi tireotossica: sintomi e segni

Lo sviluppo della crisi tireotossica si verifica rapidamente - entro poche ore (in rari casi, la durata dello sviluppo può essere di 2-3 giorni). Nel processo di crescita può essere diviso in 2 fasi principali:

  • periodo di eccitazione: associato all'attivazione del sistema simpatico-surrenale
  • fase di progressione delle patologie cardiache: associata all'attenuazione dei meccanismi compensatori.

Sullo sfondo del quadro clinico classico del gozzo tossico (insetto, gozzo, tremore, tachicardia), si verifica quanto segue nei pazienti:

  • aumento di eccitazione;
  • l'aumento della temperatura corporea a 39-41 gradi;
  • c'è un forte mal di testa;
  • ansia, insonnia;
  • tachicardia 140-200 battiti al minuto;
  • la fibrillazione atriale è possibile;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • mancanza di respiro, difficoltà a respirare con il possibile sviluppo di edema polmonare;
  • nausea, vomito, diarrea abbondante;
  • grave debolezza muscolare;
  • possibile sviluppo di disidratazione con il paziente che cade nello stupore e nel coma.

Manifestazioni esterne mediante le quali è possibile valutare in modo indipendente lo sviluppo della malattia:

  • La diminuzione della salute si verifica prima, rispetto allo stato precedente dell'organismo.
  • Spesso aumenta l'impulso, superando i 100 battiti al minuto.
  • C'è un'aumentata eccitabilità, l'irritazione si verifica a causa di ogni piccola cosa.
  • L'immagine è completata da una maggiore pressione.
  • Aumento irragionevole della temperatura corporea oltre i 3 gradi.
  • Si manifestano vertigini, nausea, vomito.
  • Disturbo del sistema digestivo.
  • Frequenza respiratoria uccisa.

Spesso, i pazienti con crisi lamentano debolezza muscolare, motivo per cui è difficile per loro fare qualsiasi movimento. Allo stesso tempo, si nota un tremore marcato degli arti. Inoltre, i sintomi delle lesioni del tubo digerente. Spesso ci sono diarrea, nausea con vomito, dolore addominale.

prospettiva

Dipende da quanto tempo è iniziato il trattamento. Con una terapia adeguata e tempestiva, la prognosi è favorevole. Se non trattata, la prognosi è scarsa.

La progressione della crisi porta a disordini neurogeni e motori. Sono possibili le seguenti manifestazioni: una forma acuta di psicosi, allucinazioni e delirio, stupefacenza seguita da prostrazione e comparsa di coma. Il danno mentale causa lo sviluppo di inibizione, perdita di orientamento nello spazio, confusione.

Diagnosi della crisi

La diagnosi è determinata sulla base del quadro clinico della condizione patologica, nonché dell'anamnesi (presenza di gozzo tossico diffuso, operazione sulla ghiandola).

Diagnosi di laboratorio della malattia:

  1. Aumento degli ormoni tiroidei: aumento di T3 e T4
  2. Riduzione dell'ormone stimolante della tiroide (TSH)
  3. Riduzione del cortisolo - l'ormone delle ghiandole surrenali (a seguito della crisi tireotossica, c'è una lesione delle ghiandole surrenali con lo sviluppo di insufficienza surrenalica)
  4. Potrebbe esserci un aumento della glicemia
  5. La tireotossicosi è caratterizzata da una diminuzione del livello di colesterolo nel sangue.

I metodi di ricerca ausiliari per determinare la natura della lesione di altri organi sono:

  • elettrocardiografia (ECG);
  • Ultrasuoni degli organi addominali;
  • tomografia computerizzata e altro.

La necessità della loro condotta è determinata individualmente, in base alla specifica situazione clinica.

trattamento

Nel caso di una crisi tireotossica, è importante adottare misure di emergenza per fermare il processo di rilascio di quantità eccessive di ormoni nel sangue e impedire che altri organi vengano coinvolti nel processo.

Quando si tratta di una crisi, il medico ha i seguenti obiettivi:

  1. Mantenere le funzioni di base del corpo;
  2. Inibizione della sintesi e del rilascio di ormoni tiroidei;
  3. Ridurre l'effetto degli ormoni tiroidei sugli organi bersaglio;
  4. Identificazione con la successiva eliminazione di un fattore provocante.

Un'adeguata terapia adeguata di una crisi tireotossica porta alla stabilizzazione delle condizioni del paziente entro un giorno dopo la sua insorgenza. Continua il trattamento fino a regredire i sintomi della patologia. Questo di solito si verifica entro 1-1,5 settimane.

Pronto soccorso prima dell'arrivo del medico

La crisi tireotossica richiede cure di emergenza anche prima che il paziente entri in ospedale. Dovrebbe iniziare prima dell'arrivo del medico:

  • la vittima dovrebbe essere posta;
  • creare le condizioni per l'accesso all'aria aperta;
  • misurare la pressione;
  • determinare la frequenza dell'impulso e della respirazione;
  • misurare la temperatura;
  • notare le condizioni della pelle (umidità, colore);
  • se possibile chiedi informazioni sul tempo di minzione (condizione renale).

Poiché i sintomi della febbre sono pronunciati in crisi tireotossiche, il raffreddamento sarà un importante compito di primo soccorso:

  • non usare i salicilati (aspirina) per controllare la temperatura;
  • il paziente deve essere liberato da indumenti caldi;
  • se possibile, mettiti un bagno fresco;
  • Imporre bolle di ghiaccio: testa, collo, petto, addome;
  • strofinare la pelle con alcool etilico, soluzione alcolica o acetica;
  • nella stagione fredda aprire la finestra, imporre un paziente con la neve (confezionato in sacchetti);
  • puoi coprire il paziente con un lenzuolo bagnato, spruzzalo con acqua fredda;
  • continuare a raffreddare fino all'arrivo dell'ambulanza.

Pronto soccorso per la crisi tireotossica

La crisi tireotossica è una manifestazione molto pericolosa della patologia endocrina, che può portare a gravi conseguenze. Un tale fenomeno può verificarsi in assenza di adeguata attenzione al decorso cronico della tireotossicosi, tentativi di trattarlo da solo o trattamento chirurgico improprio del gozzo.

Se si verifica una crisi tireotossica, l'assistenza di emergenza include la prescrizione di farmaci che riducono l'effetto degli ormoni tiroidei. Queste sostanze sono prodotte attivamente dalla ghiandola tiroidea in violazione del corpo. Il risultato del trattamento è una diminuzione del loro contenuto nel siero.

La crisi è pericolosa per la vita umana, se non si adottano misure di emergenza per alleviare un attacco.

Algoritmo di azioni (cure di emergenza) per una crisi tireotossica:

  1. Somministrazione orale o somministrazione rettale (con vomito) di mercazolo per sopprimere la funzione della ghiandola tiroidea.
  2. L'introduzione di farmaci contenenti iodio - soluzione al 10% di ioduro o "Lugol", diluito con ioduro di sodio e soluzione salina. L'obiettivo è rallentare il rilascio di ormoni tiroidei.
  3. Infusione endovenosa di soluzione di cloruro di sodio con glucosio e idrocortisone, così come l'introduzione di prednisolone. L'obiettivo è la reidratazione del corpo e la normalizzazione delle ghiandole surrenali.
  4. Iniezione a goccia di una soluzione di Seduxen o Droperidolo per alleviare l'eccitazione nervosa.

Dopo aver fornito il primo soccorso per la crisi tireotossica e la stabilizzazione delle condizioni del paziente, la tattica del trattamento viene scelta in base alla specificità del quadro clinico.

raccomandazioni

Per ridurre il rischio di una crisi tireotossica, una persona che soffre di tireotossicosi dovrebbe:

  • ricevere un'adeguata terapia della malattia di base; evitare qualsiasi tipo di stress;
  • evitare un intenso sforzo fisico;
  • prestare attenzione alla loro salute, ricevere una terapia adeguata per tutte le malattie associate.

La crisi tireotossica è una complicanza estremamente pericolosa della tireotossicosi, che, fortunatamente, è abbastanza rara oggi.

Complicazione pericolosa della tireotossicosi - crisi tireotossica: cure di emergenza e metodi di ulteriore trattamento

La tiroide è il più grande organo endocrino che colpisce l'intero corpo. Sintetizza gli ormoni tiroidei, una concentrazione stabile di cui fornisce molti processi vitali. In presenza di alcuni problemi con i livelli di ormone tiroideo può diminuire o aumentare. Con un eccesso di ormoni tiroidei si sviluppa tireotossicosi.

La crisi tireotossica è una complicazione urgente della tireotossicosi. Molto spesso, questa condizione viene diagnosticata nella malattia di Graves, dopo l'intervento chirurgico per rimuovere la ghiandola tiroidea. Se al paziente non viene dato un aiuto tempestivo, una crisi tireotossica può rappresentare una seria minaccia per la salute e la vita.

Cause di una condizione pericolosa

Secondo le statistiche, circa l'1-2% dei pazienti con ipertiroidismo deve affrontare una crisi tireotossica. Spesso questa condizione è preceduta da un intervento chirurgico sulla ghiandola tiroidea. Ma grazie alla terapia ormonale sostitutiva dopo l'intervento, tali casi sono significativamente diminuiti.

Il fattore di rischio per una crisi è un ipertiroidismo tempestivo e non individuato, la cui durata può variare da 2 mesi a 4 anni. La sua causa principale è il gozzo tossico diffuso della tiroide. È impossibile fornire una previsione accurata di come si svilupperà l'ipertiroidismo, poiché non vi sono dati sull'effetto sul processo dell'età e del sesso del paziente.

Fattori provocatori:

  • la presenza di infezioni nel corpo (in particolare broncopolmonare);
  • chetoacidosi, ipoglicemia nel diabete mellito causata dall'assunzione di insulina;
  • interruzione prematura di tireostatica;
  • trattamento con iodio radioattivo per malattie gravi;
  • sovradosaggio di farmaci ormonali;
  • grave palpazione della ghiandola tiroidea;
  • Studio a raggi X mediante contrasti contenenti iodio;
  • embolia polmonare;
  • lesione cerebrale;
  • grave stress.

L'incidenza della crisi tireotossica tra le donne è 9 volte più comune che tra gli uomini.

Quali test ormonali hai bisogno di prendere quando pianifichi una gravidanza e per cosa? Abbiamo la risposta!

Sui segni dell'involuzione fibro-grassa delle ghiandole mammarie e sul trattamento della patologia, leggere su questa pagina.

Quadro clinico

Una crisi tireotossica di solito si verifica all'improvviso. Ma ci sono casi in cui i segni stanno aumentando gradualmente e in modo non invasivo. La condizione può avere 3 fasi di sviluppo. Allo stadio 1, c'è un battito cardiaco accelerato, la temperatura sale a 38-39 gradi, il sonno è disturbato. A volte c'è una maggiore sudorazione, dolore al petto.

La fase 2 della crisi è caratterizzata da palpitazioni, diminuzione della pressione diastolica con normale pressione sistolica. L'insonnia aumenta, la febbre è elevata. A volte ci sono segni di disturbo intestinale. Il paziente è emotivamente eccitato, molto e attivamente in movimento.

Fase 3 (in coma). I battiti del cuore raggiungono 180-200 al minuto. Ci sono forti mal di testa, la temperatura è aumentata a 40 ° C. I segni di psicosi sono in aumento, ci possono essere crisi epilettiche. Una persona può perdere conoscenza. In assenza di assistenza di emergenza, può verificarsi coma.

Più del 90% dei pazienti presenta disturbi del sistema nervoso centrale:

  • ansia;
  • ritardo di reazione;
  • eccitazione;
  • coscienza confusa;
  • insonnia.

Da parte del tratto gastrointestinale, il dolore può verificarsi nella zona di epigastrio, nausea, vomito, perdita di appetito. Da parte del sistema cardiovascolare, oltre alla tachicardia, mancanza di respiro, aumento della pressione sanguigna e fibrillazione atriale si verificano.

Dopo 50-60 anni, c'è spesso una forma apatica di crisi, per la quale è caratteristica:

  • apatia;
  • l'abbassamento delle palpebre inferiori;
  • perdita di peso;
  • debolezza muscolare.

Assistenza di emergenza e ulteriore trattamento

Quando si presentano sintomi di crisi tireotossica, il paziente deve essere ricoverato al più presto possibile.

Il trattamento di emergenza consiste di diversi componenti:

  • sollievo dal fattore causale della crisi;
  • mantenimento delle funzioni corporee nella norma (bilancio salino-acqua, normale circolazione sanguigna);
  • normalizzazione della concentrazione di TSH, T3 e T4.

Pronto soccorso per la crisi tireotossica:

  • Fornire completa pace fisica e mentale.
  • Il merkazolil viene somministrato per via orale o per via rettale in un dosaggio di 60-80 mg.
  • 1-2 ore dopo Mercazolyl, viene iniettata una soluzione al 10% di ioduro diluito in NaCl e ioduro di sodio per arrestare il rilascio di tiroidi.
  • Per normalizzare il lavoro delle ghiandole surrenali e reidratare il corpo, l'idrocortisone 50-100 mg o il prednisone 30-60 mg con glucosio, diluito in soluzione salina, viene iniettato per via endovenosa.
  • Per l'ipertermia - iniezione intramuscolare di 2-4 ml di soluzione al 50% di Metamizolo.
  • Blocco periferico degli effetti della tiroide con propranololo. Il farmaco viene somministrato per via endovenosa 40-80 mg ogni 6 ore. La dose viene aumentata gradualmente portandola a 10 mg. In presenza di asma, viene somministrato un antagonista selettivo dei v-adrenorecettori Osmolol.

Dopo aver interrotto l'attacco di crisi e la stabilizzazione della condizione, la terapia viene eseguita tenendo conto del quadro sintomatico. Alle alte temperature e alla febbre vengono prescritti farmaci antipiretici (Ibuprofen, Panadol), ad eccezione dell'Aspirina.

Come fanno gli ultrasuoni della prostata e come prepararsi allo studio? Abbiamo la risposta!

Le regole e le caratteristiche dell'uso del farmaco Glucophage per il trattamento del diabete mellito sono descritte in questa pagina.

Vai a http://vse-o-gormonah.com/vnutrennaja-sekretsija/parashhitovidnaya/gipoparatireoz.html e leggi i sintomi tipici e i trattamenti efficaci per l'ipoparatiroidismo.

Per stabilizzare il lavoro del cuore:

Per alleviare l'eccitazione inserire:

In presenza di un processo infettivo, vengono prescritti antibiotici. Per rafforzare il sistema immunitario - vitamine del gruppo B, acido ascorbico. Per eliminare il sangue dagli ormoni tiroidei in eccesso, la plasmaferesi e l'eremorbimento vengono eseguiti.

Le cure d'emergenza per i bambini si svolgono allo stesso modo degli adulti. Ma i dosaggi dei farmaci sono adeguati all'età e al peso del bambino.

Inoltre, il video, nel processo di visualizzazione che è possibile superare il test per la crisi tireotossica della tiroide:

Emergenza crisi tireotossica

Il trattamento della crisi tireotossica ha lo scopo di combattere l'intossicazione del corpo causata da un aumento del contenuto di ormoni tiroidei nel sangue; è necessario superare l'insufficienza acuta della corteccia surrenale, eliminare la disidratazione, correggere l'attività del sistema cardiovascolare, ecc.

Aiuto di emergenza (pronto soccorso) alla crisi tireotossica.

1. Per sopprimere la secrezione degli ormoni tiroidei, è indicata la somministrazione immediata di / i di 10 ml di iodite di sodio p-ra al 10% o di somministrazione i / v di 1 Lugol di p-ra preparato con ioduro di sodio invece di ioduro di potassio. litro di isotonico p-ra cloruro di sodio o 5% p-ra glucosio.

2. Per ridurre la funzione della tiroide, il mercazolil è prescritto in una dose di 10 mg ogni 2 ore (il dosaggio giornaliero totale può essere ridotto a 100-160 mg). Con il vomito, i farmaci antitiroidei sono usati per via rettale.

3. In / nell'iniezione a goccia di 2-3 l di soluzione isotonica di cloruro di sodio, 0,5-1,0 l di soluzione al 5% di glucosio con idrocortisone 400-600 mg / die, prednisone 200-300 mg. La dose giornaliera di idrocortisone è determinata dalla gravità delle condizioni del paziente e, se necessario, può essere aumentata.

4. In caso di eccitazione neuropsichica, è indicata l'iniezione endovenosa di 2-4 ml di soluzione di Seduxena allo 0,5% o 2-4 ml di una soluzione di droperidolo allo 0,25%.

5. Per disturbi dell'attività cardiovascolare, secondo le indicazioni, viene iniettato strophanthin 0,3-0,5 ml di soluzione 0,05%, coriglycon 0,5-1 ml di soluzione 0,06%, cordina 1 ml di soluzione al 25%. ra, mezaton 0,5-1 ml di 1% p-ra. I disturbi del ritmo e della conduzione vengono arrestati in base ai principi stabiliti nell'argomento Disturbi della frequenza cardiaca e della conduzione.

Un trattamento efficace per la crisi tireotossica è la plasmaferesi, che consente di rimuovere rapidamente grandi quantità di ormoni tiroidei e di immunoglobuline circolanti nel sangue.

Crisi tireotossica

Crisi tireotossica - una complicazione del gozzo tossico diffuso, che si verifica a causa di un forte aumento della concentrazione di ormoni tiroidei nel plasma sanguigno ed è accompagnata da esacerbazione dei sintomi della malattia di base.

contenuto

motivi

La crisi tireotossica si verifica a causa di un trattamento inadeguato del gozzo tossico diffuso (malattia di Graves, Basedow, ipertiroidismo). Questa patologia autoimmune è causata dall'aumentata secrezione di ormoni dal tessuto troppo cresciuto della ghiandola tiroidea.

L'incidenza della crisi tireotossica in pazienti con forme moderatamente gravi e gravi di ipertiroidismo è dello 0,5-19%. Il rapporto tra i casi di crisi nelle donne e negli uomini è 9: 1.

I principali fattori precipitanti:

  • chirurgia tiroidea per il trattamento del gozzo tossico diffuso;
  • estrazione del dente;
  • l'uso di etere anestetico durante le procedure chirurgiche;
  • l'uso di iodio radioattivo nel trattamento della malattia Bazedova;
  • Trattamento a raggi X della tiroide;
  • cancellazione prematura o omissione di farmaci usati per correggere lo stato ormonale nell'ipertiroidismo;
  • ricevimento di agenti contenenti iodio, inclusi reagenti di contrasto nell'implementazione di studi a raggi X;
  • sensazione ruvida della ghiandola tiroidea.

Inoltre, una crisi tireotossica può provocare:

  • malattie infettive (specialmente quelle che colpiscono le vie aeree);
  • violazione della circolazione cerebrale;
  • gravidanza e parto;
  • situazioni stressanti;
  • traumi;
  • esercizio eccessivo;
  • embolia polmonare.

patogenesi

La patogenesi della crisi tireotossica si basa su un forte aumento del livello di ormoni tiroidei liberi - triiodotironina (T3) e tiroxina (T4). Inoltre, i seguenti processi sono caratteristici di questo stato:

  • aumento dell'insufficienza surrenalica, che aggravava la carenza dei loro ormoni;
  • attivazione del sistema simpatico-surrenale, nonché dei centri subcorticali dell'ipotalamo e della formazione reticolare del cervello;
  • sintesi eccessiva di catecolamine - sostanze che stimolano l'attività delle ghiandole endocrine.

Questi cambiamenti patologici portano al fatto che la capacità di riserva del corpo si esaurisce e si sviluppa uno stato di pericolo di vita - una crisi tireotossica che richiede cure di emergenza.

sintomi

Le manifestazioni della crisi tireotossica si manifestano improvvisamente. Tuttavia, in alcuni casi, vi è un periodo prodromico, durante il quale si verifica un graduale aumento graduale dei segni.

I sintomi della crisi tireotossica:

  • febbre - la temperatura sale a 38-40 ° C;
  • tachicardia sinusale - la frequenza cardiaca è al livello di 120-200 battiti al minuto, in alcune situazioni raggiunge 300 battiti / min;
  • sudorazione - nei casi più gravi, il sudore è così abbondante che esiste il rischio di disidratazione;
  • mal di testa;
  • tremante delle membra;
  • anuria: riduzione della quantità di urina escreta;
  • Disturbi del SNC;
  • violazioni nel tratto digestivo.

Disturbi nel sistema nervoso centrale sono osservati nel 90% dei pazienti in uno stato di crisi. La loro specificità e gravità variano considerevolmente. Possibili manifestazioni:

  • letargia;
  • labilità emotiva (instabilità);
  • ansia;
  • insonnia;
  • comportamento maniacale;
  • eccitazione eccessiva;
  • confusione;
  • torpore.

Inoltre, la maggior parte dei pazienti sviluppa debolezza che coinvolge i muscoli del viso, del tronco e degli arti.

Oltre alla tachicardia sinusale, la crisi tireotossica è accompagnata da una serie di irregolarità nel sistema cardiovascolare. I principali sono:

  • fibrillazione atriale;
  • aumento del volume della corsa e richiesta di ossigeno miocardico;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • mancanza di respiro, difficoltà di respirazione.

I principali sintomi gastrointestinali che si verificano durante una crisi:

  • diminuzione dell'appetito;
  • nausea, vomito;
  • crampi dolorosi nell'addome;
  • diarrea e iperdefazione.

Le persone sopra i 60 spesso sviluppano una variante apatica di una crisi tireotossica. I suoi segni sono:

  • apatia, reazione ritardata;
  • gozzo minore;
  • l'assenza dei soliti sintomi oftalmologici dell'ipertiroidismo;
  • blefaroptosi: l'omissione delle palpebre superiori;
  • riduzione del peso;
  • debolezza muscolare;
  • insufficienza cardiaca congestizia.

diagnostica

La crisi tireotossica viene diagnosticata sulla base della comparsa di sintomi clinici caratteristici (febbre, tachicardia, disturbi del sistema nervoso centrale e disturbi gastrointestinali) sullo sfondo del gozzo tossico. Inoltre, viene presa in considerazione la precedente azione del fattore provocante: intervento chirurgico, trattamento con iodio radioattivo, malattie infettive e così via.

Per confermare la diagnosi, vengono eseguiti esami di laboratorio e strumentali:

  • misurazione della pressione sanguigna (aumento rilevato);
  • ascoltare i suoni del cuore, la misurazione degli impulsi;
  • ECG dimostra un ritmo cardiaco anormale;
  • un esame del sangue per gli ormoni mostra un aumento della tiroxina e della triiodotironina, nonché una diminuzione del cortisolo e dell'ormone tireotropico;
  • un test della glicemia dimostra iperglicemia (la concentrazione di glucosio supera 5,5 mmol / l).

trattamento

Il trattamento della crisi tireotossica comprende diversi componenti:

  • neutralizzazione del fattore provocante (ad esempio, gli antibiotici sono utilizzati per il trattamento di malattie infettive);
  • mantenere le funzioni di base del corpo (ripristinare l'equilibrio degli elettroliti con l'aiuto di infusioni, inalazione di ossigeno e così via);
  • eliminazione della tireotossicosi attraverso la normalizzazione dei livelli di ormone tiroideo.

Algoritmo di azioni (cure di emergenza) per una crisi tireotossica:

  1. L'introduzione di farmaci contenenti iodio - soluzione al 10% di ioduro o "Lugol", diluito con ioduro di sodio e soluzione salina. L'obiettivo è rallentare il rilascio di ormoni tiroidei.
  2. Somministrazione orale o somministrazione rettale (con vomito) di mercazolo per sopprimere la funzione della ghiandola tiroidea.
  • Infusione endovenosa di soluzione di cloruro di sodio con glucosio e idrocortisone, così come l'introduzione di prednisolone. L'obiettivo è la reidratazione del corpo e la normalizzazione delle ghiandole surrenali.
  1. Iniezione a goccia di una soluzione di Seduxen o Droperidolo per alleviare l'eccitazione nervosa.

Dopo aver fornito il primo soccorso per la crisi tireotossica e la stabilizzazione delle condizioni del paziente, la tattica del trattamento viene scelta in base alla specificità del quadro clinico. Di norma vengono utilizzati i seguenti farmaci:

  • per la normalizzazione dell'attività cardiovascolare - strophanthin, korglikon, kordiamin, methazone;
  • eliminare la febbre - antipiretici standard ad eccezione dell'acido acetilsalicilico;
  • bloccare la sintesi degli ormoni tiroidei - propiltiouracile;
  • ridurre l'intensità degli effetti periferici degli ormoni tiroidei - propranololo, reserpina, guanetidina.

Le cure di emergenza per una crisi tireotossica nei bambini sono fornite in un modello simile, ma i dosaggi delle droghe sono aggiustati. Anche la plasmaferesi o l'emosorbimento vengono effettuati per accelerare l'eliminazione degli ormoni tiroidei dal corpo.

prospettiva

La crisi tireotossica ha una prognosi favorevole, a condizione di un trattamento competente. In media, 3 giorni dopo l'inizio della terapia, le condizioni del paziente migliorano. Quindi è necessaria una correzione costante del livello degli ormoni tiroidei.

Senza cure di emergenza, una crisi tireotossica è accompagnata da una rapida esacerbazione dei sintomi:

  • la disidratazione si sviluppa;
  • c'è edema polmonare refrattario;
  • il collasso vascolare è osservato;
  • in alcuni casi, si verifica epatomegalia, seguita da necrosi epatica.

Una persona perde conoscenza, cade in uno stato di torpore e poi in coma. 72 ore dopo l'inizio dei segni di una crisi, può verificarsi la morte.

prevenzione

La crisi tireotossica e il coma ipotiroideo sono gravi complicanze delle malattie della tiroide. Per prevenire il loro sviluppo, è necessario correggere la violazione dello stato ormonale derivante dalla disfunzione di questo organo endocrino.

La prevenzione della crisi tireotossica include attività come:

  • uso regolare di farmaci antitiroidei secondo il regime prescritto dal medico;
  • raggiungere lo stato eutiroideo del paziente prima di eseguire interventi chirurgici sulla ghiandola tiroidea o prima di iniziare il trattamento con iodio radioattivo.

Crisi tireotossica

La crisi tireotossica è una grave complicanza delle malattie della tiroide, in cui vi è un eccessivo rilascio di ormoni. Una crisi può essere non solo una conseguenza del gozzo non trattato con ipertiroidismo (aumento della produzione ormonale), ma diventare anche una manifestazione delle tattiche sbagliate del suo trattamento.

motivi

La causa immediata dei sintomi in via di sviluppo di una crisi tireotossica è un improvviso rapido aumento del livello ematico del livello dell'ormone tiroideo, la triiodotironina (T 3) e tiroxina (T 4). Di norma, ciò si verifica durante una malattia a lungo termine, così come dopo un'operazione eseguita sulla ghiandola tiroidea o sullo sfondo dell'uso di iodio radioattivo a fini terapeutici.

La crisi tireotossica può svilupparsi non solo in un paziente potenzialmente serio, ma anche in una persona con un decorso monotono della malattia, se è stato esposto ad alcuni fattori che attivano la ghiandola tiroide che hanno causato un'ondata ormonale nel corpo. Questi fattori includono sovraccarico fisico ed emotivo, malattie croniche concomitanti, se improvvisamente peggiorano, varie procedure mediche (comprese quelle dentali), un aumento della temperatura corporea (per esempio, sullo sfondo dell'influenza). Nelle donne, la crisi tireotossica può essere scatenata dalla gravidanza.

Il rilascio di ormoni tiroidei nel sangue porta non solo ad una maggiore manifestazione della loro azione. In risposta, le ghiandole surrenali iniziano a lavorare attivamente, rilasciando adrenalina e norepinefrina, noti come ormoni dello stress. Le azioni combinate di queste sostanze attive causano un tal rischio grande di una crisi tireotossica per il paziente. Inoltre, tra un'alta produzione di ormoni tiroidei, il paziente sviluppa presto insufficienza surrenalica - la funzione delle ghiandole surrenali è esaurita. Questo può essere fatale se il paziente non viene trattato in tempo.

sintomi

L'inizio di una crisi tireotossica è sempre acuto. Di norma, solo poche ore passano dall'azione di un forte fattore scatenante (ad esempio, un intervento chirurgico) e prima dell'inizio dei sintomi di una crisi, il massimo è un giorno.

Il paziente diventa allarmato, ansioso, la sua temperatura corporea aumenta, il suo battito cardiaco aumenta, il suo respiro si accelera. La temperatura corporea sale rapidamente e può raggiungere 40-41 ° C o più in 3-4 ore. All'inizio, il paziente è solitamente agitato, lamentandosi attivamente delle sue condizioni; allora la coscienza può essere disturbata. A volte, sullo sfondo di una crisi della tiroide, si sviluppano allucinazioni e psicosi: il paziente diventa incontrollabile, non risponde alle convinzioni e compie atti incontrollabili, compresi quelli suicidi.

Tra gli altri sintomi della crisi - mani tremanti, che è visibile dal lato e gradualmente in grado di andare in convulsioni; la comparsa di irregolarità nel ritmo cardiaco (più spesso - fibrillazione atriale), un forte aumento della pressione sanguigna sistolica a 180-230 mm Hg. Arte, nausea, vomito, diarrea. A causa del forte stress sul cuore, si può sviluppare un'insufficienza cardiaca.

A volte il paziente lamenta debolezza, è difficile per lui alzare le braccia e camminare; spesso, sullo sfondo di una crisi tireotossica, compaiono l'ittero della pelle e della sclera, il dolore addominale diffuso. Se i reni sono coinvolti nel processo patologico, la persona arresta l'escrezione o diminuisce l'urina.

Esternamente, il paziente all'inizio di una crisi tireotossica sembra spaventato, la sua pelle è rossa, bagnata, calda al tatto. Poi, quando le ghiandole surrenali si esauriscono e il corpo diventa disidratato, la pelle diventa secca, le labbra si spezzano, il paziente diventa inibito, lento.

Nei casi più gravi, la crisi tireotossica si trasforma in un coma.

Pronto soccorso

Il tasso medio di mortalità per la crisi tireotossica è del 20%. Ogni quinto paziente per il quale si è verificata una simile crisi perisce. Ciò significa che prima una persona riceve assistenza medica e prima cade nelle mani di specialisti, migliore è la prognosi per lui.

Delle misure pre-mediche che dovrebbero essere prese in questo stato, molti sono noti per deporre il paziente, fornire aria fresca, valutare il suo polso, misurare la pressione sanguigna, la frequenza respiratoria, la temperatura della pelle e l'umidità (vedere il Capitolo 18). Se una persona è cosciente, è necessario chiedergli quando ha urinato per l'ultima volta, questo darà un'idea se la funzione renale è preservata.

Avendo rapidamente attuato misure per valutare le condizioni del paziente, passano allo stadio più importante del primo soccorso: il raffreddamento. L'elevata temperatura corporea esaspera gli effetti nocivi degli ormoni, quindi la lotta contro di essa diventa il compito più importante nel fornire cure di emergenza. Va ricordato che la temperatura corporea durante una crisi tireotossica sta crescendo rapidamente, quindi dobbiamo agire rapidamente. Un impacco freddo sulla fronte in questo caso non salverà. Il paziente viene liberato da indumenti caldi e posto in un bagno di acqua fresca. In alternativa, è possibile applicare l'applicazione di bolle di ghiaccio alla testa, al collo, al torace e all'addome (aree di maggior trasferimento di calore) o allo sfregamento con alcool etilico (o una soluzione debole di acido acetico) (vedere il Capitolo 18). Nella stagione fredda, è necessario aprire le finestre nella stanza e sovrapporre il paziente con pacchetti di neve. Se non sono disponibili sia un bagno fresco, bolle di ghiaccio e alcool etilico, è necessario utilizzare qualsiasi metodo disponibile per raffreddare il corpo: spogliare il paziente, coprirlo con un lenzuolo bagnato o spruzzare la pelle con acqua fredda e ventilarla in modo che l'aria evapori più velocemente mentre l'aria si muove. Il raffreddamento dovrebbe essere effettuato fino all'arrivo dei medici costantemente, e non come una singola azione.

Nella crisi tireotossica, l'insufficienza renale e cardiaca si sta rapidamente sviluppando. Poiché queste condizioni sono estremamente pericolose per la vita, è necessario essere preparati a ciò che potrebbe essere necessario rianimare (vedere il Capitolo 1). Per cosa, senza perdere di vista il paziente per più di pochi secondi, preparano tutto ciò di cui hanno bisogno - cercano un rullo per metterlo sotto il collo, rimuovere le protesi dalla bocca del paziente, se esistono, ecc.

Va ricordato che durante una crisi tireotossica, l'assorbimento dei farmaci, se somministrati in compresse, praticamente non si verifica. Pertanto, è inefficace usare compresse, tra cui antipiretici, tutte le droghe vengono iniettate per via intramuscolare o in vena quando possibile.

Per combattere la disidratazione, il paziente viene dato a bere molto liquido a piccoli sorsi. Se una persona è incosciente, è necessario gocciolare per via endovenosa (400 ml di soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% o soluzione di glucosio al 5%).

Se la crisi tireotossica è scatenata da una malattia infettiva acuta, è possibile somministrare al paziente antibiotici (che dipendono dalla malattia) nella fase preospedaliera.

Per proteggere il cuore dal sovraccarico, sono necessari farmaci dal gruppo di? -Blockers - di solito sono disponibili in compresse; e sebbene l'effetto dei farmaci orali in una crisi tireotossica sia indebolito, vale la pena somministrarli, poiché l'insufficienza cardiaca è molto pericolosa. È possibile scegliere da questo gruppo di farmaci propranololo - 40-80 mg, metoprololo - 50 mg, carvedilolo - 25 mg.

Con lo sviluppo di insufficienza surrenalica (calo della pressione sanguigna, depressione della coscienza), prednisone deve essere somministrato per via endovenosa in una dose di 60-120 mg.

Pronto soccorso per la crisi tireotossica

In una crisi tireotossica (tiroidea), il paziente necessita di cure di emergenza: questa condizione è associata a un rischio per la sua vita. La crisi si verifica come uno sviluppo di complicanze nella tireotossicosi. Anche una malattia associata ad un aumento del contenuto di ormoni tiroidei nel corpo umano non è una malattia indipendente. Questa è una conseguenza di altri disturbi patologici della ghiandola tiroidea.

Il pericolo della condizione patologica consiste nell '"attacco" del corpo da parte degli ormoni tiroidei, che sono massicciamente concentrati nel sangue del paziente. Se non vengono "fermati" in tempo, la persona morirà.

Fattori patologici

L'emergere di uno stato di crisi è associato a una tattica erroneamente scelta per il trattamento del gozzo diffuso tossico o, come viene anche chiamato, malattia di Graves. Questa è una malattia di natura autoimmune, causata dalla rapida crescita della ghiandola tiroidea.

Ci sono una serie di altre cause di una crisi tireotossica che causa una condizione pericolosa per la vita:

  • Operazioni tiroidee eseguite per eliminare il gozzo diffuso;
  • Estrazione chirurgica dei denti;
  • Ether anestesia, che viene utilizzata durante la chirurgia;
  • Iodio radioattivo, utilizzato durante il trattamento di malattie associate alla ghiandola tiroidea;
  • Dosaggio o durata del farmaco erroneamente scelti durante il periodo di trattamento;
  • Usando i raggi X per elaborare la ghiandola tiroidea;
  • Palpazione anormale della tiroide.

I provocatori gravi della crisi includono i seguenti stati:

  • Patologie infettive associate al tratto respiratorio;
  • Problemi con il flusso di sangue nel cervello;
  • Periodo di gravidanza e lavoro;
  • Forte stress;
  • lesioni;
  • Sforzo fisico prolungato;
  • Embolia polmonare

Le manifestazioni cliniche della crisi tireotossica si verificano prevalentemente in estate, alla fine della primavera o all'inizio dell'autunno.

Una condizione pericolosa per la vita è una conseguenza di una violazione della terapia, che porta a uno squilibrio ormonale.

Sintomi caratteristici

Le manifestazioni e i sintomi della crisi della tiroide sono associati ad un'eccessiva concentrazione di triiodotironina (T3) e tiroxina (T4). Sotto la loro influenza in uno stato di crisi, tali processi patologici si sviluppano:

  • Mancanza di funzione surrenale;
  • Aumento della sintesi di catecolamine;
  • Attivazione di 3 sistemi: simpatico-adrenico, ipotalamo e formazione reticolare del cervello.

Una condizione pericolosa per la vita ha segni e sintomi caratteristici che si manifestano improvvisamente. In casi eccezionali, il periodo prodromico può svilupparsi quando i sintomi aumentano lentamente.

Ci sono 2 periodi di crisi:

  1. Eccitazione (irritazione del sistema simpatico-surrenale);
  2. Inibizione, comparsa di patologie cardiovascolari (interruzione del lavoro dei meccanismi di compensazione).

Considerare i sintomi della crisi e le cure di emergenza, che è importante fornire prima dell'arrivo dei medici.

  • Condizione febbrile in cui la temperatura corporea sale a 39-40 gradi;
  • Impulso frequente fino a 200 battiti al minuto;
  • Mal di testa;
  • Sudorazione profusa;
  • Mani e piedi tremano violentemente;
  • La quantità di urina escreta viene drasticamente ridotta;
  • Disturbi del SNC;
  • Disturbo del tratto digestivo.

Un'attenzione particolare dovrebbe essere rivolta ai sintomi che confermano i disturbi del sistema nervoso. Sono fissati nel 90% dei pazienti.

  • letargia;
  • Cambio rapido del background emotivo;
  • Sindrome maniaca;
  • ansia;
  • Disturbi del sonno;
  • eccitazione;
  • Coscienza confusa;
  • Grande debolezza sentita nel tessuto muscolare del viso e del corpo.

I cambiamenti patologici nel sistema cardiovascolare si manifestano in tali segni:

  • Aumento della pressione sanguigna;
  • Fibrillazione atriale;
  • tachicardia;
  • Mancanza di respiro;
  • Respirazione pesante

I sintomi "gastrointestinali" sono i seguenti:

  • Mancanza di appetito;
  • Nausea con vomito;
  • Attacchi spasmodici nell'addome;
  • La diarrea.

Le specifiche della diagnosi e della prognosi

La diagnosi di una crisi si basa sui sintomi caratteristici dei tipi di malattie che causano la patologia tiroidea. Possibili fattori provocanti sono necessariamente presi in considerazione: il paziente è in uno stato dopo l'intervento chirurgico, una malattia di natura infettiva, ecc.

La diagnosi richiede ulteriori ricerche di laboratorio e hardware:

  • Analisi del sangue biochimica;
  • Determinazione dei livelli di zucchero nel sangue;
  • ECG;
  • Ascoltando i toni del cuore;
  • Fissazione del polso e della pressione sanguigna.

L'assenza di cure di emergenza durante una crisi tireotossica porterà ad allucinazioni, delirio e una forma acuta di psicosi. Quindi lo stato eccitato viene sostituito dall'inibizione e dalla completa perdita nello spazio.

Caratteristica delle azioni pre-mediche

Abbiamo già detto che le manifestazioni di crisi tiroidea si sviluppano più spesso in 2-4 ore. In questo caso, la prima azione di emergenza dovrebbe essere quella di chiamare la brigata dell'ambulanza. Descrivi in ​​dettaglio le condizioni del paziente, i sintomi pronunciati del dispatcher. Quindi procedere alla fornitura di primo soccorso.

  • Fornire al paziente una posizione comoda;
  • Allentare o rimuovere gli elementi di pressione degli indumenti;
  • Garantire il libero accesso di aria fresca alla stanza;
  • Misura la temperatura corporea e la pressione;
  • Stima la frequenza delle pulsazioni e della respirazione al minuto.

Un importante compito di primo soccorso è di ridurre la temperatura corporea elevata. Tuttavia, non puoi usare l'aspirina per questo scopo! La temperatura viene ridotta con la medicina tradizionale: asciugare con acqua fredda, una soluzione di aceto o alcool.

Ricorda che la crisi è accompagnata da disturbi gastrici, quindi è importante prevedere la comparsa di vomito. Al paziente non è soffocato il proprio vomito, adagiarlo su un lato. Tieni la testa mentre vomiti. Quindi, sciacquare la bocca con acqua pulita.

In assenza di segni vitali (battito cardiaco e respirazione) condurre la rianimazione.

Se il paziente è cosciente, è importante fornirgli un sacco di bevande. Non somministrargli medicine sotto forma di pillole prima dell'arrivo dei medici: durante una crisi, l'assorbibilità è compromessa.

Terapia farmacologica

Dopo aver fornito il primo soccorso, i medici procedono con urgenza all'introduzione di farmaci. Il ricevimento di medicine esegue 3 compiti:

  1. Neutralizzazione del fattore che ha provocato lo stato pericoloso;
  2. Mantenere la funzionalità del corpo;
  3. Normalizzazione dello sfondo ormonale.

In una crisi causata dalla tireotossicosi, l'algoritmo del farmaco è il seguente:

  • Per rallentare la produzione di farmaci iniettati di ormoni tiroidei contenenti iodio;
  • Per sopprimere la funzionalità della tiroide, usare mercazolyl;
  • La soluzione di glucosio di sodio e prednisolone sono somministrati per ripristinare la funzione surrenale.
  • Al fine di alleviare la tensione nervosa, droperidolo viene somministrato facendo cadere.

La specificità della terapia è selezionata in base alle caratteristiche delle manifestazioni cliniche della patologia.

Misure preventive

La crisi tireotossica è una patologia pericolosa che può essere fatale. Pertanto, la conformità con le misure preventive per prevenirlo è una componente importante del trattamento delle malattie della tiroide.

Per prevenire una condizione così pericolosa, sarà d'aiuto le seguenti regole preventive.

  • La ricezione di medicine antitiroidee deve esser effettuata secondo le istruzioni del dottore;
  • Prima di un intervento chirurgico o l'inizio di un trattamento terapeutico con iodio, il paziente deve raggiungere uno stato eutiroideo.

Ricordate! Ogni squilibrio ormonale richiede un aggiustamento rapido.

116. Condizioni di emergenza nell'ipertiroidismo. Crisi tireotossica, diagnosi, tattica terapeutica.

La crisi tireotossica è una sindrome rara, ma pericolosa per la vita, manifestata da un forte aumento della gravità dei sintomi della tireotossicosi in pazienti con gozzo tossico diffuso o diffuso.

Corso di crisi tireotossica.

1. Fase subacuta - il periodo tra la comparsa dei primi segni e la compromissione della coscienza e lo sviluppo del coma 2. La fase acuta (comatosa) si sviluppa dopo 24-48 ore nella fase avversa della fase subacuta e nel rapido sviluppo di una crisi tireotossica, già dopo 12-24 ore. Le cause più comuni di morte sono l'insufficienza cardiaca, surrenale o insufficienza epatica acuta.

Anamnesi. Esame fisico

1. Aumento della sudorazione combinata con ipertermia senza segni di infezione 2. Lesioni del sistema nervoso centrale (encefalopatia metabolica: labilità dell'umore, ansia, confusione, fino allo sviluppo di psicosi e coma). 3. Danni al sistema cardiovascolare. All'inizio della crisi, la maggior parte dei pazienti osserva ipertensione sistolica con alta pressione del polso. Riducendo il volume di sangue circolante a causa di vomito, diarrea, aumento della sudorazione nel successivo porta allo sviluppo di ipotensione posturale con collasso. 4. Manifestazioni gastrointestinali: dolore addominale diffuso, epatomegalia. Il danno epatico è associato a entrambe le congestioni a causa di CHF 5. La comparsa di segni esterni: un aumento della ghiandola tiroidea, esoftalmo. Studi di laboratorio 1 esame del sangue generale. Leucocitosi con uno spostamento moderato a sinistra 2. Analisi biochimica del sangue Iperglicemia moderata in assenza di diabete. La ragione - aumento della glicogenolisi. Colesterolo severo Diminuzione significativa dell'indice di protrombina Ipoproteinemia con iperglobulinemia. Ipercalcemia moderata Aumento di ALT e AST, livelli di bilirubina

(a causa di una disfunzione epatica). L'aumento dell'attività della fosfatasi alcalina 3 Determinazione degli ormoni tiroidei. I livelli di frazioni libere T3, T4 nel siero sono aumentati. Indagini strumentali È caratteristico un aumento del test di 24 ore per l'assorbimento dello iodio radioattivo.

Eseguito nell'unità di terapia intensiva. Iniziare il trattamento deve essere immediatamente, ai primi pro-fenomeni clinici, senza attendere i risultati degli studi di laboratorio Riduzione del livello degli ormoni circolanti Per bloccare la sintesi degli ormoni tiroidei, propiltiouracile o tiamazolo sono prescritti, sono somministrati attraverso un sondino nasogastrico. La dose di propiltiouracile raggiunge 1200-1500 mg al giorno (200-250 mg ogni 4 ore), la dose di tiamazolo è di 120 mg (20 mg ogni 4 ore). Il carbonato di litio è un mezzo alternativo per inibire il rilascio di ormoni tiroidei quando allergici allo iodio. Può essere utilizzato anche in pazienti con gravi reazioni tossiche a propiltiouracile o tiamazolo (storia di agranulocitosi). Il carbonato di litio viene prescritto a 300 mg ogni 6 ore per dialisi peritoneale o plasmaferesi per ridurre il livello di ormoni nel sangue.

Ridurre l'iperattività del simpatico-surrenale

i sistemi usano β-bloccanti. Più spesso, il propranololo viene prescritto per via orale alla dose di 20-40 mg ogni 6 ore Nei casi più gravi, le dosi possono essere aumentate a 80-120 mg ogni 6 ore La somministrazione endovenosa (dose iniziale 0,5-1,0 mg) deve essere eseguita con estrema cura: lentamente, con monitoraggio dell'attività cordiale

Rilievo di glucocorticoidi surrenali relativi nedostatochnostiNaznachayut possiedono, in aggiunta, spo-Lities inibire conversione periferica di T4 T3.Gidrokortizon somministrato per via endovenosa alla dose di 50-100 mg ogni 6 ore, applicazione di 5 mg di desametasone ogni 12 ore. La durata della terapia steroidea è generalmente vari giorni.

Obiettivo - eliminazione di ipossia, ipertermia, degidratatsii.Gipertermiyu ritagliata antifebbrili ma non salicilati, perdita di liquidi a causa di ipertermia, sudorazione, vomito e diarrea deve essere immediatamente compensata -Vnutrivennoe introduzione della soluzione di destrosio 10%, e le soluzioni di elettroliti aiuta a ripristinare impoverito le riserve di glicogeno del fegato e l'arresto ipercalcemia. Nelle soluzioni per infusione, si consiglia di aggiungere vitamine. Nel trattamento di CHF, vengono utilizzati farmaci standard, inclusi digossina e diuretici, in caso di ipotensione arteriosa, non alleviata dalla reidratazione, possono essere necessari vasopressori e terapia antiaritmica. Sullo sfondo di trattamento complesso intensivo della condizione del paziente migliorate da 24-30 ore. Il trattamento viene continuato fino alla completa eliminazione di tutti i sintomi e disturbi metabolici, di solito entro 7-10 giorni.

Crisi tireotossica e cure di emergenza

Sotto l'influenza di fattori scatenanti nei pazienti con tireotossicosi si sviluppa una grave complicazione che può minacciare la loro vita. È determinato da un massiccio rilascio nei vasi sanguigni degli ormoni tiroidei. Tale risultato di iperattività patologica della tiroide è chiamato crisi tireotossica.

Fattori di stimolazione

Una condizione simile si osserva di solito in pazienti con malattia moderata e grave. Si sviluppa nelle stagioni calde dell'anno. Le cause più comuni dello sviluppo di una crisi tireotossica sono identificate:

  • intervento chirurgico alla tiroide;

Lo stress è una delle possibili cause di una crisi tireotossica.

Segni di malattia

La presenza di uno o più fattori nel gozzo con funzionalità tiroidea aumentata aiuta a diagnosticare la crisi tireotossica. Alcuni cambiamenti sul cardiogramma sono rivelati: un aumento della frequenza, un aumento della deviazione del complesso QRS e un'onda T, una fibrillazione atriale, un blocco del Suo fascio.

Segni generali:

  • rapido aumento della temperatura;
  • sudore abbondante;
  • sentirsi debole;
    arrossamento del viso;
  • la pelle è calda;
  • respirazione rapida.

Anche i sintomi patologici del cuore e dei vasi sanguigni aumentano rapidamente:

  • un forte aumento della frequenza del polso;
  • numeri di alta pressione sanguigna;
    si verificano disturbi del ritmo e della conduzione.

Con lo sviluppo della crisi tireotossica, si nota l'insufficienza cardiaca, i sintomi aumentano, le cadute di pressione e l'edema polmonare progrediscono. Sofferenza del tratto gastrointestinale:

  • nausea, vomito;
  • carattere di crampi dolore addominale;
  • diarrea o feci frequenti;
  • C'è la possibilità di ittero.

I reni smettono di dare urina, fino alla sua completa assenza, questa condizione richiede cure di emergenza. Il paziente è irrequieto, lacerato, le condizioni possono assomigliare alla psicosi. Questo stadio è sostituito da apatia, sonnolenza, ottusità, coma tireotossico che si sviluppa. Ci può essere debolezza nei muscoli degli arti, poi nel tronco e nella faccia.

Forme rare di manifestazione della malattia

Chiamare un'ambulanza è un'opportunità per salvare la vita del paziente.

C'è solo una rara possibilità di manifestazione sottile dei sintomi. Questo di solito è caratterizzato da crisi tireotossica in pazienti anziani con un gozzo apatico. Si sviluppa senza manifestazioni luminose, i pazienti cadono tranquillamente in coma e possono morire.

C'è una forma mascherata di tireotossicosi, quando i suoi sintomi sono nascosti dietro le manifestazioni patologiche di un altro sistema, il più delle volte si tratta di malattie cardiovascolari. Tali pazienti sono spesso ammessi nei reparti di emergenza con aritmie atriali o insufficienza cardiaca congestizia. In questo caso, si verifica un miglioramento persistente dopo l'inizio della terapia di tireotossicosi.

Azioni prima dell'arrivo del medico

La crisi tireotossica richiede cure di emergenza anche prima che il paziente entri in ospedale. Dovrebbe iniziare prima dell'arrivo del medico:

  • la vittima dovrebbe essere posta;
  • creare le condizioni per l'accesso all'aria aperta;
  • misurare la pressione;
  • determinare la frequenza dell'impulso e della respirazione;
  • misurare la temperatura;
  • notare le condizioni della pelle (umidità, colore);
  • se possibile chiedi informazioni sul tempo di minzione (condizione renale).

Poiché i sintomi della febbre sono pronunciati in crisi tireotossiche, il raffreddamento sarà un importante compito di primo soccorso:

  • non usare i salicilati (aspirina) per controllare la temperatura;
  • il paziente deve essere liberato da indumenti caldi;
  • se possibile, mettiti un bagno fresco;
  • Imporre bolle di ghiaccio: testa, collo, petto, addome;
  • strofinare la pelle con alcool etilico, soluzione alcolica o acetica;
  • nella stagione fredda aprire la finestra, imporre un paziente con la neve (confezionato in sacchetti);
  • puoi coprire il paziente con un lenzuolo bagnato, spruzzalo con acqua fredda;
  • continuare a raffreddare fino all'arrivo dell'ambulanza.

Una crisi è accompagnata da sintomi di nausea e vomito. Assistenza necessaria:

  • rimuovere le protesi rimovibili;

Massaggio cardiaco - aiuto di emergenza con crisi tireotossica

Lo sviluppo della crisi tireotossica può richiedere assistenza di emergenza e rianimazione: massaggio cardiaco, respirazione artificiale. Una persona senza un certo allenamento è meglio limitata al massaggio cardiaco,

pressione continua sul petto (la frequenza di premere -2 volte al secondo). Se la coscienza della vittima non è disturbata, è necessario dare da bere più liquido. Poiché l'assorbibilità durante la crisi tireotossica è compromessa, l'aiuto delle pillole non è efficace. Richiede l'introduzione di farmaci in una vena: preparazioni di iodio, soluzioni di glucosio e fisiologia, farmaci cardiaci, antiemetici, antiaritmici, sedativi, abbassando la temperatura. Dopo aver provveduto alle cure di emergenza, il paziente viene trasportato all'unità di terapia intensiva dell'ospedale.

Ulteriori Articoli Su Tiroide

Comuni cause di coma alla golaUna sensazione molto spiacevole e costrittiva che causa disagio è più spesso causata da un coma in gola. Per alcuni, può causare una sensazione di bruciore, prurito, e in altri la respirazione è persa, il torace, le braccia e le gambe diventano insensibili.

La laringotracheite è una malattia infiammatoria con una lesione combinata della laringe e della trachea, il cui verificarsi è causato da un'infezione virale o batterica. Il quadro clinico della laringotracheite è caratterizzato da ridotta funzionalità vocale, tosse con espettorato mucopurulento, disagio e dolore nella zona laringea e dietro lo sterno, linfadenite regionale.

Il test del progesterone è il modo più efficace per chiarire le cause di molte condizioni patologiche, inclusa l'infertilità.