Principale / Ghiandola pituitaria

L'importanza delle ghiandole endocrine negli esseri umani

La fisiologia umana è un meccanismo naturale complesso che ha superato milioni di anni di evoluzione. Il comportamento di una persona nella società, il suo stato interiore, l'autorealizzazione, l'auto-consapevolezza, è causato dal corretto funzionamento degli organi interni. Ad esempio, la secrezione interna degli animali, funziona come un organo umano, regolando il comportamento di un essere vivente.

Stranamente, ma il sistema endocrino è il principale regolatore della salute umana, perché queste ghiandole secernono sostanze speciali chiamate ormoni. Gli ormoni, entrando nel sangue di una persona, penetrano in tutti gli organi e guidano il corretto funzionamento del corpo. Nel corpo umano ci sono delle ghiandole di secrezione esterna.

Cosa sono le ghiandole endocrine?

ZhVS (ghiandole di una secrezione interna della persona) - questi sono corpi che non hanno canali di sangue indipendenti per conclusioni di ormoni. La presenza abbondante di una rete circolatoria capillare è caratteristica dei calcoli biliari. Una tale struttura consente alle sostanze prodotte di passare direttamente nel sangue. La mancanza di dotti ematici indipendenti era la ragione per cui le ghiandole erano chiamate secrezione interna, in contrasto con la ghiandola della secrezione esterna, cioè le ghiandole sudoripare, sebacee, digestive, che hanno canali indipendenti per la rimozione degli enzimi.

Tipi di ghiandole endocrine

Tutte le persone hanno ghiandole di secrezione interna nei loro corpi, che possono essere suddivise in alcuni tipi e livelli:

  • cervello:
    • ipotalamo;
    • ghiandola pituitaria;
    • neuroipofisi;
    • epifisi.
  • collo:
    • ghiandola tiroidea;
    • ghiandola paratiroidea
  • busto:
    • ghiandole surrenali;
    • pancreas;
    • parte intrasecretoria delle ghiandole genitali.
  • Ghiandole di secrezione mista.

Funzioni che il ferro esegue

Funzioni ZHVS diverse e rigorosamente regolamentate. Alla testa di tutta la gerarchia c'è la ghiandola pituitaria, che regola il lavoro di tutte le altre ghiandole endocrine subordinate.

Come funzionano le ghiandole endocrine?

Il lavoro ha una rigida gerarchia ed è direttamente subordinato alla ghiandola pituitaria. Questo piccolo organo si trova all'interno del cervello umano, vicino all'osso sfenoidale, che si riferisce alla base del cranio ed è collegato al cervello sottostante.

Fino alla fine del ventesimo secolo, negli ambienti scientifici, c'era un'opinione costante che la ghiandola pituitaria funzionasse indipendentemente. Studi recenti in questo campo hanno dimostrato che l'ipotalamo controlla il corretto funzionamento della ghiandola pituitaria.

Brain endocrine ghiandole

Il cervello colpisce per la sua ordine. In un organo così piccolo sono posti i centri più importanti che dirigono i processi dell'intero organismo. Pertanto, non è strano che le ghiandole endocrine umane si trovano nel cervello, che controllano tutti gli altri processi biologici nel corpo.

Lavoro dell'ipotalamo

L'ipotalamo, che controlla la maggior parte dei processi ormonali, è direttamente collegato al sistema nervoso umano, raccoglie i più piccoli cambiamenti o fluttuazioni nel mondo circostante e la sua influenza su di esso. Sulla base dei segnali ricevuti, l'ipotalamo determina lo stimolo, classifica, interpreta e invia i segnali necessari alla ghiandola pituitaria.

La ghiandola pituitaria funziona

La ghiandola pituitaria, a sua volta, ricevendo un segnale dall'ipotalamo inizia a dare ordini alle ghiandole endocrine, che producono determinati ormoni, regolando il lavoro del corpo umano.

Oltre alla funzione regolatrice che la ghiandola pituitaria svolge in relazione alle restanti ghiandole endocrine, produce due sostanze:

  • somatotropina - accelera la disgregazione delle cellule grasse e accelera il metabolismo durante l'esercizio;
  • ormone lattotropico - più correlato agli ormoni femminili, questo ormone, sintetizza il latte e riduce la libido durante l'allattamento.

È una violazione della ghiandola pituitaria che provoca il lavoro instabile delle restanti ghiandole endocrine.

neuroipofisi

La neuroipofisi - è parte integrante della ghiandola pituitaria e svolge la funzione di preservare i materiali biologici che l'ipotalamo ha sviluppato in anticipo. La neuroipofisi contiene ormoni come la vasopressina e l'ossitocina, che dopo un certo periodo di tempo iniziano a essere rilasciati nel flusso sanguigno.

La vasopressina, a sua volta, regola le prestazioni renali, aiuta a rimuovere il liquido, ma allo stesso tempo previene la disidratazione. Inoltre, è coinvolto nel mantenere il tono della muscolatura liscia che circonda gli organi interni, migliora la memoria e stabilizza l'aggressività di una persona.

L'ormone ossitocina è responsabile della stimolazione del funzionamento del sistema di escrezione di scorticatura, intestino, vescica e urina. Questo ormone è particolarmente importante per le donne, perché il corretto funzionamento dei muscoli uterini dipenderà direttamente dalla sua quantità sufficiente nel corpo della donna e regola il processo di sintesi del latte nei seni della donna.

Piccola ghiandola pineale

L'epifisi si trova nella parte centrale del cervello, che ha una forma a forma di cono (vedi foto sopra). Il peso di questa formazione non supera i 25 grammi. Nonostante tali dimensioni ridotte, l'epifisi è essenziale per il corretto funzionamento del sistema nervoso. Svolge il suo lavoro grazie al fatto che si trova sui nervi ottici e reagisce ai cambiamenti nell'illuminazione dello spazio che si trova di fronte a una persona.

Alla luce del giorno, l'epifisi produce serotonina, che dovrebbe influenzare positivamente il benessere generale della persona, stimola l'attività muscolare e, al buio, la melatonina, che normalizza la pressione e migliora il sonno. Inoltre, l'epifisi produce un'altra sostanza - adrenoglomerulotropina. Tuttavia, la scienza moderna al momento non è nota di come questo ormone funzioni nel corpo umano.

Le ghiandole endocrine del collo umano

Sul collo umano si trovano le ghiandole tiroidee e paratiroidi, che producono un gran numero di ormoni che agiscono sul corpo.

Principi di tiroide

La ghiandola tiroidea si trova nella parte superiore del collo e fissata alla trachea con l'aiuto del tessuto connettivo. Questa ghiandola produce sostanze ormonali che sono coinvolte nel metabolismo del corpo e nello scambio di nutrienti tra le cellule, anche la ghiandola tiroidea è responsabile della termoregolazione nel corpo umano.

  • supporto per la temperatura corporea umana;
  • sostenere il corpo durante uno sforzo fisico elevato o situazioni stressanti;
  • trasporto di liquidi all'interno del corpo umano;
  • scambio di energia a livello cellulare.

Tale funzionalità rende questo corpo indispensabile. Le persone con varie malattie della ghiandola tiroide molto spesso sperimentano brividi, cambiamenti di umore irragionevoli, stanchezza patologica, distacco e depressione. Sintomi simili indicano l'importanza della ghiandola tiroidea per la psiche umana.

Ghiandola paratiroidea (ghiandola paratiroidea)

Dietro la tiroide c'è un oggetto minuscolo, il cui peso non supera i 5 grammi e ha la forma di un piccolo processo nella forma di un tentacolo di polpo. Questo oggetto è chiamato paratiroide. Di regola, questi processi sono accoppiati. Grazie a loro, il sistema endocrino produce la sintesi di un importante ormone - paratiroide, che normalizza il livello di calcio nel sangue umano.

Le ghiandole endocrine, situate sul corpo umano

Il corpo risponde ai cambiamenti nel mondo attraverso il rilascio di vari ormoni. La paura genera una scarica di adrenalina quando questa sostanza entra nel flusso sanguigno della percezione di una persona e la sua reazione viene accelerata. Questa non è una semplice questione coinvolta ghiandole surrenali.

Il ruolo delle ghiandole surrenali

Le ghiandole surrenali si trovano nella zona superiore del rene e sono coinvolte nella produzione di norepinefrina e adrenalina. Ciò che consente al corpo di rispondere a situazioni stressanti. Le ghiandole surrenali producono le seguenti sostanze:

  • regione del fascio - produce corticosterone e cortisolo. Le sostanze attivano il metabolismo, partecipano alla sintesi del glucosio, del glicogeno;
  • area glomerulare - fornisce al corpo l'aldosterone, il corticosterone, il desossicorticosterone. Partecipa ai processi del metabolismo dell'acqua e del sale, normalizza la pressione arteriosa e venosa;
  • area netta - produce testosterone, estradiolo, deidroepiandrosterone, androstenedione. Le sostanze svolgono la sintesi degli ormoni sessuali.

La rottura delle ghiandole surrenali può portare a varie malattie.

pancreas

La ghiandola è posta direttamente dietro lo stomaco. Tuttavia, sono coinvolte solo le isole pancreatiche, che producono gli enzimi necessari per il corpo:

Questo tipo di sostanza è coinvolto nella digestione, contribuendo alla secrezione del succo gastrico e alla fermentazione più rapida del cibo.

gonadi

Le ghiandole sessuali appartengono anche al sistema endocrino del corpo umano:

  • i testicoli maschili producono ormoni - androgeni;
  • le ovaie femminili producono ormoni endogeni.

Questi tipi di sostanze assicurano il normale funzionamento del sistema riproduttivo, inoltre, partecipano allo sviluppo del sesso dell'embrione, costruiscono la struttura muscolare, regolano la crescita dei capelli sul corpo umano, determinano il livello di grasso corporeo nel corpo e producono la formazione della laringe.

Questi ormoni sono molto importanti per il funzionamento del corpo. Basta prestare attenzione agli animali che hanno subito la procedura di castrazione per capire come gli ormoni sessuali influenzano il funzionamento del corpo umano.

Le ghiandole sessuali della secrezione interna e i loro ormoni sono attivamente coinvolti nella formazione dello sperma negli uomini, a causa della quantità sufficiente di queste sostanze nel sangue. Gli spermatozoi attivi saranno in grado di fecondare un uovo.

Ghiandole endocrine di tipo misto

Negli umani, ci sono ghiandole di secrezione interna e mista. Questi ultimi includono la "ghiandola del timo" o il timo. Il compito principale di questo organo interno è di sintetizzare la sostanza della timosina. L'obiettivo principale di questo ormone è di mantenere la quantità necessaria di anticorpi nel sangue.

Struttura anatomica e posizione delle ghiandole endocrine

Ogni organo interno ha la sua propria anatomia, struttura e caratteristiche. Il cervello ha a disposizione: l'ipotalamo, l'ipofisi e l'epifisi.

Identificare l'ipotalamo nel cervello è un compito molto difficile, anche per specialisti esperti, in quanto ha confini sfocati e poco chiari. È separato di fronte alla piastra terminale, che gli consente di separarsi dal cervello. Dal basso, ha una crescita mastoide, un imbuto e un "urto grigio", che vengono trasferiti all'elevazione mediana. Grazie a lui, la ghiandola pituitaria trasmette "comandi" dall'ipotalamo.

La ghiandola pituitaria, a sua volta, sarà di due parti, che sono piuttosto irregolari. Sono chiamati: neuroipofisi e adenoipofisi. La stessa ghiandola pituitaria assomiglia ad un uovo di gallina ridotto.

L'epifisi non ha una dimensione chiara e può variare a seconda dell'ora del giorno. È coperto da una capsula di tessuto connettivo, da cui si estendono diverse partizioni.

Nel collo umano si trovano: la ghiandola tiroidea, la ghiandola paratiroidea.

La ghiandola tiroidea ha la forma di una "farfalla" e consiste in due parti approssimativamente uguali. La lunghezza di ogni lobo non deve superare - 4 cm., Spessore - 1,5 cm., Larghezza - 2 cm.

La ghiandola paratiroidea ha una dimensione non superiore a 6 mm. Pesa solo 0,05 grammi. Di regola, la ghiandola ha una forma allungata o leggermente arrotondata ed è adiacente direttamente alla ghiandola tiroidea stessa.

Le ghiandole endocrine, che si trovano nel corpo umano, comprendono le ghiandole surrenali, il pancreas, la parte intrasecretoria delle ghiandole sessuali.

Le ghiandole surrenali si trovano all'altezza dell'undicesima e della dodicesima vertebra della cresta direttamente sopra i reni. In questo caso, la ghiandola surrenale destra ha una forma triangolare ed è adiacente direttamente alla vena genitale. La ghiandola surrenale sinistra ha una forma completamente diversa e ha una forma semi-lunare ed è adiacente al rene stesso. La massa di ciascuna ghiandola surrenale è individuale e varia da 11 a 18 grammi. La lunghezza raggiunge - 6 cm, larghezza - 3 cm, e lo spessore non supera - 1 cm. Fuori il corpo è coperto da un film fibroso con piccole chiazze di fibre muscolari.

La ghiandola del timo ha un colore grigio-rosa e si trova nel torace a livello di 4 cartilagine costale. La dimensione della ghiandola varia da 6,5 ​​a 11 cm. Con l'età, il ferro degrada e si fonde quasi completamente con il tessuto adiposo.

Tabella degli ormoni prodotta dalla ghiandola endocrina

Il tavolo ti permetterà di capire quali ghiandole endocrine producono determinati ormoni nel corpo umano:

Ghiandole endocrine

Fisiologia delle ghiandole endocrine

La fisiologia della secrezione interna è una sezione della fisiologia che studia le leggi della sintesi, della secrezione, del trasporto di sostanze fisiologicamente attive e dei meccanismi della loro azione sul corpo.

Il sistema endocrino è un'associazione funzionale di tutte le cellule endocrine, i tessuti e le ghiandole del corpo che effettuano la regolazione ormonale.

Le ghiandole endocrine (ghiandole endocrine) secernono ormoni direttamente nel liquido intercellulare, nel sangue, nella linfa e nel liquido cerebrale. La combinazione di ghiandole endocrine forma il sistema endocrino, in cui si possono distinguere diversi componenti:

  • le ghiandole endocrine che non hanno altre funzioni. I prodotti della loro attività sono ormoni;
  • ghiandole di secrezione mista, che si esibiscono insieme alle funzioni endocrine e ad altre funzioni: pancreas, timo e ghiandole sessuali, placenta (ghiandola temporanea);
  • cellule ghiandolari localizzate in vari organi e tessuti e che secernono sostanze simili agli ormoni. La combinazione di queste cellule forma un sistema endocrino diffuso.

Le ghiandole endocrine sono divise in gruppi. Secondo la loro connessione morfologica con il sistema nervoso centrale, sono suddivisi in centrali (ipotalamo, pituitario, epifisi) e periferiche (tiroide, ghiandole sessuali, ecc.).

Tabella. Le ghiandole endocrine e i loro ormoni

ghiandole

Ormoni secretati

funzioni

Liberins e Statins

Regolazione della secrezione degli ormoni ipofisari

Triplo ormoni (ACTH, TSH, FSH, LH, LTG)

Regolazione della tiroide, ghiandole sessuali e ghiandole surrenali

Regolazione della crescita corporea, stimolazione della sintesi proteica

Vasopressina (ormone antidiuretico)

Influenza l'intensità urinaria regolando la quantità di acqua escreta dal corpo

Ormoni tiroide (iodio) - tiroxina, ecc.

Aumentare l'intensità del metabolismo energetico e della crescita corporea, la stimolazione dei riflessi

Controlla lo scambio di calcio nel corpo, "salvandolo" nelle ossa

Regola la concentrazione di calcio nel sangue

Pancreas (isolotti di Langerhans)

Ridurre i livelli di glucosio nel sangue, stimolando il fegato a convertire il glucosio in glicogeno per la conservazione, accelerando il trasporto del glucosio alle cellule (eccetto le cellule nervose)

Aumento dei livelli di glucosio nel sangue, stimola la rapida disgregazione del glicogeno nel glucosio nel fegato e la conversione di proteine ​​e grassi in glucosio

Aumento della glicemia (ricevimento delle spese energetiche dal fegato del giorno); stimolazione del battito cardiaco, accelerazione della respirazione e aumento della pressione sanguigna

L'aumento simultaneo della glicemia e della sintesi del glicogeno nel fegato influenzano il metabolismo delle proteine ​​e dei grassi (disaccoppiamento delle proteine) Resistenza allo stress, effetto antinfiammatorio

  • aldosterone

Aumento del sodio nel sangue, ritenzione di liquidi, aumento della pressione sanguigna

Estrogeni / ormoni sessuali femminili) androgeni (sesso maschile

Fornire la funzione sessuale del corpo, lo sviluppo delle caratteristiche sessuali secondarie

Proprietà, classificazione, sintesi e trasporto di ormoni

Gli ormoni sono sostanze secrete dalle cellule endocrine specializzate delle ghiandole endocrine nel sangue e hanno un effetto specifico sui tessuti bersaglio. I tessuti target sono tessuti molto sensibili a determinati ormoni. Ad esempio, per il testosterone (un ormone sessuale maschile), i testicoli sono organi bersaglio, e per l'ossitocina, il mioepitelio delle ghiandole mammarie e la muscolatura liscia dell'utero.

Gli ormoni possono avere diversi effetti sul corpo:

  • effetto metabolico, che si manifesta nei cambiamenti nell'attività della sintesi enzimatica nella cellula e nell'aumentare la permeabilità delle membrane cellulari per un dato ormone. Questo cambia il metabolismo nei tessuti e negli organi bersaglio;
  • effetto morfogenetico, che consiste nel stimolare la crescita, la differenziazione e la metamorfosi dell'organismo. In questo caso, i cambiamenti nel corpo avvengono a livello genetico;
  • l'effetto cinetico è l'attivazione di certe attività degli organi esecutivi;
  • l'effetto correttivo si manifesta con un cambiamento nell'intensità delle funzioni di organi e tessuti anche in assenza di un ormone;
  • l'effetto reattogenico è associato a una variazione della reattività tissutale all'azione di altri ormoni.

Tabella. Effetti ormonali caratteristici

Ci sono diverse opzioni per la classificazione degli ormoni. Per natura chimica, gli ormoni sono divisi in tre gruppi: polipeptide e proteine, derivati ​​di steroidi e amminoacidi della tirosina.

Funzionalmente, gli ormoni sono anche divisi in tre gruppi:

  • effettore che agisce direttamente sugli organi bersaglio;
  • tropico, che sono prodotti nella ghiandola pituitaria e stimolano la sintesi e il rilascio di ormoni effettori;
  • regolando la sintesi degli ormoni tropici (liberine e statine), che sono secrete dalle cellule neurosecretive dell'ipotalamo.

Ormoni con diversa natura chimica hanno proprietà biologiche comuni: azione distante, alta specificità e attività biologica.

Gli ormoni steroidei e i derivati ​​dell'amminoacido non hanno specificità di specie e hanno lo stesso effetto su animali di specie diverse. Gli ormoni proteici e peptidici hanno specificità di specie.

Gli ormoni proteici-peptidici sono sintetizzati nei ribosomi delle cellule endocrine. L'ormone sintetizzato è circondato da membrane e si presenta sotto forma di vescicola alla membrana plasmatica. Mentre le vescicole si muovono, l'ormone in esso "matura". Dopo la fusione con la membrana plasmatica, la vescicola viene rotta e l'ormone viene rilasciato nell'ambiente (esocitosi). In media, il periodo dall'inizio della sintesi degli ormoni al loro aspetto nei luoghi di secrezione è di 1-3 ore Gli ormoni proteici sono ben solubili nel sangue e non richiedono portatori speciali. Sono distrutti nel sangue e nei tessuti con la partecipazione di enzimi specifici - proteinasi. L'emivita della loro vita nel sangue non supera i 10-20 minuti.

Gli ormoni steroidei sono sintetizzati dal colesterolo. L'emivita della loro vita è entro 0,5-2 ore Ci sono vettori speciali per questi ormoni.

Le catecolamine sono sintetizzate dall'aminoacido tirosina. L'emivita della loro vita è molto breve e non supera i 1-3 minuti.

Ormoni del trasporto del sangue, della linfa e del fluido extracellulare in forma libera e legata. Nella forma libera, il 10% dell'ormone viene trasferito; nella proteina legata al sangue - 70-80% e nel sangue adsorbito sui globuli - 5-10% dell'ormone.

L'attività delle relative forme di ormoni è molto bassa, poiché non possono interagire con i loro recettori specifici su cellule e tessuti. L'attività alta ha ormoni che sono in forma libera.

Gli ormoni vengono distrutti sotto l'influenza di enzimi nel fegato, nei reni, nei tessuti bersaglio e nelle ghiandole endocrine stesse. Gli ormoni sono espulsi dal corpo attraverso i reni, il sudore e le ghiandole salivari, così come il tratto gastrointestinale.

Regolazione dell'attività delle ghiandole endocrine

I sistemi nervoso e umorale partecipano alla regolazione dell'attività delle ghiandole endocrine.

Regolazione umorale - regolazione con l'aiuto di varie classi di sostanze fisiologicamente attive.

La regolazione ormonale fa parte della regolazione umorale, compresi gli effetti regolatori degli ormoni classici.

La regolazione nervosa viene effettuata principalmente attraverso l'ipotalamo e i neuro-ormoni secreti da esso. Le fibre nervose che innervano le ghiandole influenzano solo il loro apporto di sangue. Pertanto, l'attività secretoria delle cellule può essere modificata solo sotto l'influenza di determinati metaboliti e ormoni.

La regolazione umorale viene effettuata attraverso diversi meccanismi. In primo luogo, la concentrazione di una certa sostanza, il cui livello è regolato da questo ormone, può avere un effetto diretto sulle cellule della ghiandola. Ad esempio, la secrezione dell'insulina ormonale aumenta con un aumento della concentrazione di glucosio nel sangue. In secondo luogo, l'attività di una ghiandola endocrina può regolare altre ghiandole endocrine.

Fig. L'unità del regolamento nervoso e umorale

A causa del fatto che la maggior parte delle vie di regolazione nervosa e umorale convergono a livello dell'ipotalamo, nel corpo si forma un singolo sistema di regolazione neuroendocrino. E le principali connessioni tra i sistemi di regolazione nervosa ed endocrina sono fatte attraverso l'interazione dell'ipotalamo e della ghiandola pituitaria. Gli impulsi nervosi che entrano nell'ipotalamo attivano la secrezione di fattori liberatori (liberine e statine). L'organo bersaglio per liberini e statine è la ghiandola pituitaria anteriore. Ogni liberina interagisce con una specifica popolazione di cellule di adenoipofisi e causa la sintesi di ormoni corrispondenti in esse. Le statine hanno l'effetto opposto sulla ghiandola pituitaria, cioè inibire la sintesi di alcuni ormoni.

Tabella. Caratteristiche comparative della regolazione nervosa e ormonale

Regolazione nervosa

Regolazione ormonale

Filogeneticamente più giovane

Azione locale accurata

Il rapido sviluppo dell'effetto

Controlla principalmente le risposte di riflesso "veloci" dell'intero organismo o delle singole strutture all'azione di vari stimoli.

Filogeneticamente più antico

Azione diffusa e sistemica

Sviluppo di effetti lenti

Controlla principalmente processi "lenti": divisione cellulare e differenziazione, metabolismo, crescita, pubertà, ecc.

Nota. Entrambi i tipi di regolazione sono correlati e si influenzano a vicenda, formando un unico meccanismo coordinato di regolazione neuroumorale con il ruolo principale del sistema nervoso

Fig. L'interazione delle ghiandole endocrine e del sistema nervoso

Le relazioni nel sistema endocrino possono verificarsi nel principio di interazione più-meno. Questo principio fu proposto per la prima volta da M. Zavadovsky. Secondo questo principio, il ferro, producendo un ormone in eccesso, ha un effetto inibitorio sul suo ulteriore rilascio. Al contrario, la mancanza di un certo ormone contribuisce al miglioramento della sua secrezione dalla ghiandola. Nella cibernetica, tale relazione è chiamata "feedback negativo". Questo regolamento può essere effettuato a diversi livelli con l'inclusione di feedback lunghi o brevi. I fattori che sopprimono il rilascio di qualsiasi ormone possono essere la concentrazione nel sangue direttamente dell'ormone o dei suoi prodotti metabolici.

Le ghiandole endocrine interagiscono e dal tipo di connessione positiva. In questo caso, una ghiandola stimola l'altra e riceve segnali di attivazione da essa. Queste interazioni di "plus-plus interaction" contribuiscono all'ottimizzazione del metabolismo e alla rapida implementazione di un processo vitale. Allo stesso tempo, dopo aver raggiunto il risultato ottimale, per prevenire l'iperfunzione delle ghiandole, viene attivato il sistema di "interazione negativa". Il cambiamento di tali interconnessioni di sistemi avviene costantemente nell'organismo degli animali.

Fisiologia privata delle ghiandole endocrine

ipotalamo

Questa è la struttura centrale del sistema nervoso che regola le funzioni endocrine. L'ipotalamo si trova nel diencefalo e comprende la regione preottica, la regione del chiasma ottico, l'imbuto e i corpi mammillari. Inoltre, produce fino a 48 nuclei accoppiati.

Nell'ipotalamo esistono due tipi di cellule neurosecretorie. I nuclei suprachiasmatici e paraventricolari dell'ipotalamo contengono cellule nervose che collegano gli assoni al lobo posteriore dell'ipofisi (neuroipofisi). Gli ormoni sono sintetizzati nelle cellule di questi neuroni: vasopressina, ormone antidiuretico e ossitocina, che poi lungo gli assoni di queste cellule entrano nella neuroipofisi, dove si accumulano.

Le cellule del secondo tipo sono localizzate nei nuclei neurosecretori dell'ipotalamo e hanno degli assoni corti che non si estendono oltre i limiti dell'ipotalamo.

Peptidi di due tipi sono sintetizzati nelle cellule di questi nuclei: alcuni stimolano la formazione e la secrezione di ormoni adenohypophysis e sono chiamati ormoni rilascianti (o liberini), altri inibiscono la formazione di ormoni adenohypophysis e sono chiamati statine.

I liberins includono: thyreiberin, somatoliberin, luliberin, prolactoliberin, melanoliberin, corticoliberin e statins - somatostatin, prolactostatin, melanostatin. Liberini e statine entrano attraverso il trasporto assonale nell'elevazione mediana dell'ipotalamo e vengono rilasciati nel flusso sanguigno della rete primaria di capillari formati dai rami dell'arteria pituitaria superiore. Quindi, con il flusso sanguigno, entrano nella rete secondaria di capillari situati nella adenoipofisi e ne influenzano le cellule secretorie. Attraverso la stessa rete capillare, gli ormoni della adenoipofisi entrano nel flusso sanguigno e raggiungono le ghiandole endocrine periferiche. Questa caratteristica della circolazione del sangue nella regione ipotalamo-ipofisi è chiamata sistema portale.

L'ipotalamo e la ghiandola pituitaria sono combinati in un singolo sistema ipotalamico-ipofisario, che regola l'attività delle ghiandole endocrine periferiche.

La secrezione di alcuni ormoni dell'ipotalamo è determinata dalla situazione specifica che forma la natura degli effetti diretti e indiretti sulle strutture neurosecretorie dell'ipotalamo.

Ghiandola pituitaria

Situato nella fossa della sella turca dell'osso principale e con l'aiuto della gamba collegata alla base del cervello. La ghiandola pituitaria è costituita da tre lobi: anteriore (adenoipofisi), intermedia e posteriore (neuroipofisi).

Tutti gli ormoni del lobo anteriore della ghiandola pituitaria sono sostanze proteiche. La produzione di un numero di ormoni della ghiandola pituitaria anteriore è regolata dall'uso di liberini e statine.

Nell'adenoipofisi vengono prodotti sei ormoni.

L'ormone della crescita dell'ormone della crescita (ormone della crescita ormone della crescita) stimola la sintesi proteica negli organi e nei tessuti e regola la crescita dei giovani. Sotto la sua influenza, la mobilitazione del grasso dal deposito e il suo utilizzo nel metabolismo energetico sono migliorati. Con la mancanza di ormone della crescita nell'infanzia, la crescita è stentata e una persona cresce come una nana, e quando la sua produzione è eccessiva, si sviluppa il gigantismo. Se la produzione di GH aumenta nell'età adulta, quelle parti del corpo che sono ancora in grado di crescere aumentano: dita delle mani e dei piedi, mani, piedi, naso e mascella inferiore. Questa malattia è chiamata acromegalia. La somatotropina secrezione dell'ormone dalla ghiandola pituitaria è stimolata dalla somatoliberina e la somatostatina è inibita.

La prolattina (ormone luteotropico) stimola la crescita delle ghiandole mammarie e durante l'allattamento aumenta la secrezione di latte da parte loro. In condizioni normali, regola la crescita e lo sviluppo del corpo luteo e dei follicoli nelle ovaie. Nel corpo maschile colpisce la formazione di androgeni e spermogenesi. La prolattoliberina stimola la secrezione di prolattina e la prolattina diminuisce la prolattina.

L'ormone adrenocorticotropo (ACTH) provoca la crescita del fascio e delle zone reticolari della corteccia surrenale e migliora la sintesi dei loro ormoni - glucocorticoidi e mineralcorticoidi. ACTH attiva anche la lipolisi. Il rilascio di ACTH dalla ghiandola pituitaria stimola la corticoliberina. La sintesi dell'ACTH è migliorata dal dolore, dalle condizioni di stress, dall'esercizio fisico.

L'ormone stimolante la tiroide (TSH) stimola la funzione della ghiandola tiroide e attiva la sintesi degli ormoni tiroidei. La secrezione di TSH ipofisario è regolata da thyreoliberin ipotalamico, norepinephrine ed estrogeni.

L'ormone stimolimolante (FSH) stimola la crescita e lo sviluppo dei follicoli nelle ovaie ed è coinvolto nella spermatogenesi nei maschi. Si riferisce agli ormoni gonadotropici.

L'ormone luteinizzante (LH), o lutropina, promuove l'ovulazione dei follicoli nelle femmine, supporta il funzionamento del corpo luteo e il normale corso della gravidanza e partecipa alla spermatogenesi nei maschi. È anche un ormone gonadotropico. La formazione e la secrezione di FSH e LH dalla ghiandola pituitaria stimola il GnRH.

Nel lobo medio dell'ipofisi si forma l'ormone melanocito-stimolante (MSH), la cui principale funzione è stimolare la sintesi del pigmento melaninico e regolare la dimensione e il numero delle cellule del pigmento.

Nel lobo posteriore della ghiandola pituitaria, gli ormoni non sono sintetizzati, ma arrivano dall'ipotalamo. Nella neuroipofisi si accumulano due ormoni: antidiuretici (ADH), o un vaso di fiori ressina e ossitocina.

Sotto l'influenza di ADH, la diuresi è ridotta e il comportamento del bere è regolato. La vasopressina aumenta il riassorbimento dell'acqua nelle parti distali del nefrone aumentando la permeabilità all'acqua delle pareti dei tubuli convoluti distali e dei tubi di raccolta, avendo quindi un effetto antidiuretico. Modificando il volume del fluido circolante, l'ADH regola la pressione osmotica dei fluidi corporei. In alte concentrazioni, provoca una riduzione delle arteriole, che porta ad un aumento della pressione sanguigna.

L'ossitocina stimola la contrazione dei muscoli lisci dell'utero e regola il decorso del parto e influenza anche la secrezione del latte, aumentando le contrazioni delle cellule mioepiteliali nelle ghiandole mammarie. L'atto del succhiare contribuisce riflessivamente al rilascio dell'ossitocina dalla neuroipofisi e dalla lattazione. Nei maschi, fornisce una contrazione riflessa del dotto deferente durante l'eiaculazione.

epifisi

L'epifisi, o ghiandola pineale, si trova nella regione del mesencefalo e sintetizza l'ormone melatonina, che è un derivato dell'aminoacido triptofano. La secrezione di questo ormone dipende dall'ora del giorno e i suoi livelli elevati sono notati di notte. La melatonina è coinvolta nella regolazione dei bioritmi del corpo modificando il metabolismo in risposta ai cambiamenti della lunghezza della giornata. La melatonina influenza il metabolismo dei pigmenti, è coinvolta nella sintesi degli ormoni gonadotropici nella ghiandola pituitaria e regola il ciclo sessuale negli animali. È un regolatore universale dei ritmi biologici del corpo. In giovane età, questo ormone inibisce la pubertà degli animali.

Fig. L'effetto della luce sulla produzione di ormoni della ghiandola pineale

Caratteristiche fisiologiche della melatonina

  • Contenuto in tutti gli organismi viventi dai più semplici eucarioti agli umani
  • È l'ormone principale dell'epifisi, la maggior parte dei quali (70%) viene prodotta al buio
  • La secrezione dipende dall'illuminazione: durante la luce del giorno, la produzione di precursore della melatonina, la serotonina, aumenta e la secrezione di melatonina viene inibita. C'è un pronunciato ritmo circadiano della secrezione.
  • Oltre all'epifisi, viene prodotto nella retina e nel tratto gastrointestinale, dove partecipa alla regolazione paracrina
  • Sopprime la secrezione di ormoni adenohypophysis, in particolare gonadotropine
  • Ostacola lo sviluppo delle caratteristiche sessuali secondarie
  • Partecipa alla regolazione dei cicli sessuali e del comportamento sessuale
  • Riduce la produzione di ormoni tiroidei, minerali e glucocorticoidi, ormone somatotropo
  • Nei ragazzi, all'inizio della pubertà, si verifica un forte calo dei livelli di melatonina, che fa parte di un segnale complesso che innesca la pubertà.
  • Partecipa alla regolazione dei livelli di estrogeni in varie fasi del ciclo mestruale nelle donne
  • Partecipa alla regolamentazione dei bioritmi, in particolare nella regolazione del ritmo stagionale
  • Inibisce l'attività dei melanociti nella pelle, ma questo effetto è principalmente espresso negli animali, e negli esseri umani ha scarso effetto sulla pigmentazione.
  • Un aumento della produzione di melatonina in autunno e in inverno (abbreviazione delle ore diurne) può essere accompagnato da apatia, deterioramento dell'umore, sensazione di perdita di forza, diminuzione dell'attenzione
  • È un potente antiossidante, protegge il DNA mitocondriale e nucleare dai danni, è una trappola terminale dei radicali liberi, ha un'attività antitumorale
  • Partecipa ai processi di termoregolazione (con raffreddamento)
  • Influisce sulla funzione di trasporto dell'ossigeno nel sangue
  • Ha un effetto sul sistema L-arginina-NO

Timo

La ghiandola del timo, o timo, è un organo lobulare appaiato situato nella parte superiore del mediastino anteriore. Questa ghiandola produce ormoni peptidici timosina, timina e T-attivina, che influenzano la formazione e la maturazione dei linfociti T e B, vale a dire partecipare alla regolazione del sistema immunitario del corpo. Il timo inizia a funzionare nel periodo dello sviluppo prenatale, mostra la massima attività nel periodo neonatale. La timosina ha un effetto anticancerogeno. Con la mancanza di ormoni della ghiandola del timo, la resistenza del corpo diminuisce.

La ghiandola del timo raggiunge il massimo sviluppo alla giovane età dell'animale, dopo l'inizio della pubertà, il suo sviluppo si ferma e si atrofizza.

Ghiandola tiroidea

Consiste di due lobi situati sul collo su entrambi i lati della trachea dietro la cartilagine tiroidea. Produce due tipi di ormoni: gli ormoni contenenti iodio e l'ormone thyrocalcitonin.

La principale unità strutturale e funzionale della ghiandola tiroide sono i follicoli riempiti con un liquido colloidale contenente la proteina tireoglobulina.

Una caratteristica delle cellule della ghiandola tiroidea può essere considerata come la loro capacità di assorbire lo iodio, che viene quindi incluso nella composizione degli ormoni prodotti da questa ghiandola, tiroxina e triiodotironina. Entrando nel sangue, si legano alle proteine ​​del plasma sanguigno, che fungono da loro portatori, e nei tessuti questi complessi si disgregano, rilasciando ormoni. Una piccola parte degli ormoni viene trasportata dal sangue in uno stato libero, fornendo il loro effetto stimolante.

Gli ormoni tiroidei contribuiscono al potenziamento delle reazioni cataboliche e del metabolismo energetico. In questo caso, il metabolismo basale aumenta significativamente, la scomposizione di proteine, grassi e carboidrati viene accelerata. Gli ormoni tiroidei regolano la crescita dei giovani.

Nella ghiandola tiroide, oltre agli ormoni contenenti iodio, la tirocalcitonina viene sintetizzata. Il luogo della sua formazione sono le cellule situate tra i follicoli della tiroide. La calcitonina riduce il calcio nel sangue. Ciò è dovuto al fatto che inibisce la funzione degli osteoclasti, distruggendo il tessuto osseo e attiva la funzione degli osteoblasti, contribuendo alla formazione del tessuto osseo e all'assorbimento di ioni calcio dal sangue. La produzione di tirsocalcitonina è regolata dal livello di calcio nel plasma sanguigno dal meccanismo di feedback. Con una diminuzione del contenuto di calcio, la produzione di thyrocalcitonin è inibita e viceversa.

La ghiandola tiroidea è ricca di nervi afferenti ed efferenti. Gli impulsi che arrivano alla ghiandola attraverso le fibre simpatiche stimolano la sua attività. La formazione degli ormoni tiroidei è influenzata dal sistema ipotalamico-ipofisario. L'ormone stimolante la tiroide della ghiandola pituitaria provoca un aumento della sintesi degli ormoni nelle cellule epiteliali della ghiandola. Aumentando la concentrazione di tiroxina e triiodotironina, la somatostatina, i glucocorticoidi riducono la secrezione di tireiberina e TSH.

Patologia della ghiandola tiroidea può essere manifestata da un'eccessiva secrezione di ormoni (ipertiroidismo), che è accompagnata da una diminuzione del peso corporeo, tachicardia e un aumento del metabolismo basale. Con l'ipofunzione della tiroide in un organismo adulto si sviluppa una condizione patologica - mixedema. Questo riduce il metabolismo basale, diminuisce la temperatura corporea e l'attività del sistema nervoso centrale. L'ipofunzione della ghiandola tiroidea può svilupparsi negli animali e nelle persone che vivono in aree con mancanza di iodio nel suolo e nell'acqua. Questa malattia è chiamata gozzo endemico. La ghiandola tiroidea in questa malattia è aumentata, ma a causa della mancanza di iodio sintetizza una quantità ridotta di ormoni, che si manifesta con l'ipotiroidismo.

Ghiandole paratiroidi

Paratiroidi, o paratiroidi, ghiandole secernono ormone paratiroideo che regola il metabolismo del calcio nel corpo e mantiene la costanza del suo livello nel sangue degli animali. Migliora l'attività degli osteoclasti - le cellule che distruggono le ossa. Allo stesso tempo, gli ioni di calcio vengono rilasciati dal deposito osseo e penetrano nel sangue.

Contemporaneamente al calcio, il fosforo viene anche escreto nel sangue, tuttavia, sotto l'influenza dell'ormone paratiroideo, l'escrezione dei fosfati nelle urine aumenta drasticamente, quindi la sua concentrazione nel sangue diminuisce. L'ormone paratiroideo aumenta anche l'assorbimento del calcio nell'intestino e il riassorbimento dei suoi ioni nei tubuli renali, contribuendo anche ad un aumento della concentrazione di questo elemento nel sangue.

Ghiandole surrenali

Sono costituiti da corticali e midollari, che secernono vari ormoni di natura steroidea.

Nella corteccia delle ghiandole surrenali ci sono aree glomerulare, covone e mesh. I mineralcorticoidi sono sintetizzati nella zona glomerulare; in puchkovoy - glucocorticoids; gli ormoni sessuali si formano nella rete. Per struttura chimica, gli ormoni della corteccia surrenale sono steroidi e si formano dal colesterolo.

I carboncorticoidi includono aldosterone, deossicorticosterone, 18-ossicorticosterone. I mineralcorticoidi regolano il metabolismo minerale e dell'acqua. L'aldosterone aumenta il riassorbimento degli ioni sodio e allo stesso tempo riduce il riassorbimento del potassio nei tubuli renali e aumenta anche la formazione di ioni idrogeno. Questo aumenta la pressione sanguigna e diminuisce la diuresi. L'aldosterone influisce anche sul riassorbimento del sodio nelle ghiandole salivari. Con una forte sudorazione, contribuisce alla conservazione del sodio nel corpo.

I glucocorticoidi - cortisolo, cortisone, corticosterone e 11-deidrocorticosterone hanno un ampio spettro d'azione. Migliorano il processo di formazione del glucosio dalle proteine, la sintesi del glicogeno, stimolano la disgregazione di proteine ​​e grassi. Hanno un effetto anti-infiammatorio, riducendo la permeabilità capillare, riducendo il gonfiore dei tessuti e inibendo la fagocitosi nel centro dell'infiammazione. Inoltre, migliorano l'immunità cellulare e umorale. La regolazione della produzione di glucocorticoidi viene effettuata dagli ormoni corticoliberina e ACTH.

Gli ormoni surrenali - androgeni, estrogeni e progesterone sono di grande importanza nello sviluppo degli organi riproduttivi negli animali in giovane età, quando le ghiandole sessuali sono ancora sottosviluppate. Gli ormoni sessuali della corteccia surrenale causano lo sviluppo di caratteristiche sessuali secondarie, hanno un effetto anabolico sul corpo, regolano il metabolismo delle proteine.

Nella midollare surrenale si producono gli ormoni adrenalina e norepinefrina, correlati alle catecolamine. Questi ormoni sono sintetizzati dall'aminoacido tirosina. La loro azione versatile è simile alla stimolazione nervosa simpatica.

L'adrenalina influisce sul metabolismo dei carboidrati, aumentando la glicogenolisi nel fegato e nei muscoli, con conseguente aumento dei livelli di glucosio nel sangue. Rilassa i muscoli respiratori, espandendo in tal modo il lume dei bronchi e dei bronchioli, aumenta la contrattilità e la frequenza cardiaca del miocardio. Aumenta la pressione sanguigna, ma ha un effetto vasodilatatore sui vasi del cervello. L'adrenalina aumenta le prestazioni dei muscoli scheletrici, inibisce il lavoro del tratto gastrointestinale.

La norepinefrina è coinvolta nella trasmissione sinaptica dell'eccitazione dalle terminazioni nervose all'effettore e influenza anche i processi di attivazione dei neuroni del sistema nervoso centrale.

pancreas

Si riferisce alle ghiandole con un tipo misto di secrezione. Il tessuto acinoso di questa ghiandola produce succo pancreatico, che attraverso il dotto escretore viene secreto nella cavità del duodeno.

L'ormone che secerne le cellule pancreatiche si trova negli isolotti di Langerhans. Queste cellule sono suddivise in diversi tipi: a-cellule sintetizzano l'ormone glucagone; (3 cellule - insulina, 8 cellule - somatostatina.

L'insulina è coinvolta nella regolazione del metabolismo dei carboidrati e riduce la concentrazione di zucchero nel sangue, contribuendo alla conversione del glucosio in glicogeno nel fegato e nei muscoli. Aumenta la permeabilità delle membrane cellulari al glucosio, che assicura la penetrazione del glucosio nelle cellule. L'insulina stimola la sintesi proteica dagli aminoacidi e influisce sul metabolismo dei grassi. La ridotta secrezione di insulina porta al diabete mellito, caratterizzato da iperglicemia, glucosuria e altre manifestazioni. Pertanto, per il fabbisogno energetico di questa malattia vengono utilizzati grassi e proteine, che contribuiscono all'accumulo di corpi chetonici e acidosi.

Gli epatociti, i miocardiociti, le miofibrille e gli adipociti sono le principali cellule destinate all'insulina. La sintesi dell'insulina è migliorata sotto l'influenza di influenze parasimpatiche, così come con la partecipazione di glucosio, corpi chetonici, gastrina e secretina. La produzione di insulina è depresso dall'attivazione simpatica e dall'azione degli ormoni epinefrina e noradrenalina.

Il glucagone è un antagonista dell'insulina ed è coinvolto nella regolazione del metabolismo dei carboidrati. Accelera la degradazione del glicogeno nel fegato a glucosio, che porta ad un aumento del livello di quest'ultimo nel sangue. Inoltre, il glucagone stimola la disgregazione del grasso nel tessuto adiposo. La secrezione di questo ormone aumenta con le reazioni di stress. Il glucagone insieme ad adrenalina e glucocorticoidi contribuisce ad aumentare la concentrazione di metaboliti energetici (glucosio e acidi grassi) nel sangue.

La somotostatina inibisce la secrezione di glucagone e insulina, inibisce i processi di assorbimento nell'intestino e inibisce l'attività della cistifellea.

gonadi

Appartengono alle ghiandole di un tipo misto di secrezione. Lo sviluppo delle cellule germinali avviene in esse e gli ormoni sessuali sono sintetizzati per regolare la funzione riproduttiva e la formazione delle caratteristiche sessuali secondarie nei maschi e nelle femmine. Tutti gli ormoni sessuali sono steroidi e sono sintetizzati dal colesterolo.

Nelle ghiandole riproduttive maschili (testicoli) si verifica la spermatogenesi e si formano gli ormoni sessuali maschili - androgeni e inibina.

Gli androgeni (testosterone, androsterone) si formano nelle cellule interstiziali dei testicoli. Stimolano la crescita e lo sviluppo degli organi riproduttivi, le caratteristiche sessuali secondarie e la manifestazione dei riflessi sessuali nei maschi. Questi ormoni sono essenziali per la normale maturazione degli spermatozoi. Il principale ormone maschile testosterone è sintetizzato nelle cellule di Leydig. In una piccola quantità, gli androgeni si formano anche nella zona reticolare della corteccia surrenale in maschi e femmine. Con la mancanza di androgeni, gli spermatozoi si formano con vari disturbi morfologici. Gli ormoni sessuali maschili influenzano lo scambio di sostanze nel corpo. Stimolano la sintesi proteica in vari tessuti, specialmente nei muscoli, riducono il contenuto di grasso nel corpo, aumentano il metabolismo basale. Gli androgeni influenzano lo stato funzionale del sistema nervoso centrale.

In una piccola quantità, gli androgeni sono prodotti nelle femmine nei follicoli ovarici, partecipano all'embriogenesi e fungono da precursori degli estrogeni.

L'inibina è sintetizzata nelle cellule di Sertoli dei testicoli ed è coinvolta nella spermatogenesi bloccando la secrezione di FSH dalla ghiandola pituitaria.

Nelle ghiandole riproduttive femminili - le ovaie - si formano le cellule riproduttive femminili (uova) e vengono secreti ormoni riproduttivi femminili (estrogeni). I principali ormoni sessuali femminili sono estradiolo, estrone, estriolo e progesterone. Gli estrogeni regolano lo sviluppo delle caratteristiche sessuali femminili primarie e secondarie, stimolano la crescita di ovidotti, utero e vagina e promuovono la manifestazione dei riflessi sessuali nelle femmine. Sotto la loro influenza, si verificano cambiamenti ciclici nell'endometrio, aumenti della motilità uterina e la sua sensibilità all'aumento dell'ossitocina. Inoltre, gli estrogeni stimolano la crescita e lo sviluppo delle ghiandole mammarie. Sono sintetizzati in una piccola quantità nel corpo dei maschi e sono coinvolti nella spermatogenesi.

La funzione principale del progesterone, sintetizzata principalmente nel corpo giallo delle ovaie, è quella di preparare l'endometrio per l'impianto dell'embrione e mantenere il normale corso della gravidanza nella femmina. Sotto l'influenza di questo ormone, l'attività contrattile dell'utero diminuisce e la sensibilità dei muscoli lisci all'effetto dell'ossitocina diminuisce.

Cellule ghiandolari diffuse

Le sostanze biologicamente attive con specificità d'azione sono prodotte non solo dalle cellule delle ghiandole endocrine, ma anche da cellule specializzate situate in vari organi.

Un grande gruppo di ormoni tissutali è sintetizzato dalla membrana mucosa del tratto gastrointestinale: secretina, gastrina, bombesina, motilina, colecistochinina, ecc. Questi ormoni influenzano la formazione e la secrezione dei succhi digestivi, nonché la funzione motoria del tratto gastrointestinale.

La secretina è prodotta dalle cellule della mucosa dell'intestino tenue. Questo ormone aumenta la formazione e la secrezione della bile e inibisce l'effetto della gastrina sulla secrezione gastrica.

La gastrina è secreta dalle cellule dello stomaco, del duodeno e del pancreas. Stimola la secrezione di acido cloridrico (acido cloridrico), attiva la motilità gastrica e la secrezione di insulina.

La colecistochinina è prodotta nella parte superiore dell'intestino tenue e aumenta la secrezione del succo pancreatico, aumenta la motilità della cistifellea, stimola la produzione di insulina.

I reni, insieme alla funzione escretoria e alla regolazione del metabolismo del sale marino, hanno anche una funzione endocrina. Sintetizzano e secernono nel sangue renina, calcitriolo, eritropoietina.

L'eritropoietina è un ormone peptidico ed è una glicoproteina. È sintetizzato nei reni, fegato e altri tessuti.

Il meccanismo della sua azione è associato all'attivazione della differenziazione cellulare in eritrociti. La produzione di questo ormone è attivata da ormoni tiroidei, glucocorticoidi, catecolamine.

In numerosi organi e tessuti si formano ormoni tissutali coinvolti nella regolazione della circolazione sanguigna locale. Quindi, l'istamina espande i vasi sanguigni e la serotonina ha un effetto vasocostrittore. L'istamina è formata dall'amminoacido istidina e si trova in grandi quantità nei mastociti del tessuto connettivo di molti organi. Ha diversi effetti fisiologici:

  • dilata arteriola e capillari, con conseguente diminuzione della pressione sanguigna;
  • aumenta la permeabilità dei capillari, che porta al rilascio di fluido da loro e provoca una diminuzione della pressione sanguigna;
  • stimola la secrezione delle ghiandole salivari e gastriche;
  • partecipa a reazioni allergiche di tipo immediato.

La serotonina è formata dall'amminoacido triptofano ed è sintetizzata nelle cellule del tratto gastrointestinale, così come nelle cellule di bronchi, cervello, fegato, reni e timo. Può causare diversi effetti fisiologici:

  • ha un effetto vasocostrittore nel sito di disintegrazione piastrinica;
  • stimola la contrazione della muscolatura liscia dei bronchi e del tratto gastrointestinale;
  • svolge un ruolo importante nell'attività del sistema nervoso centrale come sistema serotoninergico, anche nei meccanismi del sonno, delle emozioni e del comportamento.

Nella regolazione delle funzioni fisiologiche, un ruolo significativo è assegnato alle prostaglandine - un grande gruppo di sostanze formate in molti tessuti del corpo da acidi grassi insaturi. Le prostaglandine furono scoperte nel 1949 in liquido seminale e perciò ricevettero questo nome. Successivamente, le prostaglandine sono state trovate in molti altri tessuti animali e umani. Attualmente conosciuti 16 tipi di prostaglandine. Tutti loro sono formati da acido arachidonico.

Le prostaglandine sono un gruppo di sostanze fisiologicamente attive derivate da acidi grassi ciclici insaturi, prodotti nella maggior parte dei tessuti del corpo e con un effetto diverso.

Vari tipi di prostaglandine sono coinvolti nella regolazione della secrezione dei succhi digestivi, aumentano l'attività contrattile della muscolatura liscia dell'utero e dei vasi sanguigni, aumentano l'escrezione di acqua e sodio nelle urine e il corpo luteo cessa di funzionare nelle ovaie. Tutte le prostaglandine vengono rapidamente distrutte nel sangue (dopo 20-30 secondi).

Caratteristiche generali delle prostaglandine

  • Sintetizzato ovunque, circa 1 mg / giorno. Non formato nei linfociti
  • Per la sintesi sono necessari acidi grassi polinsaturi essenziali (arachidonici, linoleici, linolenici, ecc.).
  • Avere una breve emivita
  • Spostati attraverso la membrana cellulare con la partecipazione di un particolare trasportatore di proteine ​​- prostaglandine
  • Hanno effetti prevalentemente intracellulari e locali (autocrini e paracrini).

Tabella delle ghiandole endocrine

Dall'epitelio dell'intestino anteriore nella forma di escrescenza mediana spaiata tra 1 e 2 archi viscerali.

Entro la 4a settimana, il dotto tiroideo si sta sviluppando (si atrofizzerà entro la fine della quarta settimana). La prossima è la formazione di azioni.

Struttura: lobi destra e sinistra, isthmus sch.zh. (istmo gl.thyroidei),

All'esterno è ricoperto da una capsula fibrosa, trabecole (composto da una partizione di tessuto)

Si divide in fette costituite da follicoli rivestiti con epitelio dall'interno, e all'interno vi è un colloide contenente ormoni.

Holotopia: area del collo.

Skeletopia: il polo superiore dei lobi destra e sinistra è al di sotto del bordo superiore della piastra della cartilagine tiroidea.

Polo inferiore - 5-6 cartilagine tracheale. Istmo - trachea cartilaginosa di livello 2-3 (raramente 1 cartilagine).

Sintopia: di fronte al gruppo muscolare sub-ipoglosso (eccetto per l'ipoglosso), in parte gr. -Class., Superficiale e pretracheale pl. fascia cervicale. La parte posteriore è la laringe e la parte superiore della trachea. La superficie posterolaterale condivide con la parte laringea della faringe, dell'esofago e del semicerchio anteriore dell'arteria carotide comune.

Peso: 16,3 - 18,5 g

Regolare lo scambio di in-in, aumentare il trasferimento di calore, migliorare i processi ossidativi e il dispendio proteico,

i grassi, i carboidrati, promuovono l'escrezione di acqua e potassio dal corpo, regolano i processi di crescita e di sviluppo, attivano l'attività delle ghiandole surrenali, ghiandole sessuali e mammarie, stimolano l'attività del sistema nervoso centrale. Riduce i livelli di calcio nel sangue e la formazione ossea da parte degli osteoblasti. Lo scambio di calcio e fosforo nel corpo

Gl.paratitroidea superiore, gl.paratitroidea inferiore.

Dall'epitelio della terza coppia e della quarta tasca branchia.

Nella settima settimana, la primordia epiteliale si isola e si sposta nella direzione caudale.

Struttura: piccoli corpi rotondi, ha una capsula fibrosa, dalla quale viene penetrato un composto all'interno. gli strati (contengono i vasi sanguigni) che si dividono in gruppi di cellule epiteliali.

Topografia: situata dietro ciascuno dei lobi della tiroide (sopra e sotto).

Quantità: 4, a volte da 2 a 7-8.

Partecipa alla regolazione del metabolismo del fosforo e del calcio.

Pancreas (pancreas). Parte endocrina (pars endocrina)

Il primordio epiteliale dell'intestino primario (come la parte esocrina)

Struttura: isole pancreatiche (isole di Langerhans, insulae pancreaticae), sono separate dalla porzione esocrina del composto. intercalari.

Consiste di  e -celle

Partecipa alla regolazione del metabolismo dei carboidrati.

La somatostatina inibisce la sintesi di insulina e glucagone

Ulteriori Articoli Su Tiroide

La riduzione e la stabilizzazione del peso è un problema che riguarda un gran numero di donne. Per vedere l'indicatore desiderato sul monitor delle bilance da pavimento, le donne usano non solo diete ed esercizi fisici, ma anche preparativi.

L'estradiolo è un ormone tipicamente femminile che viene prodotto in grandi quantità ed è responsabile delle caratteristiche fisiologiche e delle funzioni del corpo.

Piccolo test desametasone - uno studio condotto per identificare elevati livelli di cortisolo nel sangue. Il desametasone è un ormone importante sintetizzato dalla corteccia surrenale.